Alfano: “Impegnati a tutelare gli italiani in Venezuela”

Pubblicato il 17 maggio 2017 da redazione

Il ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano.

 

 

ROMA  – Presso la comunità internazionale è ormai maturata la convinzione che “in Venezuela i rischi di una potenziale guerra civile sono concreti”. Lo ha detto il ministro Angelino Alfano in un’informativa al Senato sul Venezuela.

– Il governo venezuelano – ha aggiunto – ha scelto purtroppo la strada dell’isolamento. Uscire dalla Organizzazione degli Stati Americani è una decisione molto significativa.

Quindi il ministro ha affermato che il Venezuela è un paese a cui l’Italia tiene molto “per i legami storici”

– Oserei dire che sono legami di sangue – ha sottolineato il ministro che poi ha commentato con preoccupazione:

– I rischi della situazione coinvolgono almeno 150.000 cittadini italiani. L’impegno del nostro governo in Venezuela è volto anche alla tutela degli italiani residenti nel Paese. Stiamo cercando di fornire loro sostegno e assistenza, nonostante – ha precisato – i margini di azione imposti dal governo di Caracas siano molto limitati. La Farnesina ha predisposto un piano di assistenza per 1 milione di euro destinato ai connazionali più bisognosi. Stiamo anche rafforzando il contingente dei carabinieri presso il consolato generale, nonché la sicurezza presso l’ambasciata.

 

 

Ha quindi assicurato che “il governo sta lavorando affinchè le aziende italiane in Venezuela recuperino i 3miliardi di crediti che vantano”.

– Le nostre aziende – ha spiegato nel corso della sua informativa – sono ben radicate nel territorio e non hanno abbandonato il paese. E importante che vengano ricompensate per il loro impegno

Il ministro degli Esteri ha assicurato che l’Italia “ha sempre collaborato in maniera costruttiva con Caracas”, ma ha anche precisato che “non può essere inerme davanti alla grande crisi che colpisce il popolo venezuelano”.

Come giá fatto giorni fa, commentando le notizie della violenza con cui si reprimono le manifestazioni in tutto il Paese, il ministro Alfano ha sostenuto energicamente che “la violenza non è la soluzione” e  rimarcato che  “la manifestazione del dissenso è un diritto inalienabile dei cittadini”

 

 

– Lo abbiamo fatto presente alle autorità di Caracas – ha aggiunto Alfano ricordando che su iniziativa dell’Italia al Consiglio degli Esteri a Bruxelles è stato approvato un documento comune in cui si chieda la cessazioni delle violenze in Venezuela e la ripresa urgente del dialogo. Il ministro ha anche spiegato di “aver portato le preoccupazioni e le proteste del governo italiano per le modalità con cui il governo di Caracas sta reprimendo le manifestazioni di piazza delle opposizioni”. L’Italia, ha sottolineato il titolare della Farnesina, ha proposto “soluzioni diplomatiche nel rispetto dell’indipendenza di uno stato sovrano”

– Il governo Maduro – ha detto Alfano – ha rispedito al mittente ogni critica definendo le mie osservazioni ‘perniciose e animate da finalità interventistiche’.

Ed infatti, come si ricorderà, il nostro Ambasciatore, Silvio Mignano, è stato chiamato dalla “Casa Amarilla” e il Viceministro per l’Europa, Yvàn Gil, gli ha consegnato una “nota di protesta verbale”.

Il ministro ha commentato che oggi “continua a mancare la volontà politica di superare lo scontro e avviare un dialogo genuino”. l governo di Caracas, ha sottolineato il capo della diplomazia italiana, “non ha messo mano al calendario delle elezioni amministrative, rinviate sine die, l’oppositore Leopoldo Lopez continua a essere detenuto in isolamento e non si è cessato di assumere provvedimenti discriminatori nei confronti dei leader dell’opposizione, basti pensare all’interdizione dalle elezioni di Henrique Capriles per i prossimi 15 anni”.

Il senatore Pier Ferdinando Casini

 

 

L’intervento del ministro è stato apprerezzato ed applaudito dal mondo politico italiano con poche, pochissime eccezioni.

– La linea indicata dal ministro degli Esteri credo debba essere la linea di tutto il Parlamento – ha sostenuto, nell’Aula di Palazzo Madama, il presidente della commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini che ha ricordato anche come la lettera che il Cardinale Parolin inviò a Caracas lo scorso primo dicembre, in cui si invitava al dialogo, alla liberazione dei prigionieri politici e alla fissazione di una data per le elezioni, sia rimasta per lo più disattesa.

Casini ha quindi annunciato che parteciperà alla sessione del Parlamento latino-americano a Brasilia che sarà dedicata all’autoritarismo del governo di Caracas.

– E faccio presente – ha osservato – che prima il Brasile era uno dei principali sponsor del governo chavista del Venezuela.

Il presidente della commissione Esteri ha ringraziato dunque la “diplomazia italiana” per quanto sta facendo in Paesi in “profonda crisi” come il Venezuela e il Capo dello Stato Mattarella “che si è fatto carico del disagio che c’è non solo in Ue e in Italia ma anche tra i nostri connazionali a Caracas”, mentre “avrebbe potuto limitarsi a comportamenti più formali”.

Dal canto suo, il senatore Francesco Amoruso, del gruppo Ala-Scelta Civica, ha commentato che “il ministro Alfano ha detto due grandi verità: in primo luogo in Venezuela si rischia la guerra civile e in secondo luogo l’Italia tiene molto alla sua comunità in loco. Oggi il Venezuela è uno Stato in profonda crisi economico-sociale ma, accanto a questo, vi è anche una crescente crisi politica e istituzionale, vi è un’Assemblea nazionale dove le opposizioni sono maggioranza ma che ormai non viene più convocata, anzi, c’è stato il tentativo da parte del tribunale supremo di giustizia di sostituirsi all’Assemblea nazionale.

Quindi ha aggiunto:

– La situazione è drammatica a livello politico e a livello umanitario a causa della mancanza assoluta di generi alimentari e di medicinali. Sono decine i morti durante le manifestazioni contro il Governo e migliaia i feriti. Da quando il Vaticano ha cercato una via di dialogo, partendo da richieste minime come assicurare i canali umanitari, liberare i prigionieri politici, restituire al Parlamento la funzione che gli spetta e indire nuove elezioni, accade di tutto: le chiese vengono assaltate, i preti cacciati durante la celebrazione delle funzioni. I vescovi – ha aggiunto – hanno denunciato che il Governo Maduro vuole imporre un sistema ‘totalitario, militarista, violento ed oppressivo’, peggiore del socialismo del XXI secolo di Chavez. Oggi l’Italia deve chiedere una risposta forte e immediata alla comunità internazionale, non è più tempo del politically correct.

 

 

Molto critica nel confronti del ministro Alfano, invece, la senatrice M5s Ornella Bertorotta che ha sintetizzato su Fb il suo intervento in Aula al Senato.

“Bisogna evitare in ogni modo che il Paese scivoli verso la guerra civile. Questa è una responsabilità che ha anche la comunità internazionale, soprattutto evitando ingerenze militari che trascinerebbero l’intera America latina in uno scenario simile al Medio Oriente. Purtroppo molti parlamentari non hanno questa responsabilità e si abbandonano a dichiarazioni irresponsabili che non possono che favorire violenze ulteriori. Il M5S supporta il dialogo come unica via per uscire dalla crisi economica e politica che sta vivendo”.

L’intervento della senatrice del M5s è stato giudicato con toni assai severi dal senatore di Fi, Lucio Malan:

– Nel corso degli interventi sulle comunicazioni del Ministro degli Esteri Alfano, il M5S, per bocca della senatrice Bertorotta, si è ancora una volta schierato a difesa del dittatore venezuelano Maduro, che ha fatto sciogliere il Parlamento assumendone personalmente tutti i poteri, ha fatto mettere in carcere diversi leader dell’opposizione i principali, ha gettato il paese in una crisi economica e addirittura alimentare, che ha fatto impennare la mortalità infantile. Lla senatrice a Cinque Stelle – ha aggiunto – ha ammesso che Maduro ha fatto errori economici, ma ha soprattutto attaccato l’opposizione, accusata di essere divisa, senza programmi convincenti e di avere promosso violenze, prendendo per buono la versione del regime e tirando in ballo persino Papa Francesco estrapolando una sua singola frase e ignorando la denuncia della Conferenza Episcopale Venezuelana, che ha definito quello di Maduro il tentativo di instaurare un regime totalitario marxista. Del resto – ha sottolineato – il movimento di Beppe Grillo non è nuovo a questi slanci a favore di Maduro, visto che due settimane fa l’aspirante presidente del consiglio Luigi Di Maio ha proposto che Cuba e Venezuela, in quanto paesi bolivariani, partecipino alle trattative per risolvere il caos della Libia. È inquietante pensare a cosa accadrebbe all’Italia se il M5S andasse al governo e mettesse in atto questi spropositi.

