Attentato giudice Borsellino: condannati boss e falsi pentiti

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

Il luogo dell’attentato

PALERMO. – Una sentenza importante che ricostruisce e rimette al suo posto parte dei pezzi mancanti faticosamente e pazientemente raccolti dalla Procura di Caltanissetta, ma non è l’ultimo capitolo della tragica storia delle stragi del ’92. Con la condanna all’ergastolo dei boss Salvo Madonia e Vittorio Tutino e a 10 anni dei falsi pentiti Calogero Pulci e Francesco Andriotta si mette un punto su mandanti ed esecutori materiali dell’attentato costato la vita al giudice Paolo Borsellino e agli agenti della scorta. Su boss finora impuniti, dunque e su chi si è spacciato per collaboratore di giustizia, accusando innocenti.

Ma restano da scrivere ancora delle pagine, forse le più complesse. Si intuisce già dal dispositivo del verdetto e se ne avrà la conferma leggendo le motivazioni della sentenza emessa dalla corte d’assise di Caltanissetta dopo tre anni di dibattimento e dieci ore di camera di consiglio.

Si intravede ad esempio dalla concessione a Vincenzo Scarantino, grande depistatore che ha accusato dell’eccidio otto innocenti in attesa del processo di revisione, di una particolare attenuante. Avrebbe mentito, accusando ingiustamente persone che con la strage non avevano nulla a che fare, perché indotto da qualcuno. Una apertura al tentativo delle parti civili costituite, il fratello del giudice Borsellino e due degli innocenti condannati, di dimostrare che dietro al depistaggio c’era un manovratore. La concessione dell’attenuante ha consentito a Scarantino di salvarsi dall’accusa di calunnia grazie alla prescrizione del reato.

E poi c’è la decisione dei giudici di trasmettere alla Procura di Caltanissetta tutti i verbali delle udienze. Una mossa assolutamente insolita che può avere una doppia interpretazione: l’input ai pm a valutare profili di falsa testimonianza in alcune deposizioni – al processo sono stati sentiti anche poliziotti e pm che indagarono – e di accertare l’esistenza di eventuali nuovi spunti di indagine.

I magistrati saranno dunque costretti ad aprire un nuovo fascicolo, del tutto generico viste le indicazioni vaghe della corte, che si aggiungerà alle altri inchieste già in corso sugli aspetti ancora poco chiari della strage. Come quello sulla scomparsa dell’agenda rossa del giudice, mai ritrovata dopo l’attentato.

“Non so se ci sarà un altro processo, ma ci sono temi che devono essere ulteriormente sviluppati e l’esito del processo offre spunti per altri approfondimenti”, ha commentato, dopo il verdetto, il procuratore di Caltanissetta Amedeo Bertone che era in aula insieme al pm Stefano Luciani.

E’ stato Luciani, insieme all’aggiunto Gabriele Paci, a riaprire l’indagine sulla strage ricostruendo la verità sulla fase esecutiva su cui il suggello della Cassazione aveva messo la parola fine. Grazie ai pentiti Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina si è scoperto che il clan di Brancaccio aveva avuto un ruolo decisivo nel furto della 126 usata come autobomba.

E nel giorno della sentenza, che segna un traguardo dopo 25 anni dall’attentato e undici processi già celebrati per tre filoni di inchiesta, è soddisfatto anche il legale del fratello di Paolo Borsellino, Salvatore a cui è stata riconosciuta una provvisionale di 300mila euro. L’avvocato Fabio Repici, protagonista di accesi scontri con la Procura, da lui accusata di non aver fatto abbastanza per scoprire le responsabilità istituzionali nel depistaggio, parla di un verdetto che ridà dignità alla giustizia.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

20:37Distrutta a Milano la targa dedicata a Yizhak Rabin

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Distrutta a Milano da vandali la targa dedicata a Yithazak Rabin. Lo ha denunciato l'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, esprimendo "profonda indignazione e ferma condanna per l'odioso oltraggio antisemita". L'episodio si sarebbe verificato la notte scorsa. La targa era stata collocata nei giardini di piazza Tripoli, intitolati lo scorso anno al primo Ministro israeliano, insignito nel 1994 del Premio Nobel per la pace. "Alla Comunità Ebraica di Milano esprimiamo tutta la nostra affettuosa solidarietà e vicinanza" ha detto il presidente dell'Anpi Provinciale di Milano, Roberto Cenati.

