Trump ammette: “Ho dato informazioni ai russi, è un mio diritto”

Pubblicato il 16 maggio 2017 da ansa

US President Donald J. Trump (R) parla con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov (L) durante l’incontro alla Casa Bianca.
EPA/RUSSIAN FOREIGN MINISTRY HANDOUT MANDATORY CREDIT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

WASHINGTON. – Donald Trump attraversa il cerchio di fuoco delle polemiche sollevato dallo scoop del Wp rivendicando il suo “diritto assoluto” di condividere con i russi informazioni utili a combattere il terrorismo. E dirottando l’attenzione contro le “talpe” dell’intelligence che aveva chiesto di stanare al capo dell’Fbi James Comey, anche se per ironia della sorte ora tocca a lui rivestire involontariamente i panni della ‘gola profonda’.

“Come presidente volevo condividere con la Russia (in un incontro alla Casa Bianca programmato pubblicamente), cosa che ho il diritto assoluto di fare, fatti relativi al terrorismo e alla sicurezza del volo aereo. Ragioni umanitarie, inoltre voglio che la Russia rafforzi notevolmente la sua lotta contro l’Isis e il terrorismo”, ha twittato di buon mattino.

“Fatti”, scrive senza mai confermare che si trattava di una notizia classificata fornita da un governo alleato: quella relativa ad un presunto piano terroristico dell’Isis per usare come bombe nelle cabine degli aerei i laptop, che gli Usa hanno già vietato nei voli da otto Paesi musulmani e che ora potrebbero proibire anche su quelli provenienti dall’Europa.

I cinguetti suonano però come un’ammissione dagli effetti clamorosi e potenzialmente devastanti, spiazzando il suo entourage (come già accaduto in passato), e rischiando di minare la fiducia non solo della fonte di intelligence alleata (individuata dal Nyt in Israele, seconda tappa del suo primo viaggio all’estero) ma anche quella di molti alleati europei.

Fonti del servizio diplomatico Ue hanno gettato acqua sul fuoco sostenendo che “l’Unione europea condivide l’intelligence con gli Usa e continuerà a farlo” e che “gli Usa condivideranno con noi qualsiasi cosa pensano di dover condividere”. Ma un alto funzionario di un servizio segreto europeo ha riferito alla AP che il suo paese potrebbe smettere di scambiare informazioni con gli Stati Uniti perché “potrebbe essere pericoloso per le nostre fonti”.

Lo stesso sen. John McCain ha riconosciuto che le azioni di Trump mandano “un segnale preoccupante agli alleati e partner americani nel mondo e potrebbero ostacolare la condivisione dell’intelligence con noi in futuro”. Una questione che rischia di emergere al prossimo vertice Nato.

Ma i primi ad essere stati presi in contropiede sono stati il suo consigliere per la sicurezza nazionale H.R. Mcmaster, la sua vice Dina Powell e il ministro degli esteri Rex Tillerson, che lunedì sera si erano affrettati a liquidare l’articolo del Wp come “falso” negando che Trump avesse discusso con i russi “fonti o metodi di intelligence” o “operazioni militari che non fossero già note pubblicamente”.

Non rispondendo però alle domande avevano infuocato le polemiche, tanto che il Wp aveva risposto per le rime alla Casa Bianca osservando che non aveva smentito nulla del suo servizio, confermato poi da ulteriori fonti – sempre anonime – ad altri media. McMaster è stato così costretto a programmare un briefing con la stampa per correggere il tiro.

A suo avviso Trump ha avuto un comportamento “totalmente appropriato” con i russi, condividendo informazioni che ritiene possano migliorare la sicurezza nazionale, con l’obiettivo di incoraggiare la cooperazione nella lotta all’Isis. Il presidente “non era a conoscenza della fonte di intelligence e non l’ha compromessa”, ha sottolineato, aggiungendo di non temere lo stop della condivisione di informazioni top secret.

Gli esperti sono divisi sulla legittimità da parte di Trump di rivelare informazioni classificate con il ministro degli esteri russo ma il Nyt, uno dei giornali più critici nei suoi confronti, riconosce che il presidente ha il potere e l’autorità legale per declassificare o rivelare qualsiasi cosa. Resta però una montagna di critiche.

Innanzitutto per aver infranto una prassi consolidata nella comunità dell’intelligence, condividendo una informazione ricevuta da un partner senza chiederne l’autorizzazione, minando così la sua fiducia e, a catena, quella di altri alleati. La seconda è averla passata a quei russi con cui gli Usa vogliono cooperare in Siria ma con una agenda diversa, consentendo loro di identificare e mettere fuori gioco la fonte (di cui Trump avrebbe rivelato la città).

E aumentando i sospetti di ‘relazioni pericolose’ nel pieno del Russia-gate. La rivelazione di Trump lo espone inoltre alle accuse di doppi standard, soprattutto dei dem, dopo aver criticato Hillary Clinton per la sua gestione delle informazioni classificate nell’Email-gate. E suscita i malumori anche del suo partito, timoroso che i continui scandali della Casa Bianca e l’interrogativo sull’idoneità del presidente compromettano l’agenda al Congresso.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

22:07Omosessualità è ‘malattia’, Torino Pride contro libro prete

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Definisce l'omosessualità "una malattia" e una "anomalia sessuale". E' polemica per il libro 'Ti amo. La sessualità raccontata agli adolescenti' di don Paolo Gariglio, con prefazione dell'arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, distribuito ad un centinaio di adolescenti che partecipano ai campi estivi delle parrocchie di Nichelino, nel Torinese. Per il Torino Pride si tratta di un libro "disseminato di affermazioni omofobe oggi non più accettabili". Dal Torino Pride e dal suo coordinatore Alessandro Battaglia, la richiesta "ufficiale alla Città di Nichelino di prendere posizione. Quello che più ci lascia attoniti - attacca - non sono i contenuti, ai quali siamo abituati, quanto i destinatari", guidati "con menzogne e affermazioni anti scientifiche di un anziano uomo di fede che forse non ha immaginato il male che avrebbe provocato a ragazzi in una fase della vita così delicata. Il germe della discriminazione e del non amore - conclude - purtroppo nasce sempre dalla non conoscenza". (ANSA).

22:07A Milano tuffo in Darsena non autorizzato per consiglieri

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - Tuffo nella Darsena di Milano per tre consiglieri comunali della lista civica 'Noi Milano', ma senza l'autorizzazione del Comune. Franco D'Alfonso, Enrico Marcora e Marco Fumagalli (della lista del sindaco Beppe Sala) hanno fatto una nuotata per dimostrare che il bagno si può fare. Anche per questo presenteranno un ordine del giorno per proporre una balneazione regolamentata. I consiglieri bagnanti, tra cui anche Alessandro Morelli, il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, avevano chiesto il permesso di balneazione con una lettera al sindaco, Giuseppe Sala, all'assessore al Bilancio e Demanio Roberto Tasca e all'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Il permesso di balneazione è stato però negato dall'assessorato alla Sicurezza. I consiglieri si sono tuffati comunque alle 13 di oggi, come avevano annunciato, anche perché, come ha fatto notare Alessandro Morelli, la lettera "è arrivata alle 12:59 quando noi ci stavamo già per tuffare". Ora rischiano una multa fino a 150 euro.

21:44Benzina per eliminare pidocchi, mamma e bimba ustionate

(ANSA) - FIRENZE, 24 LUG - Una bambina di 12 anni e la sua mamma sono ricoverate con gravi ustioni per il tentativo di aver cercato di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. La bimba è ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni di secondo e di terzo grado alla testa, la mamma al centro grandi ustionati di Pisa con bruciature agli arti e al volto. Entrambe sono in prognosi riservata. E' accaduto alcuni giorni fa a Firenze ma è emerso solo oggi. La donna avrebbe avuto il suggerimento dell'uso della benzina per eliminare i parassiti dai capelli della figlia alla quale avrebbe praticato un impacco di liquido infiammabile. Non è chiaro se anche lei si sia sottoposta allo stesso trattamento. La vicinanza di una fiamma avrebbe dato poi fuoco al preparato ferendo mamma e figlia. (ANSA).

21:27Gerusalemme: colloquio Netanyahu-Abdallah,’soluzione vicina’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 LUG - Una telefonata di mezz'ora fra il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, e re Abdallah di Giordania si è conclusa positivamente. Adesso pare vicina una intesa che prevede in parallelo la rimozione dei metal detector dalla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e il ritorno in Israele dell'agente di sicurezza coinvolto in incidente nell' ambasciata di Israele ad Amman. Lo sostiene la televisione commerciale Canale 10. Fonti nell'ufficio di Netanyahu si limitano per il momento ad affermare che "i contatti fra Israele e Giordania si sono svolti in un'atmosfera di cooperazione" e che "non c'è stata alcuna richiesta giordana di collegare il ritorno dell'agente con la rimozione dei metal detector dal Monte del Tempio", ossia la Spianata delle Moschee.

21:26Calcio: Sampdoria toglie dal mercato Schick

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - La Sampdoria ha deciso di togliere Patrick Schick dal mercato. Il giocatore ora è a riposo dopo gli esami clinici che avevano evidenziato un'infiammazione al cuore, cosa questa che aveva fatto saltare la trattativa tra blucerchiati e Juventus. L'attaccante ceco dovrà aspettare dopo ferragosto per sottoporsi a nuovi accertamenti e a quel punto il suo futuro sarà deciso in chiave mercato con Inter, Juve e Paris Saint Germain alla finestra. Ma intanto la Samp ha giocato d'anticipo e vorrebbe trattenere Schick ancora una stagione.

21:21Migranti: in video poliziotto a giovane nero,torna in Africa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Un ragazzo di colore strattonato da un funzionario di polizia che gli urla di uscire dalla stazione. "Te ne devi andare", "vai al tuo Paese", "vai in Africa", "torna nel Burundi", "fuori dalle balle". A pochi giorni dal caso del poliziotto sospeso per gli insulti razzisti nei confronti di un ragazzo di colore in bicicletta in autostrada, gli attivisti del gruppo Progetto 20k, che offre aiuto ai migranti a Ventimiglia, hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook un video nel quale si vede un funzionario della polizia mentre in stazione pronuncia le frasi riportate nei confronti di un ragazzo di colore. Il video ha raggiunto decine di migliaia visualizzazioni e oltre mille condivisioni con i commenti che si dividono tra chi dà ragione al poliziotto e chi lo critica. "I toni, il linguaggio utilizzato e l'atteggiamento del funzionario di polizia - scrivono gli attivisti nel post sul social - sono indice del clima di costante ostilità che circonda i migranti in transito per la città di frontiera".

21:20Incendi: in fiamme il sud-est della Francia e la Corsica

(ANSA) - PARIGI, 24 LUG - Il sud-est della Francia e il nord della Corsica sono in fiamme. Mentre 5 Canadair e 450 pompieri stanno cercando di domare un incendio che ha già bruciato 600 ettari di foresta sul massiccio di Luberon, a sud del dipartimento di Vaucluse, una decina di case sono state evacuate a Carros, piccolo centro situato a pochi chilometri a nord di Nizza, dove sono impiegati attualmente 270 vigili del fuoco. A fuoco anche il nord della Corsica, per un incendio divampato nel pomeriggio nei pressi di Olmeta di Tuda, che ha divorato almeno 900 ettari di terreno.

Archivio Ultima ora