Obbligo dei vaccini a scuola divide il governo

Pubblicato il 11 maggio 2017 da ansa

ROMA. – Governo diviso sull’obbligo delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola. Oggi il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, convinta sostenitrice della necessità di tornare all’obbligatorietà per contrastare il ritorno di pericolose malattie, ha reso noto che è pronto un testo di legge in merito, e che è sua intenzione ”aprire una discussione con i colleghi di governo”, forse già domani in Consiglio dei Ministri. Ma da Palazzo Chigi arriva lo stop: “Domani all’esame del Consiglio dei ministri non è previsto alcun testo di legge relativo ai vaccini”.

L’obiettivo, si piega in ambienti di governo, è di stoppare sul nascere possibili polemiche su qualcosa che ancora non c’è, rimandando la discussione a quando il testo sarà definito e portato in Consiglio dei Ministri. In questo quadro, il ministro dell’ Istruzione Valeria Fedeli, aveva nei giorni scorsi sollevato perplessità sul provvedimento.

Perplessità rimarcate anche oggi rimarcando che “l’obbligo dei vaccini non deve andare contro il diritto all’istruzione”: il riferimento è alla obbligatorietà dei vicini per essere ammessi nelle scuole, così come sarebbe previsto nella bozza del dl Lorenzin.

Una partita in cui entra anche il pd di Matteo Renzi, assolutamente favorevole al provvedimento. “Stop dal Cdm sui vaccini obbligatori? Mi auguro che si tratti solo di un disguido comunicativo. Il governo fa bene a mandare un nuovo segnale chiaro sui vaccini, è bene che su questo non risultino marce indietro e che il decreto venga fatto prima possibile”, dice Michele Anzaldi, responsabile comunicazione del segretario.

“Sui vaccini il governo non deve mostrare incertezze – sostiene – non devono esserci gialli o dubbi. Tutti gli italiani sanno che il governo Gentiloni è in piena continuità con il governo Renzi sul valore della vaccinazione. E’ comprensibile che ci siano tempi tecnici da rispettare, come ha detto anche Lorenzin annunciando il decreto, ma è bene che il messaggio che arriva all’opinione pubblica sia più chiaro possibile”.

Ma resta comunque la divisione su un punto nodale. Da un lato l’esigenza di salvaguardare la salute pubblica, con il ministro che lo scorso gennaio ha già raggiunto un accordo per il ritorno all’obbligo con gli assessori delle regioni, dall’altro il diritto all’istruzione.

Lo scorso 7 febbraio si era svolto un incontro tra la Ministra dell’Istruzione, Valeria Fedeli, e la Ministra Lorenzin. In questo incontro, Fedeli “si era espressa per la tutela dei bambini, e quindi per l’obbligatorietà delle vaccinazioni, sottolineando però che si deve trovare il modo per garantire al contempo anche il diritto costituzionale all’istruzione”. Su questo i due ministeri stanno lavorando da oltre due mesi.

A spiegare la ratio del provvedimento è la stessa Lorenzin: “Ho pronto un testo di legge che prevede l’obbligatorietà delle vaccinazioni per l’accesso alla scuola dell’obbligo con un ampliamento delle vaccinazioni obbligatorie indicate dal nostro ministero. Tutte le vaccinazioni che sono nel piano vaccinale approvato nei Livelli essenziali di assistenza sono necessarie per la salute delle persone”.

A spingere il ministro è soprattutto la necessità di “rispondere ad una emergenza”, per “salvaguardare la salute della popolazione scolastica”. Infatti, ha avvertito, “stare sotto la soglia vaccinale è un vero e proprio pericolo: l’epidemia in atto di morbillo la dice lunga, ma pensiamo alle varie malattie che possono arrivare, anche più gravi”.

Questo testo, ha aggiunto Lorenzin, “risponde alla necessità di avere norme uniche in tutta Italia visto che le regioni si stanno muovendo in ordine sparso”. Ed infatti, in Emilia-Romagna l’obbligo esiste per i bambini iscritti al nido e per le quattro vaccinazioni oggi obbligatorie. Trieste ha esteso l’obbligo anche alla materna. La Toscana sta esaminando una norma per allargare l’obbligo anche alle vaccinazioni raccomandate. E verso l’obbligo stanno andando anche Piemonte e Lombardia.

Ma se il Pd è pronto a sostenere il provvedimento “perchè sul tema c’è una pericolosa confusione e ambiguità e dai dati emerge che cresce il numero di persone che decidono di non avvalersi dei vaccini”, il gruppo Ala-Scelta Civica chiede invece le dimissioni delle Lorenzin, ed il Codacons annuncia di essere pronto a ricorrere alla Corte Ue dei diritti dell’uomo contro una “legge incostituzionale”.

(Di Manuela Correra/ANSA)

Ultima ora

13:13Alluvione Capoterra: tutti assolti, anche ex sindaco

(ANSA) - CAGLIARI, 21 LUG - Tutti assolti con formula piena, perché il fatto non sussiste, gli otto imputati al processo per l'alluvione del 22 ottobre 2008 a Capoterra (Cagliari), che provocò la morte di quattro persone. E' la sentenza letta questa mattina dai giudici del Tribunale di Cagliari. Tra gli imputati c'era anche l'ex sindaco della cittadina a 20 km da Cagliari, Giorgio Marongiu, accusato di non aver preso provvedimenti idonei dopo l'allerta meteo, per il quale già il pm durante la requisitoria aveva richiesto l'assoluzione. L'accusa aveva chiesto la condanna a un anno e otto mesi per Giovanni Calvisi, presidente della cooperativa Poggio dei Pini, Antonio Deplano e Sergio Virgilio Cocciu, rispettivamente direttore e funzionario del Genio Civile, e l'assoluzione, invece, per gli altri cinque imputati. (ANSA).

