Alfano: “Impegnati a tutelare gli italiani in Venezuela”

Pubblicato il 17 maggio 2017 da redazione

Il ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano.

 

 

ROMA  – Presso la comunità internazionale è ormai maturata la convinzione che “in Venezuela i rischi di una potenziale guerra civile sono concreti”. Lo ha detto il ministro Angelino Alfano in un’informativa al Senato sul Venezuela.

– Il governo venezuelano – ha aggiunto – ha scelto purtroppo la strada dell’isolamento. Uscire dalla Organizzazione degli Stati Americani è una decisione molto significativa.

Quindi il ministro ha affermato che il Venezuela è un paese a cui l’Italia tiene molto “per i legami storici”

– Oserei dire che sono legami di sangue – ha sottolineato il ministro che poi ha commentato con preoccupazione:

– I rischi della situazione coinvolgono almeno 150.000 cittadini italiani. L’impegno del nostro governo in Venezuela è volto anche alla tutela degli italiani residenti nel Paese. Stiamo cercando di fornire loro sostegno e assistenza, nonostante – ha precisato – i margini di azione imposti dal governo di Caracas siano molto limitati. La Farnesina ha predisposto un piano di assistenza per 1 milione di euro destinato ai connazionali più bisognosi. Stiamo anche rafforzando il contingente dei carabinieri presso il consolato generale, nonché la sicurezza presso l’ambasciata.

 

 

Ha quindi assicurato che “il governo sta lavorando affinchè le aziende italiane in Venezuela recuperino i 3miliardi di crediti che vantano”.

– Le nostre aziende – ha spiegato nel corso della sua informativa – sono ben radicate nel territorio e non hanno abbandonato il paese. E importante che vengano ricompensate per il loro impegno

Il ministro degli Esteri ha assicurato che l’Italia “ha sempre collaborato in maniera costruttiva con Caracas”, ma ha anche precisato che “non può essere inerme davanti alla grande crisi che colpisce il popolo venezuelano”.

Come giá fatto giorni fa, commentando le notizie della violenza con cui si reprimono le manifestazioni in tutto il Paese, il ministro Alfano ha sostenuto energicamente che “la violenza non è la soluzione” e  rimarcato che  “la manifestazione del dissenso è un diritto inalienabile dei cittadini”

 

 

– Lo abbiamo fatto presente alle autorità di Caracas – ha aggiunto Alfano ricordando che su iniziativa dell’Italia al Consiglio degli Esteri a Bruxelles è stato approvato un documento comune in cui si chieda la cessazioni delle violenze in Venezuela e la ripresa urgente del dialogo. Il ministro ha anche spiegato di “aver portato le preoccupazioni e le proteste del governo italiano per le modalità con cui il governo di Caracas sta reprimendo le manifestazioni di piazza delle opposizioni”. L’Italia, ha sottolineato il titolare della Farnesina, ha proposto “soluzioni diplomatiche nel rispetto dell’indipendenza di uno stato sovrano”

– Il governo Maduro – ha detto Alfano – ha rispedito al mittente ogni critica definendo le mie osservazioni ‘perniciose e animate da finalità interventistiche’.

Ed infatti, come si ricorderà, il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, è stato chiamato dalla “Casa Amarilla” e il Viceministro per l’Europa, Yvàn Gil, gli ha consegnato una “nota di protesta verbale”.

Il ministro ha commentato che oggi “continua a mancare la volontà politica di superare lo scontro e avviare un dialogo genuino”. l governo di Caracas, ha sottolineato il capo della diplomazia italiana, “non ha messo mano al calendario delle elezioni amministrative, rinviate sine die, l’oppositore Leopoldo Lopez continua a essere detenuto in isolamento e non si è cessato di assumere provvedimenti discriminatori nei confronti dei leader dell’opposizione, basti pensare all’interdizione dalle elezioni di Henrique Capriles per i prossimi 15 anni”.

Il senatore Pier Ferdinando Casini

 

 

L’intervento del ministro è stato apprerezzato ed applaudito dal mondo politico italiano con poche, pochissime eccezioni.

– La linea indicata dal ministro degli Esteri credo debba essere la linea di tutto il Parlamento – ha sostenuto, nell’Aula di Palazzo Madama, il presidente della commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini che ha ricordato anche come la lettera che il Cardinale Parolin inviò a Caracas lo scorso primo dicembre, in cui si invitava al dialogo, alla liberazione dei prigionieri politici e alla fissazione di una data per le elezioni, sia rimasta per lo più disattesa.

Casini ha quindi annunciato che parteciperà alla sessione del Parlamento latino-americano a Brasilia che sarà dedicata all’autoritarismo del governo di Caracas.

– E faccio presente – ha osservato – che prima il Brasile era uno dei principali sponsor del governo chavista del Venezuela.

Il presidente della commissione Esteri ha ringraziato dunque la “diplomazia italiana” per quanto sta facendo in Paesi in “profonda crisi” come il Venezuela e il Capo dello Stato Mattarella “che si è fatto carico del disagio che c’è non solo in Ue e in Italia ma anche tra i nostri connazionali a Caracas”, mentre “avrebbe potuto limitarsi a comportamenti più formali”.

Dal canto suo, il senatore Francesco Amoruso, del gruppo Ala-Scelta Civica, ha commentato che “il ministro Alfano ha detto due grandi verità: in primo luogo in Venezuela si rischia la guerra civile e in secondo luogo l’Italia tiene molto alla sua comunità in loco. Oggi il Venezuela è uno Stato in profonda crisi economico-sociale ma, accanto a questo, vi è anche una crescente crisi politica e istituzionale, vi è un’Assemblea nazionale dove le opposizioni sono maggioranza ma che ormai non viene più convocata, anzi, c’è stato il tentativo da parte del tribunale supremo di giustizia di sostituirsi all’Assemblea nazionale.

Quindi ha aggiunto:

– La situazione è drammatica a livello politico e a livello umanitario a causa della mancanza assoluta di generi alimentari e di medicinali. Sono decine i morti durante le manifestazioni contro il Governo e migliaia i feriti. Da quando il Vaticano ha cercato una via di dialogo, partendo da richieste minime come assicurare i canali umanitari, liberare i prigionieri politici, restituire al Parlamento la funzione che gli spetta e indire nuove elezioni, accade di tutto: le chiese vengono assaltate, i preti cacciati durante la celebrazione delle funzioni. I vescovi – ha aggiunto – hanno denunciato che il Governo Maduro vuole imporre un sistema ‘totalitario, militarista, violento ed oppressivo’, peggiore del socialismo del XXI secolo di Chavez. Oggi l’Italia deve chiedere una risposta forte e immediata alla comunità internazionale, non è più tempo del politically correct.

 

 

Molto critica nel confronti del ministro Alfano, invece, la senatrice M5s Ornella Bertorotta che ha sintetizzato su Fb il suo intervento in Aula al Senato.

“Bisogna evitare in ogni modo che il Paese scivoli verso la guerra civile. Questa è una responsabilità che ha anche la comunità internazionale, soprattutto evitando ingerenze militari che trascinerebbero l’intera America latina in uno scenario simile al Medio Oriente. Purtroppo molti parlamentari non hanno questa responsabilità e si abbandonano a dichiarazioni irresponsabili che non possono che favorire violenze ulteriori. Il M5S supporta il dialogo come unica via per uscire dalla crisi economica e politica che sta vivendo”.

