Venezuela, Mattarella: “Molto preoccupato per situazione”

Pubblicato il 09 maggio 2017 da redazione

Il Presidente Sergio Mattarella con la Vice Presidente della Repubblica e Presidente del Senato, Gabriela Michetti e il Presidente della Camera dei Deputati, Emilio Monzò al Congreso de la Naciòn (Foto, Ufficio stampa del Quirinale)

BUENOS AIRES – Prima il senatore Pier Ferdinando Casini e i deputati Fabrizio Cicchito e Fabio Porta; poi l’ex premier Matteo Renzi sul suo account in Facebook e ora anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il capo dello Stato ha manifestato apprensione per quel che sta accadendo in Venezuela. Pungolato dalla domanda di un giornalista argentino, il presidente Mattarella, durante la sua visita a Buenos Aires, non ha evitato diplomaticamente la risposta.
– Sono molto preoccupato per la situazione generale in Venezuela – ha detto con estrema franchezza -. È un paese che ha avuto periodi felici, che ha delle ricchezze naturali e che non merita di essere in questa condizione di collasso. Siamo preoccupati in questo momento anche per i nostri connazionali – ha sottolineato per poi precisare:
– Abbiamo anche cercato di intervenire per aiutarli ma non ci è stato consentito.
Ed infatti,il governo del presidente Maduro ha sempre negato che il paese sia in crisi, nonostante la contrazione drammatica del Pil, l’iperinflazione e l’evidente mancanza di generi alimentari e soprattutto medicine. E ha rifiutato da sempre la possibilità di aprire un canale umanitario.
– Siamo preoccupati perché – ha proseguito il presidente Mattarella – vediamo, tra l’altro, un’esigenza, che non può essere disattesa, di rispetto della volontà popolare, di rispetto della separazione dei poteri, di rispetto della democrazia autenticamente, tutte cose che sono messe fortemente in discussione. Noi ci auguriamo che vi sia, come si sta realizzando anche in America latina, una forte pressione internazionale perché si arrivi a una pacificazione. Speriamo che la pressione abbia efficacia. Di tentativi di mediazione ve ne sono stati diversi e non sono riusciti. In questo momento non vediamo segnali incoraggianti e siamo molto preoccupati.
A New York per l’annuale “debrief” al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Onu), anche Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza, ha chiesto si metta fine alla violenza che, in appena un mese, ha fatto registrate oltre 40 morti nel Paeswe.
– Dobbiamo stabilire una nuova forma di negoziato – ha detto Lady Pesc, nel corso del discorso al Consiglio di Sicurezza dell’Onu –. In alcune circostanze, quando i formati tradizionali sembrano destinati al frallimento – ha proseguito –, è necessario far lavorare l’immaginazione, cercare nuovi canali di dialogo. Sembra che questo sia il caso del Venezuela.
Ha quindi sottolineato che “è di vitale importanza frenare la violenza e cercare una mediazione che possa essere accettata dalle parti in conflitto”.
– Siamo pronti a collaborare – ha assicurato -, ad aiutare, a partecipare in qualunque iniziativa.

Ultima ora

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

04:51Afghanistan: soldato Usa ucciso in scontro con Isis a est

KABUL - Un soldato americano e' morto in Afghanistan per le gravi ferite riportate ieri durante una operazione congiunta fra le forze Usa e afghane nella provincia orientale di Nangarhar. In un comunicato il quartier generale delle Forze americane in Afghanistan (USFOR-A) ha aggiunto che militari statunitensi ed afghani sono rimasti feriti nel corso di una operazione mirante a ridurre la presenza dei militanti della sezione Khorasan (Afghanistan e Pakistan) dell'Isis sul territorio afghano.

Archivio Ultima ora