Terrorismo, Minniti: “Cruciale il controllo del Mediterraneo”

Pubblicato il 21 aprile 2017 da ansa

Consegna motovedette alla Libia

GAETA (LATINA). – Contro un terrorismo globale, che continua a colpire il cuore dell’Europa, il controllo del Mediterraneo centrale è cruciale e richiede un “impegno straordinario” che coinvolga Italia, Libia ed Unione europea.

Il giorno dopo l’attacco sugli Champs Elysees, il ministro dell’Interno Marco Minniti arriva a Gaeta per consegnare le prime due motovedette ai venti militari della Guardia Costiera libica che si sono addestrati in Italia alla scuola della Guardia di Finanza: due eventi apparentemente slegati ma che, invece, hanno molto in comune. Perché il controllo delle frontiere esterne dell’Europa “è fondamentale” nella lotta al terrorismo ed è un punto irrinunciabile per “l’azione di prevenzione e repressione” in tutto il continente.

Le motovedette sono le stesse cedute a Gheddafi nel 2009: quando scoppiò la rivoluzione che depose il rais, 2 delle 6 imbarcazioni furono affondate, mentre altre 4 l’Italia le ha recuperate, le ha rimesse a posto e adesso le consegna al governo di Serraj. Le prime due nel giro di una settimana saranno operative nelle acque di Tripoli e Misurata, quelle stesse zone da dove sono partiti i quasi 40mila migranti già arrivati in Italia nei primi 4 mesi del 2017. Altre due arriveranno a metà maggio, quando anche gli altri 19 militari già in Italia avranno completato il corso, ed entro giugno, assicura Minniti, l’Italia avrà ceduto 10 motovedette.

Mezzi che faranno della Guardia Costiera libica “la struttura più importante dell’Africa settentrionale” nella lotta ai trafficanti. L’Italia d’altronde sa bene che senza l’appoggio libico non sarà mai possibile frenare il flusso. Dunque è su Tripoli e sul governo riconosciuto dalla comunità internazionale che bisogna puntare. Chiedendo un maggiore impegno all’Ue.

“Il controllo del Mediterraneo è un punto centrale – ribadisce Minniti – e l’Italia è pronta a prendersi tutte le sue responsabilità”. Ma allo stesso tempo è “molto importante” poter contare sia su una Guardia Costiera libica “forte e capace” sia su un'”azione congiunta” che veda in prima linea anche l’Europa.

“La lotta contro organizzazioni profondamente disumane e la stabilizzazione della Libia sono due facce della stessa medaglia: più andrà avanti il processo di stabilizzazione meno i trafficanti avranno spazi di manovra”. Che poi i libici la facciano davvero, la lotta alle organizzazioni – viene sottolineato – è ancora tutto da dimostrare. Bastano le parole dell’ambasciatore in Italia Ahmed Safar per capire che la Libia non si accontenterà di dieci motovedette:

“Non siamo i guardiani del mare. La Libia è parte di una cooperazione internazionale che deve bloccare i traffici ma soprattutto intervenire lì dove si originano i traffici”. E la comunità internazionale non lo sta facendo? “Serraj – risponde Safar – è stufo delle promesse non mantenute dalla comunità internazionale. L’Italia ha dato un esempio diverso, ha mantenuto le sue promesse. Gli altri no”.

L’ambasciatore non può però negare le responsabilità tutte libiche nella violazione dei diritti umani nei centri per i migranti. Episodi, dice, compiuti da “personale che non aveva il diritto di stare in quei centri”. In ogni caso, “quello che è accaduto è perché la Libia non è un paese ancora stabile. Questo non giustifica certo le trasgressioni che ci sono state ed è per questo che stiamo cercando di collaborare con le Organizzazioni non governative e migliorare la situazione”.

(dell’inviato Matteo Guidelli/ANSA)

Ultima ora

02:34CC Firenze, ragazze sentite per oltre 12 ore

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Dodici ore e mezzo la durata-record dell'incidente probatorio all'aula bunker di Firenze sul caso della denuncia di due carabinieri per violenza sessuale contro due studentesse americane il 7 settembre scorso in città. Sono state sentite le due ragazze dal Gip Mario Profeta in lunghe deposizioni durate rispettivamente circa 7 ore la prima e cinque ore e mezzo la seconda. All'uscita dell'aula gli avvocati hanno sottolineato che sono state fatte solo brevi pause per necessità personali. L'incidente probatorio è cominciato stamani alle 10 e si è concluso intorno alle 22.30. Al termine del fuoco di fila delle centinaia di domande fatte dal gip, comunque meno di quelle proposte della difesa, secondo gli avvocati delle due giovani statunitensi, 19 e 21 anni, si è rafforzata l'ipotesi di reato. La difesa ha insistito sulla tesi di un rapporto consenzienti, che le ragazze hanno negato decisamente per tutta la deposizione, tra pianti e malori.

01:25Champions:Nainggolan,dopo loro gol ci siamo un po’ sfasciati

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Di Francesco ha detto che non dobbiamo pensare di essere diventati tutti bravi? Se il mister ha detto così avrà avuto i suoi motivi. Io penso che abbiamo fatto un buon primo tempo. Potevamo sfruttare meglio l'ultimo passaggio e poi dopo il loro gol ci siamo un po' sfasciati''. Nonostante il ko con l'Atletico, ai microfoni di "Premium Champions", il centrocampista della Roma Radja Nainggolan vede il bicchiere mezzo pieno: ''Però all'inizio del girone nessuno avrebbe detto che ci saremmo giocati la qualificazione contro il Qarabag all'ultima giornata. Rispetto all'andata ci siamo difesi molto, avevamo più paura di sbagliare, ora abbiamo la possibilità di passare e abbiamo giocato con più personalità''. ''Simeone ha detto che sarei un giocatore straordinario per l'Atletico Madrid? Sono sempre belle parole ma io sono qui, sono felice di rappresentare questa squadra. Ho fatto una scelta chiara due anni fa e l'anno scorso e non vedo perché dovrei cambiare squadra''.

01:20Champions: Allegri, molto importante non aver subito gol

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Le critiche servono a migliorare a riflettere sugli errori. E' stata un partita bella tatticamente, abbiamo subito pochissimo e avevamo davanti un Barcellona che quest'anno difende molto meglio''. Ai microfoni di 'Premium Champions', l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri analizza lo 0-0 contro il Barcellona: ''Nel primo tempo abbiamo avuto delle situazioni favorevoli, mentre nella ripresa ci hanno concesso meno anche se qualcosa abbiamo creato. Non dimentichiamoci che giocavamo contro il Barcellona. L'atteggiamento mi è piaciuto, in queste partite bisogna difendere tutti, abbiamo giocato a tre dietro ma in sostanza i giocatori erano gli stessi delle ultime gare però stasera tutti hanno difeso. Non mi interessava il risultato, mi interessava l'atteggiamento, dovevamo metterci il cuore: se la Juve difende come sa non prende gol''. ''Ora - aggiunge Allegri - da qui fino al 6 gennaio avremo dei giorni per allenarci con continuità per poter migliorare il gioco''

00:45Champions: qualificate agli ottavi Chelsea e Barcellona

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Dopo i match di questa sera della quinta giornata della fase a gironi della Champions League passano agli ottavi di finale con un turno d'anticipo il Chelsea e il Barcellona, le formazioni dei gironi di Roma e Juventus.

00:43Champions: Valverde’Messi in panchina? Anche lui riposa’

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - ''Ci sono momenti in cui nonostante l'enorme qualità Messi ha bisogno di riposare in una partita dura come quella contro la Juve''. Il tecnico del Barcellona Ernesto Valverde spiega così la sua decisione di lasciare Leo Messi inizialmente in panchina nel match di Champions a Torino contro la Juventus. ''Siamo felici per la qualificazione - aggiunge Valverde ai microfoni di Mediaset Premium - abbiamo cercato di dominare il gioco anche se abbiamo sofferto, giocare con la Juve non è mai semplice''.

00:37Champions: Di Francesco, vinto chi aveva più rabbia

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "E' stata una partita equilibrata, fino al loro gol: ha vinto alla fine chi aveva piu' rabbia". E' la disamina della partita con l'Atletico Madrid da parte di Eusebio Di Francesco. "Nel primo tempo abbiamo recuperato tanti palloni, ma per la squadra che siamo abbiamo fatto troppi errori - le parole del tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Ci vuole più cattiveria, non solo in fase difensiva ma anche nell'ultimo passaggio". Di Francesco ha negato che la Roma abbia 'mollato' dopo il derby. "Euforia da derby? L'euforia fa bene, la presunzione no: dobbiamo essere più cattivi, questa è la lezione di stasera".

00:34Champions: Psg a valanga con il Celtic

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Paris Saint Germain-Celtic 7-1 in un match della quinta giornata del gruppo B di Champions League. In gol Dembelè (2' pt), Neymar (9' e 22' pt), Cavani (28' pt e 34' st), Mbappè (35' pt), Verratti (30' st) e Dani Alves (35' st). Nello stesso gruppo Anderlecht-Bayern Monaco 1-2: in gol Lewandowski (6' st), Hanni (18' st) e Tolisso (32' st). Nel gruppo A Basilea-Manchester United 1-0, in gol Lang al 44' st.

Archivio Ultima ora