Sindacati in pressing su Alitalia, il 10 maggio dai commissari

Pubblicato il 05 maggio 2017 da ansa

ROMA. – Voltare pagina con un piano che parta dai sovraccosti e preveda alleanze forti per un vero rilancio di Alitalia. Lo chiedono i sindacati che, in vista del primo incontro la prossima settimana con i commissari straordinari della compagnia, cercano di allontanare dal tavolo il tema del costo del personale. Capitolo su cui però Luigi Gubitosi ha già avvertito che la cura sarà “non indolore”. E su cui pende la scadenza a fine mese del contratto collettivo di lavoro.

Intanto la compagnia festeggia i 70 anni del primo volo della sua storia: era il 5 maggio 1947 quando il trimotore Fiat G12, battezzato ‘Alcione’, decollava da Torino alla volta di Catania con a bordo 18 passeggeri.

Ai sindacati, che hanno sollecitato un incontro urgente alla luce dell’avvio dell’amministrazione straordinaria, è arrivata oggi la convocazione della compagnia per un incontro mercoledì 10 maggio con i commissari Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari.

Sul tavolo, oltre alle azioni che i tre commissari (che sono sicuri che i 600 milioni a disposizione assicurino margini più ampi dei sei mesi indicati) intendono portare avanti sul fronte dei tagli (Gubitosi ha già indicato che si partirà dai contratti di assicurazione sul carburante e su quelli di leasing), c’è da capire come intendano muoversi sul rinnovo del contratto: azienda e sindacati avevano infatti deciso, con un accordo siglato il 24 febbraio, di concludere la trattativa entro il 31 maggio.

I sindacati chiedono che non si parta dal taglio del costo del lavoro e sono convinti che eliminando i sovraccosti (la Uiltrasporti indica anche i contratti di fornitura per servizi di manutenzione e il ritorno al precedente sistema di prenotazione e acquisto biglietti) non siano necessari tagli ai salari e neppure riduzioni del personale.

“Lo abbiamo detto dal primo momento che i primi tagli che bisogna fare sono quelli dei costi extra e siamo contenti che lo dica ora anche il commissario e che si sia così capito dove sta il vero problema”, afferma Barbagallo della Uil. Inoltre, secondo Furlan della Cisl “è importantissimo un rilancio e che i commissari immaginino un piano industriale che deve avere alleanze e partnership forti. Su questo li invito tanto a lavorare”.

Proprio sul fronte delle possibili alleanze, però, si sfila un altro potenziale partner. E’ Iag, la holding che raggruppa Iberia e British Airways, che chiarisce di non avere “nessun tipo di interesse” per Alitalia. Il gruppo anglo-spagnolo vede l’opportunità per un’espansione sul mercato italiano, ma solo attraverso la propria low cost Vueling.

E mentre dalla politica i 5Stelle fanno polemica sugli stipendi dei commissari, i lavoratori della compagnia aderenti alle sigle Cub, Usb, Assovolo ed Air Crew Commitee si preparano ad una grande manifestazione il 27 maggio a Roma.

Ultima ora

09:21‘Immigrazione illegale diffonde terrorismo’

(ANSA) - NAYPYITAW (BIRMANIA), 20 NOV - "Conflitti e instabilità nel mondo sono in parte dovuti all'immigrazione illegale che diffonde il terrorismo". Lo ha detto la leader della Birmania Aung San Suu Kyi accogliendo nella capitale ministri degli esteri asiatici ed europei, tra i quali l'alto rappresentante della politica estera europea Federica Mogherini.

08:51Usa: è morto Charles Manson

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Il serial killer americano Charles Manson è morto a 83 anni. Lo riportano i media americani. Era stato ricoverato in un ospedale in California per l'aggravarsi delle sue condizioni di salute. Leader di una setta conosciuta con il nome di 'Family', Manson è stato uno dei killer più sanguinari della storia degli Stati Uniti. Stava scontando l'ergastolo per l'omicidio di Sharon Tate, giovane moglie di Roman Polanski, e altre sei persone a Los Angeles nell'agosto del 1969.

07:50India: offerta ricompensa a chi ‘brucera’ viva’ attrice

NEW DELHI - Intense per lo stop imposto dalla censura al debutto nelle sale previsto per l'1 dicembre, le polemiche intorno al film storico 'Padmavati' del regista Sanjay Leela Bhansali si sono ulteriormente infiammate in India dopo che ieri un gruppo marginale di difesa della 'casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di dieci milioni di rupie (oltre 130.000 euro) per "chi brucerà viva la protagonista, Deepika Padukone". Tratto da 'Padmavat', un poema epico del XVI secolo, il film racconta la storia di una regina indu' (Rani Padmini, nota anche come Padmavati) che, per non cadere nelle mani del sultano di Delhi, Alauddin Khalji, al termine di un lungo assedio del Chittor Fort nel 1303 preferi' immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne.

07:44Afghanistan: liberati 30 da prigione talebani in Helmand

KABUL - Forze speciali afghane hanno liberato ieri un gruppo di almeno 30 persone, fra cui anche bambini, da una prigione dei talebani nella provincia meridionale afghana di Helmand. Lo riferisce la tv Tolo di Kabul. Fonti dell'amministrazione locale hanno reso noto che l'operazione di salvataggio e' avvenuta nel distretto di Nawzad. I prigionieri, si e' appreso, erano accusati di aver collaborato con il governo, contro gli insorti.

07:40Uragani:migliaia in corteo a Washington per aiuti Porto Rico

WASHINGTON - Migliaia di persone hanno sfilato oggi nella capitale nella marcia dell'unita' a sostegno dei fondi per i danni degli uragani a Porto Rico, che versa ancora in condizioni di emergenza. La folla, sventolando bandiere dell'isola caraibica, ha invaso il Mall ed e' arrivata sino a Capitol Hill.

07:31Trump, prossima settimana decido su import trofei elefanti

WASHINGTON - Donald Trump ha reso noto via Twitter che annuncera' la prossima settimana la sua decisione sull'importazione di grandi trofei di caccia, la cui autorizzazione ha sospeso nei giorni scorsi sull'onda delle proteste. "Sara' molto difficile farmi cambiare idea che questo spettacolo dell'orrore in qualche modo aiuta la conservazione degli elefanti o di altri animali", ha spiegato.

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

Archivio Ultima ora