Alitalia commissariata. Per salvarsi 600 milioni e 6 mesi

Pubblicato il 02 maggio 2017 da ansa

ROMA. – Avventura finita, dopo due anni e 4 mesi dal suo decollo, il primo gennaio 2015, dell’Alitalia targata Etihad. L’ex compagnia di bandiera torna, per la seconda volta nella sua storia (era già accaduto nel 2008), in amministrazione straordinaria. A guidarla saranno tre commissari: Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari. E per garantire l’operatività nei prossimi mesi, il Governo ha concesso un prestito ponte di 600 milioni.

Tutto regolare quindi per i passeggeri: i voli e le operazioni di Alitalia – assicura la compagnia – non subiranno alcuna modifica e continueranno secondo la programmazione prevista. Quella di garantire la continuità della compagnia è stata la principale preoccupazione del Governo. Che è intervenuto “non solo su esplicita richiesta da parte dell’assemblea dei soci” ma come “atto di responsabilità di chi deve assicurare alcuni servizi fondamentali”, ha spiegato il premier Paolo Gentiloni al termine di un cdm dedicato in modo “monografico” alla vicenda Alitalia.

La scelta di mettere gli aerei a terra oggi avrebbe avuto “impatti pesantissimi”, ha ribadito il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda, ricordando che Alitalia ha “4,9 milioni di prenotazioni in piedi e trasporta 2 milioni di passeggeri al mese”.

Alla compagnia il Governo ha assicurato un “ponte di continuità” con l’amministrazione straordinaria e un “prestito oneroso” di 600 milioni per sei mesi, uno scenario con cui non si profila però, ha ribadito il premier, nessuna possibilità di rinazionalizzazione: “lo abbiamo escluso fin dal primo momento e lo escludiamo oggi”.

Improbabile anche la possibilità che lo Stato ci metta altri soldi, come chiarito da Calenda: i 600 milioni, che sono a condizioni di mercato (Euribor +1000 punti base) definite con l’Ue, “sono il massimo che oggi si possa prevedere e fare”. Per i commissari c’è un mandato “chiaro”, “ampio nello spettro” ma “limitato” nei tempi (6 mesi), ha spiegato Calenda, precisando che nel giro di breve tempo dovranno aprire alle manifestazioni di interesse da parte di potenziali acquirenti.

L’obiettivo è “lavorare su un piano industriale per permettere ad Alitalia di trovare soci capaci di investire e sanare debolezze storiche che non dipendono dalla presenza delle low cost ma strategie sbagliate”, ha detto il ministro dei trasporti Graziano Delrio. “Siamo convinti che il mercato potrà trovare investitori interessati e lo Stato farà la sua parte”, ha aggiunto.

I sindacati, che vedono nella continuità territoriale spazio per trovare strade alternative alla liquidazione, auspicano che il lavoro dei commissari non porti alla svendita ma alla ricerca di nuovi investitori e al conseguente rilancio della compagnia.

La decisione dell’azienda di richiedere l’accesso all’amministrazione straordinaria, già tracciata una settimana fa dal cda riunitosi subito dopo la vittoria del No al referendum, è arrivata nel corso di un doppio passaggio formale, prima l’assemblea dei soci e poi il cda, riunitisi in mattinata via conference call.

Il consiglio, preso atto della “grave situazione economica, patrimoniale e finanziaria” della società, del venir meno del supporto dei soci e dell’impraticabilità in tempi brevi di soluzioni alternative, ha deciso all’unanimità di presentare l’istanza di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria.

Gli azionisti, riunitisi poco prima in assemblea, hanno espresso “grande rammarico” per l’esito del referendum che ha “di fatto precluso l’attuazione del rilancio e della ristrutturazione della società”, per il quale i soci erano disponibili a finanziare il piano industriale per 2 miliardi di euro.

Rammarico è stato espresso anche dal socio arabo, Etihad, che nel 2014 con un investimento da 560 milioni è diventato proprietario del 49% della compagnia italiana. “Abbiamo fatto tutto quanto in nostro potere per supportare Alitalia in qualità di azionista di minoranza, ma è chiaro che la compagnia ha bisogno di una ristrutturazione profonda e su vasta scala per sopravvivere e crescere in futuro”, ha detto il numero uno della compagnia di Abu Dhabi James Hogan, che nel 2015 prometteva di fare di Alitalia una compagnia sexy e a cinque stelle.

(di Enrica Piovan/ANSA)

Ultima ora

10:10Nuova Zelanda: premier annuncia di essere incinta

(ANSA-AP) - WELLINGTON, 19 GEN - La primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Arden, ha annunciato oggi di essere incinta, precisando che il lieto evento è atteso per giugno e aggiungendo che rimarrà per sei settimane in maternità. "Intendo pienamente rimanere contattabile e disponibile per tutto il periodo di sei settimane, quando sarà necessario", ha poi affermato, aggiungendo di aver chiesto al vice premier Winston Peters di sostituirla come primo ministro finché lei non tornerà al suo ufficio. Arden, 37 anni, ha inoltre detto che suo marito Clarke Gayford resterà a casa ad occuparti del bimbo. "Clarke e io abbiamo il privilegio di essere nella posizione in cui Clarke può rimanere a casa per essere il nostro principale assistente. Sapendo che così tanti genitori si destreggiano per la cura dei loro nuovi bambini, ci consideriamo molto fortunati", ha detto la premier, che è salita al potere nell'ottobre scorso, dopo esser diventata leader del partito laburista".

08:45Mafia: confiscati beni per 25 mln nel Trapanese

(ANSA) - PALERMO, 19 GEN - Beni per oltre 25 milioni di euro sono stati confiscati nel Trapanese. La Direzione investigativa Antimafia di Trapani ha notificato il decreto del Tribunale all'imprenditore di Campobello di Mazara, Andrea Moceri, 57 anni ed ai suoi familiari. Il patrimonio, era già stato sequestrato nel novembre del 2015. Nei confronti di Moceri è stata imposta la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza per due anni. Secondo i magistrati tra le imprese illecitamente finanziate vi è l'oleificio "Fontane d'oro s.a.s." (oggi in amministrazione giudiziaria), con sede a Campobello di Mazara (TP), intestato a prestanome di Francesco Luppino (detenuto), accusato di essere, tra gli uomini più fedeli del boss latitante Matteo Messina denaro. Il patrimonio comprende 35 unità immobiliari, locali commerciali, appartamenti per civile abitazione, rimesse, 35 appezzamenti di terreno, 5 compendi aziendali, quote di partecipazioni in varie società di capitali, numerosi conti bancari e polizze assicurative.

01:34Calcio: Chelsea assalto a Dzeko, pronti 50 milioni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il Chelsea tenta l'assalto a Edin Dzeko. Lo si apprende da fonti vicine al club londinese, secondo cui i Blues sarebbero pronti a offrire 50-55 milioni di euro alla Roma per il bosniaco ed Emerson Palmieri. Se la trattativa andasse in porto, a Trigoria prenderebbero in esame la candidatura di Sturridge, già offerto in passato, e anche del viola Babacar, che piace al tecnico dei giallorossi Eusebio Di Francesco. Ma in un primo colloquio con il Chelsea si sarebbe parlato anche di un eventuale prestito dell'attaccante belga Michy Batshuayi, riserva di Morata.

01:25Calcio: Coppa del Re, Real Madrid vince in trasferta

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Con nove rincalzi in campo dall'inizio, il Real Madrid ha interrotto la striscia di tre partite senza successi andando a vincere per 1-0 sul campo del Leganes nella partita d'andata della sfida dei quarti di finale della Coppa del Re. Dal punto di vista del gioco, la crisi della squadra di Zidane continua ad essere tale ma le rete di Asensio all'89' da' un poco di serenità all'ambiente. "Intanto mi prendo il risultato - ha commentato Zidane -, che mi dà buone sensazioni. Arriverà il momento che giocheremo meglio, ne sono certo".

00:24Calcio: Mancini, mi piacerebbe allenare il Paris SG

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Seguo la Ligue 1, e il Psg è la squadra migliore. È ovvio che qualsiasi tecnico vorrebbe guidare questa squadra, è una delle migliori al mondo e con gli arrivi di Neymar e Mbappé ha buone possibilità di vincere la Champions. Mi piacerebbe allenare il Psg, perché no... Oggi c'è Emery che sta facendo bene ma nel calcio tutto può cambiare". Parole di Roberto Mancini, attuale allenatore dello Zenit, al quotidiano sportivo francese 'L'Equipe', che ha fornito un'anticipazione dell'intervista che verrà pubblicata domani. Mancini dice la sua anche sul big-match degli ottavi di Champions, in cui la squadra parigina se la vedrà con il Real Madrid. "Affrontare il Real è sempre difficile - dice -, ma penso che il Paris SG abbia buone possibilità di qualificarsi".

23:25Calcio: Nardella, proporrò proroga progetto stadio Firenze

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - Concessione della proroga alla Fiorentina per completare il progetto di realizzazione del nuovo stadio a Firenze. Ad annunciarla, dopo che il gruppo tecnico coordinato dal dirigente comunale Giacomo Parenti ha analizzato la documentazione consegnata dalla società viola, è il sindaco Dario Nardella. "Porterò in giunta a febbraio la proposta di prolungamento del pubblico interesse per la realizzazione dello stadio sulla base della relazione del gruppo tecnico. Quindi la data ultima per la consegna della documentazione integrale del progetto definitivo sarà fissata al 31 di ottobre", spiega il sindaco. I termini per la presentazione del progetto definitivo erano scaduti il 31 dicembre scorso, dopo che la concessione di una precedente proroga era già stata decisa dall'amministrazione. Alla base della concessione della nuova proroga, spiega il sindaco, i risultati dell'analisi del gruppo tecnico "sulla documentazione consegnata dalla Fiorentina prima della fine del 2017 relativa all'integrazione del progetto".

23:18Calcio: Regno Unito e Italia, due idee a confronto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Regno Unito e Italia. Due idee di calcio a confronto. Da quello femminile alle attuali differenze tra la Serie A e la Premier League. Questi i temi al centro del dibattito al Circolo Canottieri Aniene di Roma. Presenti numerosi ospiti, tra cui Jill Morris, ambasciatore del Regno Unito in Italia, Patrizia Panico, ex giocatrice della Nazionale femminile, e l'ex capitano della Nazionale inglese, Sol Campbell. A fare gli onori di casa, il presidente del Coni, Giovanni Malagò: "Oggi il calcio femminile in Italia è appannaggio della Lega Dilettanti - ha spiegato - ma se avessi l'opportunità di dare un contributo penso che le donne devono avere la stessa possibilità degli uomini. Il calcio femminile alle Olimpiadi ha avuto numeri di share impressionanti, è da matti non andare dietro questi numeri". Grande tifosa di calcio e del Liverpool in particolare, l'ambasciatore Morris rivela: "Il calcio è una delle tante cose che uniscono i nostri due Paesi: la passione dei tifosi, i cori, la rivalità tra club".

Archivio Ultima ora