Venezuela, consegnata nota di protesta all’Ambasciatore Mignano

Pubblicato il 11 maggio 2017 da redazione

L’Ambasciatore d’Italia in Venezuela, Silvio Mignano

CARACAS – Le dichiarazioni del ministro degli Esteri, Angelino Alfano, non sono passate inosservate al governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro. E, anche se con ritardo, la “Casa Amarilla” ha reagito e condannato quella che ha considerato una ingerenza inopportuna negli affari del Paese.

Il Viceministro per l’Europa, Yvàn Gil, ha consegnato all’Ambasciatore Silvio Mignano una “nota di protesta verbale” e assicurato che in Venezuela si garantisce la libertà di manifestazione, un diritto sancito dalla Costituzione, e precisato che le forze dell’Ordine intervengono solo per assicurare l’ordine pubblico e non per reprimere i cittadini.

Come si ricorderà, il ministro Alfano, nei giorni scorsi, aveva condannato con parole assai dure, la violenza con la quale si reprime le proteste antigovernative.

– Reiteriamo la nostra forte preoccupazione e condanna per la crescente violenza con la quale sono represse le manifestazioni popolari di protesta in corso a Caracas e nel resto del Paese – aveva detto -. La manifestazione del dissenso è un diritto inalienabile dei cittadini e non può mai essere oggetto di intimidazione o di repressione.

Il ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano.

E aveva poi aggiunto:

– Confidiamo che il governo venezuelano presti ascolto con senso di responsabilità alle istanze della popolazione e dei suoi rappresentanti eletti. E’ necessario un dialogo aperto ed in buona fede con l’opposizione per poter scongiurare la grave crisi che continua a colpire il popolo venezuelano e stabilire così un calendario elettorale che consenta di superare l’attuale situazione di stallo. Invitiamo inoltre il governo a non alimentare la contrapposizione interna che potrebbe provocare ulteriori violenze e a garantire che il popolo sia chiamato a esprimersi esclusivamente con suffragio universale, libero, diretto e segreto.

Espressioni che non sono piaciute al governo del presidente Maduro, come d’altronde non era piaciuta la mozione promossa dal senatore Pier Ferdinando Casini, dopo aver visitato il Paese a dicembre, in occasione delle feste natalizie. La mozione, approvata a grande maggioranza dall’Aula, impegnava il Governo italiano ad adottare ogni iniziativa internazionale per ottenere dal Governo venezuelano un atteggiamento costruttivo, per impegnarlo a ripristinare la separazione dei poteri e salvaguardare le attribuzioni degli organi costituzionali; per favorire un dialogo tra Governo, opposizione e società civile; per ottenere la liberazione dei prigionieri politici.

Anche allora il nostro Ambasciatore fu chiamato al ministero degli Esteri venezuelano dove, in toni anche assai severi e non corrispondenti alla prassi diplomatica, si esprimeva il malessere del governo del presidente Maduro.

In questa occasione, il viceministro Gil, nel consegnare la “nota di protesta verbale”, ha sottolineato al nostro Ambasciatore che il governo del presidente Maduro ha invitato in reiterate occasioni al dialogo e rimarcato che dichiarazioni come quelle del ministro Alfano non contribuiscono a creare un clima di distensione, al contrario rappresentano uno stimolo per chi pretende sovvertire l’ordine costituito.

La crisi politica che vive il Paese è seguita con molto interesse dal mondo politico italiano che ha criticato aspramente la violenta repressione della protesta.

L’ex premier Matteo Renzi con il ministro Alfano

Nei giorni scorsi l’ex premier Matteo Renzi, nel suo account in facebook, è tornato a parlare della realtà del Venezuela. Ha scritto:

“In Italia alcuni partiti hanno individuato il Venezuela come un modello di democrazia. È una follia! Ciò che sta accadendo in queste ore dovrebbe far riflettere in tanti. Non possiamo fare finta di nulla. Nel tempo dell’informazione globale ciò che accade a Caracas riguarda anche noi. Chiediamo tutti insieme libertà e benessere per il Venezuela, Paese meraviglioso che non merita questa violenza”.

  • Pippo

    La doppia morale del socialismo bolivariano del XXI secolo: Dialogo Sì ma su piattaforme al servizio del Regime. Ivan Gil, pensi piuttosto ha onorare il Suo stipendio statale, prodigandosi a dare ascolto alla gran maggioranza del Suo popolo che chiede a gran voce un nuovo modello e nuove, corrette, libere e universali elezioni!

Ultima ora

15:12Donna uccisa in parco: aveva guanti, niente Dna sotto unghie

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - Indossava i guanti Marilena Negri, la 67enne uccisa ieri mattina nel parco di Villa Litta ad Affori, quartiere di Milano, e quindi anche se avesse cercato di difendersi, elemento questo su cui non ci sono certezze, non è rimasta traccia del profilo genetico dell'aggressore sotto le unghie della donna. Emerge dall'inchiesta condotta dalla Squadra mobile di Milano e coordinata dal pm Donata Costa. Dalle prime indicazioni dell'autopsia, eseguita stamattina, è stato confermato che la donna è stata colpita con una coltellata al lato sinistro del collo e all'evidenza non ci sarebbero altri segni di lesioni. Per chiarire se è stata colpita alle spalle, ipotesi possibile ma non certa, serviranno analisi più approfondite. Gli inquirenti attendono per le prossime ore una prima relazione sulla causa esatta della morte. E gli investigatori stanno verificando se sia stato sottratto un oggetto personale alla donna che nella borsa aveva solo chiavi.

