Attentato giudice Borsellino: condannati boss e falsi pentiti

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

Il luogo dell’attentato

PALERMO. – Una sentenza importante che ricostruisce e rimette al suo posto parte dei pezzi mancanti faticosamente e pazientemente raccolti dalla Procura di Caltanissetta, ma non è l’ultimo capitolo della tragica storia delle stragi del ’92. Con la condanna all’ergastolo dei boss Salvo Madonia e Vittorio Tutino e a 10 anni dei falsi pentiti Calogero Pulci e Francesco Andriotta si mette un punto su mandanti ed esecutori materiali dell’attentato costato la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta. Su boss finora impuniti, dunque e su chi si è spacciato per collaboratore di giustizia, accusando innocenti.

Ma restano da scrivere ancora delle pagine, forse le più complesse. Si intuisce già dal dispositivo del verdetto e se ne avrà la conferma leggendo le motivazioni della sentenza emessa dalla corte d’assise di Caltanissetta dopo tre anni di dibattimento e dieci ore di camera di consiglio.

Si intravede ad esempio dalla concessione a Vincenzo Scarantino, grande depistatore che ha accusato dell’eccidio otto innocenti in attesa del processo di revisione, di una particolare attenuante. Avrebbe mentito, accusando ingiustamente persone che con la strage non avevano nulla a che fare, perché indotto da qualcuno. Una apertura al tentativo delle parti civili costituite, il fratello del giudice Borsellino e due degli innocenti condannati, di dimostrare che dietro al depistaggio c’era un manovratore. La concessione dell’attenuante ha consentito a Scarantino di salvarsi dall’accusa di calunnia grazie alla prescrizione del reato.

E poi c’è la decisione dei giudici di trasmettere alla Procura di Caltanissetta tutti i verbali delle udienze. Una mossa assolutamente insolita che può avere una doppia interpretazione: l’input ai pm a valutare profili di falsa testimonianza in alcune deposizioni – al processo sono stati sentiti anche poliziotti e pm che indagarono – e di accertare l’esistenza di eventuali nuovi spunti di indagine.

I magistrati saranno dunque costretti ad aprire un nuovo fascicolo, del tutto generico viste le indicazioni vaghe della corte, che si aggiungerà alle altri inchieste già in corso sugli aspetti ancora poco chiari della strage. Come quello sulla scomparsa dell’agenda rossa del giudice, mai ritrovata dopo l’attentato.

“Non so se ci sarà un altro processo, ma ci sono temi che devono essere ulteriormente sviluppati e l’esito del processo offre spunti per altri approfondimenti”, ha commentato, dopo il verdetto, il procuratore di Caltanissetta Amedeo Bertone che era in aula insieme al pm Stefano Luciani.

E’ stato Luciani, insieme all’aggiunto Gabriele Paci, a riaprire l’indagine sulla strage ricostruendo la verità sulla fase esecutiva su cui il suggello della Cassazione aveva messo la parola fine. Grazie ai pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina si è scoperto che il clan di Brancaccio aveva avuto un ruolo decisivo nel furto della 126 usata come autobomba.

E nel giorno della sentenza, che segna un traguardo dopo 25 anni dall’attentato e undici processi già celebrati per tre filoni di inchiesta, è soddisfatto anche il legale del fratello di Paolo Borsellino, Salvatore a cui è stata riconosciuta una provvisionale di 300mila euro. L’avvocato Fabio Repici, protagonista di accesi scontri con la Procura, da lui accusata di non aver fatto abbastanza per scoprire le responsabilità istituzionali nel depistaggio, parla di un verdetto che ridà dignità alla giustizia.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

11:13Migranti: protesta al Cara di Mineo, bloccata strada statale

(ANSA) - MINEO (CATANIA), 27 GIU - Diverse centinaia di migranti ospiti del Cara di Mineo hanno inscenato un corteo di protesta e bloccato la strada statale Catania-Gela per contestare contro l'applicazioni di norme di sicurezza all'interno della struttura. Una recente riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza convocato dalla Prefettura di Catania e che si è svolto nella Procura di Caltagirone ha disposto un maggiore rispetto delle 'regole' nel Cara, come il divieto di cucinare negli alloggi o la vendita di merce nella stessa struttura. L'applicazione delle norme ha provocato la reazione dei migranti del Centro accoglienza richiedenti asilo più grande d'Europa, che al momento ospita oltre tremila persone.

11:11Italiano ucciso a Londra: dolore e sconcerto a Nuoro

(ANSA) - NUORO, 27 GIU - Graziano Sanna, padre di Pietro, il giovane di 23 anni, di Nuoro, ucciso ieri a Londra, è partito questa mattina presto alla volta della capitale britannica. Il figlio è stato assassinato a coltellate nell'appartamento che divideva con altri giovani, forse da un ladro entrato in casa a scopo di rapina. Sul fatto indaga Scotland Yard. A Nuoro c'è sconcerto e dolore per la morte del giovane mentre sulle circostanze e sul movente dell'omicidio non vi è al momento alcuna certezza. Un viaggio straziante per il padre che ieri ha ricevuto la drammatica telefonata dal figlio maggiore, Giomaria, più grande di Pietro di quattro anni, che aveva fatto da apripista nella capitale inglese al fratello, due anni fa, decidendo per primo di andare a vivere a Londra. La famiglia Sanna, commercianti e albergatori, è molto conosciuta nel capoluogo barbaricino e nella costa nord orientale. Il padre di Pietro gestisce, assieme ai fratelli, lo storico Hotel Scintilla (un nome che deriva dal soprannome del nonno del ragazzo anch'egli albergatore) e l'albergo il Faro, entrambi a San Teodoro, la località turistica a 30 km da Olbia. C'è sconcerto tra i giovani di Nuoro che conoscevano Pietro, in particolare i compagni del liceo Scientifico Fermi dove il ragazzo si era diplomato tre anni fa. Amici che definiscono Pietro "il più buono di tutti". Un anno dopo il diploma aveva deciso di partire a Londra dove già il fratello vive e lavora in un locale. Qui dopo qualche impiego saltuario è riuscito ad essere assunto da un grande magazzino. L'ultimo suo post su Facebook risale al 5 giugno scorso quando c'era stato l'attentato a London Bridge, aveva scritto per confermare di stare bene. Per la famiglia Sanna vi è solo dolore: telefoni staccati, nessuno parla. E soprattutto si vive nell'attesa di notizie: i parenti e gli amici di Pietro vogliono sapere cosa è accaduto ieri nell'appartamento del giovane che, a luglio, sarebbe dovuto rientrare in Sardegna: aveva già comprato i biglietti. (ANSA).

11:07Corte Ue boccia esenzioni Chiesa Spagna

(ANSA) - BRUXELLES, 27 GIU - "Le esenzioni fiscali di cui gode la Chiesa cattolica in Spagna possono costituire aiuti di Stato vietati se e nella misura in cui siano concesse per attività economiche": lo ha stabilito la Corte di Giustizia Ue in una sentenza.

11:02Calcio: Torino, visite mediche per Sirigu, firmerà triennale

(ANSA) - TORINO, 27 GIU - Prima le visite mediche, poi la firma sul contratto. Salvatore Sirigu è a Torino dove, dopo gli esami di rito, si legherà al club granata. Il portiere ormai ex Paris Saint Germain, club con il quale ha rescisso, erediterà il posto tra i pali che la scorsa stagione è stato di Joe Hart. Un innesto di qualità per la rosa di Mihajlovic: nell'anno dei Mondiali il numero uno torna in Italia, dopo sei stagioni trascorse tra Psg, Siviglia e Osasuna, con l'obiettivo di riconquistare la Nazionale aiutando il Toro a centrare l'Europa. Sirigu, trent'anni lo scorso gennaio, firmerà un contratto triennale. L'ufficialità è questione di ore.

10:55Banche venete: Renzi, decreto doveroso, Ue tratti così tutti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Sulle banche venete "la posizione del governo l'ha espressa molto chiaramente Gentiloni: una scelta legittima e doverosa. La penso come lui, è legittima e doverosa nella situazione in cui si era, spero che i nostri parlamentari europei siano in grado di fare una grande battaglia perché i criteri molto selettivi delle banche venete siano applicate agli istituti di altri Paesi del Nord come quelli tedeschi". Lo dice il segretario del Pd, Matteo Renzi, durante la rassegna stampa del Nazareno #OreNove.

10:52Tennis: Serena Williams a McEnroe, abbi rispetto per me

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Porta rispetto e lasciami in pace". Così Serena Williams, regina del tennis mondiale, ha replicato su twitter al collega americano, l'ex campione John McEnroe che domenica aveva letteralmente insultato la campionessa, dicendo che se Serena giocasse fra gli uomini sarebbe solo la numero 700 del mondo. Un paragone ingeneroso, oltrechè improprio, al quale la campionessa americana ha risposto senza giri di parole: "Caro John ti voglio bene e ti rispetto, ma per favore lasciami in pace e rispettami". Per la campionessa statunitense, vincitrice di ben 23 titoli del grande Slam, attualmente ferma perchè in gravidanza, le parole del collega "non sono supportate dai fatti" e soprattutto ricorda: "non ho mai giocato contro un giocatore del circuito maschile e non ne ho il tempo". (ANSA).

10:47Migranti: 21 salvataggi in mare,in 2.786 sbarcano in Sicilia

(ANSA) - PALERMO, 27 GIU - Continuano gli sbarchi in Sicilia dove oggi è previsto che arrivino, in quattro porti, complessivamente, 2.786 migranti, recuperati in 21 interventi di soccorso. Sul vascello della marina militare irlandese 'Lé Eithne' ad Agusta (Siracusa) si trovano 712 persone persone soccorse in sei operazioni di salvataggio nel mare Mediterraneo. A Messina arriva nave Phoenix dell'ong Moas che ha a bordo 423 extracomunitari, recuperati durante tre operazioni di salvataggio. A Palermo sbarcheranno dalla 'Vos Prudence' di Medici senza frontiere 861 migranti, salvati in otto operazioni di soccorso. A Catania sta per approdare nave 'U. Diciotti' della guardia costiera che ha recuperato 790 persone in quattro soccorsi in mare. (ANSA).

Archivio Ultima ora