Giro: missile Gaviria, a Reggio Emilia terzo sprint vincente

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

L’arrivo di Gaviria (Lapresse)

REGGIO EMILIA. – Da re delle due isole a gran signore della Val Padana. Fernando Gaviria ha vinto ovunque, in Sardegna, in Sicilia e, oggi, a Reggio Emilia: sempre allo stesso modo, bruciando tutti allo sprint. Irresistibile e spericolato, forte e potente. Ma soprattutto micidiale e irresistibile. Indiscutibilmente il re delle volate, nel 100/o Giro d’Italia, è lui, il corridore Quick-step Floors.

Trainato dall’argentino Maximiliano Richeze, più lanciato di Jakub Mareczko, che per la seconda volta si è dovuto accontentare della piazza d’onore, Gaviria è partito a tutta birra negli ultimi metri e ha bruciato gli altri uomini-jet, calando il tris in quello che rischia di diventare il Giro dei colombiani (per il connazionale Nairo Quintana il bello deve ancora arrivare). Una volata senza difetti, la sua, né sbavature. Una prova di grande decisione e determinazione da parte di un corridore che, a soli 22 anni, è in grado di fare sfoggio di grande consapevolezza. La consapevolezza dei forti.

La nota negativa riguarda gli italiani che oggi stabiliscono il record negativo al Giro d’Italia, visto che quest’anno non hanno ancora vinto tappe, né indossato la maglia rosa. Un dato sconfortante, che induce quantomeno a un’attenta riflessione sull’attuale situazione del movimento ciclistico. Nel 2010 Filippo Pozzato aveva interrotto il digiuno individuale, aggiudicandosi la 12/a frazione, oggi nessuno è riuscito a spezzare questo triste incantesimo.

Il penultimo festival dei velocisti – l’ultimo appuntamento è in programma domani, a Tortona – ha celebrato la maglia rosa di Tom Dumoulin che, dopo essere diventato leader nella crono dei ‘Sagrantino’, prosegue la propria marcia d’avvicinamento verso le tappe-verità, dove si vincerà o si perderà il Giro d’Italia.

Intanto è Gaviria a rubare la scena: il colombiano poteva anche calare il poker, se ad Alberobello non si fosse fatto beffare. In prospettiva è da considerare uno dei corridori più forti in assoluto nelle volate. Lo conferma il fatto che ha perso una Milano-Sanremo per un soffio, per una caduta due giorni prima del via. Un crudele scherzo del destino.

“La squadra, anche oggi, è stata fenomenale, stupenda, perfetta – il commento di Gaviria -. Richeze è stato eccezionale, ci siamo posizionati in modo perfetto, mentre il traguardo si stava avvicinando, ed è andata bene come ci aspettavamo. La mia partecipazione al Tour? Si, è vero, sto benissimo, ma andrà in Francia la squadra che sta disputando il Giro della California”.

I big oggi sono rimasti al coperto, facendosi ‘trascinare’ verso il traguardo tricolore e limitando al massimo i rischi. Una sgambatura nell’attesa delle battaglie finali, attraverso un pezzo di autostrada A1, percorsa (prima volta in Italia) per 33 chilometri, fra gli svincoli di Barberino del Mugello e Rioveggio.

La tappa è stata caratterizzata da una fuga di 220 chilometri che ha visto protagonisti il russo Sergej Frisanov, gli italiani Marco Marcato e l’enfant du pays Mirco Maestri, che è stato l’ultimo ad arrendersi ai -6,700 chilometri dall’arrivo. Il fatto di essere nato a Guastalla, nel Reggiano, gli ha fornito un supplemento di forze. Non è bastato.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora