Ue promuove la manovra correttiva presentata dal governo italiano

Pubblicato il 04 maggio 2017 da ansa

Pier Carlo Padoan, Pierre Moscovici e Michel Sapin

ROMA. – La Ue dà il primo via libera alla manovra correttiva presentata dal governo italiano per consolidare i conti e per allontanare, per dirla con Pier Carlo Padoan, lo spettro del “rischio-Paese”. Ma appena incassato l’ok di Bruxelles, il Ministero dell’Economia, in compagnia degli omologhi spagnolo, portoghese e francese, presenta alla Commissione una nuova istanza: quella di considerare con più attenzione nella valutazione dei bilanci nazionali elementi come la bassa crescita nominale, gli effetti della crisi sul lavoro, nonché i rischi legati al neoprotezionismo. Una richiesta che, per la coincidenza, sembra avanzata quasi in contropartita per il rispetto degli impegni presi.

Il primo giudizio positivo è arrivato per bocca del vicepresidente della Commissione, Valdis Dombrovskis, considerato un falco a Bruxelles. La valutazione, ha ammesso, è per l’Italia “particolarmente complessa perché bisogna considerare la regola del debito e la manovra da 0,2%”. Ma “a prima vista”, la correzione “sembra essere tale”, ha ammesso.

Le considerazioni definitive della Commissione arriveranno a metà maggio, dopo le previsioni di primavera e le raccomandazioni, ma i rilievi più probabili sono stati in qualche modo anticipati nel rapporto dell’Ufficio parlamentare di Bilancio che ha scansionato Def e Pnr evidenziandone le criticità. Proprio la discesa del debito potrebbe essere, secondo l’Autorità guidata da Giuseppe Pisauro, non sufficiente ad attenersi alla regola evidenziata da Dombrovskis. Allo stesso tempo, l’Italia potrebbe non rispettare del tutto nemmeno la clausola per gli investimenti, per la quale ha chiesto e ottenuto, con la legge di bilancio 2017 lo 0,25% di flessibilità sul deficit.

L’annunciata disattivazione delle clausole di salvaguardia e il rispetto degli obiettivi di deficit indicati nel Def implicano peraltro già ora misure correttive per l’anno prossimo pari a circa l’1% del Pil (17 miliardi), senza contare, sottolinea ancora l’Ufficio, gli annunciati interventi a favore di crescita e lavoro.

Non a caso Padoan e colleghi di Spagna, Francia e Portogallo hanno scritto direttamente alla Commissione per considerare una modifica degli standard di valutazione dei bilanci nazionali. Una seconda offensiva comune, dopo quella sull’output gap, che permetterebbe al nostro Paese di guadagnare margini più ampi proprio in vista della messa a punto della prossima legge di bilancio.

Al momento comunque, ha rivendicato il ministro in audizione in Parlamento, i conti italiani sono perfettamente sotto controllo e la manovra-bis li rinforza ulteriormente. Il decreto di correzione, sostanzialmente contenuto, è stato “opportuno” soprattutto per una serie di fattori che in questa fase “accentuano la percezione di un rischio Italia”, dal taglio del rating da parte di alcune agenzie (ultima Fitch) all’avvicinamento del termine del QE della Bce, dall’ approssimarsi della fine della legislatura e all’alto debito italiano. Per sfatarli, l’Italia ha dimostrato la sua serietà a livello internazionale.

E lo farà anche a livello nazionale, di fronte alle richieste tutte nostrane. Di fronte ai dubbi espressi anche dalla Corte dei Conti sullo split payment, ultimi di una lunga serie di vere e proprie opposizioni arrivate dal mondo delle imprese, Padoan ha assicurato che l’estensione del meccanismo sarà accompagnata da un’accelerazione dei rimborsi fiscali, alla quale il governo sta pensando per ovviare ai problemi di liquidità che piccole e grandi aziende lamentano.

(di Mila Onder/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora