Draghi: “Crisi alle spalle, i cittadini hanno scelto l’Europa”

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

DANIEL ROLAND/AFP/Getty Images)

ROMA. – “La crisi è ora alle nostre spalle”. Mario Draghi lancia il più forte messaggio di ottimismo sull’economia dell’Eurozona dall’inizio del suo mandato alla Bce, e rinfrancato dall’esito delle elezioni politiche in Francia rilancia l’integrazione europea: “ora la maggioranza silenziosa ha ritrovato la sua voce, il suo orgoglio e la fiducia in se stessa”. All’Università di Tel Aviv, in Israele, dove ha ricevuto un dottorato honoris causa, Draghi ha fatto il punto sull’economia, forte di una crescita doppia degli Usa nel primo trimestre dopo il sorpasso avvenuto nel 2016.

“La ripresa dell’Eurozona è solida e sempre più ampia fra i Paesi e settori” economici, con “cinque milioni di impiegati in più rispetto al 2013”. Segnali di ottimismo che si accompagnano al rilancio del progetto europeo da parte dell’istituzione, la Bce, forse più attiva di tutte nella difesa e rafforzamento dell’euro degli ultimi cinque anni: c’è “un’onda crescente di energia nel chiedere un’azione unitaria europea. L’Ue e l’euro hanno sempre avuto il sostegno della maggioranza dei cittadini europei, ma spesso si sentiva solo una opposizione rumorosa”.

Ora, dice Draghi forte della vittoria di Macron in Francia e del voto in Olanda, con un voto pro-Europa praticamente assicurato in Germania e il ritorno dell’asse franco-tedesco (la principale incognita rimane l’Italia), “la maggioranza silenziosa ha ritrovato la sua voce, il suo orgoglio e la fiducia in se stessa”.

Era tempo che Draghi non parlava con toni così “politici” ed è l’occasione per chiamare i Paesi all’azione: ora bisogna affrontare le riforme strutturali, eterne incompiute, e le sfide poste non solo dall’architettura dell’Unione economica e monetaria incompleta, ma anche da migrazioni, difesa comune, sicurezza: lo si può fare – dice Draghi – “solo mettendo insieme sovranità”.

Se l’ottimismo di Draghi sulla ripresa lascia intravedere un possibile segnale di cambio di marcia alla riunione di giugno sulle politiche della Bce, va ancora più in questa direzione la presa di posizione di Benoit Coeuré: il consigliere esecutivo della Bce, alla Reuters, ha avvertito del rischio di una “eccessiva gradualità” nel cominciare a ritirare le misure straordinarie di Francoforte.

Già a fine marzo l’economista francese aveva detto che mettere in discussione l’attuale tabella di marcia, che prevede di terminare prima il ‘quantitative easing’ e poi rialzare i tassi, non è un “tabù”. Oggi torna su quel tasto, dichiarando che non si tratta di una decisione “incisa nella pietra”.

E’ chiaro la discussione nel consiglio Bce si sta vivacizzando in vista dell’appuntamento dell’8 giugno a Tallinn, dove si potrebbe indicare un’inversione di marcia in arrivo, e ancor più della decisione da prendere entro fine anno sul futuro del ‘quantitative easing’.

Lo rivelano gli stessi verbali della riunione di fine aprile a Francoforte: il consenso sul fatto che i rischi sono scesi ulteriormente da marzo è “generale”, non unanime, con alcuni Paesi più deboli che ritengono prematuro cantare vittoria. Consenso “ampio”, anche qui non unanime, sulla tenuta dell’inflazione, con il fronte capitanato dai tedeschi che vorrebbe dichiarare missione compiuta.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

10:37Libano: stato di allerta esercito a confine Israele

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il capo delle Forze armate libanesi, generale Joseph Aoun, ha disposto il "pieno stato di allerta" dei militari lungo il confine orientale per "fronteggiare le minacce del nemico Israele e delle sue violazioni". Lo annuncia l'esercito su Twitter. Aoun ha chiesto ai soldati di "vigilare" per la "corretta implementazione" della risoluzione 1701 dell'Onu e di "garantire la stabilità" al confine con Israele.

10:08Usa: migranti,nuovo no giudice a stop fondi città-santuario

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 21 NOV - Nuova battuta d'arresto per Donald Trump nella sua battaglia per tagliare fondi alle 'citta' santuario', quelle che non collaborano con gli uffici per il controllo dell'immigrazione. Un giudice distrettuale di San Francisco, William Orrick, ha rigettato l'argomentazione dell'amministrazione secondo la quale l'ordine esecutivo si applica solo a una somma di denaro relativamente piccola, e ha stabilito che il presidente non puo' imporre nuove condizioni sulle spese approvate dal Congresso. Il giudice aveva in precedenza argomentato allo stesso modo in una sentenza che aveva sospeso in via solo temporanea l'ordine esecutivo che colpisce le citta'-santuario. L'amministrazione Trump si era appellata contro quella decisione alla nona Corte d'Appello. La sentenza di Orrick era arrivata nella cause proposte da due contee della California, San Francisco e Santa Clara. Il procuratore di San Francisco ha commentato che la sentenza e' ''una vittoria per il popolo americano e per le norme di legge''.

10:00Zimbabwe: vicepresidente a Mugabe, dimettiti

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il vicepresidente dimissionato dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, intima a Robert Mugabe di dimettersi in un comunicato reso noto dalla Cnn. "Mugabe ha sempre detto che se il popolo lo avesse voluto avrebbe lasciato l'incarico. Ora che la gente ha parlato deve accettare la volontà del popolo e dimettersi", ha detto Mnangagwa, sottolineando che non tornerà nel Paese fin quando "non verrà garantita" la sua sicurezza.

09:04Putin incontra Assad

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine": così il presidente russo Vladimir Putin incontrando ieri a Sochi Bashar al Assad. Lo riferisce Russia Today. Nel corso dell'incontro a sorpresa, il leader del Cremlino ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" auspicando che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva". Assad ha sottolineato che Damasco accoglie con favore "coloro realmente interessati a una soluzione politica in Siria, con i quali siamo pronti al dialogo".

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

Archivio Ultima ora