 

  • Vincenzo Vecchione

    Forse Alfano è un ignorante e la matematica non è il suo forte … ignora o semplicemente finge di ignorare la realtà dei fatti : le statistiche matematiche ci dicono che in Venezuela attualmente vivono ben più di due milioni di Italiani fra gli iscritti all’aire e i loro discendenti ; cosa sono mai 1.000.000 di euro di aiuti ai connazionali in difficoltà ed in condizione di indigenza , se questi costituissero solo l’esiguo 5 % della comunità sarebbero comunque irrisori ed insignificanti addirittura “offensivi” : divisi equamente ammonterebbero a meno di 5 euro per a persona una somma miserevole come la solidarietà ipocrita dimostrata dal nostro governo verso i suoi concittadini . Dove sono gli aiuti per il rimpatrio ? Affidati alla buona volontà di alcune amministrazioni regionali … È assolutamente indignante che il nostro stato sia latitante di fronte alle sue responsabilità coi cittadini mentre , spende miliardi di euro per accogliere solidario gli extracomunitari ; senza parlare delle spese militari da guerra delle galassie ed altre nefadezze che mettono contemporaneamente in pericolo la nostra Sovranità ; delegandola spudoratamente ad Israele e ad altre ben note potenze (in odore di tradimento ma la storia vi giudicherà siatene certi) … i miliardi spesi per mantenere il controllo dell’Afganistan e del corno d’Africa , per le rivendicazioni territoriali dei Curdi o per bombardare il popolo dello Yemen , come quelli di indotto economico perduti nella “sciagurata” guerra di Libia … fanno impallidire anzi eclissano la vostra irrispettosa risicata e vergognosa solidarietà con noi cittadini italiani in Venezuela . Cosa ci si può aspettare dalla “casta” ? Non è forse vero che i “vostri” manager insipienti all’uopo di distruggere la nazione e lo stato intascano fior di milioni di euro all’anno senza parlare di buonuscite e pensioni ? Prima o poi … tutti i nodi verranno al pettine !

Ultima ora

21:26Calcio: Marotta, Higuain? Lo riacquisteremmo

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Higuain in difficoltà? Noi siamo estremamente contenti dell'operazione fatta lo scorso anno e l'avremmo fatta anche quest'anno. Non dimentichiamoci che è arrivato dopo l'operazione di Pogba e abbiamo preso un grande campione. Nell'economia del gioco un giocatore come Higuain diventa molto importante". Lo ha detto a Premium Sport l'ad della Juve Beppe Marotta. "La classifica si definirà dalla decima giornata? Credo che un punto di riflessione possa essere la decima giornata, molte squadre si stanno ancor assestando - ha proseguito - ora è prematuro fare previsioni. Certo, i pronostici sono per le squadre che si devono confermare come la Juve o quelle che si sono rinforzate di più sul mercato. "Juve su Pellegri? Sì, noi eravamo su di lui in tempi non sospetti - ha concluso - lo abbiamo trattato due anni fa a cifre molto più basse rispetto a quelle di adesso. E' un talento, poi per diventare un campione ne passa di tempo. Credo che sia uno dei migliori giovani del panorama italiano".

21:07Calcio: Uva, le congratulazioni di Lotti

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Rivolgo i miei più sinceri auguri di buon lavoro a Michele Uva: la sua nomina è una bella notizia per tutto lo sport italiano". Lo afferma il ministro per lo Sport Luca Lotti, commentando la nomina a vicepresidente Uefa di Uva. "Si tratta di un riconoscimento che premia la carriera e il merito di un dirigente che ha sempre lavorato con passione, basando la sua attività sui veri valori dello sport" aggiunge il ministro Lotti.

21:06Calcio: Di Francesco, Roma cresciuta nella consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Sono contento della prestazione della squadra, siamo cresciuti in consapevolezza e siamo riusciti a sviluppare le mie idee di calcio. Qualcosa nella testa dei giocatori è entrato. Ma non sono del tutto soddisfatto, dobbiamo essere più determinati e precisi in certe situazioni, perché ci vuole un attimo a riaprire le partite". Così Eusebio Di Francesco ha commentato la vittoria della Roma a Benevento. "Dzeko? Oggi si è avvicinato di più alla porta - ha detto -. Solo contro l'Atletico ha fatto un po' più fatica, certe partite sono più complicate di altre, ma Edin è un ragazzo molto intelligente: sa di avere sbagliato a dire determinate cose, comunque dettate dal nervosismo del momento. Sono contento anche degli esterni, io spingo molto per far sì che il gioco si sviluppi sulle fasce". "La squadra, tolto qualche momento di superficialità, mi è piaciuta - conclude -. Se possiamo lottare per lo scudetto? Il campo dirà la sua".

