Attentato giudice Borsellino: condannati boss e falsi pentiti

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

Il luogo dell’attentato

PALERMO. – Una sentenza importante che ricostruisce e rimette al suo posto parte dei pezzi mancanti faticosamente e pazientemente raccolti dalla Procura di Caltanissetta, ma non è l’ultimo capitolo della tragica storia delle stragi del ’92. Con la condanna all’ergastolo dei boss Salvo Madonia e Vittorio Tutino e a 10 anni dei falsi pentiti Calogero Pulci e Francesco Andriotta si mette un punto su mandanti ed esecutori materiali dell’attentato costato la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta. Su boss finora impuniti, dunque e su chi si è spacciato per collaboratore di giustizia, accusando innocenti.

Ma restano da scrivere ancora delle pagine, forse le più complesse. Si intuisce già dal dispositivo del verdetto e se ne avrà la conferma leggendo le motivazioni della sentenza emessa dalla corte d’assise di Caltanissetta dopo tre anni di dibattimento e dieci ore di camera di consiglio.

Si intravede ad esempio dalla concessione a Vincenzo Scarantino, grande depistatore che ha accusato dell’eccidio otto innocenti in attesa del processo di revisione, di una particolare attenuante. Avrebbe mentito, accusando ingiustamente persone che con la strage non avevano nulla a che fare, perché indotto da qualcuno. Una apertura al tentativo delle parti civili costituite, il fratello del giudice Borsellino e due degli innocenti condannati, di dimostrare che dietro al depistaggio c’era un manovratore. La concessione dell’attenuante ha consentito a Scarantino di salvarsi dall’accusa di calunnia grazie alla prescrizione del reato.

E poi c’è la decisione dei giudici di trasmettere alla Procura di Caltanissetta tutti i verbali delle udienze. Una mossa assolutamente insolita che può avere una doppia interpretazione: l’input ai pm a valutare profili di falsa testimonianza in alcune deposizioni – al processo sono stati sentiti anche poliziotti e pm che indagarono – e di accertare l’esistenza di eventuali nuovi spunti di indagine.

I magistrati saranno dunque costretti ad aprire un nuovo fascicolo, del tutto generico viste le indicazioni vaghe della corte, che si aggiungerà alle altri inchieste già in corso sugli aspetti ancora poco chiari della strage. Come quello sulla scomparsa dell’agenda rossa del giudice, mai ritrovata dopo l’attentato.

“Non so se ci sarà un altro processo, ma ci sono temi che devono essere ulteriormente sviluppati e l’esito del processo offre spunti per altri approfondimenti”, ha commentato, dopo il verdetto, il procuratore di Caltanissetta Amedeo Bertone che era in aula insieme al pm Stefano Luciani.

E’ stato Luciani, insieme all’aggiunto Gabriele Paci, a riaprire l’indagine sulla strage ricostruendo la verità sulla fase esecutiva su cui il suggello della Cassazione aveva messo la parola fine. Grazie ai pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina si è scoperto che il clan di Brancaccio aveva avuto un ruolo decisivo nel furto della 126 usata come autobomba.

E nel giorno della sentenza, che segna un traguardo dopo 25 anni dall’attentato e undici processi già celebrati per tre filoni di inchiesta, è soddisfatto anche il legale del fratello di Paolo Borsellino, Salvatore a cui è stata riconosciuta una provvisionale di 300mila euro. L’avvocato Fabio Repici, protagonista di accesi scontri con la Procura, da lui accusata di non aver fatto abbastanza per scoprire le responsabilità istituzionali nel depistaggio, parla di un verdetto che ridà dignità alla giustizia.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

15:12Morì all’ottavo mese di gravidanza, medici assolti

(ANSA) - BRESCIA, 23 NOV - Il tribunale di Brescia ha assolto "perché il fatto non sussiste" i due medici degli Spedali Civili di Brescia finiti a processo con l'accusa di omicidio colposo per la morte di Giovanna Lazzari e della bambina che la donna di 30 anni e incinta all'ottavo mese di gravidanza, aveva in grembo. Decesso avvenuto per infezione tra il 31 dicembre e il primo gennaio del 2016. Per il pm Ambrogio Cassiani l'infezione, contratta fuori dall'ospedale, era talmente estesa che i medici non avrebbero potuto salvarla. Lo stesso pm ha chiesto l'assoluzione che i giudici hanno accolto.

15:09Etruria: gup ammette oltre 2.000 parti civili

(ANSA) - AREZZO, 23 NOV - Sono oltre 2.000 le parti civili ammesse al processo per il crack dell'ex Banca Etruria dal gup di Arezzo Giampiero Borraccia, che ha invece escluso le amministrazioni comunali di Arezzo e Castiglion Fiorentino e le associazioni, tra le quali Federconsumatori e Confconsumatori, come tali. Tra le richieste di costituzione ammesse c'è pure quella del liquidatore Giuseppe Santoni che, un mese fa, aveva dato il via all'azione di responsabilità in sede civile a Roma. Giuseppe Ferrari, presidente di Federconsumatori Toscana, ha annunciato che le associazioni ripresenteranno la loro richiesta durante la prossima udienza prevista per mercoledì prossimo 29 novembre. L'udienza preliminare, che vede riunificati diversi filoni d'inchiesta (bancarotta e bancarotta bis, vicenda liquidazione all'ex direttore generale Luca Bronchi e responsabilità dei sindaci revisori), affronterà poi le richieste di rito abbreviato. Oggi il gup ha acquisito la requisitoria del pm Andrea Claudiani assente per motivi personali.

15:07Calcio: gli arbitri della Serie A

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Marco Di Bello (della sezione di Brindisi) arbitrerà il Napoli capolista nella trasferta sul campo dell'Udinese, valida per la 14/a giornata della serie A di calcio. Juventus-Crotone è stata affidata a Gavillucci (di Latina), Cagliari-Inter a Pairetto (di Nichelino). Questi gli altri arbitri del prossimo turno: Atalanta-Benevento: Pasqua di Tivoli; Bologna-Sampdoria: Maresca di Napoli; Chievo-Spal: Pezzuto di Lecce; Genoa-Roma: Giacomelli di Trieste; Lazio-Fiorentina: Massa di Imperia; Milan-Torino: Irrati di Pistoia; Sassuolo-Verona: Valeri di Roma 2.

15:07Artigiano ucciso a Sestri Levante

(ANSA) - SESTRI LEVANTE (GENOVA), 23 NOV - Un artigiano di 50 anni è stato trovato morto nello scantinato di un palazzo nella centrale via Roma a Sestri Levante. L'uomo, secondo gli investigatori, sarebbe stato ucciso. Il cadavere è stato rinvenuto in una pozza di sangue. Avrebbe ferite alla testa. Secondo le prime informazioni, l'uomo avrebbe anche una fascetta da elettricista stretta intorno al collo. La vittima è Antonio Olivieri, faceva l'imbianchino.

14:58Presidente Sudan a Putin, ‘divisi a causa degli Usa’

(ANSA) - MOSCA, 23 NOV - Il Sudan si oppone alle interferenze degli Stati Uniti negli affari dei paesi arabi. lo ha detto il presidente sudanese Omar al-Bashir al presidente russo Vladimir Putin, secondo la Tass, sottolineando che anche la divisione del suo paese in due parti è il risultato della politica degli Usa. "Siamo contrari all'interferenza degli Stati Uniti negli affari interni dei paesi arabi, incluso l'Iraq. Crediamo che alla radice dei problemi attualmente vissuti dalla regione ci sia l'interferenza degli Stati Uniti", ha detto al-Bashir. "Crediamo - ha aggiunto - che la situazione che si è verificata nel nostro paese derivi dalla politica degli Stati Uniti: il Sudan si è diviso in due a causa loro", ha affermato. (ANSA).

14:58Apre Lego store in centro a Roma

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Una parete enorme occupata da una fontana di Trevi tutta Lego con un bimbo stilizzato che lancia nell'acqua un mattoncino invece che il tradizionale soldino. E' questo il punto di forza del mega store Lego inaugurato oggi nel centro di Roma. Oltre 200 metri quadri in via Tomacelli dove poter trovare mattoncini di tutti i tipi adatti a un pubblico da un anno e mezzo fino a 99 anni. "Abbiamo voluto riportare nel cuore delle città storiche, un anno fa a Milano San Babila, oggi a Roma e domani a Torino in via Roma, i negozi di giocattoli che in questi anni sono scomparsi", spiega il General Manager Lego Italia Paolo Lazzarin. Quello di Roma è il dodicesimo store mono marca, che nasce in partnership con la Percassi, a cui si aggiungerà quello di Torino che verrà inaugurato domani. "La filosofia della Lego - spiega Lazzarin - è far divertire bambini e adulti ma anche sviluppare la creatività e cosa ci può essere di meglio che farlo giocando?".

14:50Tradizionale albero di Natale è arrivato in piazza S.Pietro

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 NOV - E' stato innalzato stamane in Piazza San Pietro l'imponente abete rosso, alto 28 metri, donato dall'arcidiocesi di Elk, in Polonia, che farà quest'anno da tradizionale e maestoso albero di Natale nella sua collocazione accanto all'obelisco. Intanto, sono iniziati i lavori, sempre al centro della piazza, per l'allestimento del presepe, che quest'anno viene offerto dall'Abbazia Territoriale di Montevergine. L'inaugurazione del presepe e l'illuminazione dell'albero avverranno il prossimo 7 dicembre, alle 16,30. L'opera d'arte presepiale, realizzata in stile settecentesco secondo la più antica tradizione napoletana, vedrà impegnato un laboratorio artigianale partenopeo e sarà costruita su un'ampia superficie di circa 80 metri quadri. L'albero proveniente dalla Polonia è stato invece trasportato su un percorso stradale di oltre 2.000 Km che ha attraversato il centro Europa. L'addobbo, poi, sarà curato dai bambini in cura presso i reparti oncologici di alcuni ospedali italiani.

Archivio Ultima ora