Trump lancia la guerra dell’acciaio, nel mirino la Cina

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

(Photo credit should read STR/AFP/Getty Images)

WASHINGTON. – “American first”: fedele al suo mantra, Donald Trump apre il primo fronte di guerra commerciale sull’acciaio, mettendo di fatto nel mirino la Cina, nonostante il tentativo di coinvolgerla nella crisi nord-coreana. E ignorando l’appello lanciato a Washington dal direttore generale del Fmi, Christine Lagarde, che aveva invitato a ridurre le distorsioni commerciali, come i sussidi, ma anche ad evitare “misure protezionistiche”.

Il presidente americano ha firmato nello studio Ovale un memorandum per lanciare un’inchiesta che accerti se l’import di acciaio straniero minaccia la sicurezza nazionale, favorendo un rialzo in Borsa delle azioni delle società del settore. Per farlo non ha esitato a rispolverare una vecchia legge del 1962, il Trade Expansion act, che consente di imporre sanzioni commerciali urgenti sull’importazione di prodotti che mettono a rischio la sicurezza nazionale (l’acciaio è usato ad esempio per le blindature dei mezzi militari). Una legge usata negli anni ’70 durante la crisi petrolifera e più recentemente nel 2001, sempre nel caso dell’acciaio. La normativa concede 270 giorni di tempo per l’indagine ma Trump ritiene che essa possa essere completata in 50 giorni.

“Oggi è un giorno storico per l’acciaio americano”, ha commentato, circondato dai rappresentanti delle principali aziende Usa del settore. “Mantenere la produzione dell’acciaio americano – ha spiegato – è estremamente importante per la nostra sicurezza nazionale e per la nostra industria di base della difesa. L’acciaio è cruciale sia per la nostra economia che per il nostro esercito, non è un’area dove possiamo tollerare di diventare dipendenti da paesi stranieri”.

A chi gli chiedeva se questa mossa non avrà conseguenze su Pechino, cui Trump ha chiesto di usare tutte le sue leve per fermare la Corea del nord, il presidente ha risposto che il suo provvedimento “non ha nulla a che fare con la Cina ma col mondo intero. Il problema del dumping è un problema mondiale”.

Ma è stato il suo segretario al commercio Wilbur Ross, incaricato dell’indagine, a mettere in chiaro le cose. La Cina, secondo Ross, ha aumentato il suo export di acciaio in Usa “nonostante le promesse di ridurlo” e ora controlla il 26% del mercato, con un “grave impatto sull’industria nazionale”.

C’è stato un aumento di circa il 20% solo nei primi mesi di quest’anno, ha sottolineato. E pensare che un tempo l’acciaio americano faceva la parte del leone nel mondo, con circa il 20% della produzione: ora è sceso a meno del 5%. Tra i maggiori fornitori di acciaio agli Usa, oltre alla Cina, ci sono Canada, Brasile, Corea del sud, Messico, Giappone e Germania.

L’American Iron and Steel Institute, che fa lobbying per il comparto, plaude naturalmente alla mossa della Casa Bianca: “la massiccia sovraproduzione di acciaio ha causato l’arrivo negli Usa di livelli record di acciaio straniero a basso costo e sussidiato, con la perdita di circa 14 mila posti di lavoro”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

13:45Basket: Nba, Golden State passa a Cleveland

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Undici le partite disputate nella notte Nba: i campioni in carica dei Golden State Warriors passano 118-108 in casa dei Cleveland Cavaliers, 32 punti per LeBron James e Kevin Durant mentre Stephen Curry si ferma a 23. Successo degli Atlanta Hawks di Marco Belinelli (10 punti) che si impongono 102-99 sui San Antonio Spurs. Gli Oklahoma City Thunder piegano 95-88 i Sacramento Kings (20 punti di Carmelo Anthony, 19 per Russell Westrook), i Los Angeles Clippers - ancora senza Danilo Gallinari - hanno la meglio per 113-102 degli Houston Rockets, mentre i Lakers sono battuti 123-114 a Memphis dai Grizzlies. I Philadelphia 76ers (34 punti di Joel Embiid) battono 117-111 i Toronto Raptors. I Chicago Bulls superano 119-111 i Miami Heat, successi esterni per Indiana Pacers (109-94 agli Utah Jazz), Charlotte Hornets (118-107 ai Detroit Pistons), Milwaukee Bucks (104-95 ai Washington Wizards). I New York Knicks vincono 119-104 il derby in casa dei Brooklyn Nets trascinati da Kristaps Porzingis, autore di 26 punti.

13:43Prof indagato per chat osé con alunna, legali, è innocente

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Non si tratta di presunzione di innocenza ma di innocenza reale". Lo affermano i legali del docente di istituto superiore di Treviso che, secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, è indagato per presunti approcci di natura sessuale nei confronti di alcune studentesse minorenni con le quali sarebbe avvenuto uno scambio di fotografie a sfondo erotico. Oggi l'uomo non insegna più perché si è dimesso spontaneamente, "ma per ragioni familiari" dopo essersi sospeso all'apertura dell'indagine.

