Morti e violenza ieri notte a Caracas

CARACAS – Nel settore operaio di El Valle, ieri notte la protesta è iniziata con il battere di pentole, il suono di fischi e alcune grida euforiche di persone che chiedevano elezioni libere, cibo, e la caduta del governo Maduro. Ma, purtroppo, la situazione è degenerata in disordine e caos. Barricate sono state piazzate lungo la via principale e gruppi di gente si sono riuniti per protestare. Più tardi, la Guardia Nacional Bolivariana e la Polizia Nacional Bolivariana hanno iniziato la repressione con bombe lacrimogene, pallettoni e mezzi blindati. Nel caos, alcuni negozi sono stati saccheggiati. I vicini riportano di avere notato bande di minorenni commettere atti vandalici.
Nel quartiere San Andrés, il vandalismo ha provocato la caduta di cavi di alta tensione che hanno causato la morte di 8 persone. Altre due persone sono state assassinate con colpi di arma da fuoco. La zona rimane custodiata dalla GNB, PNB e il CICPC con posti di blocco. Una terza morte è successa a Petare dove ci sono state proteste. Il Sindaco di Petare, Carlos Ocariz, ha chiesto che questo decesso venga chiarito subito.