15:07Violenza donne: in nove mesi 8.480 denunce stalking

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - Sono state 8.480 nel periodo gennaio-settembre 2017 le denunce per stalking, di cui oltre il 72% ai danni di donne, in calo del 15,76% rispetto alle 10.067 nello stesso periodo del 2016; i maltrattamenti in famiglia (il 79% ai danni delle donne) sono stati 9.818 a fronte di 10.876 nello stesso periodo del 2016 (-9,73%); le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 3.059 a fronte di 3.095 nello stesso periodo del 2106 (-1,16%). Si tratta di quelli che la Polizia considera 'reati spia' e "indici importanti di un rapporto uomo-donna malato, che può pericolosamente degenerare". Sono in leggera flessione: se da un lato può essere il segno di un miglioramento in materia di discriminazioni di genere, dall'altro la riduzione delle denunce potrebbe nascondere un sommerso di angoscia e solitudine. A sostegno delle donne, la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato ha attivato il progetto Camper, con funzionari di polizia, ma anche medici, psicologi, rappresentanti di centri antiviolenza.

14:52Gare truccate e voto di scambio,ex sindaco di nuovo in cella

(ANSA) - CASERTA, 24 NOV - Finisce nuovamente in carcere l'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Biagio Di Muro, già arrestato nel 2016, mentre rivestiva la carica di primo cittadino, nell'ambito di un'indagine anticamorra. Oggi a farlo finire in cella è stata invece un'indagine della Procura ordinaria, quella di Santa Maria Capua Vetere, che ne ha chiesto e ottenuto l'arresto dal Gip ritenendolo a capo di un'associazione a delinquere che gestiva, per fini di ritorno elettorale, nomine e appalti nel settore delle politiche sociali, aggiudicando a coop compiacenti progetti finanziati dall'Inps e dal Governo, attraverso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, come l'Home Care Premium, progetto promosso dall'INPS e destinato agli ex dipendenti INPDAP. Tra gli indagati, 35 in tutto, figura anche l'attuale deputata del Pd Camilla Sgambato (per abuso di ufficio), che risiede proprio a Santa Maria Capua Vetere.

14:52Sinagoga di Roma sarà illuminata di arancione

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - In occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne la Comunità Ebraica di Roma illuminerà di arancione, grazie al supporto di Acea, la facciata del Tempio Maggiore. Una scelta voluta per significare la necessità di un impegno concreto contro questo fenomeno e volto ad accendere l'attenzione su un tema così importante. All'accensione che si terrà sabato 25 novembre alle ore 18.15 parteciperà, oltre al Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni e alla Presidente Ruth Dureghello, la Sindaca di Roma Virginia Raggi. "I valori dell'ebraismo - ha spiegato la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello - vedono la donna al centro della famiglia, la sua figura pervade tutta la nostra cultura".

14:19Concussione: sindaco Mantova indagato, è giallo su denuncia

(ANSA) - MANTOVA, 24 NOV - La vicenda del sindaco Mattia Palazzi, indagato per concussione per aver chiesto favori sessuali in cambio di un contributo ad un'associazione, si tingerebbe di giallo. La presunta vittima, di cui la Gazzetta di Mantova non fa il nome ma che ha sentito, nega di essere l'autrice della denuncia contro il sindaco: "Non ho mai mosso nulla contro Palazzi – ha detto al quotidiano la vice presidente dell'associazione -. Anzi, dico di più: se emergeranno falsità sul suo conto lo difenderò. Lo conosco, ci siamo incontrati in occasioni pubbliche. Dal Comune di Mantova non abbiamo ricevuto neanche un euro, ma solo il patrocinio che neanche abbiamo mai usato". Presidente e vice presidente dell'associazione culturale ieri mattina sono state sentite come persone informate dai fatti dal sostituto procuratore Donatella Pianezzi. Al momento, dunque, non è ancora chiaro chi abbia presentato denuncia contro il sindaco.

14:10Stadio Roma: tutti pareri favorevoli, nodo prescrizioni

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - A quanto si apprende tutti e 4 pareri unici sullo Stadio della Roma arrivati in conferenza servizi, da Comune Regione Stato e città metropolitana, sono favorevoli con prescrizioni. E il nodo della discussione in corso oggi è l'entità delle prescrizione avanzate dalle istituzioni. Si devono dirimere le eventuali contraddizioni tra le diverse prescrizioni, tra cui quelle sulla mobilità, arrivando a una soluzione unitaria. E' pertanto possibile che la conferenza decisoria non termini in giornata.

14:10Ruby: chiesto giudizio Silvio Berlusconi

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Una richiesta di rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi è stata depositata dalla Procura di Torino. Il procedimento è uno dei filoni della cosiddetta inchiesta 'Ruby ter' ed è stato originato dalla decisione presa il 29 aprile 2016 da un gup di Milano di 'spacchettare' il processo principale e di trasferire gli atti a sette diverse procure per competenza territoriale. Berlusconi è indagato per corruzione in atti giudiziari insieme a Roberta Bonasia, 32 anni, di Nichelino, ex infermiera poi diventata modella. Secondo le indagini, svolte originariamente dalla procura di Milano, l'ex premier destinò somme di denaro alla Bonasia, che poi avrebbe reso testimonianze non veritiere nei procedimenti sulle cene di Arcore. Per la donna si è così aggiunta un'ipotesi d'accusa di false dichiarazioni. (ANSA).

Archivio Ultima ora