Assemblea Costituente, inganno o necessità?

Pubblicato il 08 maggio 2017 da Mauro Bafile

Prima ancora che il presidente della Repubblica, Nicolas Maduro, comunicasse la decisione di convocare una Assemblea Costituente, alcuni leader dell’opposizione, Julio Borges in primis, ne avevano anticipato l’annuncio. E così, la notizia non è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Ha destato sorpresa, invece, la caratteristica essenziale dell’Assemblea, così come spiegata dal capo dello Stato. Ovvero, ha stupito, ed ancor più destato sospetti, l’aggettivo “comunale”. Che cosa voleva dire il presidente Maduro? Stando alle sue parole non si tratterebbe solo di riscrivere la Costituzione ma di farlo attraverso la partecipazione di Costituenti eletti nell’ambito settoriale – corporativo e territoriale. E non tra i docenti e conoscitori della materia, tra l’intellettualità eccelsa del Paese e, molto meno, tra i leader dei partiti. Detto in altre parole, si ha il sospetto che nonostante il decreto parli, seppur perifericamente, di “suffragio universale”, l’elezione di chi parteciperà alla “Costituente” sarà di secondo grado. Se ciò fosse vero, i venezolani si dovrebbero recare in una data non precisata, e certamente non prossima, alle urne per eleggere gli aspiranti proposti dalle “comunas”, dai circoli popolari, dai “colectivos”, dalle “misiones”, e via dicendo. Sarebbero questi i responsabili di riscrivere la Carta magna. Consegnata la proposta al presidente del Consiglio Nazionale Elettorale, Tibisay Lucena, sarà questo organismo a decidere se le norme suggerite dal presidente Maduro sono percorribili. In ogni caso, sarà l’Alta Corte ad avere l’ultima parola.

Il Tavolo dell’Unità Democratica, conosciuta la proposta del presidente Maduro, ha subito denunciato una presunta manovra volta ad evitare le elezioni regionali, per le quali non è stata ancora fissata una data, e quelle presidenziali del prossimo anno. Secondo i sondaggi, il “chavismo” uscirebbe sconfitto e significativamente ridimensionato da entrambe. Una Assemblea Costituente neutralizzerebbe anche i Poteri Pubblici scomodi, quelli non allineati con il governo del presidente Maduro o comunque ancora indipendenti o quasi. Vale a dire, il Parlamento e la Procura della Repubblica che sarebbero sciolti. Come si ricorderà, l’intervento del Procuratore, Luisa Ortega Diaz, ha obbligato la Corte a tornare sui suoi passi al denunciare che le sentenze 155 e 156 rappresentavano una palese violazione della Costituzione e un’interruzione della vita democratica del Paese.

Nella strategia del presidente Maduro vi è ovviamente anche l’intenzione di fare emergere le tante divisioni e contraddizioni esistenti in seno all’Opposizione. Una Costituente potrebbe risvegliare le ambizioni dei piccoli “caudillos” regionali e le smanie di potere dei tanti partiti piccoli e grandi che costituiscono il Tavolo dell’Unità Democratica. Crepe che avevano convinto i leader della coalizione a rilanciare e a preferire il Referendum Revocatorio sulle regionali.

E intanto continuano le proteste contro il governo del presidente Maduro. Oggi, il costo “politico” della repressione sta ricadendo tutto sulle Forze Armate la cui popolarità e apprezzamento non sono più ai livelli del passato. La Guardia Nazionale, fino a pochi anni fa stimata e rispettata, è oggi accusata di eccessi inammissibili nel controllo dell’ordine pubblico durante le manifestazioni indette dal Tavolo dell’Unità. Gas lacrimogeni sparati ad altezza d’uomo, come mostrano i video e le foto che postate nelle reti fanno il giro del mondo; mezzi blindati che investono con violenza i giovani lasciando corpi inermi al suolo, sono segni di una violenza che non ha senso. Ed illustrano un Paese che non conoscevamo; un paese che è il prodotto del discorso aggressivo di chi, invece, dovrebbe richiamare alla calma e alla ragione.

Mentre la violenza divampa ormai un po’ ovunque, in Venezuela, la mancanza di generi alimentari è sempre più preoccupante. E ad aggravare la situazione sono i saccheggi non solo dei depositi di alimenti e dei supermarket piccoli e grandi, ma soprattutto delle fabbriche. Molte di queste non riapriranno con grave danno alla produzione e all’impiego. Oggi le cifre che illustrano la partecipazione privata nell’economia sono allarmanti. In assenza di statistiche ufficiali bisogna fidarsi di quelle di organismi privati comunque autorevoli. Stando a Consecomercio, in 10 anni sono scomparse circa 500mila aziende. Nel 2002, in Venezuela ne esistevano 830mila, oggi solo 250mila. Stando all’“Unión Empresarial del Comercio y los Servicios” dello Stato Zulia hanno chiuso negli ultimi 20 anni 8mila industrie. Cifra confermata da Victor Maldonado, direttore esecutivo della Camera di Commercio e Industria di Caracas. Secondo il dirigente industriale, all’inizio del governo dell’estinto presidente Chávez esistevano nel Paese circa 12mila industrie e 650mila aziende. Oggi sono rimaste 140mila aziende e solo 4mila industrie che occupano appena il 35 per cento della loro capacità produttiva. La débâcle dell’imprenditorialità privata avrebbe provocato la perdita di circa 700 mila posti di lavoro solo nell’ultimo anno. Una radiografia dantesca del Venezuela che spiega quanto profonda sia la contrazione economica che il governo del presidente Maduro dovrebbe riuscire ad arginare.
Mauro Bafile

Ultima ora

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

22:16Incidenti montagna: alpinista scivola e muore

(ANSA) - PANIA DELLA CROCE (LUCCA), 20 GEN - Un alpinista è morto a seguito delle ferite riportate per una caduta nel Vallone dell'Inferno sul versante occidente della Pania della Croce (Lucca). L'uomo, secondo quanto si appreso, sarebbe finito nella Buca della neve. A dare l'allarme al 118, intorno alle 17, gli altri componenti del gruppo che si trovavano con l'uomo. L'elicottero Pegaso 3 a causa delle condizioni atmosferiche e dell'approssimarsi del buio non ha potuto raggiungere l'alpinista ma è riuscito a trasportare gli uomini della stazione di Lucca, insieme con il medico, a circa 1 ora e 20 minuti di distanza, lungo il sentiero del pastore che sale al Rifugio Rossi. Sul posto si è diretta anche la squadra di Querceta(Lucca). L'uomo era in condizioni disperate. In corso le operazioni di recupero della salma. Il Sast (Soccorso alpino e speleologico Toscano) ricorda che in quota le condizioni della neve non sono buone: vento e pioggia hanno fatto affiorare strati di neve molto ghiacciata.

Archivio Ultima ora