Attentato giudice Borsellino: condannati boss e falsi pentiti

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

Il luogo dell’attentato

PALERMO. – Una sentenza importante che ricostruisce e rimette al suo posto parte dei pezzi mancanti faticosamente e pazientemente raccolti dalla Procura di Caltanissetta, ma non è l’ultimo capitolo della tragica storia delle stragi del ’92. Con la condanna all’ergastolo dei boss Salvo Madonia e Vittorio Tutino e a 10 anni dei falsi pentiti Calogero Pulci e Francesco Andriotta si mette un punto su mandanti ed esecutori materiali dell’attentato costato la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta. Su boss finora impuniti, dunque e su chi si è spacciato per collaboratore di giustizia, accusando innocenti.

Ma restano da scrivere ancora delle pagine, forse le più complesse. Si intuisce già dal dispositivo del verdetto e se ne avrà la conferma leggendo le motivazioni della sentenza emessa dalla corte d’assise di Caltanissetta dopo tre anni di dibattimento e dieci ore di camera di consiglio.

Si intravede ad esempio dalla concessione a Vincenzo Scarantino, grande depistatore che ha accusato dell’eccidio otto innocenti in attesa del processo di revisione, di una particolare attenuante. Avrebbe mentito, accusando ingiustamente persone che con la strage non avevano nulla a che fare, perché indotto da qualcuno. Una apertura al tentativo delle parti civili costituite, il fratello del giudice Borsellino e due degli innocenti condannati, di dimostrare che dietro al depistaggio c’era un manovratore. La concessione dell’attenuante ha consentito a Scarantino di salvarsi dall’accusa di calunnia grazie alla prescrizione del reato.

E poi c’è la decisione dei giudici di trasmettere alla Procura di Caltanissetta tutti i verbali delle udienze. Una mossa assolutamente insolita che può avere una doppia interpretazione: l’input ai pm a valutare profili di falsa testimonianza in alcune deposizioni – al processo sono stati sentiti anche poliziotti e pm che indagarono – e di accertare l’esistenza di eventuali nuovi spunti di indagine.

I magistrati saranno dunque costretti ad aprire un nuovo fascicolo, del tutto generico viste le indicazioni vaghe della corte, che si aggiungerà alle altri inchieste già in corso sugli aspetti ancora poco chiari della strage. Come quello sulla scomparsa dell’agenda rossa del giudice, mai ritrovata dopo l’attentato.

“Non so se ci sarà un altro processo, ma ci sono temi che devono essere ulteriormente sviluppati e l’esito del processo offre spunti per altri approfondimenti”, ha commentato, dopo il verdetto, il procuratore di Caltanissetta Amedeo Bertone che era in aula insieme al pm Stefano Luciani.

E’ stato Luciani, insieme all’aggiunto Gabriele Paci, a riaprire l’indagine sulla strage ricostruendo la verità sulla fase esecutiva su cui il suggello della Cassazione aveva messo la parola fine. Grazie ai pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina si è scoperto che il clan di Brancaccio aveva avuto un ruolo decisivo nel furto della 126 usata come autobomba.

E nel giorno della sentenza, che segna un traguardo dopo 25 anni dall’attentato e undici processi già celebrati per tre filoni di inchiesta, è soddisfatto anche il legale del fratello di Paolo Borsellino, Salvatore a cui è stata riconosciuta una provvisionale di 300mila euro. L’avvocato Fabio Repici, protagonista di accesi scontri con la Procura, da lui accusata di non aver fatto abbastanza per scoprire le responsabilità istituzionali nel depistaggio, parla di un verdetto che ridà dignità alla giustizia.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

17:20Nuoto: Maglione rieletto presidente Fina

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Niente da fare per Paolo Barelli, Julio Maglione è stato rieletto alla presidenza della Fina. L'81enne uruguayano, al Congresso che si è svolto a Budapest dove sono in corso i mondiali di nuoto, ha sconfitto con 258 voti a favore contro 77 il n.1 della Fin e della Lega europea, confermandosi alla guida della federazione internazionale per il terzo mandato: come vice presidente senior resta il kwuaitiano Husain al-Musallam.

17:14Cgil fa causa lavoro a forze armate Usa,’non ci riconoscono’

(ANSA) - FIRENZE, 22 LUG - La Filcams Cgil ha promosso tre cause per comportamento antisindacale presso i tribunali di Roma, Catania e Vicenza. Il datore di lavoro chiamato in causa, questa volta, è il comando delle forze armate Usa in Italia, che la Cgil accusa di "reiterata violazione del riconoscimento delle rappresentanze sindacali aziendali nominate dal sindacato nelle basi di Sigonella e Vicenza e per l'impedimento dell'attività della Filcams Cgil a cui viene negato anche il riconoscimento a partecipare alle trattative per il contratto di lavoro". Le udienze sono già state fissate per il 27 luglio a Roma, l'8 agosto a Vicenza e l'11 novembre a Catania. "I lavoratori e le lavoratrici iscritti alla Filcams si sono esposti in prima persona, sottoscrivendo le deleghe di adesione che i comandanti delle basi non hanno ancora oggi riconosciuto, ed eleggendo le loro Rsa a cui viene impedita ogni agibilità sindacale nel luogo di lavoro", spiega Andrea Montagni della Filcams, responsabile del personale civile italiano delle basi Usa. "I lavoratori civili italiani delle basi americane devono avere gli stessi diritti di tutti gli altri lavoratori, compreso quello di iscriversi ai sindacato che vogliono, eleggere le proprie rappresentanze e farli sedere al tavolo di contrattazione. Deve finire - aggiunge - una preclusione antistorica nei confronti della Cgil e il governo Usa deve riconoscere le leggi italiane. Stupisce che in questi anni il governo italiano abbia ignorato quel che succedeva, e che Cisl e Uil abbiano sottoscritto un contratto che prevede il loro 'monopolio' della rappresentanza". Sono circa 5.000 i lavoratori civili italiani nelle basi Usa di Aviano, Napoli, Vicenza, Camp Darby e Sigonella.(ANSA).

