Gelo di Israele su Trump per ambasciata e Muro del Pianto

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

TEL AVIV. – Più passano i giorni e più l’entusiasmo iniziale per la visita di Donald Trump in Israele, il 22 e 23 maggio prossimi, sembra raffreddarsi dopo che nei giorni scorsi si è registrata tra le parti una serie di frizioni non indifferenti. Non sono pochi i commenti sui media a manifestare dubbi e interrogativi. In testa il liberal Haaretz, che oggi titola in prima pagina: “Il love affair della destra israeliana con Trump è passato dall’estasi all’agonia”.

Ad aver pesato negativamente sul piatto della bilancia, la questione ancora aperta del trasloco dell’ambasciata Usa a Gerusalemme e la querelle se il Muro del Pianto sia in Israele oppure in Cisgiordania. Non ultimo il presunto leak del presidente Usa al ministro degli Esteri russo Lavrov di informazioni ultra sensibili sull’Isis passategli dai servizi israeliani.

Per quanto riguarda l’ambasciata – il cui spostamento è stato più volte promesso da Trump in campagna elettorale – allo stato attuale, nonostante la ridda di ipotesi, la questione appare congelata. E comunque, come rivelato da una fonte della Casa Bianca, lo spostamento non sarà annunciato durante il viaggio, come molti da queste parti auspicavano.

Ma ha creato malumore anche il rifiuto, attribuito al consolato Usa di Gerusalemme, di discutere con gli israeliani della visita di Trump al Muro del Pianto (andrà anche al Santo Sepolcro) con la motivazione che si tratta non solo di una parte privata del viaggio ma anche che il luogo si trova in Cisgiordania e non in Israele.

Su Yediot Ahronot una fonte israeliana ha raccontato che i preparativi della visita “sono nel caos” per i continui cambi imposti: “Non abbiamo veramente nessuno con cui parlare da parte americana”, si è lamentata la fonte.

Altro punto di frizione riguarda la visita a Yad Vashem, il Mausoleo della Memoria a Gerusalemme – sosta obbligata per ogni capo di Stato in visita in Israele – a cui Trump avrebbe deciso di dedicare non più di 15 minuti.

Infine il presunto leak sull’Isis che ha creato più di una preoccupazione nei servizi segreti dello Stato ebraico. Così come appare sfumato l’incontro a tre tra Trump, il presidente palestinese Abu Mazen e Netanyahu. Domani arriverà nella regione l’inviato speciale del presidente Usa Jason Greenblatt con il compito di rimuovere gli ultimi ostacoli e smuovere le acque stagnati dei negoziati.

(di Massimo Lomonaco/ANSAmed)

Ultima ora

10:37Libano: stato di allerta esercito a confine Israele

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il capo delle Forze armate libanesi, generale Joseph Aoun, ha disposto il "pieno stato di allerta" dei militari lungo il confine orientale per "fronteggiare le minacce del nemico Israele e delle sue violazioni". Lo annuncia l'esercito su Twitter. Aoun ha chiesto ai soldati di "vigilare" per la "corretta implementazione" della risoluzione 1701 dell'Onu e di "garantire la stabilità" al confine con Israele.

10:08Usa: migranti,nuovo no giudice a stop fondi città-santuario

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 21 NOV - Nuova battuta d'arresto per Donald Trump nella sua battaglia per tagliare fondi alle 'citta' santuario', quelle che non collaborano con gli uffici per il controllo dell'immigrazione. Un giudice distrettuale di San Francisco, William Orrick, ha rigettato l'argomentazione dell'amministrazione secondo la quale l'ordine esecutivo si applica solo a una somma di denaro relativamente piccola, e ha stabilito che il presidente non puo' imporre nuove condizioni sulle spese approvate dal Congresso. Il giudice aveva in precedenza argomentato allo stesso modo in una sentenza che aveva sospeso in via solo temporanea l'ordine esecutivo che colpisce le citta'-santuario. L'amministrazione Trump si era appellata contro quella decisione alla nona Corte d'Appello. La sentenza di Orrick era arrivata nella cause proposte da due contee della California, San Francisco e Santa Clara. Il procuratore di San Francisco ha commentato che la sentenza e' ''una vittoria per il popolo americano e per le norme di legge''.

10:00Zimbabwe: vicepresidente a Mugabe, dimettiti

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il vicepresidente dimissionato dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, intima a Robert Mugabe di dimettersi in un comunicato reso noto dalla Cnn. "Mugabe ha sempre detto che se il popolo lo avesse voluto avrebbe lasciato l'incarico. Ora che la gente ha parlato deve accettare la volontà del popolo e dimettersi", ha detto Mnangagwa, sottolineando che non tornerà nel Paese fin quando "non verrà garantita" la sua sicurezza.

09:04Putin incontra Assad

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine": così il presidente russo Vladimir Putin incontrando ieri a Sochi Bashar al Assad. Lo riferisce Russia Today. Nel corso dell'incontro a sorpresa, il leader del Cremlino ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" auspicando che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva". Assad ha sottolineato che Damasco accoglie con favore "coloro realmente interessati a una soluzione politica in Siria, con i quali siamo pronti al dialogo".

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

Archivio Ultima ora