Alitalia: pressing per votare sì. Gubitosi: “Non c’è piano B”

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

ROMA. – Cresce il pressing sui lavoratori di Alitalia per il sì al referendum sul verbale di accordo per il rilancio della compagnia. Il presidente designato, Luigi Gubitosi, ha chiarito che se prevale il no “non c’è un piano B” e si va al commissariamento dell’azienda. Se invece vincerà il sì si sbloccherà l’aumento di capitale di due miliardi e si aprirà un cammino “difficile ma non impossibile” per far ripartire la compagnia puntando soprattutto sul lungo raggio.

Nell’Alitalia che ripartirà ci sarà con tutta probabilità una “forte discontinuità” nel top management come ha fatto intendere nei giorni scorsi Gubitosi e come ha detto il presidente, Luca Cordero di Montezemolo. Intanto ha rassegnato le dimissioni la manager delle contestate divise della compagnia, il chief customer officer Aubrey Tiedt mentre non dovrebbe essere rinnovato il contratto anche a Ana Maria Escobar, pricing e revenue manager.

Gubitosi ha definito il piano industriale “incisivo sui costi” ma “timido sul piano dei ricavi” ma ha detto che può “essere migliorato” puntando soprattutto sul lungo raggio. Il voto dei lavoratori, ha spiegato, non è sul piano ma sul preaccordo che sbloccherebbe due miliardi di aumento di capitale. “In assenza – ha avvertito – non c’è un piano B”.

Siamo al secondo giorno di voto per i 12.300 lavoratori della compagnia (compresi gli 850 a tempo determinato) che potranno esprimersi entro lunedì 24 alle 16. Il pressing è arrivato anche dai sindacati che hanno ribadito l’importanza di votare sì per evitare il peggio.

“C’è una situazione molto difficile – ha detto il numero uno della Cgil, Susanna Camusso – causata dalla sfiducia che una gestione pessima di Alitalia di questi anni ha determinato e da una politica sul sistema dei trasporti e sulle privatizzazioni che dimostra nel tempo tutti i suoi limiti. Il tema di fronte al quale i lavoratori sono è se provare a salvare questa azienda oppure no”.

Su Alitalia – ha affermato la leader Cisl Annamaria Furlan – “siamo a un punto di svolta: il risultato del referendum è determinante per il futuro dell’impresa. O riusciamo a fare un salto di qualità oppure segniamo un destino che rischia di essere profondamente senza ritorno per Alitalia”.

“Ci auguriamo – ha sottolineato il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo – che con senso di responsabilità i lavoratori ci permettano di mantenere un’impresa che per responsabilità del management passato è stata messa in difficoltà”.

Intanto gli azionisti confermano le proprie preoccupazioni. “Noi – ha detto il presidente di Intesa SanPaolo Gin Maria Gros Pietro – non facciamo i conti delle perdite anche se capisco il disappunto di Mustier. Anche noi non siamo contenti dell’investimento in Alitalia. Siamo consapevoli della necessità per il Paese di salvaguardare la compagnia che svolge un servizio essenziale, utile per alimentare non solo il turismo ma anche gli scambi commerciali. Per fare questo è indispensabile che la compagnia riprenda il suo sviluppo e noi siamo a disposizione per sostenere un piano industriale che sia sostenibile”.

Ultima ora

15:25Morto dopo 3 ricoveri a Bari: pm archivia,famiglia si oppone

(ANSA) - BARI, 21 AGO - La Procura di Bari ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sulla morte del 42enne di Cellamare Pietro Genchi, deceduto il 14 agosto 2015 dopo il ricovero in tre diversi ospedali e un intervento al cuore. Secondo la magistratura barese, nonostante i medici non avessero diagnosticato in tempo una disseccazione aortica, nessuna terapia avrebbe comunque salvato il 42enne, morto a causa di una insufficienza cardiaca di cui l'uomo soffriva da tempo. La famiglia, difesa dall'avv.Daniela Castelluzzo, annuncia che farà opposizione alla richiesta di archiviazione. Nel fascicolo erano indagati 19 medici con l'accusa di omicidio colposo, sette sanitari della clinica barese Mater Dei, altri sette dell'ospedale Fallacara di Triggiano e cinque del Policlinico di Bari. Genchi era stato ricoverato per circa venti giorni nella clinica Mater Dei, fino alla fine di luglio, a causa di disturbi respiratori. Qui i medici - secondo i consulenti della Procura - sbagliarono la diagnosi e la successiva terapia.

15:13Libano: sventato attentato aereo con Barbie-bomba

(ANSAmed) - BEIRUT, 21 AGO - Il ministro dell'Interno libanese, Nouhad al Mashnouq, ha detto oggi che i servizi di Intelligence di Beirut, in collaborazione con le autorità australiane, hanno sventato un attentato per fare esplodere in volo un aereo della Emirates, diretto dall'Australia ad Abu Dhabi, con l'utilizzo di una barbie. Mashnouq non ha precisato quando l'attentato è stato sventato, né se si tratta di un episodio simile denunciato dalle autorità australiane alla fine di luglio.

15:06Barcellona: Genova, più barriere in zone frequentate

(ANSA) - GENOVA, 21 AGO - Nuove barriere di cemento nei luoghi più frequentati da genovesi e turisti nel centro storico e sulla promenade di Genova. Lo ha stabilito il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito oggi in prefettura su indicazione del Viminale alla presenza del sindaco di Genova Marco Bucci, numerosi assessori e tutte le forze dell'ordine alla luce degli attentati in Spagna. Le nuove barriere saranno installate in Via Garibaldi (dove saranno protette anche alcune vie laterali), via San Lorenzo, (oltre a quelle già installate ai due ingressi), in corso Italia e al Porto Antico, dove è allo studio un sistema di barriere a scomparsa che sarà installato ad ogni ingresso carrabile. Il prefetto Fiamma Spena e gli amministratori hanno convenuto di valutare, se i tempi di approvvigionamento delle barriere non sono troppo lunghi, di installare barriere come i più eleganti cubi e le fioriere già installati in via Garibaldi a discapito dei new jersey, definiti poco compatibili con il decoro della città. "Presto - ha spiega al termine dell'incontro in prefettura l'assessore alla Sicurezza di Genova Stefano Garassino - avvieremo dei sopralluoghi per stabilire caso per caso il tipo di barriere da sistemare nei punti prescelti. I new jersey possono servire solo per un intervento tampone. Poi vogliamo installare dissuasori esteticamente più gradevoli. Al più presto interverremo per blindare anche via Sestri Ponente". (ANSA).

14:59Champions: Dante “se Nizza segna, ci sarà fuoco allo stadio”

(ANSA) - NIZZA, 21 AGO - "Tutti a Nizza attendono questa partita, in caso di gol ci sarà il fuoco allo stadio. Daremo tutto per la qualificazione". Così il brasiliano Dante, difensore dei rossoneri francesi, alla vigilia della sfida contro il Napoli per il ritorno dei playoff di Champions. "Ovviamente sarà importante non prendere gol - aggiunge -. Questa è una gara speciale, bisognerà fare il massimo per segnare delle reti e non subirne. Se mi taglierei i capelli per la qualificazione? Sinceramente no...". Inevitabile la domanda su Balotelli e Sneijder, suoi compagni di squadra: domani ci saranno? "Wesley è un grande calciatore, a lui piace giocare ed è motivato dal Mondiale del prossimo anno - risponde Dante sul primo -. Vuole migliorare col Nizza. Balotelli lo vedo motivato".

14:50Champions: Mertens in dubbio, ma va a Nizza

(ANSA) - NAPOLI, 21 AGO - Seduta differenziata per Dries Mertens per motivi precauzionali dopo la botta presa a Verona al quinto dito del piede sinistro. L'attaccante belga si è comunque unito al gruppo dei compagni di squadra per la trasferta di Champions League a Nizza ma la sua presenza è in dubbio. Il Napoli si è allenato stamattina a Castel Volturno prima della partenza per Nizza dive domani sera affronterà il ritorno del playoff europeo. Questa la lista dei convocati di Sarri: Reina, Rafael, Sepe, Albiol, Chiriches, Ghoulam, Hysaj, Koulibaly, Maksimovic, Maggio, Mario Rui, Jorginho, Allan, Diawara, Hamsik, Rog, Zielinski, Giaccherini, Callejon, Ounas, Insigne, Mertens, Milik.

14:41Malore in spiaggia, morto ex agente “Faccia da mostro”

(ANSA) - MONTAURO (CATANZARO), 21 AGO - E' morto stamani stroncato probabilmente da un malore Giovanni Aiello, l'ex poliziotto della Mobile di Palermo con passato nei servizi, conosciuto come "faccia da mostro". L'uomo, che da anni viveva a Montauro, sulla costa ionica catanzarese, è deceduto tra i bagnanti mentre cercava di portare a riva la propria barca. Dopo avere tirato su l'imbarcazione assieme ad altri bagnanti che lo hanno aiutato Aiello si è accasciato esanime. Aiello, che aveva 71 anni, è stato soccorso immediatamente dalle persone che si trovavano nella spiaggia. E' stato anche utilizzato un defibrillatore, recuperato in una struttura balneare vicina, ma non c'è stato nulla da fare. La mostre potrebbe essere stata causata da un infarto. Nei giorni scorsi il suo nome era tornato alla ribalta per i presunti rapporti con Bruno Contrada, nell'ambito di una inchiesta della Procura di Reggio Calabria che indaga su un patto stretto tra 'ndrangheta e Cosa nostra, negli anni delle stragi, per destabilizzare lo Stato.

14:37Ius soli: Salvini, se Papa vuole, lo faccia in Vaticano

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - "Papa Francesco: 'Sì allo ius soli'. Se lo vuole applicare nel suo Stato, il Vaticano, faccia pure. Ma da cattolico non penso che l'Italia possa accogliere e mantenere tutto il mondo. A Dio quel che è di Dio, a Cesare quel che è di Cesare. Amen. #stopinvasione"". Così su Facebook il segretario della Lega Matteo Salvini commenta le parole del Papa.

Archivio Ultima ora