Trump lancia la guerra dell’acciaio, nel mirino la Cina

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

(Photo credit should read STR/AFP/Getty Images)

WASHINGTON. – “American first”: fedele al suo mantra, Donald Trump apre il primo fronte di guerra commerciale sull’acciaio, mettendo di fatto nel mirino la Cina, nonostante il tentativo di coinvolgerla nella crisi nord-coreana. E ignorando l’appello lanciato a Washington dal direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, che aveva invitato a ridurre le distorsioni commerciali, come i sussidi, ma anche ad evitare “misure protezionistiche”.

Il presidente americano ha firmato nello studio Ovale un memorandum per lanciare un’inchiesta che accerti se l’import di acciaio straniero minaccia la sicurezza nazionale, favorendo un rialzo in Borsa delle azioni delle società del settore. Per farlo non ha esitato a rispolverare una vecchia legge del 1962, il Trade Expansion act, che consente di imporre sanzioni commerciali urgenti sull’importazione di prodotti che mettono a rischio la sicurezza nazionale (l’acciaio è usato ad esempio per le blindature dei mezzi militari). Una legge usata negli anni ’70 durante la crisi petrolifera e più recentemente nel 2001, sempre nel caso dell’acciaio. La normativa concede 270 giorni di tempo per l’indagine ma Trump ritiene che essa possa essere completata in 50 giorni.

“Oggi è un giorno storico per l’acciaio americano”, ha commentato, circondato dai rappresentanti delle principali aziende Usa del settore. “Mantenere la produzione dell’acciaio americano – ha spiegato – è estremamente importante per la nostra sicurezza nazionale e per la nostra industria di base della difesa. L’acciaio è cruciale sia per la nostra economia che per il nostro esercito, non è un’area dove possiamo tollerare di diventare dipendenti da paesi stranieri”.

A chi gli chiedeva se questa mossa non avrà conseguenze su Pechino, cui Trump ha chiesto di usare tutte le sue leve per fermare la Corea del nord, il presidente ha risposto che il suo provvedimento “non ha nulla a che fare con la Cina ma col mondo intero. Il problema del dumping è un problema mondiale”.

Ma è stato il suo segretario al commercio Wilbur Ross, incaricato dell’indagine, a mettere in chiaro le cose. La Cina, secondo Ross, ha aumentato il suo export di acciaio in Usa “nonostante le promesse di ridurlo” e ora controlla il 26% del mercato, con un “grave impatto sull’industria nazionale”.

C’è stato un aumento di circa il 20% solo nei primi mesi di quest’anno, ha sottolineato. E pensare che un tempo l’acciaio americano faceva la parte del leone nel mondo, con circa il 20% della produzione: ora è sceso a meno del 5%. Tra i maggiori fornitori di acciaio agli Usa, oltre alla Cina, ci sono Canada, Brasile, Corea del sud, Messico, Giappone e Germania.

L’American Iron and Steel Institute, che fa lobbying per il comparto, plaude naturalmente alla mossa della Casa Bianca: “la massiccia sovraproduzione di acciaio ha causato l’arrivo negli Usa di livelli record di acciaio straniero a basso costo e sussidiato, con la perdita di circa 14 mila posti di lavoro”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

22:26Europa League: Lazio-Vitesse 1-1

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Lazio-Vitesse 1-1 nella quinta giornata del girone K di Europa League. Primo pari per i biancocelesti dopo le quattro vittorie consecutive che avevano permesso alla squadra di Simone Inzaghi di garantirsi la qualificazione ai sedicesimi come prima del gruppo con due giornate di anticipo. Olandesi a sorpresa in vantaggio al 13' con una punizione di Linssen. Lazio vicina al pareggio al 29' con l'esordiente Palombi che da distanza ravvicinata impegna il portiere Pasveer. Il pareggio arriva al 42' con un gran destro al volo di Luis Alberto su cross dalla destra di Basta. Nel finale Inzaghi regala l'esordio anche a Miceli, capitano della Primavera. Nell'altra partita del girone il Nizza batte 3-1 il Waregem (doppietta di Balotelli, un gol su rigore) e si qualifica come seconda.

