Card. Bagnasco: “I populismi sono il nemico delle nazioni”

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

CITTA’ DEL VATICANO. – “I populismi sono il nemico delle nazioni: un conto è la nazione, un conto il nazionalismo e il populismo. La nazione è un valore fondamentale, è la storia di un popolo, la sua visione umana. I populismi dividono, negano, pensano solo a se stessi, non al bene del popolo”.

Il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei e del Ccee (Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa), usa parole severe su un fenomeno in crescita in Europa e non solo. Ma con un’avvertenza. “Però includono un’istanza – aggiunge – che il mondo ampio della cultura, della società, della politica, deve prendere in considerazione, non snobbare”.

Per il card. Bagnasco, che sul tema risponde a una domanda durante la conferenza stampa sui lavori a Roma della Presidenza Ccee – che ha incontrato il Papa – “invece a volte c’è questo atteggiamento di non considerazione verso quella che è una realtà autoreferenziale, che illude la gente, tramite l’idea di avere soluzioni immediate ai problemi, che è la bolla di una grande illusione”.

Il presidente dei vescovi italiani ed europei sottolinea che “è da considerare seriamente il malumore della gente, che a volte assume il colore della rabbia, del risentimento”, mentre questo a volte non viene fatto. “E mentre il populismo cavalca questa rabbia – ha osservato -, la politica, la società e la cultura devono affrontare seriamente, senza supplenza aristocratica, quello che è un messaggio nascosto”.

Anche nella prolusione al Consiglio Cei di marzo, il suo ultimo prima dell’assemblea generale della prossima settimana che voterà la terna da sottoporre al Papa per la scelta del suo successore, Bagnasco aveva definito il populismo “ingannevole e pericoloso”, interpretando l’allarme dei vescovi sull’avanzare di tali movimenti, che minano anche il processo di unità del continente.

“La Chiesa in Europa – spiega nella conferenza stampa insieme ai due vice presidenti del Ccee, il cardinale di Westminster Vincent Nichols e l’arcivescovo di Poznan, Stanislaw Gadecki – crede fortissimamente al continente europeo, lo ama, con la sua ricchissima storia, di cultura, di popoli che vogliono mettersi insieme”. Questa “fisionomia unitaria”, per Bagnasco, risiede “nella fede cristiana come punto di sintesi”.

“Guardiamo al processo dell’unione con l’interesse di pastori preoccupato per il bene dei popoli – spiega -. In questo senso dobbiamo essere ‘lievito’, senza presunzione né arroganza, ma sulla base della verità fondamentale di un umanesimo che proprio nel continente europeo ha la sua culla”.

Lo stesso Nichols si dice “molto contento” di essere vice presidente dei vescovi europei scelto dai confratelli “anche perché inglese”, nel “momento difficile” della Brexit: “noi cerchiamo di lasciare l’Unione ma non l’Europa”, ha sottolineato. E anche per Gadecki la missione è “risvegliare l’anima dell’Europa”, a dispetto dell’attuale processo di secolarizzazione, che per Bagnasco è la “premessa di un neo-paganesimo” e di una “cultura di morte”.

Sull’accoglienza agli immigrati i tre presuli si mostrano in sintonia. “Le differenze in Europa non sono a livello di Chiese ma di Stati – rimarca Bagnasco -. I muri non sono delle Chiese, ma degli Stati. Le Chiese fanno riferimento al Vangelo, alla dottrina cattolica e al magistero del Papa, che è noto a tutti. Anche oggi col Pontefice abbiamo parlato di accoglienza e integrazione: questo è l’orientamento dell’episcopato e della Chiesa cattolica. Queste parole vanno poi tradotte nelle realtà dei singoli Paesi”.

A tale proposito, il segretario generale del Ccee, mons. Duarte da Cunha, ha annunciato per il prossimo 22 settembre un incontro di tutti i direttori nazionali della pastorale dei migranti con papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora