Mdp riunito a Milano, nuova casa per il centrosinistra

Bersani, governo non ascolti solo Alfano

MILANO. – “Il tempo è maturo per organizzare la prospettiva di una nuova casa per il popolo di centrosinistra”. Roberto Speranza lo ha detto alla fine della prima giornata di lavori di ‘Fondamenta’, il cantiere di Articolo 1-Mdp che resterà aperto fino a domenica al Megawatt di Milano, capannone ex industriale dove il colore dominate è il rosso.

“Questa tre giorni – ha spiegato il coordinatore nazionale ai giornalisti – è il tentativo di dare una casa a un popolo di centrosinistra che dice no al partito di Renzi ma dice no anche a stare a casa o a diventare grillino”. Poche certezze ancora sulla formula (o le formule) con cui il centrosinistra si presenterà alle prossime elezioni politiche.

Dipenderà ovviamente anche dal testo della legge elettorale, che la presidente della Camera, Laura Boldrini, seduta in prima fila alla manifestazione milanese insieme a Pierluigi Bersani, ha auspicato essere “il più possibile condiviso”.

Ma sui temi al centro del programma, il partito nato alla sinistra del Pd non ha dubbi. E chiede al Governo di Paolo Gentiloni “discontinuità”, minacciando una frattura in caso di reintroduzione dei voucher. “Non a caso – ha detto il capogruppo alla Camera, Francesco Laforgia, il primo a parlare dal palco – abbiamo chiamato ‘Fondamenta’ questa tre giorni: quando bisogna ricostruire, bisogna partire dalle basi. E due sono i nostri pilastri: quello della democrazia e quello del lavoro”.

L’articolo 1 della Costituzione, appunto. Domani e dopo si alterneranno le voci dello stesso Bersani, di Massimo D’Alema, di Emma Bonino, di Giuliano Pisapia e molti altri. Non ci sarà invece l’ex direttore del Corriere della Sera, Ferruccio de Bortoli, il cui nome compariva inizialmente nel programma.

Nel mezzo, domani pomeriggio, la partecipazione convinta alla marcia per i migranti nel centro di Milano, che ha avuto l’adesione anche dell’Anpi guidata da Carlo Smuraglia. Al quale questa sera è stata tributata una standing ovation dal popolo di Articolo 1. “Si deve proporre una grande alleanza morale in tutto il Paese – ha detto il presidente dell’Anpi – in un discorso iniziato il 4 dicembre che deve proseguire”.

(di Alessandro Franzi/ANSA)

Condividi: