Alfano: “Impegnati a tutelare gli italiani in Venezuela”

Pubblicato il 17 maggio 2017 da redazione

Il ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano.

 

 

ROMA  – Presso la comunità internazionale è ormai maturata la convinzione che “in Venezuela i rischi di una potenziale guerra civile sono concreti”. Lo ha detto il ministro Angelino Alfano in un’informativa al Senato sul Venezuela.

– Il governo venezuelano – ha aggiunto – ha scelto purtroppo la strada dell’isolamento. Uscire dalla Organizzazione degli Stati Americani è una decisione molto significativa.

Quindi il ministro ha affermato che il Venezuela è un paese a cui l’Italia tiene molto “per i legami storici”

– Oserei dire che sono legami di sangue – ha sottolineato il ministro che poi ha commentato con preoccupazione:

– I rischi della situazione coinvolgono almeno 150.000 cittadini italiani. L’impegno del nostro governo in Venezuela è volto anche alla tutela degli italiani residenti nel Paese. Stiamo cercando di fornire loro sostegno e assistenza, nonostante – ha precisato – i margini di azione imposti dal governo di Caracas siano molto limitati. La Farnesina ha predisposto un piano di assistenza per 1 milione di euro destinato ai connazionali più bisognosi. Stiamo anche rafforzando il contingente dei carabinieri presso il consolato generale, nonché la sicurezza presso l’ambasciata.

 

 

Ha quindi assicurato che “il governo sta lavorando affinchè le aziende italiane in Venezuela recuperino i 3miliardi di crediti che vantano”.

– Le nostre aziende – ha spiegato nel corso della sua informativa – sono ben radicate nel territorio e non hanno abbandonato il paese. E importante che vengano ricompensate per il loro impegno

Il ministro degli Esteri ha assicurato che l’Italia “ha sempre collaborato in maniera costruttiva con Caracas”, ma ha anche precisato che “non può essere inerme davanti alla grande crisi che colpisce il popolo venezuelano”.

Come giá fatto giorni fa, commentando le notizie della violenza con cui si reprimono le manifestazioni in tutto il Paese, il ministro Alfano ha sostenuto energicamente che “la violenza non è la soluzione” e  rimarcato che  “la manifestazione del dissenso è un diritto inalienabile dei cittadini”

 

 

– Lo abbiamo fatto presente alle autorità di Caracas – ha aggiunto Alfano ricordando che su iniziativa dell’Italia al Consiglio degli Esteri a Bruxelles è stato approvato un documento comune in cui si chieda la cessazioni delle violenze in Venezuela e la ripresa urgente del dialogo. Il ministro ha anche spiegato di “aver portato le preoccupazioni e le proteste del governo italiano per le modalità con cui il governo di Caracas sta reprimendo le manifestazioni di piazza delle opposizioni”. L’Italia, ha sottolineato il titolare della Farnesina, ha proposto “soluzioni diplomatiche nel rispetto dell’indipendenza di uno stato sovrano”

– Il governo Maduro – ha detto Alfano – ha rispedito al mittente ogni critica definendo le mie osservazioni ‘perniciose e animate da finalità interventistiche’.

Ed infatti, come si ricorderà, il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, è stato chiamato dalla “Casa Amarilla” e il Viceministro per l’Europa, Yvàn Gil, gli ha consegnato una “nota di protesta verbale”.

Il ministro ha commentato che oggi “continua a mancare la volontà politica di superare lo scontro e avviare un dialogo genuino”. l governo di Caracas, ha sottolineato il capo della diplomazia italiana, “non ha messo mano al calendario delle elezioni amministrative, rinviate sine die, l’oppositore Leopoldo Lopez continua a essere detenuto in isolamento e non si è cessato di assumere provvedimenti discriminatori nei confronti dei leader dell’opposizione, basti pensare all’interdizione dalle elezioni di Henrique Capriles per i prossimi 15 anni”.

Il senatore Pier Ferdinando Casini

 

 

L’intervento del ministro è stato apprerezzato ed applaudito dal mondo politico italiano con poche, pochissime eccezioni.

– La linea indicata dal ministro degli Esteri credo debba essere la linea di tutto il Parlamento – ha sostenuto, nell’Aula di Palazzo Madama, il presidente della commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini che ha ricordato anche come la lettera che il Cardinale Parolin inviò a Caracas lo scorso primo dicembre, in cui si invitava al dialogo, alla liberazione dei prigionieri politici e alla fissazione di una data per le elezioni, sia rimasta per lo più disattesa.

Casini ha quindi annunciato che parteciperà alla sessione del Parlamento latino-americano a Brasilia che sarà dedicata all’autoritarismo del governo di Caracas.

– E faccio presente – ha osservato – che prima il Brasile era uno dei principali sponsor del governo chavista del Venezuela.

Il presidente della commissione Esteri ha ringraziato dunque la “diplomazia italiana” per quanto sta facendo in Paesi in “profonda crisi” come il Venezuela e il Capo dello Stato Mattarella “che si è fatto carico del disagio che c’è non solo in Ue e in Italia ma anche tra i nostri connazionali a Caracas”, mentre “avrebbe potuto limitarsi a comportamenti più formali”.

Dal canto suo, il senatore Francesco Amoruso, del gruppo Ala-Scelta Civica, ha commentato che “il ministro Alfano ha detto due grandi verità: in primo luogo in Venezuela si rischia la guerra civile e in secondo luogo l’Italia tiene molto alla sua comunità in loco. Oggi il Venezuela è uno Stato in profonda crisi economico-sociale ma, accanto a questo, vi è anche una crescente crisi politica e istituzionale, vi è un’Assemblea nazionale dove le opposizioni sono maggioranza ma che ormai non viene più convocata, anzi, c’è stato il tentativo da parte del tribunale supremo di giustizia di sostituirsi all’Assemblea nazionale.

Quindi ha aggiunto:

– La situazione è drammatica a livello politico e a livello umanitario a causa della mancanza assoluta di generi alimentari e di medicinali. Sono decine i morti durante le manifestazioni contro il Governo e migliaia i feriti. Da quando il Vaticano ha cercato una via di dialogo, partendo da richieste minime come assicurare i canali umanitari, liberare i prigionieri politici, restituire al Parlamento la funzione che gli spetta e indire nuove elezioni, accade di tutto: le chiese vengono assaltate, i preti cacciati durante la celebrazione delle funzioni. I vescovi – ha aggiunto – hanno denunciato che il Governo Maduro vuole imporre un sistema ‘totalitario, militarista, violento ed oppressivo’, peggiore del socialismo del XXI secolo di Chavez. Oggi l’Italia deve chiedere una risposta forte e immediata alla comunità internazionale, non è più tempo del politically correct.

 

 

Molto critica nel confronti del ministro Alfano, invece, la senatrice M5s Ornella Bertorotta che ha sintetizzato su Fb il suo intervento in Aula al Senato.

“Bisogna evitare in ogni modo che il Paese scivoli verso la guerra civile. Questa è una responsabilità che ha anche la comunità internazionale, soprattutto evitando ingerenze militari che trascinerebbero l’intera America latina in uno scenario simile al Medio Oriente. Purtroppo molti parlamentari non hanno questa responsabilità e si abbandonano a dichiarazioni irresponsabili che non possono che favorire violenze ulteriori. Il M5S supporta il dialogo come unica via per uscire dalla crisi economica e politica che sta vivendo”.

L’intervento della senatrice del M5s è stato giudicato con toni assai severi dal senatore di Fi, Lucio Malan:

– Nel corso degli interventi sulle comunicazioni del Ministro degli Esteri Alfano, il M5S, per bocca della senatrice Bertorotta, si è ancora una volta schierato a difesa del dittatore venezuelano Maduro, che ha fatto sciogliere il Parlamento assumendone personalmente tutti i poteri, ha fatto mettere in carcere diversi leader dell’opposizione i principali, ha gettato il paese in una crisi economica e addirittura alimentare, che ha fatto impennare la mortalità infantile. Lla senatrice a Cinque Stelle – ha aggiunto – ha ammesso che Maduro ha fatto errori economici, ma ha soprattutto attaccato l’opposizione, accusata di essere divisa, senza programmi convincenti e di avere promosso violenze, prendendo per buono la versione del regime e tirando in ballo persino Papa Francesco estrapolando una sua singola frase e ignorando la denuncia della Conferenza Episcopale Venezuelana, che ha definito quello di Maduro il tentativo di instaurare un regime totalitario marxista. Del resto – ha sottolineato – il movimento di Beppe Grillo non è nuovo a questi slanci a favore di Maduro, visto che due settimane fa l’aspirante presidente del consiglio Luigi Di Maio ha proposto che Cuba e Venezuela, in quanto paesi bolivariani, partecipino alle trattative per risolvere il caos della Libia. È inquietante pensare a cosa accadrebbe all’Italia se il M5S andasse al governo e mettesse in atto questi spropositi.

