Champions, Ian Rush pesca il Monaco: “Ora finale Juve-Real”

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

NYON (SVIZZERA). – Dopo aver abbinato il nome della Juventus a quello del Monaco al sorteggio delle semifinali di Champions League a Nyon, Ian Rush si augura una finale fra i bianconeri ed il Real Madrid, che dovrà vedersela con i ”cugini” dell’Atletico. L’ex-attaccante gallese, ambasciatore dell’Uefa per la finale di Champions League che si disputerà il 3 giugno a Cardiff, ha spiegato così la propria scelta : ”Spero che la Juventus si qualifichi perché è una squadra nella quale ho giocato. E tifo anche Real perché sarebbe fantastico vedere il mio connazionale Gareth Bale a Cardiff”.

Sulla Juventus, l’ex-leggenda del Liverpool ha detto : ”Si tratta di una squadra molto organizzata, fortissima in difesa con un portiere ”eterno”, Gianluigi Buffon. Ma dispone anche di un’arma letale in attacco : Gonzalo Higuain segna praticamente ogni volta che ha un’occasione.”

Anche se li ritiene favoriti, Ian Rush non pensa che i bianconeri avranno vita facile contro la formazione del principato, ”una squadra giovane e senza paura, che pratica un gioco eccitante.”

Ed è proprio sulla spensieratezza che il vice-presidente del Monaco Vadim Vasilyev fa leva per sovvertire il pronostico. ”Tutta la pressione sarà sulle spalle della Juventus”, ritiene il dirigente russo del club del principato.

Pavel Nedved, vice-presidente juventino, non ci sta : ”sarà una sfida da 50-50. Tutte e quattro le semifinaliste possono alzare il trofeo. Noi abbiamo lavorato tanto e continueremo a farlo per conseguire qualcosa di grande.”

L’altra semifinale è un gran classico nella storia recente della Champions League. Atletico e Real si affronteranno per la quarta volta nelle ultime quattro stagioni. Finora, seppur al termine di sfide tiratissime, le ”merengues” la hanno sempre spuntata (due volte in finale, una nei quarti). ”Ma ciò non fornisce alcuna garanzia,”, replica Emilio Buitragueño, responsabile delle relazioni internazionali del Real.

”Si tratterà di due gare formidabili, senza favorito. Certo che per noi – ha aggiunto il ”Buitre” – sarebbe motivo di immenso orgoglio diventare la prima squadra capace di conservare il trofeo da quando è stata creata la Champions League (ndr : nel 1992).

” Derby dall’esito affatto scontato pure secondo Clemente Villaverde, direttore dell’Atletico: ”Credo che vi sia pochissima differenza fra le due squadre. Il Real ha tanti campioni, ma i nostri valori, incentrati sul lavoro e la solidarietà possono fare la differenza. Essere presente per la terza volta nelle ultime quattro stagioni alle semifinali di Champions League dimostra la qualità del nostro operato”.

Nelle semifinali di Europa League (4 e 11 maggio), dopo la sofferta vittoria contro l’Anderlecht, il Mancheter United sarà chiaramente il favorito della sfida contro il sorprendente Celta Vigo. Più aperta appare, sulla carta, la contesa fra il Lione e l’Ajax. Dovessero spuntarla inglesi ed olandesi, si affronterebbero il 24 maggio a Stoccolma le vincenti di complessive sette coppe campioni/Champions League (tre i ‘Red Devils’, quattro i ‘lancieri’)

Ultima ora

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

22:58Atletica: Europei a squadre, l’Italia è settima

(ANSA) - LILLA (FRANCIA), 25 GIU - Il secondo posto di Giordano Benedetti negli 800 metri, e l'1.94 superato da Alessia Trost (terza) nell'alto, sono le note liete della terza e ultima giornata degli Europei a squadre di Lilla. La notizia più negativa è invece l'infortunio muscolare patito da Fabrizio Donato: per il triplista azzurro, lo stop - avvenuto al secondo salto - ha significato l'abbandono della gara (a referto il 15,98 del primo tentativo). Nella classifica a squadre, l'Italia chiude al settimo posto: vittoria per la Germania, sul gradino più alto del podio davanti a Polonia e Francia. I tedeschi, malgrado lo 'zero' nell'asta donne, sono un rullo compressore (7 vittorie e 23 volte sul podio nelle 40 gare del programma), mentre gli azzurri ottengono complessivamente quattro secondi posti (ai tre di ieri, Pedroso, Santiusti e Fassinotti, si aggiunge oggi quello di Benedetti). Rispetto al 2015, la formazione italiana scende un gradino nella graduatoria finale.

Archivio Ultima ora