20:57Ciclismo:il’Giro d’Italia’ in 9 giorni,parte sfida Di Felice

(ANSA) - ROMA, 20 SET - 3500 km in 9 giorni attraverso tutte le Regioni d'Italia. E' partita stasera dal Foro Italico di Roma la sfida dell'ultracyclist Omar Di Felice, che percorrerà in bici il Bel Paese senza fermarsi quasi mai. La conclusione del giro in solitaria, presentato dal vice presidente del Coni, Alessandra Sensini, avverrà il 29 settembre al Salaria Sport Village. Il dislivello che Di Felice è chiamato a superare lungo il percorso è di circa 50.000 metri, quanti quelli coperti da un protagonista del singolare Giro d'Italia in tre settimane. Per la prima volta nella sua carriera di ultracylcist, Di Felice sarà impegnato per più di 4 giorni consecutivi. Nella tabella di marcia dell'atleta è prevista un'alimentazione a base di barrette e gel integratori, ma anche di cibi tradizionali (pasta, riso, carni bianche). "La privazione del sonno è una tortura una cosa che va contro la natura. Le prime 30 ore le affronterò senza dormire, da quel momento ogni 10-12 ore è prevista una sosta per un microsonno da 35 minuti al massimo".

20:53Pesta 18enne e gli punta pistola a tempia,arrestato a Verona

(ANSA) - VERONA, 20 SET - Un'aggressione e un pestaggio fulminei, davanti alla stazione dei pullman di Verona Porta Nuova, poi il giovane violento ha estratto una pistola e l'ha puntata alla tempia della sua vittima, uno studente 18enne cingalese. Tutta la scena è stata ripresa con uno smartphone da una persona che si trovava a bordo di un autobus in sosta, ed il filmato è stato determinante per portare la Polizia sulle tracce dell'aggressore, anch'egli cittadino srilankese, di 23 anni, residente a Verona, nullafacente. Il giovane è stato arrestato dagli agenti delle Volanti, con l'accusa di resistenza aggravata e lesioni gravi a pubblico ufficiale. E' anche indagato per rapina, perchè aveva minacciato con l'arma il connazionale per constringerlo a consegnargli soldi. Nonostante il fatto sia avvenuto sotto gli occhi di decine di testimoni, con tanto di riprese filmate, nessuno ha chiamato il 113 e l'allarme è scattato solo su segnalazione della vittima.

20:46Ferita 15enne: trovato cadavere presunto aggressore

(ANSA) - ISCHITELLA (FOGGIA), 20 SET - Il cadavere del presunto responsabile del tentato omicidio della ragazza di 15 anni è stato trovato nelle campagne della località Callone, in agro di Ischitella. Lo rendono noto i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Pare che si sia tolto la vita con la stessa arma usata stamattina contro la 15enne. "Ditemi che è vero", ha scritto la madre della ragazzina su Facebook dopo avere appreso della morte dell'uomo.

20:23Calcio: serie A, Benevento-Roma 0-4

(ANSA) - BENEVENTO, 20 SET - La Roma passa senza problemi a Benevento per 4-0 nell'anticipo della quinta giornata di serie A. Partita dominata in lungo e in largo dagli uomini di Di Francesco: il primo pericolo lo porta Dzeko all'11' con un tiro da fuori. La replica dei padroni di casa è affidata a Cataldi che al 18' lascia partire un destro a giro che esce di pochissimo. La Roma passa in vantaggio con Dzeko al 22' che mette dentro da due passi su passaggio di Kolarov. Lo stesso centravanti bosniaco colpisce un palo al 30'. Al 35' arriva l'autogol di Lucioni che, dopo un cross di Bruno Peres, nel tentativo di anticipare Dzeko mette dentro la propria porta. Dzeko sigla il gol del 3-0 al 52' con un sinistro da fuori area. Benevento pericoloso al 67' con Coda che da buona posizione mette alto sopra la traversa. Al 74' l'autorete di Venuti per il 4-0 mentre Dzeko - ancora lui - colpisce la traversa all'83'. Roma quinta a nove punti, Benevento sempre ultimo a quota zero.

Archivio Ultima ora