Card. Bagnasco: “I populismi sono il nemico delle nazioni”

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

CITTA’ DEL VATICANO. – “I populismi sono il nemico delle nazioni: un conto è la nazione, un conto il nazionalismo e il populismo. La nazione è un valore fondamentale, è la storia di un popolo, la sua visione umana. I populismi dividono, negano, pensano solo a se stessi, non al bene del popolo”.

Il card. Angelo Bagnasco, presidente della Cei e del Ccee (Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa), usa parole severe su un fenomeno in crescita in Europa e non solo. Ma con un’avvertenza. “Però includono un’istanza – aggiunge – che il mondo ampio della cultura, della società, della politica, deve prendere in considerazione, non snobbare”.

Per il card. Bagnasco, che sul tema risponde a una domanda durante la conferenza stampa sui lavori a Roma della Presidenza Ccee – che ha incontrato il Papa – “invece a volte c’è questo atteggiamento di non considerazione verso quella che è una realtà autoreferenziale, che illude la gente, tramite l’idea di avere soluzioni immediate ai problemi, che è la bolla di una grande illusione”.

Il presidente dei vescovi italiani ed europei sottolinea che “è da considerare seriamente il malumore della gente, che a volte assume il colore della rabbia, del risentimento”, mentre questo a volte non viene fatto. “E mentre il populismo cavalca questa rabbia – ha osservato -, la politica, la società e la cultura devono affrontare seriamente, senza supplenza aristocratica, quello che è un messaggio nascosto”.

Anche nella prolusione al Consiglio Cei di marzo, il suo ultimo prima dell’assemblea generale della prossima settimana che voterà la terna da sottoporre al Papa per la scelta del suo successore, Bagnasco aveva definito il populismo “ingannevole e pericoloso”, interpretando l’allarme dei vescovi sull’avanzare di tali movimenti, che minano anche il processo di unità del continente.

“La Chiesa in Europa – spiega nella conferenza stampa insieme ai due vice presidenti del Ccee, il cardinale di Westminster Vincent Nichols e l’arcivescovo di Poznan, Stanislaw Gadecki – crede fortissimamente al continente europeo, lo ama, con la sua ricchissima storia, di cultura, di popoli che vogliono mettersi insieme”. Questa “fisionomia unitaria”, per Bagnasco, risiede “nella fede cristiana come punto di sintesi”.

“Guardiamo al processo dell’unione con l’interesse di pastori preoccupato per il bene dei popoli – spiega -. In questo senso dobbiamo essere ‘lievito’, senza presunzione né arroganza, ma sulla base della verità fondamentale di un umanesimo che proprio nel continente europeo ha la sua culla”.

Lo stesso Nichols si dice “molto contento” di essere vice presidente dei vescovi europei scelto dai confratelli “anche perché inglese”, nel “momento difficile” della Brexit: “noi cerchiamo di lasciare l’Unione ma non l’Europa”, ha sottolineato. E anche per Gadecki la missione è “risvegliare l’anima dell’Europa”, a dispetto dell’attuale processo di secolarizzazione, che per Bagnasco è la “premessa di un neo-paganesimo” e di una “cultura di morte”.

Sull’accoglienza agli immigrati i tre presuli si mostrano in sintonia. “Le differenze in Europa non sono a livello di Chiese ma di Stati – rimarca Bagnasco -. I muri non sono delle Chiese, ma degli Stati. Le Chiese fanno riferimento al Vangelo, alla dottrina cattolica e al magistero del Papa, che è noto a tutti. Anche oggi col Pontefice abbiamo parlato di accoglienza e integrazione: questo è l’orientamento dell’episcopato e della Chiesa cattolica. Queste parole vanno poi tradotte nelle realtà dei singoli Paesi”.

A tale proposito, il segretario generale del Ccee, mons. Duarte da Cunha, ha annunciato per il prossimo 22 settembre un incontro di tutti i direttori nazionali della pastorale dei migranti con papa Francesco.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

23:59Vaccini: Pisa, migliaia in corteo contro obbligo

(ANSA) - PISA, 23 GIU - Migliaia di persone stanno partecipando a Pisa ad una fiaccolata contro la vaccinazione obbligatoria. Il corteo sta attraversando pacificamente le principali vie del centro cittadino aperto da un grande striscione sul quale è scritto: "Con la salute non si scherza. Libertà di scelta e sicurezza". Al corteo, senza alcuna insegna di partiti politici, partecipano almeno duemila persone che scandiscono lo slogan "libertà, libertà" e tra loro sono presenti molte famiglie con bambini. La manifestazione è assolutamente pacifica anche se ha letteralmente invaso il centro storico sostituendosi di fatto al consueto affollamento di giovani che animano la movida pisana. (ANSA).

23:38Calcio: Europei U.21, il Portogallo vince ma non basta

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Il Portogallo supera 4-2 la Macedonia nella terza e ultima giornata del gruppo B degli Europei Under 21, ma non riesce a rimanere in gioco per il posto in semifinale riservato alla miglior seconda classificata: c'è infatti già almeno una squadra, la Slovacchia (gruppo A), con una miglior differenza reti dei lusitani. A Gdynia, reti portoghesi di Edgar Ié (2' pt), Bruma (22' pt e 47' st) e Podence (12' st); macedoni di Bardi (40' pt) e Markoski (35' st). Nell'altra gara odierna, a Bydgoszcz, la Spagna già qualificata (insieme all'Inghilterra dal gruppo A) ha battuto anche la Serbia 1-0 (38' pt Suarez) concludendo il girone a punteggio pieno (Spagna 9; Portogallo 6; Serbia e Macedonia 1). La fase a gironi si conclude domani con le partite del gruppo C: Repubblica ceca-Danimarca e Italia-Germania.

Archivio Ultima ora