Venezuela, consegnata nota di protesta all’Ambasciatore Mignano

Pubblicato il 11 maggio 2017 da redazione

L’Ambasciatore d’Italia in Venezuela, Silvio Mignano

CARACAS – Le dichiarazioni del ministro degli Esteri, Angelino Alfano, non sono passate inosservate al governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. E, anche se con ritardo, la “Casa Amarilla” ha reagito e condannato quella che ha considerato una ingerenza inopportuna negli affari del Paese.

Il Viceministro per l’Europa, Yvàn Gil, ha consegnato all’Ambasciatore Silvio Mignano una “nota di protesta verbale” e assicurato che in Venezuela si garantisce la libertà di manifestazione, un diritto sancito dalla Costituzione, e precisato che le forze dell’Ordine intervengono solo per assicurare l’ordine pubblico e non per reprimere i cittadini.

Come si ricorderà, il ministro Alfano, nei giorni scorsi, aveva condannato con parole assai dure, la violenza con la quale si reprime le proteste antigovernative.

– Reiteriamo la nostra forte preoccupazione e condanna per la crescente violenza con la quale sono represse le manifestazioni popolari di protesta in corso a Caracas e nel resto del Paese – aveva detto -. La manifestazione del dissenso è un diritto inalienabile dei cittadini e non può mai essere oggetto di intimidazione o di repressione.

Il ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano.

E aveva poi aggiunto:

– Confidiamo che il governo venezuelano presti ascolto con senso di responsabilità alle istanze della popolazione e dei suoi rappresentanti eletti. E’ necessario un dialogo aperto ed in buona fede con l’opposizione per poter scongiurare la grave crisi che continua a colpire il popolo venezuelano e stabilire così un calendario elettorale che consenta di superare l’attuale situazione di stallo. Invitiamo inoltre il governo a non alimentare la contrapposizione interna che potrebbe provocare ulteriori violenze e a garantire che il popolo sia chiamato a esprimersi esclusivamente con suffragio universale, libero, diretto e segreto.

Espressioni che non sono piaciute al governo del presidente Maduro, come d’altronde non era piaciuta la mozione promossa dal senatore Pier Ferdinando Casini, dopo aver visitato il Paese a dicembre, in occasione delle feste natalizie. La mozione, approvata a grande maggioranza dall’Aula, impegnava il Governo italiano ad adottare ogni iniziativa internazionale per ottenere dal Governo venezuelano un atteggiamento costruttivo, per impegnarlo a ripristinare la separazione dei poteri e salvaguardare le attribuzioni degli organi costituzionali; per favorire un dialogo tra Governo, opposizione e società civile; per ottenere la liberazione dei prigionieri politici.

Anche allora il nostro Ambasciatore fu chiamato al ministero degli Esteri venezuelano dove, in toni anche assai severi e non corrispondenti alla prassi diplomatica, si esprimeva il malessere del governo del presidente Maduro.

In questa occasione, il viceministro Gil, nel consegnare la “nota di protesta verbale”, ha sottolineato al nostro Ambasciatore che il governo del presidente Maduro ha invitato in reiterate occasioni al dialogo e rimarcato che dichiarazioni come quelle del ministro Alfano non contribuiscono a creare un clima di distensione, al contrario rappresentano uno stimolo per chi pretende sovvertire l’ordine costituito.

La crisi politica che vive il Paese è seguita con molto interesse dal mondo politico italiano che ha criticato aspramente la violenta repressione della protesta.

L’ex premier Matteo Renzi con il ministro Alfano

Nei giorni scorsi l’ex premier Matteo Renzi, nel suo account in facebook, è tornato a parlare della realtà del Venezuela. Ha scritto:

“In Italia alcuni partiti hanno individuato il Venezuela come un modello di democrazia. È una follia! Ciò che sta accadendo in queste ore dovrebbe far riflettere in tanti. Non possiamo fare finta di nulla. Nel tempo dell’informazione globale ciò che accade a Caracas riguarda anche noi. Chiediamo tutti insieme libertà e benessere per il Venezuela, Paese meraviglioso che non merita questa violenza”.

  • Pippo

    La doppia morale del socialismo bolivariano del XXI secolo: Dialogo Sì ma su piattaforme al servizio del Regime. Ivan Gil, pensi piuttosto ha onorare il Suo stipendio statale, prodigandosi a dare ascolto alla gran maggioranza del Suo popolo che chiede a gran voce un nuovo modello e nuove, corrette, libere e universali elezioni!

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora