Assemblea Costituente, inganno o necessità?

Pubblicato il 08 maggio 2017 da Mauro Bafile

Prima ancora che il presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, comunicasse la decisione di convocare una Assemblea Costituente, alcuni leader dell’opposizione, Julio Borges in primis, ne avevano anticipato l’annuncio. E così, la notizia non è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Ha destato sorpresa, invece, la caratteristica essenziale dell’Assemblea, così come spiegata dal capo dello Stato. Ovvero, ha stupito, ed ancor più destato sospetti, l’aggettivo “comunale”. Che cosa voleva dire il presidente Maduro? Stando alle sue parole non si tratterebbe solo di riscrivere la Costituzione ma di farlo attraverso la partecipazione di Costituenti eletti nell’ambito settoriale – corporativo e territoriale. E non tra i docenti e conoscitori della materia, tra l’intellettualità eccelsa del Paese e, molto meno, tra i leader dei partiti. Detto in altre parole, si ha il sospetto che nonostante il decreto parli, seppur perifericamente, di “suffragio universale”, l’elezione di chi parteciperà alla “Costituente” sarà di secondo grado. Se ciò fosse vero, i venezolani si dovrebbero recare in una data non precisata, e certamente non prossima, alle urne per eleggere gli aspiranti proposti dalle “comunas”, dai circoli popolari, dai “colectivos”, dalle “misiones”, e via dicendo. Sarebbero questi i responsabili di riscrivere la Carta magna. Consegnata la proposta al presidente del Consiglio Nazionale Elettorale, Tibisay Lucena, sarà questo organismo a decidere se le norme suggerite dal presidente Maduro sono percorribili. In ogni caso, sarà l’Alta Corte ad avere l’ultima parola.

Il Tavolo dell’Unità Democratica, conosciuta la proposta del presidente Maduro, ha subito denunciato una presunta manovra volta ad evitare le elezioni regionali, per le quali non è stata ancora fissata una data, e quelle presidenziali del prossimo anno. Secondo i sondaggi, il “chavismo” uscirebbe sconfitto e significativamente ridimensionato da entrambe. Una Assemblea Costituente neutralizzerebbe anche i Poteri Pubblici scomodi, quelli non allineati con il governo del presidente Maduro o comunque ancora indipendenti o quasi. Vale a dire, il Parlamento e la Procura della Repubblica che sarebbero sciolti. Come si ricorderà, l’intervento del Procuratore, Luisa Ortega Diaz, ha obbligato la Corte a tornare sui suoi passi al denunciare che le sentenze 155 e 156 rappresentavano una palese violazione della Costituzione e un’interruzione della vita democratica del Paese.

Nella strategia del presidente Maduro vi è ovviamente anche l’intenzione di fare emergere le tante divisioni e contraddizioni esistenti in seno all’Opposizione. Una Costituente potrebbe risvegliare le ambizioni dei piccoli “caudillos” regionali e le smanie di potere dei tanti partiti piccoli e grandi che costituiscono il Tavolo dell’Unità Democratica. Crepe che avevano convinto i leader della coalizione a rilanciare e a preferire il Referendum Revocatorio sulle regionali.

E intanto continuano le proteste contro il governo del presidente Maduro. Oggi, il costo “politico” della repressione sta ricadendo tutto sulle Forze Armate la cui popolarità e apprezzamento non sono più ai livelli del passato. La Guardia Nazionale, fino a pochi anni fa stimata e rispettata, è oggi accusata di eccessi inammissibili nel controllo dell’ordine pubblico durante le manifestazioni indette dal Tavolo dell’Unità. Gas lacrimogeni sparati ad altezza d’uomo, come mostrano i video e le foto che postate nelle reti fanno il giro del mondo; mezzi blindati che investono con violenza i giovani lasciando corpi inermi al suolo, sono segni di una violenza che non ha senso. Ed illustrano un Paese che non conoscevamo; un paese che è il prodotto del discorso aggressivo di chi, invece, dovrebbe richiamare alla calma e alla ragione.

