Italia Paese di pensionati e impiegati, crescono le disuguaglianze

Pubblicato il 17 maggio 2017 da ansa

Un clochard accampato, davanti al Teatro San Carlo di Napoli.
ANSA / CIRO FUSCO

ROMA. – Le disuguaglianze si moltiplicano e fanno esplodere le vecchie classi che contrapponevano borghesi e operai. Una visione andata in frantumi, non in grado di intercettare precari, stranieri o disoccupati. Stavolta a certificarlo è l’Istat, che quest’anno, nel consueto Rapporto sulla situazione del Paese, non ha solo fornito nuovi numeri ma anche una nuova mappa della società italiana.

Prima le famiglie venivano incasellate in base alla professione, ma adesso l’operazione lascerebbe fuori metà popolazione, visto che ci sono milioni di case dove nessuno ha un impiego. Poi c’è sempre una fetta più ampia di persone che sono fuori dal mercato del lavoro perché ormai avanti con l’età. Un dato che cozza con il record negativo di nascite. Una società così diventa difficilmente scalabile. L’ascensore sociale si blocca e la crescita arranca.

Per il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, “bisogna continuare a lavorare sugli investimenti e sull’innovazione” e sul tema “dell’alternanza di scuola-lavoro”. Le opposizioni però insorgono: il M5s parla di ricetta “fallimentare” e rilancia “il reddito di cittadinanza”. Fi con Renato Brunetta definisce un “disastro” la politica economica del Governo, puntando il dito contro il Mef. Ecco allora l’identikit del Paese tracciato dall’Istat.

CLASSE OPERAIA E CETO MEDIO, RESTANO SOLO SCHEGGE. Viene meno “il senso di appartenenza a una data classe sociale e ciò è particolarmente vero per la classe media e la classe operaia”. Oggi “la piccola borghesia” è sparsa in tanti rivoli, mentre le tute blu hanno perso il loro “connotato univoco”. Una crisi d’identità dovuta alle “disuguaglianze sociali acuite dalla frammentazione e precarizzazione delle forme contrattuali”.

ITALIA POPOLO DI PENSIONATI E IMPIEGATI. Se gli schemi tradizionali, che risalgono alla seconda metà degli anni Ottanta, non funzionano più è allora venuto il momento di aggiornarli. L’Istat disegna così nove gruppi sociali, non facendo più riferimento solo alla professione ma anche al reddito, al titolo di studio, alla cittadinanza. I più popolati sono le ‘famiglie di impiegati’ (12,2 milioni di persone) e le ‘famiglie degli operai in pensione’ (10,5 milioni). Seguono a distanza i giovani blue-collar, per lo più coppie con lavori a bassa qualifica o precari.

FAMIGLIE JOBLESS, L’OCCUPAZIONE E’ UN MIRAGGIO. Nel 2016 si contano circa 3 milioni 590 mila famiglie dove nessuno la mattina si alza e va a lavorare, dove non si può contare su redditi che abbiano origine da un impiego. D’altra parte “se si sommano i disoccupati e le forze di lavoro potenziali, le persone che vorrebbero lavorare ammontano a poco meno di 6,4 milioni”.

I MAMMA-BOYS NON PASSANO MAI DI MODA. Quasi sette under35 su dieci vivono ancora nella famiglia di origine. Precisamente sono il 68,1%, pari a 8,6 milioni di giovani. Le difficoltà delle nuove generazioni a trovare un posto sembrano così alimentare la tradizione italiana dei cosiddetti ‘bamboccioni’. E nonostante qualche miglioramento, i Neet, i ragazzi che non lavorano e non studiano, sono ancora 2,2 milioni. Una cifra che ci vede maglia nera in Ue.

SOVRACCARICO DI LAVORO PER LE DONNE, TRA CASA E UFFICIO. Le casalinghe “con il loro lavoro producono beni e servizi per 49 ore a settimana”. Guardando agli occupati, ovvero a quanti svolgono sia il lavoro retribuito che quello familiare, le donne superano le 57 ore, mentre gli uomini le 51. Tra casa e lavoro è quindi evidente l’extra che grava su mogli, mamme e nonne.

ASCENSORE SOCIALE INCEPPATO. “Il 40% dei figli in famiglie con un livello d’istruzione basso non va oltre la licenza media, mentre poco più di uno su dieci riesce a ottenere un titolo universitario”. Un’eredità quella del titolo di studio che condiziona anche la vita lavorativa. Basti pensare che nella tassonomia dell’Istat la classe dirigente è fatta solo da persone che possono vantare un titolo accademico.

RIPRESA NON PER TUTTI, RITMO INSUFFICIENTE. “La ripresa, a causa dell’intensità insufficiente della crescita economica, stenta ad avere gli stessi effetti positivi diffusi all’intera popolazione”. Parola dello stesso presidente dell’Istat, Giorgio Alleva. Tanto che l’indice di disagio economico nel 2016 risale.

SEMPRE PIU’ CAPELLI GRIGI E CULLE VUOTE. La quota di individui di 65 anni o più ha raggiunto il 22%, collocando il nostro Paese al livello più alto in Ue. Al record di longevità si accompagna un nuovo minimo delle nascite (474mila). Dati che per Alleva devono far scattare l’allarme, in fatto di natalità, spiega, siamo tornati “alla metà del Cinquecento”. E ciò nonostante il contribuito che arriva dagli stranieri (giunti a 5 milioni).

(Di Marianna Berti/ANSA)

Ultima ora

23:38Calcio: Udinese in ritiro da lunedì

(ANSA) - UDINE, 23 SET - L'Udinese andrà in ritiro da lunedì. Lo ha deciso la società dopo la sconfitta di questo pomeriggio con la Roma, la quinta in sei gare da inizio campionato. Il ritiro, annunciato in serata dal club con una breve nota, è stato deciso "per preparare al meglio l'importante sfida di sabato prossimo con la Sampdoria". Una partita dal risultato che appare obbligato per i bianconeri, ancora fermi a 3 punti in classifica.

23:30Calcio: Baselli si scusa, ‘troppa voglia derby,ho sbagliato’

(ANSA) - TORINO, 23 SET - "Avevo troppo voglia di derby, tenevo troppo a questa partita. Ho sbagliato". Daniele Baselli commenta così, su Twitter, l'espulsione che ha condizionato la prestazione del Torino, battuto 4-0 dalla Juventus. "Chiedo scusa ai miei compagni, ai nostri tifosi, alla società", aggiunge il giocatore granata, che posta la foto in cui esce dal campo. "Superfluo aggiunge altro. Momento durissimo - scrive il centrocampista -. Mi assumo tutte le responsabilità. Sempre e comunque forza Toro".

23:18Serie A: Juve padrona, demolisce Toro 4-0 e fa suo il derby

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Una Juve padrona all'Allianz Stadium fa suo il derby della Mole, cancellando il Torino 4-0. Primo tempo sontuoso degli uomini di Allegri che prima a passano in vantaggio grazie al 9/o gol stagionale di Dybala e poi approfittano di uno sciagurato fallo di Baselli che costa al centrocampista granata il doppio giallo e l'inevitabile espulsione. Era il 25' e da lì la partita è corsa su un unico binario: il raddoppio di Pjanic al 40', il tris firmato da Alex Sandro al 12' st e il sigillo ancora del n.10 argentino allo scadere. Il punteggio sarebbe addirittura potuto essere ancora più severo per i granata, ma i pali, le parate di Sirigu e l'imprecisione degli attaccanti bianconeri hanno limitato i danni. Higuain ha iniziato in panchina per poi entrare negli ultimi dieci minuti. La squadra di Mihajlovic paga caro l'errore di Baselli ma già l'approccio alla gara non era stato dei migliori, sentendo forse troppo il match a cui per la prima volta dopo anni erano arrivata senza i panni dell'eterna sconfitta.

23:04I campioni dell’ Nba non andranno alla Casa Bianca, ‘delusi’

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - L'intera squadra dei Golden State Warriors, campione in carica della Nba, la principale lega professionistica del basket americano, non andrà alla Casa Bianca. In una nota il team si dice "deluso" e difende la sua star Stephen Curry, attaccata dal presidente americano. "Non c'è niente di più americano della possibilità che ogni cittadino possa esprimere liberamente le sue opinioni", si legge. I Warriors annunciano comunque che saranno ugualmente a Washington in febbraio e, invece della programmata visita alla Casa Bianca, troveranno il modo per "celebrare l'uguaglianza, la diversità e l'inclusione. Tutti valori che la nostra organizzazione - si legge ancora - sostiene da sempre".

21:32Minniti a Atreju,applausi e fischi,’ma non sono Crozza’

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il timore lo confessa subito: "mentre venivo qui pensavo: se mi applaudono troppo, significa che mi hanno scambiato per Crozza". Il ministro dell'Interno Marco Minniti esordisce così al dibattito ad Atreju, la festa di Fratelli d'Italia. Alla fine di un vivace confronto durato oltre un'ora, avrà incassato molti applausi ma anche qualche fischio - soprattutto quando liquida il fascismo - da parte di una platea con diversi nostalgici del Ventennio. Minniti strizza l'occhio al pubblico di Atreju quando ricorda che da sottosegretario alla presidenza del Consiglio gli fu assegnata la stanza con la scrivania di Mussolini e, da sottosegretario alla Difesa, quella di Balbo. Rivendica i risultati ottenuti sul fronte dell'immigrazione illegale, la direttiva sugli sgomberi che "concilia il principio di legalità con quello di umanità" e l'eliminazione del grado di appello nei ricorsi contro il diniego dello status di rifugiato: "sono ministro da 9 mesi, perché queste cose non le hanno fatte i governi di centrodestra?".

21:26Calcio: Sarri “Non ci sentiamo l’antagonista della Juventus”

(ANSA) - ROMA, 23 SET - "La Spal ha fatto un'ottima partita e abbiamo giocato su un terreno indegno per questa categoria. E per una squadra come la nostra essere costretti a fare sempre un tocco in più il problema si accentua". E' l'unico neo che Maurizio Sarri vede nella vittoria del Napoli a Ferrara. Parlando a Premium, il tecnico azzurro innanzitutto "la grande partita degli avversari. Abbiamo dovuto fare un secondo tempo di buon livello per vincere. Se la Spal è giocherà così per tutto l'anno, questo sarà un campo difficile". Nessuna novità sulle condizioni di Milik: "Domani farà un controllo e avremo le idee più chiare. Non è comunque il ginocchio che si è infortunato l'anno scorso", chiarisce Sarri che non si sente l'antagonista principale della Juventus: "Non ci sentiamo l'anti-Juve, siamo una squadra che sta facendo tanti punti e siamo migliorati rispetto agli scorsi anni: siamo più capaci di sopportare gli eventi negativi delle gare. Abbiamo fatto un buon inizio, questo ci dà fiducia per continuare a lavorare".

21:12Premier: Liverpool corsaro a Leicester, vetta a -5

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Vittoria sofferta e 'pesante' del Liverpool al Leicester Stadium. E' finita 3-2 per la squadra di Jurgen Klopp che deve ringraziare Jamie Vardy che ha sbagliato il rigore del possibile pari a 17' minuti dal termine. Reds avanti 2-0 grazie alle reti di Salah (15') e Coutinho (23') prima del risveglio della squadra di casa con Okazaki (48' pt). Nella ripresa Herserson (68') porta a tre le reti degli ospiti ma Vardy un minuto dopo (69') riporta sotto le Foxes. Decisivo, come detto, l'errore dal dischetto dell'attaccante che al 73' spara sui guantoni di Mignolet la palla del possibile pareggio. In classifica il Liverpool sale a 11 punti, cinque in meno delle capoliste City e United (16) e due in meno del Chelsea (13).

Archivio Ultima ora