20:31Attacco a Parlamento Skopje, 15 incriminati

(ANSA) - SKOPJE, 30 APR - Il ministero dell'Interno della Macedonia ha incriminato 15 persone per l'attacco violento di manifestanti al Parlamento nazionale, avvenuto il 27 aprile dopo l'elezione di un nuovo presidente dell'Assemblea legislativa. Cinque incriminati sono stati già arrestati riferisce l'agenzia macedone Mia. Durante gli scontri, un centinaio di persone erano rimaste ferite: oltre agli assalitori, anche alcuni parlamentari, giornalisti e 25 poliziotti.

20:16Calcio: Novara-Brescia 2-3

(ANSA) - NOVARA, 30 APR - Terza sconfitta consecutiva per il Novara, superato in casa 3-2 dal Brescia che esce così dalla zona Play-out. E' Coly, difensore ospite, l'eroe di giornata, per la sua doppietta e, soprattutto, per il gol del 3-2 un attimo dopo che il Novara si era portato sul 2-2. Nel primo tempo la partita è stata molto equilibrata, con il Brescia avanti con un colpo di testa di Ferrante e il Novara a pareggiare con una identica azione conclusa da Galabinov. Nella ripresa i lombardi hanno accentuato la loro pressione e trovato il gol, sempre di testa, con Coly. Al 33' Chiosa ha riportato di testa il Novara sul 2-2 ma un minuto dopo ecco il definitivo 3-2 di Coly, con un gran destro a giro. All'ultimo istante Adorjan ha avuto la palla del 3-3, ma ha tirato letteralmente in faccia al portiere ospite Minelli.

20:15Auto: il Reventino incorona Scola su Osella

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Domenico Scola su Osella FA 30 Zytek, la prototipo monoposto di gruppo E2SS con gomme Avon, con il miglior tempo di 2'51"10 ottenuto in grande rimonta in gara 2, ha vinto la 19/a Cronoscalata del Reventino, la competizione calabrese organizzata da Racing Team Lamezia e Lamezia Motorsport con il patrocinio dell'AC Catanzaro, che sul bagnato ha inaugurato il calendario del Campionato Italiano Velocità Montagna 2017. La pioggia è arrivata sul finire della prima salita di gara e da quel momento ha accompagnato ed allungato tutto lo svolgimento della corsa. Sul podio di una gara imprevedibile sono saliti il sardo di CST Sport Omar Magliona su Norma M20 Fc Zytek, biposto di gruppo E2SC, dotata di gomme Pirelli e Christian Merli, vincitore di gara 2 sulla ufficiale monoposto prototipo Osella FA 30 EVO Fortech equipaggiata con pneumatici Avon, ma sul trentino di Vimotorport ha pesato una penalità di 10 secondi per via di un ritardo allo start di gara 1.

20:06Lasciato agonizzante in auto dopo incidente,arrestato pirata

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Un automobilista di 55 anni è stato lasciato agonizzante nella sua auto a Milano dopo essere stato investito frontalmente da un'altra auto, un suv nero, condotta da un automobilista che è poi fuggito a piedi. L'uomo intrappolato nell'auto è poi morto poco dopo essere giunto in ospedale. L'incidente è avvenuto all'alba in viale Monza. L'uomo è rimasto intrappolato a bordo della sua vettura e i vigili del fuoco hanno dovuto lavorare a lungo per estrarlo dall'abitacolo. In serata è stato arrestato un uomo, un italiano, con l'accusa di omicidio stradale.

20:06Calcio: forfait di Miranda, difensore Inter out col Napoli

(ANSA) - MILANO, 30 APR - Joao Miranda dà forfait. Il difensore dell'Inter non sarà a disposizione per la sfida contro il Napoli di stasera per un risentimento muscolare al retto anteriore della gamba destra. L'allenatore dell'Inter, Stefano Pioli, dovrebbe quindi sostituirlo con Murillo, che andrà a formare la coppia di centrali con Medel.

20:02Champions: inglese Atkinson arbitra derby Real-Atletico

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Sarà l'inglese Martin Atkinson a dirigere la semifinale di andata di Champions tra Real Madrid e Atletico Madrid, in programma il 2 maggio al Bernabeu. Lo ha stabilito l'Uefa.

Archivio Ultima ora