Mentre la violenza divampa ormai un po’ ovunque, in Venezuela, la mancanza di generi alimentari è sempre più preoccupante. E ad aggravare la situazione sono i saccheggi non solo dei depositi di alimenti e dei supermarket piccoli e grandi, ma soprattutto delle fabbriche. Molte di queste non riapriranno con grave danno alla produzione e all’impiego. Oggi le cifre che illustrano la partecipazione privata nell’economia sono allarmanti. In assenza di statistiche ufficiali bisogna fidarsi di quelle di organismi privati comunque autorevoli. Stando a Consecomercio, in 10 anni sono scomparse circa 500mila aziende. Nel 2002, in Venezuela ne esistevano 830mila, oggi solo 250mila. Stando all’“Unión Empresarial del Comercio y los Servicios” dello Stato Zulia hanno chiuso negli ultimi 20 anni 8mila industrie. Cifra confermata da Victor Maldonado, direttore esecutivo della Camera di Commercio e Industria di Caracas. Secondo il dirigente industriale, all’inizio del governo dell’estinto presidente Chávez esistevano nel Paese circa 12mila industrie e 650mila aziende. Oggi sono rimaste 140mila aziende e solo 4mila industrie che occupano appena il 35 per cento della loro capacità produttiva. La débâcle dell’imprenditorialità privata avrebbe provocato la perdita di circa 700 mila posti di lavoro solo nell’ultimo anno. Una radiografia dantesca del Venezuela che spiega quanto profonda sia la contrazione economica che il governo del presidente Maduro dovrebbe riuscire ad arginare.
Mauro Bafile

Ultima ora

03:46Usa, sondaggio: Trump crolla al 40%

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - La bufera del Russiagate fa crollare Trump nell'ultimo sondaggio di Fox news (21-23 maggio): il 40% del campione approva il lavoro del presidente Usa, mentre il 53% lo boccia. Un mese fa il rapporto era 45% a 48%. Il 44% inoltre ritiene che gli hackeraggi russi abbiano aiutato il tycoon ad arrivare alla Casa Bianca. Il 68% approva la nomina di un procuratore speciale per indagare sulle interferenze di Mosca nelle elezioni (29% e' contro) e il 43% pensa che scoprirà un coordinamento della campagna di Trump con la Russia. Il 60% inoltre e' convinto che Trump abbia licenziato il capo dell'Fbi James Comey perche' l'indagine sul Russiagate stava danneggiando la presidenza (il 29% non lo pensa). Come se non bastasse, il 57% ritiene che la condivisione di informazioni segrete con i russi nello studio ovale sia frutto di cattivo giudizio.

03:42Manchester, settimo arresto in Inghilterra

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - La polizia britannica ha arrestato una settima persona in connessione all'attentato di Manchester. Un uomo è stato fermato ieri dopo che le forze dell'ordine hanno effettuato ricerche nella città inglese di Nuneaton, circa 160 chilometri a sud di Manchester. Si tratta del primo arresto in Inghilterra a svolgersi al di fuori di Manchester dal giorno dell'attentato. Sono quindi ora in tutto sei uomini e una donna le persone arrestate nel Regno Unito nell'ambito delle indagini sull'attacco suicida che lunedì ha ucciso 22 persone al concerto della pop star Ariana Grande all'Arena.

02:07Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa

(ANSA) - LA SPEZIA, 25 MAG - Due ragazzi albanesi poco più che maggiorenni sono stati trovati morti questa notte in una cava dismessa in località Acquasanta nel comune della Spezia. Secondo i primi accertamenti del medico legale, la morte risalirebbe ad almeno tre giorni fa. Sui copri non sono state trovate ferite da arma da taglio o da fuoco. I due sarebbero precipitati in modo accidentale dalla soprastante strada litoranea che porta alle Cinque terre, dopo un volo di 40 metri. Uno dei due giovani aveva 19 anni, si chiamava Fabiol Kycyku. Su di lui c'era una denuncia di scomparsa. I familiari, che vivono alla Spezia, non avevano sue notizie da domenica scorsa. Sul caso sta indagando la Polizia.

00:31Calcio: Mourinho, completata l’opera di Ferguson

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "È una soddisfazione tipo Inter-Bayern, quando senti dal primo minuto di averla in tasca. Abbiamo iniziato benissimo, ho avuto subito la sensazione di pieno controllo della partita, che stavamo giocando come volevamo; sono stato sempre tranquillo, la squadra ha giocato bene, con tanta intelligenza tattica. Credo che tutti abbiano avuto da subito la sensazione che la coppa era nostra". José Mourinho esulta, intervistato da Sky Sport dopo la vittoria dell'Europa League nella finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Mi fa certamente piacere vincere tre competizioni nella stessa stagione - continua il tecnico - Non è un grande triplete, ma è importante per un club come il nostro che in questo momento non è ancora in grado di pensare a quel livello. Con Ferguson scherzavamo dicendo che io ho fatto un piccolo lavoro per lui: Sir Alex ha vinto quasi tutte le coppe, io ho vinto questa che mancava".

00:29Calcio: Pogba, ora nessuno può più criticarci

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Volevamo vincere questa coppa, siamo arrivati fino a qui e siamo molto orgogliosi: ora nessuno può più parlare. Forse non è stata una stagione positiva al 100%, ma abbiamo raggiunto questo risultato e non abbiamo rimpianti". È un Paul Pogba che non trattiene la voglia di zittire le critiche, a lui e al Manchester United, quello che solleva il trofeo dell'Europa League al termine della finale di Stoccolma contro l'Ajax. "Abbiamo iniziato bene e segnato presto - continua l'ex bianconero - Poi abbiamo retto bene, anche soffrendo un po', e segnato il secondo gol. La Juventus? Sono contento se vincerà la Champions e mi farà piacere sfidarla per la Supercoppa". Più contenuta la gioia di Zlatan Ibrahimovic, fuori per infortunio. "Certamente mi dispiace non aver giocato - ammette a Sky Sport - D'altronde, ora abbiamo vinto ed è quel che conta. Ogni trofeo è collettivo e quest'anno ne abbiamo vinti tre. Il mio futuro? Lavoro e vado avanti, torno fra qualche settimana. Dove? Vediamo, bella domanda...".

00:14Brasile:Temer mobilita militari contro proteste Brasilia

(ANSA) - RIO DE JANEIRO, 24 MAG - Il presidente del Brasile, Michel Temer, ha mobilitato le forze armate per difendere la sede della presidenza della Repubblica e dei ministeri a Brasilia contro le violenti proteste anti-governative scoppiate oggi nella capitale federale. La decisione del capo di Stato - formalizzata da un apposito decreto e comunicata dal ministro della Difesa, Raul Jungmann - è stata criticata tanto dalla maggioranza quanto dall' opposizione. "Spero che la notizia non sia vera", ha commentato il giudice della Corte suprema, Marco Aurelio.

00:12Indonesia: due kamikaze si fanno esplodere, tre agenti morti

(ANSA) - GIACARTA, 24 MAG - Almeno tre agenti di polizia sono rimasti uccisi e una decina di altre persone, fra cui cinque agenti, sono rimaste ferite in Indonesia, dove due kamikaze si sono fatti esplodere la scorsa notte a pochi minuti l'uno dall'altro in una stazione di autobus nell'affollato quartiere orientale di Kampung Melayu, a Giacarta, capitale federale della più popolata nazione a maggioranza islamica del mondo. Il portavoce della polizia ha confermato quanto si era saputo in precedenza sulla dinamica del duplice attentato, compiuto, ha detto, da due terroristi suicidi, entrambi uomini, che si aggiungono al computo delle vittime. La zona è piena di agenti, con artificieri e unità cinofile. Filmati ripresi da passanti con il cellulare e postati su Youtube mostrano un poliziotto ferito portato in ambulanza in barella. Un altro filmato mostra brandelli di carne sparsi a terra sul marciapiede. In Indonesia, da anni si combatte contro formazioni jihadiste, prima legate ad Al Qaida, ora con militanti collegati all'Isis.

Archivio Ultima ora