Trump ammette: “Ho dato informazioni ai russi, è un mio diritto”

Pubblicato il 16 maggio 2017 da ansa

US President Donald J. Trump (R) parla con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov (L) durante l’incontro alla Casa Bianca.
EPA/RUSSIAN FOREIGN MINISTRY HANDOUT MANDATORY CREDIT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

WASHINGTON. – Donald Trump attraversa il cerchio di fuoco delle polemiche sollevato dallo scoop del Wp rivendicando il suo “diritto assoluto” di condividere con i russi informazioni utili a combattere il terrorismo. E dirottando l’attenzione contro le “talpe” dell’intelligence che aveva chiesto di stanare al capo dell’Fbi James Comey, anche se per ironia della sorte ora tocca a lui rivestire involontariamente i panni della ‘gola profonda’.

“Come presidente volevo condividere con la Russia (in un incontro alla Casa Bianca programmato pubblicamente), cosa che ho il diritto assoluto di fare, fatti relativi al terrorismo e alla sicurezza del volo aereo. Ragioni umanitarie, inoltre voglio che la Russia rafforzi notevolmente la sua lotta contro l’Isis e il terrorismo”, ha twittato di buon mattino.

“Fatti”, scrive senza mai confermare che si trattava di una notizia classificata fornita da un governo alleato: quella relativa ad un presunto piano terroristico dell’Isis per usare come bombe nelle cabine degli aerei i laptop, che gli Usa hanno già vietato nei voli da otto Paesi musulmani e che ora potrebbero proibire anche su quelli provenienti dall’Europa.

I cinguetti suonano però come un’ammissione dagli effetti clamorosi e potenzialmente devastanti, spiazzando il suo entourage (come già accaduto in passato), e rischiando di minare la fiducia non solo della fonte di intelligence alleata (individuata dal Nyt in Israele, seconda tappa del suo primo viaggio all’estero) ma anche quella di molti alleati europei.

Fonti del servizio diplomatico Ue hanno gettato acqua sul fuoco sostenendo che “l’Unione europea condivide l’intelligence con gli Usa e continuerà a farlo” e che “gli Usa condivideranno con noi qualsiasi cosa pensano di dover condividere”. Ma un alto funzionario di un servizio segreto europeo ha riferito alla AP che il suo paese potrebbe smettere di scambiare informazioni con gli Stati Uniti perché “potrebbe essere pericoloso per le nostre fonti”.

Lo stesso sen. John McCain ha riconosciuto che le azioni di Trump mandano “un segnale preoccupante agli alleati e partner americani nel mondo e potrebbero ostacolare la condivisione dell’intelligence con noi in futuro”. Una questione che rischia di emergere al prossimo vertice Nato.

Ma i primi ad essere stati presi in contropiede sono stati il suo consigliere per la sicurezza nazionale H.R. Mcmaster, la sua vice Dina Powell e il ministro degli esteri Rex Tillerson, che lunedì sera si erano affrettati a liquidare l’articolo del Wp come “falso” negando che Trump avesse discusso con i russi “fonti o metodi di intelligence” o “operazioni militari che non fossero già note pubblicamente”.

Non rispondendo però alle domande avevano infuocato le polemiche, tanto che il Wp aveva risposto per le rime alla Casa Bianca osservando che non aveva smentito nulla del suo servizio, confermato poi da ulteriori fonti – sempre anonime – ad altri media. McMaster è stato così costretto a programmare un briefing con la stampa per correggere il tiro.

A suo avviso Trump ha avuto un comportamento “totalmente appropriato” con i russi, condividendo informazioni che ritiene possano migliorare la sicurezza nazionale, con l’obiettivo di incoraggiare la cooperazione nella lotta all’Isis. Il presidente “non era a conoscenza della fonte di intelligence e non l’ha compromessa”, ha sottolineato, aggiungendo di non temere lo stop della condivisione di informazioni top secret.

Gli esperti sono divisi sulla legittimità da parte di Trump di rivelare informazioni classificate con il ministro degli esteri russo ma il Nyt, uno dei giornali più critici nei suoi confronti, riconosce che il presidente ha il potere e l’autorità legale per declassificare o rivelare qualsiasi cosa. Resta però una montagna di critiche.

Innanzitutto per aver infranto una prassi consolidata nella comunità dell’intelligence, condividendo una informazione ricevuta da un partner senza chiederne l’autorizzazione, minando così la sua fiducia e, a catena, quella di altri alleati. La seconda è averla passata a quei russi con cui gli Usa vogliono cooperare in Siria ma con una agenda diversa, consentendo loro di identificare e mettere fuori gioco la fonte (di cui Trump avrebbe rivelato la città).

E aumentando i sospetti di ‘relazioni pericolose’ nel pieno del Russia-gate. La rivelazione di Trump lo espone inoltre alle accuse di doppi standard, soprattutto dei dem, dopo aver criticato Hillary Clinton per la sua gestione delle informazioni classificate nell’Email-gate. E suscita i malumori anche del suo partito, timoroso che i continui scandali della Casa Bianca e l’interrogativo sull’idoneità del presidente compromettano l’agenda al Congresso.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

23:04I campioni dell’ Nba non andranno alla Casa Bianca, ‘delusi’

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - L'intera squadra dei Golden State Warriors, campione in carica della Nba, la principale lega professionistica del basket americano, non andrà alla Casa Bianca. In una nota il team si dice "deluso" e difende la sua star Stephen Curry, attaccata dal presidente americano. "Non c'è niente di più americano della possibilità che ogni cittadino possa esprimere liberamente le sue opinioni", si legge. I Warriors annunciano comunque che saranno ugualmente a Washington in febbraio e, invece della programmata visita alla Casa Bianca, troveranno il modo per "celebrare l'uguaglianza, la diversità e l'inclusione. Tutti valori che la nostra organizzazione - si legge ancora - sostiene da sempre".

21:32Minniti a Atreju,applausi e fischi,’ma non sono Crozza’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il timore lo confessa subito: "mentre venivo qui pensavo: se mi applaudono troppo, significa che mi hanno scambiato per Crozza". Il ministro dell'Interno Marco Minniti esordisce così al dibattito ad Atreju, la festa di Fratelli d'Italia. Alla fine di un vivace confronto durato oltre un'ora, avrà incassato molti applausi ma anche qualche fischio - soprattutto quando liquida il fascismo - da parte di una platea con diversi nostalgici del Ventennio. Minniti strizza l'occhio al pubblico di Atreju quando ricorda che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio gli fu assegnata la stanza con la scrivania di Mussolini e, da sottosegretario alla Difesa, quella di Balbo. Rivendica i risultati ottenuti sul fronte dell'immigrazione illegale, la direttiva sugli sgomberi che "concilia il principio di legalità con quello di umanità" e l'eliminazione del grado di appello nei ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato: "sono ministro da 9 mesi, perché queste cose non le hanno fatte i governi di centrodestra?".

21:26Calcio: Sarri “Non ci sentiamo l’antagonista della Juventus”

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti-Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia per continuare a lavorare".

21:12Premier: Liverpool corsaro a Leicester, vetta a -5

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Vittoria sofferta e 'pesante' del Liverpool al Leicester Stadium. E' finita 3-2 per la squadra di Jurgen Klopp che deve ringraziare Jamie Vardy che ha sbagliato il rigore del possibile pari a 17' minuti dal termine. Reds avanti 2-0 grazie alle reti di Salah (15') e Coutinho (23') prima del risveglio della squadra di casa con Okazaki (48' pt). Nella ripresa Herserson (68') porta a tre le reti degli ospiti ma Vardy un minuto dopo (69') riporta sotto le Foxes. Decisivo, come detto, l'errore dal dischetto dell'attaccante che al 73' spara sui guantoni di Mignolet la palla del possibile pareggio. In classifica il Liverpool sale a 11 punti, cinque in meno delle capoliste City e United (16) e due in meno del Chelsea (13).

Archivio Ultima ora