 

  • Vincenzo Vecchione

    Forse Alfano è un ignorante e la matematica non è il suo forte … ignora o semplicemente finge di ignorare la realtà dei fatti : le statistiche matematiche ci dicono che in Venezuela attualmente vivono ben più di due milioni di Italiani fra gli iscritti all’aire e i loro discendenti ; cosa sono mai 1.000.000 di euro di aiuti ai connazionali in difficoltà ed in condizione di indigenza , se questi costituissero solo l’esiguo 5 % della comunità sarebbero comunque irrisori ed insignificanti addirittura “offensivi” : divisi equamente ammonterebbero a meno di 5 euro per a persona una somma miserevole come la solidarietà ipocrita dimostrata dal nostro governo verso i suoi concittadini . Dove sono gli aiuti per il rimpatrio ? Affidati alla buona volontà di alcune amministrazioni regionali … È assolutamente indignante che il nostro stato sia latitante di fronte alle sue responsabilità coi cittadini mentre , spende miliardi di euro per accogliere solidario gli extracomunitari ; senza parlare delle spese militari da guerra delle galassie ed altre nefadezze che mettono contemporaneamente in pericolo la nostra Sovranità ; delegandola spudoratamente ad Israele e ad altre ben note potenze (in odore di tradimento ma la storia vi giudicherà siatene certi) … i miliardi spesi per mantenere il controllo dell’Afganistan e del corno d’Africa , per le rivendicazioni territoriali dei Curdi o per bombardare il popolo dello Yemen , come quelli di indotto economico perduti nella “sciagurata” guerra di Libia … fanno impallidire anzi eclissano la vostra irrispettosa risicata e vergognosa solidarietà con noi cittadini italiani in Venezuela . Cosa ci si può aspettare dalla “casta” ? Non è forse vero che i “vostri” manager insipienti all’uopo di distruggere la nazione e lo stato intascano fior di milioni di euro all’anno senza parlare di buonuscite e pensioni ? Prima o poi … tutti i nodi verranno al pettine !

Ultima ora

01:12E.League: Montella, ora testa a rimonta Milan in campionato

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Conquistata la qualificazione ai sedicesimi di Europa League al primo posto del girone, Vincenzo Montella ora pensa alla rimonta che attende il Milan in Serie A. "E' stata una serata positiva, ora abbiamo più tempo per concentrarci meglio sul campionato dove dobbiamo necessariamente recuperare. La squadra vale più della classifica che ha", ha spiegato l'allenatore rossonero, convinto che la squadra "nelle ultime 4-5 partite abbia dimostrato una crescita". Dopo il 5-1 rifilato all'Austria Vienna, Montella ha sottolineato di avere apprezzato "che la squadra non si è fatta prendere dalla frenesia dopo lo svantaggio". Fra le note positive, la doppietta di André Silva, il primo nella storia rossonera a segnare otto gol in Europa League. "Sono felicissimo e spero di avere più opportunità, vedremo - ha detto il portoghese -. Pesa giocare poco in campionato? Per me è uguale. In Europa League, però, ho più opportunità, sono più concentrato e riesco a dare il meglio di me stesso, ma spero di giocare di più in Serie A".

01:09E.League: Gasperini, importante esserci anche nei 16/i

(ANSA) - LIVERPOOL, 23 NOV - "Sono molto contento per la felicità che ho visto sugli spalti, più di 3 mila a Liverpool e tanti anche a Reggio Emilia, sono contento per la famiglia Percassi: siamo dentro le coppe fino a febbraio, poi vedremo per il primo posto e il sorteggio". Gian Piero Gasperini è raggiante, dopo la cinquina all'Everton, che proietterebbe l'Atalanta al primo posto con un pari casalingo col Lione, ma intanto si gode la qualificazione negli ottavi di Europa League. "Cristante è in grande evoluzione dopo un po' di apprendistato, stavolta è partito forte e ha prospettive notevoli - spiega il tecnico nerazzurro soffermandosi sul migliore in campo -. Cornelius i ha dato tantissimo in un settore dove abbiamo bisogno di crescere. Rooney? Per me rimane un giocatore importante, tornerà sui suoi livelli abituali". Il 'Gasp' elogia i giovani: "Ne abbiamo alcuni che potranno diventare fondamentali anche per la Nazionale, ma non è che sarà per nostro merito che potrà rinascere tutto il calcio italiano".

00:32Calcio: Europa League, Milan e Atalanta a suon di cinquine

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Milan e Atalanta travolgono i rispettivi avversari e si qualificano per i sedicesimi di finale dell'Europa League. I rossoneri sono primi nel proprio girone (D), i bergamaschi devono aspettare l'ultima partita, in casa contro il Lione. Di 5-1 il successo della squadra di Montella in casa sull'Austria Vienna, andata in vantaggio con Monschein al 21'. Il pari è arrivato con 27' grazie a Ricardo Rodriguez, mentre Andrè Silva ha firmato il 2-1 al 36'. Il tris è arrivato al 42', grazie a Cutrone, lo stesso Silva ha calato il poker al 25' della ripresa e Cutrone ha realizzato anche nel finale. Stesso punteggio anche dell'Atalanta, 5-1, a Liverpool contro l'Everton (prima vittoria italiana a Goodison park). La squadra di Gasperini è andata avanti con una doppietta dell'ottimo Cristante (12' pt e 19' st) e, dopo il gol della bandiera di Ramirez al 26' st, è arrivato il tris di Gonens al 41'. Cornelius al 43' e al 49' st ha chiuso i conti. Da segnalare un errore dal dischetto di Gomez.