13:39Calcio: Verdi dice no al Napoli, resta a Bologna

(ANSA) - NAPOLI, 16 GEN - Simone Verdi ha deciso di restare al Bologna. L'attaccante del club rossoblù ha comunicato la sua decisione nella tarda serata di ieri al Napoli, che aveva già trovato l'accordo con la squadra emiliana per il trasferimento immediato. Il contratto era già pronto ma Verdi ha deciso di rifiutare per rimanere da protagonista a Bologna almeno fino al termine della stagione. Il no di Verdi riapre le altre piste del mercato azzurro per trovare un rincalzo in attacco, chiesto esplicitamente dal tecnico Maurizio Sarri. Il ds Giuntoli tornerà ora a battere la pista che porta a Gerard Deulofeu, 23enne del Barcellona, ma nelle ultime ore è emerso anche il nome di Lucas Moura, 26 anni, che potrebbe lasciare il Paris Saint Germain con un prestito oneroso da tre milioni di euro o a titolo definitivo.

13:32Tennis: Australia, Federer al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 15 GEN - Esordio sul velluto agli Open d'Australia per Roger Federer. Il fuoriclasse svizzero, n.2 del seeding e campione in carica, si è qualificato per il secondo turno battendo per 6-3 6-4 6-3 in un'ora e 41 minuti di gioco lo sloveno Alijaz Bedene. Prossimo avversario dell'elvetico il tedesco Jan-Lennard Struff.

13:30Calcio: Conte-Chelsea ancora nubi, la causa mancati acquisti

(ANSA) - LONDRA, 16 GEN - Un'altra sessione di mercato, e riaffiora puntuale la frustrazione di Antonio Conte per l'immobilismo del Chelsea. Nonostante le esplicite richieste avanzate dal tecnico italiano, e le puntuali rassicurazioni della dirigenza, finora allo Stamford Bridge è arrivato un solo rinforzo, il centrocampista Ross Barkley, peraltro infortunato. Nelle ultime ore, dopo che il Manchester City si è ritirato dalla corsa per Alexis Sánchez, il Chelsea ha intensificato i contatti con l'Arsenal. Senza però garanzie che alla fine l'attaccante cileno non sceglierà il Manchester United. Da qui il malumore di Conte, che già la scorsa estate aveva protestato apertamente per il mancato rafforzamento della squadra. Entro la fine di gennaio i Blues giocheranno altre otto partite, dopo averne disputate quattro nello spazio di 11 giorni a cavallo del nuovo anno. Un tour de force che ha spossato la squadra, incappata in una striscia di quattro pareggi consecutivi in tutte le competizioni.

13:28Strage Erba: Rosa e Olindo in tribunale a Brescia

(ANSA) - BRESCIA, 16 GEN - Nonostante si tratti di un' udienza tecnica e che non entra nel merito, Olindo Romano e Rosa Bazzi sono tornati oggi in aula a Brescia. I due condannati per la strage di Erba del 2006 si sono presentati davanti alla Corte d'Appello presieduta da Enrico Fischetti. La Corte deve nominare i periti che analizzeranno i reperti che secondo la difesa non sono mai stati presi in considerazione nell'ambito delle indagini sulla strage. A Erba l'11 dicembre 2006 vennero uccisi Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. I coniugi Romano sono stati condannati definitivamente all'ergastolo per pluriomicidio. L'analisi dei reperti - un accendino, una tenda, un mazzo di chiavi e alcune formazioni pilifere su indumenti - potrebbe portare la difesa a presentare istanza di revisione del processo. (ANSA).

13:21Sci: cdm, Innerhofer il piu’ veloce in prove Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA) , 16 GEN - L'azzurro Christof Innerhofer in 1.55.46 e' stato il piu' veloce nella prima prova cronometrata sui 3.312 metri della leggendaria pista Streif di Kitzbuehel. Secondo tempo per lo statunitense Steven Nyman n 1.55.74 e terzo per il norvegese Aleksander Kilde in 1.55.92. Per l'Italia c'e' poi il 5/o tempo di Peter Fill in 1.56.37. Piu' indietro Dominik Paris in 1.56.82. Proprio Paris e Fill sono in vincitori delle ultime due edizioni del famosa gara ed i velocisti italiani sono cosi' temutissimi sulla Streif. La prova di oggi, con cielo coperto, e' stata anticipata di un' ora per le previsioni meteo che annunciano neve gia' in mattinata. E' cosi' gia' stata annullata la seconda prova di domani quando dovrebbero cadere 30 centimetri di neve fresca. Giovedi' ci sara' cosi' l'ultima prova mentre il programma di Kitzbuehel prevede venerdi' superG, sabato discesa e domenica slalom speciale.

Archivio Ultima ora