22:18Consip: Ciccolo, processo disciplinare per Woodcock

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Il Pg della Cassazione Pasquale Ciccolo ha chiesto al Csm di fissare l'udienza per il processo disciplinare a carico dei pm napoletani Henry John Woodcock e Celeste Carrano. A entrambi viene contestato di aver ascoltato, nell'ambito dell'inchiesta Consip, come persona informata dei fatti, l'ex consigliere di palazzo Chigi Filippo Vannoni, sebbene ci fossero già gli elementi per la sua iscrizione nel registro degli indagati. A carico di Woodcock anche alcune opinioni che gli sono state attribuite da Repubblica sull'inchiesta. L'articolo di Repubblica venne pubblicato nei giorni delle polemiche più accese dell'inchiesta Consip, dopo la notizia di manipolazioni delle intercettazioni da parte da parte dell'allora capitano del Noe (oggi maggiore) Gianpaolo Scafarto. Il quotidiano attribuì a Woodcock l'opinione che quel falso doveva essere il frutto di un mero errore ,non certo di un depistaggio intenzionale. Interpellato dall'ANSA sulla richiesta Woodcock si è limitato a rispondere "no comment".

22:09Via libera Cdm a decreto su nuovi collegi per “Rosatellum”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Via libera del Cdm al decreto legislativo sui nuovi collegi elettorali. Lo si apprende da fonti di governo. Il provvedimento passa ora all'esame delle Camere.

21:47Calcio: Gil Dias, vogliamo tornare a vincere

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - "Domenica ci aspetta una partita importante, io e miei compagni faremo di tutto per ritrovare la vittoria". Sfodera ottimismo Gil Dias, il giovane esterno portoghese della Fiorentina attesa dalla difficile trasferta contro la Lazio. "Potremmo avere più punti in classifica - ha continuato Gil Dias - ma non dobbiamo mollare, semmai continuare a lottare per raggiungere i nostri obiettivi Penso però che sia io che la squadra stiamo crescendo" Per domani è previsto un nuovo allenamento, stavolta all'interno dello stadio e soprattutto aperto alla gente come è stato lo scorso 1 novembre: e così dalle 14,30 sarà accessibile il settore Maratona. Intanto dall'infermeria arrivano buone notizie per il tecnico Stefano Pioli, grande ex della sfida di domenica: Thereau, Badelj e Laurini appaiono recuperati e quindi convocabili dopo lo stop nelle ultime gare per problemi muscolari.

21:41Migranti: ‘irriducibili’ rifiutano mediazione,notte a Spinea

(ANSA) - VENEZIA, 23 NOV - Gli 'irriducibili' tra i migranti della base di Conetta, nel veneziano, che stanno dando vita a una 'marcia' di protesta, non hanno accettato la mediazione del Prefetto di Venezia Carlo Boffi che li aveva invitati a ritornare sui propri passi accelerando un alleggerimento della struttura. Gli 'irriducibili', diventati 69 dopo che a un primo gruppo si sono aggiunti quanti erano stati sistemati a Jesolo, hanno lasciato così il centro civico di Malcontenta (Venezia) e grazie alla Caritas passeranno la notte nella sede della Cooperativa Cssa di Spinea, sempre nel veneziano, dove saranno trasportati con un pullman e due pulmini. Tra i migranti, in protesta da giorni, si sono registrati alcuni malori, in due casi si è proceduto al ricovero in ospedale per uno a Mestre e per l'altro a Dolo. Attesa per domani un'ulteriore incontro per trovare una soluzione. Alla base di Conetta da 1.500 migranti ospitati si è scesi, negli ultimi mesi, prima a 1.100 ed ora a poco più di 800.

Archivio Ultima ora