13:13Calcio: Guardiola ufficializza Kolarov alla Roma

(ANSA) - MANCHESTER, 21 LUG - "Non mi piace lavorare con persone che non vogliono rimanere. Kolarov mi ha aiutato molto la scorsa stagione in molte cose. Ora ha una grande opportunità di tornare a Roma dove già è stato e ha detto al club, ma soprattutto a me che vuole andare via". Il tecnico del Machester City, Pep Guardiola, ufficializza praticamente lo sbarco di Aleksandar Kolarov alla Roma, squadra con cui lo stesso allenatore spagnolo ha giocato in passato. "Gli auguro tutto il meglio possibile, perché è veramente un bravo ragazzo. Abbiamo avuto un grandissimo rapporto e sono molto contento di averlo allenato. Auguro a lui e alla sua famiglia il meglio", conclude Guardiola.

12:59Catalogna: sondaggio, vince ‘no’ ad indipendenza 49% a 41%

(ANSA) - BARCELLONA, 21 LUG - Un sondaggio Ceo pubblicato oggi a Barcellona in vista del referendum sull'indipendenza del 1 ottobre indica in crescita il 'no' al 49,4% e in calo al 41,1% il 'si', con un 9,5% di indecisi. In dicembre il 45,3% si pronunciava per il 'si' e il 46,8% per il 'no'. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha annunciato che il referendum, definito "illegale" dal premier spagnolo Mariano Rajoy che ha promesso di impedirlo, si svolgerà il primo ottobre e sarà "vincolante".

12:51Incendi: Liguria, devastati 200 ettari in Parco del Beigua

(ANSA) - GENOVA, 21 LUG - Duecento ettari di bosco sono andati in fumo nell'incendio che per cinque giorni ha devastato il Parco del Beigua, nelle province di Genova e Savona. Sul Monte Reixa, sulla Rocca Vaccaria o nella Valle della Malanotte, spiega la direzione contando i danni, "la situazione è decisamente sconfortante, con i versanti esposti più a sud pesantemente violentati dal fuoco". Sono bruciati ettari di prateria montana, pinete e arbusteti, numerosi habitat di interesse comunitario e un imprecisato numero di animali selvatici. Per quanto attiene le presenze ornitologiche, l'area è un sito importantissimo per la nidificazione di uccelli come il Calandro, la Tottavilla, il Codirossone, la Pernice rossa e molte altre specie di uccelli che nidificano al suolo. "Nelle prossime settimane i tecnici dell'ente Parco completeranno le ricognizioni sul terreno ed inizieranno a predisporre progetti specifici per attivare interventi di riqualificazione degli ambienti distrutti dagli incendi degli ultimi giorni". Per domare il rogo sono intervenuti i vigili del fuoco, ma anche i volontari della protezione civile e un Canadair. I responsabili dell'ente ricordano come sia fondamentale rispettare le leggi che regolano l'uso del fuoco in un periodo dell'anno così a rischio come l'estate. (ANSA).

12:35Renzi, alzare i salari è l’elemento chiave

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - "Alzare i salari è l'elemento chiave. Il tema del recuperare il potere d'acquisto è il tema fondamentale". Lo ha detto il segretario del Pd Matteo Renzi, intervistato stamani in diretta da Lady Radio, commentando le affermazioni del presidente della Bce Mario Draghi sulla ripresa economica, "finalmente robusta". "Ma quando abbiamo fatto gli 80 euro, che tanti hanno preso in giro, questa è stata una cosa che finalmente dopo anni si è fatta - ha aggiunto Renzi - è un tentativo di togliere, magari dai superstipendi dei manager pubblici, perché con il decreto legge che ha introdotto gli 80 euro abbiamo anche messo il tetto ai supermanager o presunti tali, pubblici, e di dare invece a chi fa fatica ad arrivare alla fine del mese".

12:31Calcio: Bonucci carica Milan, nulla è impossibile

(ANSA) - MILANO, 21 LUG - Nulla è impossibile, uniti si vince. Appena sbarcato sul pianeta Milan, Leonardo Bonucci dimostra l'attitudine alla leadership con un paio di slogan. Il primo lo ha pronunciato al telefono quando per la prima volta l'ad rossonero Marco Fassone gli ha prospettato l'idea del trasferimento. "Era nata quasi per caso, pareva impossibile, e Leo mi ha interrotto subito: 'Direttore, niente è impossibile, quando c'è la volontà di fare le cose si possono portare a termine'", ha raccontato l'ad durante la presentazione del giocatore sul social network cinese Weibo, ringraziando Franck Kessie per aver ceduto a Bonucci la maglia 19: "E' stato comprensivo. Siamo un team, superiamo ogni granello che si voglia inserire nel nostro ingranaggio". "Il Milan merita di tornare a vestire un abito importante in Italia e in Europa - ha notato Bonucci -. Uniti si vince: la forza deve essere quella della squadra, il singolo da solo fa nulla. Tutti insieme possiamo tornare in alto".

12:26Libia: Macron invita Farraj e Haftar a Parigi

(ANSA) - PARIGI, 21 LUG - Il premier libico Fayez al-Sarraj e il generale Khalifa Haftar si incontreranno a Parigi la prossima settimana su invito del presidente francese, Emmanuel Macron. Lo rende noto il quotidiano saudita Al-Hayat. Secondo il canale giordano 218, il vertice dovrebbe tenersi il 25 o 26 luglio. L'informazione non è stata ancora confermata né dall'esercito libico, né dal governo di Tripoli. A metà luglio il capo dell'Eliseo aveva annunciato nuove iniziative diplomatiche volte a riportare la stabilità in Libia.

Archivio Ultima ora