17:12F1: ‘Marca’, in Ungheria Kubica proverà la Renault my 2017

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Non un'operazione di marketing, ma la seria valutazione delle condizioni di Robert Kubica e delle sue possibilità di tornare ad essere competitivo al volante di una monoposto di F1. La Renault, secondo quanto scrive 'Marca', dopo il Gp d'Ungheria della prossima settimana sottoporrà il pilota polacco ad ulteriori test, mettendogli a diposizione per la prima volta il modello del 2017, più potente e performante della vettura utilizzata al Ricardo Tormo di Valencia lo scorso 6 giugno e il 12 luglio a Le Castellet, con risultati sempre molto promettenti. Nei test al simulatore sul giro secco Kubica avrebbe infatti ottenuto tempi migliori di quelli stabiliti dai due driver ufficiali, Nico Hulkenberg e Jolyon Palmer. Renault vuole quindi capire quanto può scommettere su di lui. Se i nuovi test daranno esito positivo, la scuderia potrebbe decidere di lasciare a piedi Palmer a Spa, aggiunge 'Marca'.

17:11Si: Fratoianni, Pisapia? Serve svolta netta politiche Paese

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Ho deciso di astenermi dal commento quotidiano sull'unità della sinistra, perché ogni 10 minuti c'è una novità: mi pare più utile concentrarsi sulle questioni di merito, su ciò che può unire una proposta politica nel segno però dell'alternativa, della radicalità, del cambiamento di questo Paese". Lo ha detto il segretario di Si, Nicola Fratoianni, a margine di un incontro degli amministratori locali del partito, a proposito della partecipazione di Giuliano Pisapia alla festa del Pd ieri a Milano. "Siamo un Paese - ha proseguito Fratoianni - che brucia appena arriva l'estate, nel quale aumentano la povertà, la marginalità e la disoccupazione. Anche dagli ultimi dati emerge che il Jobs cct è un completo fallimento, visto che diminuiscono i contratti stabili. Occorre una svolta netta - ha concluso - con più diritti per chi lavora".

17:10Nazionale parlamentari in campo per lago di Bracciano

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "L'idea è quella di tenere alta l'attenzione sul problema del lago e sui vari fattori che contribuiscono all'abbassamento del livello dell'acqua a partire dalla siccità, giocando un triangolare di calcio, lunedì 24 luglio dalle ore 20,00 presso il campo comunale del comune di Trevignano Romano. La nazionale parlamentari rappresenta senza dubbio un elemento di attrazione dell'attenzione che consentirà di dare sostegno alla causa". Lo afferma Andrea Nesi responsabile ambiente di AICS in occasione della partita di lunedì con la nazionale parlamentari in difesa del lago di Bracciano. Le partite, un triangolare di calcio, si svolgeranno sul campo di Trevignano e vedranno la partecipazione dei parlamentari, della squadra del 'lago' e della squadra della commissione ambiente AICS Grazie alla donazione iniziale dei parlamentari - prosegue Nesi - si realizzerà una raccolta fondi per stoviglie compostabili da donare alle scuole di primo grado del comune, cui tutti potranno contribuire".

17:10Calcio: Chelsea travolge Arsenal, Liverpool batte Leicester

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - Chelsea travolgente a Pechino. I campioni d'Inghilterra travolgono 3-0 l'Arsenal allo stadio olimpico 'Nido d'Uccello', antipasto del Community Shield, che si giocherà il 6 agosto a Wembley. Le reti portano la forma di Willian (40') e Batshuyi autore di una doppoetta (42' e 49'). Vince anche il Liverpool di Jurgen Klopp che a Hong Kong vince 2-1 in rimonta sul Leicester. al vantaggio di Slimani 812'), hanno replicato i Reds con Salah (20') e Coutinho (44'). Nelle file delle Foxes ancora titolare dal 1' Mahrez, oggetto del desiderio della Roma.

17:08Calcio: Inzaghi, caso Keita da risolvere al più presto

(ANSA) - ROMA, 22 LUG - "Keita giocherà, è un caso che va risolto al più presto per il bene di tutti. Dobbiamo capire se possiamo contare su di lui, è stato un elemento preziosissimo". Lo dice Simone Inzaghi a conclusione del ritiro di Auronzo di Cadore poco prima dell'ultima amichevole che la Lazio giocherà contro la Spal. Parlando de caso che ruota attorno alla possibile partenza del giocatore senegalese, il tecnico è stato chiaro: "Ha lavorato bene, non si è fermato mai. Poi si sono susseguite le voci di mercato, quindi ho deciso di non farlo giocare con la Triestina. L'unica cosa che ho chiesto è che si faccia chiarezza, la Supercoppa è vicina, non abbiamo tempo, il gruppo è solido, rema, e ha voglia di avere certezze. Rispetto alle prime siamo in ritardo. Con il campo e qualche intervento della società possiamo risalire", conclude Inzaghi, dando il suo assenso su due obiettivi come Bacca e Falcinelli: "Sono due ottimi attaccanti".

Archivio Ultima ora