Giro: missile Gaviria, a Reggio Emilia terzo sprint vincente

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

L’arrivo di Gaviria (Lapresse)

REGGIO EMILIA. – Da re delle due isole a gran signore della Val Padana. Fernando Gaviria ha vinto ovunque, in Sardegna, in Sicilia e, oggi, a Reggio Emilia: sempre allo stesso modo, bruciando tutti allo sprint. Irresistibile e spericolato, forte e potente. Ma soprattutto micidiale e irresistibile. Indiscutibilmente il re delle volate, nel 100/o Giro d’Italia, è lui, il corridore Quick-step Floors.

Trainato dall’argentino Maximiliano Richeze, più lanciato di Jakub Mareczko, che per la seconda volta si è dovuto accontentare della piazza d’onore, Gaviria è partito a tutta birra negli ultimi metri e ha bruciato gli altri uomini-jet, calando il tris in quello che rischia di diventare il Giro dei colombiani (per il connazionale Nairo Quintana il bello deve ancora arrivare). Una volata senza difetti, la sua, né sbavature. Una prova di grande decisione e determinazione da parte di un corridore che, a soli 22 anni, è in grado di fare sfoggio di grande consapevolezza. La consapevolezza dei forti.

La nota negativa riguarda gli italiani che oggi stabiliscono il record negativo al Giro d’Italia, visto che quest’anno non hanno ancora vinto tappe, né indossato la maglia rosa. Un dato sconfortante, che induce quantomeno a un’attenta riflessione sull’attuale situazione del movimento ciclistico. Nel 2010 Filippo Pozzato aveva interrotto il digiuno individuale, aggiudicandosi la 12/a frazione, oggi nessuno è riuscito a spezzare questo triste incantesimo.

Il penultimo festival dei velocisti – l’ultimo appuntamento è in programma domani, a Tortona – ha celebrato la maglia rosa di Tom Dumoulin che, dopo essere diventato leader nella crono dei ‘Sagrantino’, prosegue la propria marcia d’avvicinamento verso le tappe-verità, dove si vincerà o si perderà il Giro d’Italia.

Intanto è Gaviria a rubare la scena: il colombiano poteva anche calare il poker, se ad Alberobello non si fosse fatto beffare. In prospettiva è da considerare uno dei corridori più forti in assoluto nelle volate. Lo conferma il fatto che ha perso una Milano-Sanremo per un soffio, per una caduta due giorni prima del via. Un crudele scherzo del destino.

“La squadra, anche oggi, è stata fenomenale, stupenda, perfetta – il commento di Gaviria -. Richeze è stato eccezionale, ci siamo posizionati in modo perfetto, mentre il traguardo si stava avvicinando, ed è andata bene come ci aspettavamo. La mia partecipazione al Tour? Si, è vero, sto benissimo, ma andrà in Francia la squadra che sta disputando il Giro della California”.

I big oggi sono rimasti al coperto, facendosi ‘trascinare’ verso il traguardo tricolore e limitando al massimo i rischi. Una sgambatura nell’attesa delle battaglie finali, attraverso un pezzo di autostrada A1, percorsa (prima volta in Italia) per 33 chilometri, fra gli svincoli di Barberino del Mugello e Rioveggio.

La tappa è stata caratterizzata da una fuga di 220 chilometri che ha visto protagonisti il russo Sergej Frisanov, gli italiani Marco Marcato e l’enfant du pays Mirco Maestri, che è stato l’ultimo ad arrendersi ai -6,700 chilometri dall’arrivo. Il fatto di essere nato a Guastalla, nel Reggiano, gli ha fornito un supplemento di forze. Non è bastato.

(dell’inviato Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

09:54Merkel, errore ritenere isolazionismo soluzione problemi

(ANSA) - BERLINO, 29 GIU - "Ritenere di risolvere i problemi e le sfide di oggi con l'isolazionismo è un grave errore". Lo ha detto Angela Merkel intervenendo al Bundestag in vista del G20 della settimana prossima, a poche ore dall'incontro con i leader europei del summit, fra cui Paolo Gentiloni. "Il cambiamento climatico è una sfida esistenziale per il mondo", ha poi aggiunto ricordando che dall'accordo di Parigi non si "torna indietro e non è negoziabile".

09:34Mafia: voto di scambio,arrestato ex sindaco di Niscemi

(ANSA) - CALTANISSETTA, 29 GIU - C'è anche l'ex sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, tra i nove arrestati dell'inchiesta della Dda della Procura di Caltanissetta per voto di scambio mafioso. Per lui, un ex consigliere comunale della sua lista e due esponenti del suo entourage sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ad appoggiarlo sarebbero stati il boss di Niscemi, Giancarlo Giugno, e di Gela, Alessandro Barberi. Al centro delle indagini un presunto patto stretto tra il candidato e la mafia per le elezioni amministrative del 2012.

