Assunzioni stabili frenano, calo del 7,4%. Più licenziamenti

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

ROMA. – Mercato del lavoro in affanno con l’esaurimento degli sgravi contributivi per le assunzioni stabili e la stretta sulla durata massima della cassa integrazione: nei primi tre mesi del 2017 – rileva l’Inps nell’Osservatorio sul precariato – sono stati attivati quasi 400.000 contratti a tempo indeterminato, comprese le trasformazioni con un calo del 7,4% sullo stesso periodo del 2016.

Il saldo tra assunzioni e cessazioni da contratti stabili resta attivo (17.537 unità) ma in forte calo sul 2016 e ancora di più sul 2015. Nello stesso periodo si registra un aumento dei licenziamenti (+2,8%), concentrato però in quelli per motivi disciplinari (giusta causa e giustificato motivo soggettivo), ovvero le cause di rottura del contratto sulle quali è intervenuto il Jobs act cancellando la possibilità di reintegro nel posto di lavoro in caso di licenziamento giudicato illegittimo. La modifica introdotta con il Jobs act sui licenziamenti riguarda i nuovi assunti (da marzo 2015) nelle aziende con più di 15 dipendenti.

I licenziamenti disciplinari nel primo trimestre 2017 sono stati 18.349 (+14,4% sul 2016), ma se si spacchettano quelli intimati nelle aziende con più di 15 dipendenti (8.758 casi) l’aumento è molto più sostanzioso con un +29,3% sul primo trimestre 2016 e un +68,4% sullo stesso periodo 2015, prima che entrassero in vigore le nuove norme.

Probabilmente i cambiamenti intervenuti sul fronte degli ammortizzatori sociali come la stretta sulla durata della cassa integrazione (ora due anni al massimo, estendibili a tre nel quinquennio mobile in caso di contratto di solidarietà), hanno inciso sul crollo delle domande di cassa, insieme a una lieve ripresa economica. Nei primi quattro mesi, infatti, sempre secondo quanto rileva l’Inps, sono arrivate richieste per 129 milioni di ore con una riduzione del 43% sullo stesso periodo 2016.

Questo andamento ha probabilmente anche spinto in alto le richieste di disoccupazione: a marzo hanno superato quota 111.000 (+12%) mentre nel primo trimestre hanno superato le 380.000 unità (+7% sullo stesso periodo 2016). Nei primi tre mesi si sono ridotte anche le dimissioni a 199.464 (-3,4%), probabilmente anche grazie all’introduzione della procedura on line messa a punto per evitare il fenomeno delle dimissioni in bianco.

I sindacati hanno commentato i dati chiedendo di riflettere sulla situazione degli ammortizzatori sociali dopo lo stop all’indennità di mobilità (dal 2017) e la stretta sulla cassa integrazione.

(Di Alessia Tagliacozzo/ANSA)

Ultima ora

15:06Terremoto: Boschi, ci siamo e continueremo a esserci

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 20 SET - "Noi ci saremo sempre, con la commissaria De Micheli che prosegue il lavoro fatto da Errani, con l'impegno del governo tutto, quello personale di ciascuno di noi, con il sistema della Protezione Civile. Non lasceremo sola la popolazione di Arquata né quella degli altri territori colpiti dal terremoto. Le risorse ci sono, si tratta di velocizzare ulteriormente le procedure della ricostruzione". Così il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi ad Arquata del Tronto. Da velocizzare anche il lavoro che si sta facendo "con le macerie", Complessivamente - ha aggiunto - "lavoriamo in stretto contatto con i Comuni e con le Regioni. Con i presidenti delle Regioni e i rappresentanti dei Comuni ci vediamo settimanalmente per valutare lo stato e per le macerie. Ci siamo e continueremo ad esserci".

15:05Uragano Maria: sette morti in Dominica

(ANSA-AP) - ROSEAU (REPUBBLICA DOMENICANA), 20 SET - Secondo il consigliere del primo ministro della Dominica, Roosevelt Skerrit, i morti provocati dall'uragano Maria sono almeno sette. Il paese è senza elettricità e con pochissime comunicazioni: "Ci sono tremendi danni, alle case e agli edifici pubblici", ha aggiunto precisando che al momento un bilancio complessivo è ancora prematuro. Ieri l'uragano aveva provocato almeno un morto e due dispersi in Guadalupa.

15:05Calcio: Moratti, non prenderò quote Inter da Thohir

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "No, non ho assolutamente intenzione di acquistare da Erick Thohir una quota dell'Inter. Avevo già il 30% del club nerazzurro e l'ho ceduto, perché ora dovrei volerlo riacquisire da Thohir?": lo dice all'Ansa l'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti, in relazione alle voci che sono riprese a circolare riguardo un suo nuovo coinvolgimento nell'assetto societario del club nerazzurro.

15:04Catalogna: Rajoy, lo stato deve reagire

(ANSA) - MADRID, 20 SET - Davanti alla sfida dell'indipendenza catalana, che "non rispetta la legge", "logicamente lo stato deve reagire" ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo il blitz ddella Guardia Civil a Barcellona. Nessuno stato al mondo può accettare quanto stanno facendo: erano avvertiti, ha aggiunto, sapevano che il referendum non si può fare perché contrario alla sovranità nazionale e al diritto di tutti gli spagnoli di decidere cosa vogliono per il loro paese".

15:03Calcio: Moratti, ieri brutta Inter ma è solo episodio

(ANSA) - MILANO, 20 SET - "Credo che l'Inter debba essere diversa da quella vista ieri a Bologna. E' stata una brutta partita". L'ex presidente dell'Inter Massimo Moratti commenta, all'Ansa, la prestazione della squadra nerazzurra che ieri ha pareggiato su rigore al Dall'Ara. "E' stata una sfida non bella - aggiunge - giocata forse con la stanchezza frutto della partita di Crotone e degli impegni molto ravvicinati. Sono convinto però che sia solo un episodio perché l'Inter ha buoni giocatori e un allenatore ottimo".

15:03Corea Nord: Trump, Hillary critica ma è colpa sua

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Dopo avere permesso alla Corea del Nord di fare ricerca e costruire armi nucleari (Nukes) mentre era Segretario di Stato (anche Bill C), adesso la Corrotta Hillary critica": lo scrive il presidente americano Donald Trump in un tweet.

15:00Messico: crollo scuola, almeno 32 i bambini morti

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 20 SET - E' di 36 morti -32 bambini e quattro adulti- il nuovo bilancio di vittime dopo il crollo della scuola 'Enrique Rebsamen' di Città del Messico, secondo un inviato del quotidiano Excelsior sul luogo del disastro. Secondo un conteggio non ufficiale, 14 persone sono state tratte in salvo dalla scuola, ma almeno una ventina potrebbero trovarsi ancora intrappolate sotto le macerie.

Archivio Ultima ora