L’intervento della senatrice del M5s è stato giudicato con toni assai severi dal senatore di Fi, Lucio Malan:

– Nel corso degli interventi sulle comunicazioni del Ministro degli Esteri Alfano, il M5S, per bocca della senatrice Bertorotta, si è ancora una volta schierato a difesa del dittatore venezuelano Maduro, che ha fatto sciogliere il Parlamento assumendone personalmente tutti i poteri, ha fatto mettere in carcere diversi leader dell’opposizione i principali, ha gettato il paese in una crisi economica e addirittura alimentare, che ha fatto impennare la mortalità infantile. Lla senatrice a Cinque Stelle – ha aggiunto – ha ammesso che Maduro ha fatto errori economici, ma ha soprattutto attaccato l’opposizione, accusata di essere divisa, senza programmi convincenti e di avere promosso violenze, prendendo per buono la versione del regime e tirando in ballo persino Papa Francesco estrapolando una sua singola frase e ignorando la denuncia della Conferenza Episcopale Venezuelana, che ha definito quello di Maduro il tentativo di instaurare un regime totalitario marxista. Del resto – ha sottolineato – il movimento di Beppe Grillo non è nuovo a questi slanci a favore di Maduro, visto che due settimane fa l’aspirante presidente del consiglio Luigi Di Maio ha proposto che Cuba e Venezuela, in quanto paesi bolivariani, partecipino alle trattative per risolvere il caos della Libia. È inquietante pensare a cosa accadrebbe all’Italia se il M5S andasse al governo e mettesse in atto questi spropositi.

 

Ultima ora

22:07Omosessualità è ‘malattia’, Torino Pride contro libro prete

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Definisce l'omosessualità "una malattia" e una "anomalia sessuale". E' polemica per il libro 'Ti amo. La sessualità raccontata agli adolescenti' di don Paolo Gariglio, con prefazione dell'arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, distribuito ad un centinaio di adolescenti che partecipano ai campi estivi delle parrocchie di Nichelino, nel Torinese. Per il Torino Pride si tratta di un libro "disseminato di affermazioni omofobe oggi non più accettabili". Dal Torino Pride e dal suo coordinatore Alessandro Battaglia, la richiesta "ufficiale alla Città di Nichelino di prendere posizione. Quello che più ci lascia attoniti - attacca - non sono i contenuti, ai quali siamo abituati, quanto i destinatari", guidati "con menzogne e affermazioni anti scientifiche di un anziano uomo di fede che forse non ha immaginato il male che avrebbe provocato a ragazzi in una fase della vita così delicata. Il germe della discriminazione e del non amore - conclude - purtroppo nasce sempre dalla non conoscenza". (ANSA).

22:07A Milano tuffo in Darsena non autorizzato per consiglieri

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - Tuffo nella Darsena di Milano per tre consiglieri comunali della lista civica 'Noi Milano', ma senza l'autorizzazione del Comune. Franco D'Alfonso, Enrico Marcora e Marco Fumagalli (della lista del sindaco Beppe Sala) hanno fatto una nuotata per dimostrare che il bagno si può fare. Anche per questo presenteranno un ordine del giorno per proporre una balneazione regolamentata. I consiglieri bagnanti, tra cui anche Alessandro Morelli, il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, avevano chiesto il permesso di balneazione con una lettera al sindaco, Giuseppe Sala, all'assessore al Bilancio e Demanio Roberto Tasca e all'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Il permesso di balneazione è stato però negato dall'assessorato alla Sicurezza. I consiglieri si sono tuffati comunque alle 13 di oggi, come avevano annunciato, anche perché, come ha fatto notare Alessandro Morelli, la lettera "è arrivata alle 12:59 quando noi ci stavamo già per tuffare". Ora rischiano una multa fino a 150 euro.

21:44Benzina per eliminare pidocchi, mamma e bimba ustionate

(ANSA) - FIRENZE, 24 LUG - Una bambina di 12 anni e la sua mamma sono ricoverate con gravi ustioni per il tentativo di aver cercato di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. La bimba è ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni di secondo e di terzo grado alla testa, la mamma al centro grandi ustionati di Pisa con bruciature agli arti e al volto. Entrambe sono in prognosi riservata. E' accaduto alcuni giorni fa a Firenze ma è emerso solo oggi. La donna avrebbe avuto il suggerimento dell'uso della benzina per eliminare i parassiti dai capelli della figlia alla quale avrebbe praticato un impacco di liquido infiammabile. Non è chiaro se anche lei si sia sottoposta allo stesso trattamento. La vicinanza di una fiamma avrebbe dato poi fuoco al preparato ferendo mamma e figlia. (ANSA).

21:27Gerusalemme: colloquio Netanyahu-Abdallah,’soluzione vicina’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 LUG - Una telefonata di mezz'ora fra il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, e re Abdallah di Giordania si è conclusa positivamente. Adesso pare vicina una intesa che prevede in parallelo la rimozione dei metal detector dalla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e il ritorno in Israele dell'agente di sicurezza coinvolto in incidente nell' ambasciata di Israele ad Amman. Lo sostiene la televisione commerciale Canale 10. Fonti nell'ufficio di Netanyahu si limitano per il momento ad affermare che "i contatti fra Israele e Giordania si sono svolti in un'atmosfera di cooperazione" e che "non c'è stata alcuna richiesta giordana di collegare il ritorno dell'agente con la rimozione dei metal detector dal Monte del Tempio", ossia la Spianata delle Moschee.

21:26Calcio: Sampdoria toglie dal mercato Schick

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - La Sampdoria ha deciso di togliere Patrick Schick dal mercato. Il giocatore ora è a riposo dopo gli esami clinici che avevano evidenziato un'infiammazione al cuore, cosa questa che aveva fatto saltare la trattativa tra blucerchiati e Juventus. L'attaccante ceco dovrà aspettare dopo ferragosto per sottoporsi a nuovi accertamenti e a quel punto il suo futuro sarà deciso in chiave mercato con Inter, Juve e Paris Saint Germain alla finestra. Ma intanto la Samp ha giocato d'anticipo e vorrebbe trattenere Schick ancora una stagione.

21:21Migranti: in video poliziotto a giovane nero,torna in Africa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Un ragazzo di colore strattonato da un funzionario di polizia che gli urla di uscire dalla stazione. "Te ne devi andare", "vai al tuo Paese", "vai in Africa", "torna nel Burundi", "fuori dalle balle". A pochi giorni dal caso del poliziotto sospeso per gli insulti razzisti nei confronti di un ragazzo di colore in bicicletta in autostrada, gli attivisti del gruppo Progetto 20k, che offre aiuto ai migranti a Ventimiglia, hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook un video nel quale si vede un funzionario della polizia mentre in stazione pronuncia le frasi riportate nei confronti di un ragazzo di colore. Il video ha raggiunto decine di migliaia visualizzazioni e oltre mille condivisioni con i commenti che si dividono tra chi dà ragione al poliziotto e chi lo critica. "I toni, il linguaggio utilizzato e l'atteggiamento del funzionario di polizia - scrivono gli attivisti nel post sul social - sono indice del clima di costante ostilità che circonda i migranti in transito per la città di frontiera".

21:20Incendi: in fiamme il sud-est della Francia e la Corsica

(ANSA) - PARIGI, 24 LUG - Il sud-est della Francia e il nord della Corsica sono in fiamme. Mentre 5 Canadair e 450 pompieri stanno cercando di domare un incendio che ha già bruciato 600 ettari di foresta sul massiccio di Luberon, a sud del dipartimento di Vaucluse, una decina di case sono state evacuate a Carros, piccolo centro situato a pochi chilometri a nord di Nizza, dove sono impiegati attualmente 270 vigili del fuoco. A fuoco anche il nord della Corsica, per un incendio divampato nel pomeriggio nei pressi di Olmeta di Tuda, che ha divorato almeno 900 ettari di terreno.

Archivio Ultima ora