09:13Israele: approvata richiesta Olmert per libertà anticipata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 29 GIU - E' stata accolta la richiesta dell'ex premier Ehud Olmert (Kadima) di ottenere la libertà anticipata, avendo espiato due terzi della pena di 27 mesi di detenzione dopo la condanna per corruzione. Lo riferiscono i media locali secondo cui Olmert, che e' detenuto nel carcere di Ramle (Tel Aviv), tornera' libero il 2 luglio, se nel frattempo la magistratura non decidera' di ricorrere in appello.

09:02Pakistan: autobotte in fiamme, bilancio morti sale a 171

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 GIU - Con la morte di altre quattro persone gravemente ustionate, le vittime in Pakistan per l'incendio e l'esplosione di un'autobotte con 40.000 litri di carburante il 25 giugno scorso lungo l'autostrada fra Karachi e Lahore sono salite a 171. Lo riferisce oggi GEO Tv. Queste ultime persone decedute, indica l'emittente, erano ricoverate nell'ospedale di Multan ed avevano una età fra i 12 ed i 22 anni. Ieri, si è inoltre appreso, era morto anche l'autista del pesante veicolo, rovesciatosi per l'esplosione di un pneumatico. Poco prima dell'incendio e dell'esplosione, che ha generato una palla di fuoco, centinaia di persone erano accorse con ogni tipo di recipiente per raccogliere la benzina che fuoriusciva dall'autobotte.

08:22Venezuela: Corte Suprema congela beni Procuratrice Ortega

(ANSA) - CARACAS, 29 GIU - Il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) venezuelano ha congelato oggi i beni personali della Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz, e le ha proibito di uscire dal Paese, in vista di una udienza fissata per il prossimo 4 luglio nella quale dovrà rispondere delle accuse che le sono state rivolte dal deputato chavista Pedro Carreno. La denuncia di Carreno, che aveva chiesto precedentemente al Tsg di nominare una giunta medica per valutare la salute mentale della Procuratrice Generale, si basa sulle dichiarazioni che Ortega Diaz ha fatto riguardo all'elezione di magistrati dell'alta corte da parte della maggioranza chavista in Parlamento, nel dicembre del 2015. Ortega Diaz ha detto che non ha mai firmato i documenti che hanno permesso questa elezione in extremis - due settimane dopo la dura sconfitta del governo nelle elezioni politiche - ma Carreno sostiene che mente, e che esistono prove che lo dimostrano.

07:32‘Ndrangheta: arresti tra Piemonte, Lombardia e Calabria

(ANSA) - TORINO, 29 GIU - Undici ordinanza di custodia cautelare in carcere sono state eseguite dai carabinieri nei confronti di altrettante persone ritenute affiliate alla 'Ndrangheta. Associazione a delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, usura, estorsione, rapina, danneggiamento, incendio, detenzione illegale di armi e munizioni i reati contestati nei loro confronti a vario titolo. L'operazione, condotta dai militari della Stazione di Chivasso (Torino) nelle province di Torino, Varese, Reggio Calabria, Cosenza e Vercelli, in collaborazione con i reparti competenti per territorio. Sequestrati beni immobili, società e attività commerciali, polizze vita, conti correnti, autovetture di grossa cilindrata, cassette di sicurezza, gioielli e orologi di lusso, e contanti.(ANSA).

04:11Pedofilia, incriminato cardinale Pell

(ANSA) - SYDNEY, 29 GIU - Preceduta da indiscrezioni di stampa, è stata confermata dalla polizia australiana dello Stato di Victoria l'incriminazione del cardinale George Pell, attualmente prefetto degli Affari economici del Vaticano. I fatti contestati risalirebbero agli anni '70, quasi 50 anni fa, quando Pell era un semplice sacerdote a Ballarat, sua città natale. Le notifiche di reato sono state consegnate questa mattina dalla polizia ai rappresentanti legali di Pell a Melbourne e presentate al tribunale davanti al quale il prelato è chiamato a comparire il 18 luglio. Pell ha sempre respinto le accuse e non si è mai sottratto agli interrogatori. La sua volontà di collaborare sarà nuovamente messa alla prova in questa occasione, visto che l'Australia ha accordi di estradizione con l' Italia ma non con il Vaticano.

Archivio Ultima ora