Nuova bufera sulla Casa Bianca: “‘Trump pagato da Putin”

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

Il Presidente Donald Trump con Kevin McCarthy nel Rose Garden della Casa Bianca.
(ANSA/AP Photo/Evan Vucci)

NEW YORK. – “Donald Trump viene pagato da Vladimir Putin”: la frase shock spunta in un audio del 15 giugno 2016 rimasto fino ad oggi segreto, pronunciata dall’allora leader della maggioranza repubblicana in Senato Kevin McCarthy. Era il periodo del rush finale delle primarie: un mese dopo il tycoon avrebbe conquistato la nomination alla convention repubblicana di Cleveland. Il contenuto della registrazione è stato diffuso dal Washington Post, creando l’ennesimo imbarazzo ai repubblicani in Congresso e alla Casa Bianca, alla vigilia della prima delicatissima missione all’estero del presidente.

Teatro della conversazione le stanze di Capitol Hill, subito dopo che i leader della maggioranza repubblicana in Congresso – McCarthy e lo speaker della Camera Paul Ryan – avevano avuto un incontro col primo ministro ucraino Vladimir Groysman. Con quest’ultimo che avrebbe denunciato la tattica utilizzata dal Cremlino di finanziare politici populisti al fine di indebolire le istituzioni democratiche in Europa dell’est.

Alla fine del colloquio i vertici repubblicani si riuniscono. “Ci sono due persone che penso Putin paghi – si sente affermare McCarthy – e sono Rohrabacher e Trump”. Dana Rohrabacher è una deputata repubblicana della California famosa in Congresso per difendere con fervore le posizioni di Putin e della Russia.

La conversazione – come emerge dalla registrazione – fu poi bruscamente interrotta da Ryan, che chiese ai presenti di tacere su quello scambio di battute: “No leaks”, si sente dire allo speaker della Camera, “siamo una famiglia e quello che si dice in famiglia resta in famiglia”. McCarthy, travolto dalla bufera, ha parlato di “uno scherzo”, di “una battuta di cattivo gusto che nessuno pensa sia vera”. Le indagini lo appureranno.

Nel frattempo la frustrazione di Trump è alle stelle. “E’ in corso la più grande caccia alle streghe della storia americana”, si era sfogato con un tweet prima ancora che arrivasse la nuova tegola. Ad accrescere le preoccupazioni del tycoon soprattutto la svolta sul fronte del Russiagate, con le indagini affidate ad un procuratore speciale nominato dal dipartimento di Giustizia: l’ex capo dell’Fbi Robert Mueller. Un ‘super-commissario’ dotato di più poteri e più indipendenza, ma anche molto vicino all’ex direttore del Bureau investigativo James Comey, silurato da Trump molto probabilmente per non aver ceduto alle pressioni della Casa Bianca.

“Le indagini dimostreranno che non c’è stata nessuna collusione tra la mia campagna e alcuna entità straniera”, si è difeso ancora il presidente americano, auspicando una rapida chiusura del Russiagate. Intanto però gli sviluppi sembrano andare in direzione contraria.

Non solo l’audio scovato dal Wp, ma anche le rivelazioni del New York Times secondo cui Flynn avvertì la squadra di Trump di essere indagato per il suo lavoro di lobbista per conto della Turchia. Nonostante ciò, gli fu affidato uno degli incarichi più delicati, quello alla Sicurezza Nazionale, dandogli accesso alle informazioni più segrete dell’intelligence Usa.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

11:21Calcio: Juventus rientrata a Boston

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Dopo la vittoria contro il Paris Saint-Germain a Miami, la Juventus ha fatto ritorno nel ritiro di Boston. Ad attendere i bianconeri al Babson College c'era anche Federico Bernardeschi. L'attaccante ex Fiorentina ha effettuato il primo allenamento con i nuovi compagni in vista dell'amichevole di domenica con la Roma, ultima partita della tournée americana.

11:18F.1: motori, accordo tra Ferrari e Sauber

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La scuderia Ferrari ha raggiunto un accordo pluriennale con la Sauber Formula 1. In base a questo, spiega il Cavallino rampante in un comunicato, le power unit prodotte a Maranello saranno utilizzate sulle monoposto della squadra svizzera.

11:12Calcio: Mls, Sigi Schmid nuovo tecnico dei LA Galaxy

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cambio di allenatore sulla panchina dei Los Angeles Galaxy: Curt Onalfo, infatti, è stato esonerato in seguito ai deludenti risultati conseguiti, non ultima una serie di 5 sconfitte consecutive. Il suo posto è stato assegnato al veterano della Mls Sigi Schmid, 64 anni, tedesco con passaporto Usa, tra il '99 e il 2004 già nella franchigia californiana che nel 2002 condusse anche al suo primo scudetto. Titolo che la scorsa stagione è andato ai Seattle Sounders, squadra allenata proprio da Schmid fino all'estate, quando fu a sua volta esonerato. Onalfo, promosso dai Galaxy B dopo la nomina di Bruce Arena a ct della Nazionale statunitense, lascia la squadra al 9/o posto della Western Conference, con 6 vittorie, 4 pareggi e 10 sconfitte. Dal prossimo campionato di Mls, intanto, la città avrà il suo derby con il debutto del Los Angeles Football Club (Lafc): la nuova franchigia sarà guidata dal 59enne ex ct degli Usa Bob Bradley. Nel gennaio dello scorso anno era stato esonerato dallo Swansea (Premier League).

10:59Migranti: naufragio Egeo, 7 vittime, anche 5 bambini

(ANSAmed) - ISTANBUL, 28 LUG - Almeno 7 persone, 2 donne e 5 bambini, sono morte nel naufragio di un barcone di migranti nel mar Egeo, avvenuto nella tarda serata di ieri. Lo riferisce la guardia costiera turca. Il natante, diretto verso le isole greche, è affondato al largo di Cesme, località costiera nella provincia di Smirne. Secondo le autorità marittime di Ankara, a bordo c'erano 18 persone, 9 delle quali - 4 iracheni, 3 somali e 2 siriani - soccorse in mare. Proseguono inoltre le ricerche di un altro migrante, che risulta disperso. Il presunto scafista avrebbe invece abbandonato il barcone mentre stava affondando ed è ora ricercato. Nelle operazioni di salvataggio sono stati impiegati 3 navi e un elicottero. Dall'accordo Ue-Turchia del marzo 2016, il flusso di migranti e rifugiati verso le isole greche si è ridotto a una media quotidiana di poche decine, facendo diminuire sensibilmente anche il numero degli incidenti in mare

10:51Pakistan: premier rimosso da Corte Suprema

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La corte suprema pachistana ha rimosso dal suo incarico il premier Nawaz Sharif perché accusato di corruzione. Non è la prima volta che un tribunale ha ordinato la rimozione di un premier eletto. Cinque anni fa era successo all'allora primo ministro Yusuf Raza Gilani per un caso di oltraggio alla giustizia. Sharif e i suoi figli sono invece accusati di possedere una serie di compagnie offshore, come è emerso un anno fa dai cosiddetti Panama Papers.

10:42Omicidio a Vieste: indagini, ascoltate 8 persone

(ANSA) - VIESTE, 28 LUG - Otto persone, tra amici, familiari e possibili testimoni, sono state ascoltate dai carabinieri nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Omar Trotta, di 31 anni, con precedenti penali, ucciso ieri con colpi di pistola intorno alle 14.00 mentre era all'interno del suo ristorante, 'La bruschetta', nel centro storico di Vieste. E'stata ascoltata anche la moglie della vittima, che era presente con la figlioletta di 7 mesi. ''Ci ha confermato la dinamica. - ha detto un ufficiale dei Cc che segue le indagini - Un solo killer è entrato nel locale, col volto coperto da casco e armato di pistola calibro 9. Ha esploso 5 colpi che hanno raggiunto Trotta all'addome e alla testa, uccidendolo''. Poi è fuggito ed ha raggiunto il complice che lo attendeva su uno scooter. Il killer ha sparato senza preoccuparsi della gente che in quel momento si trovava nel locale. Al tavolo con Trotta e Tommaso Tomaiuolo, di 21 anni, rimasto leggermente ferito, sedeva anche la fidanzata di Tomaiuolo, sfuggita al fuoco del killer.

10:41Causò incendio che distrusse 10mila mq Parco Vesuvio, preso

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Identificato e arrestato dai Carabinieri l'autore dell'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco nazionale del Vesuvio. Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Torre del Greco, in sinergia con i Carabinieri Forestali, ad aver eseguito nella notte un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per incendio boschivo emessa dal Gip di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura nei confronti di un 24enne del luogo già noto alle forze dell'ordine. L'uomo, identificato grazie a veloci indagini - esame di telecamere e attività di intercettazione - è ritenuto responsabile di aver appiccato, il 14 luglio scorso a Torre del Greco, l'incendio che ha distrutto 10mila metri quadrati di Parco. Il giovane ha utilizzato un semplice accendino, mettendo per altro a repentaglio con quel gesto la sua stessa abitazione, lambita dalle fiamme. Adesso si trova nel carcere di Poggioreale, in attesa del processo.

Archivio Ultima ora