23:31Europa League: Lazio, Inzaghi “ko Nani unica nota stonata”

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio non riesce a invertire la rotta e impatta sul Vitesse. Pareggio indolore, visto che i biancocelesti erano già qualificati da primi del girone: "Stasera con la classifica già raggiunta era più difficile, ma sono contento perché i ragazzi hanno saputo reagire. Ora ci prepariamo per giocare al meglio contro la Fiorentina", ha spiegato a caldo Simone Inzaghi, secondo il quale "l'unica nota stonata è l'infortunio di Nani". Il portoghese ha giocato circa un'ora senza incidere, poi si è arreso per un dolore alla coscia: "Sembrava tutto a posto e invece oggi si è fermato, peccato perché stava per entrare nei meccanismi. Speriamo di non perderlo per molto ma per un paio di settimane non sarà con noi".

22:58Flash mob precari ricerca, non uccideteci, assumeteci

(ANSA) - FIRENZE, 23 NOV - Uomini in abito e maschera bianca, in ginocchio a terra, simbolicamente uccisi con un colpo di pistola alla testa: questo il flash mob 'non sparate alla ricerca', portato 'in scena' nella centralissima piazza della Repubblica a Firenze dai precari di alcuni dei più importanti istituti del settore italiani, come Indire, Cnr, Iss, Ispra, Crea. Obiettivo della manifestazione, chiedere a Governo e Parlamento di avviare subito un percorso certo di stabilizzazione, "perché questa situazione anomala, che riguarda quasi 9000 persone in Italia, si concluda e possa finalmente iniziare un nuovo ciclo che indirizzi il Paese verso una visione più lungimirante per noi e per le generazioni che verranno. Non uccideteci, assumeteci", hanno spiegato oggi alcuni degli organizzatori della protesta. Solo l'Indire, racconta uno dei manifestanti, tra i suoi "400 lavoratori, tra ricercatori, collaboratori tecnici, amministrativi, ha solo il 30% degli addetti a tempo indeterminato. Gli altri collaboratori, ben 230 tra tempi determinati e cococo, nonostante anni di esperienza e idoneità in concorsi pubblici nazionali, sono rimasti fino ad oggi in una situazione di precariato che si fa sempre più instabile e fosca, mese dopo mese". (ANSA).

22:45Aggredita e palpeggiata da ragazzini tra 8 e 12 anni

(ANSA) - PALERMO, 23 NOV - A Palermo una giovane è stata aggredita da una mezza dozzina di ragazzini tra gli 8 e i 12 anni, secondo quanto lei stessa ha riferito alla polizia, mentre si trovava alla fermata del bus in via Basile, nei pressi dell'università. Accerchiata, è stata spintonata, palpeggiata e insultata; ha urlato, ma nessuno è arrivato in suo soccorso. Quando i ragazzini, forse per gli strepiti della giovane, sono fuggiti, la ragazza ha trovato riparo nell'edificio 19 nella cittadella universitaria, da dove ha chiamato gli agenti. L'aggressione è avvenuta quando stava cominciando a fare buio. La giovane, una studentessa, ha detto ai poliziotti che faceva avanti e indietro alla fermata, in attesa dell'autobus, quando i ragazzini (forse 8, secondo quanto la ragazza ha riferito agli agenti), l'hanno accerchiata e molestata. La vittima ha spiegato ai poliziotti di aver saputo di altre ragazze prese di mira dalla banda di ragazzini, sempre nella stessa zona.

22:35Calcio: Mirabelli,dubbi su Milan?Se ne scrive di ogni colore

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - "Non è questione di dare una posizione ufficiale: dal pre-closing al closing a oggi se ne sentono e se ne scrivono di tutti i colori". Così il ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, a proposito dei dubbi sulla proprietà cinese sollevati dalla stampa, anche internazionale, e sull'intervista del presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, che intervistato da Repubblica a proposito del voluntary agreement chiesto dal club si è detto "preoccupato". "Come ha twittato il presidente Berlusconi - ha continuato Mirabelli, poco prima della partita di Europa League contro l'Austria Vienna -, atteniamoci ai fatti e i fatti dicono che abbiamo una proprietà che fino ad adesso ha rispettato tutte le scadenze. Bando alle chiacchiere, pensiamo alle cose concrete. Abbiamo altro a cui pensare, abbiamo un problema diverso: dobbiamo metterci sul binario e fare cose importanti a livello sportivo".

Archivio Ultima ora