S.Nicola: attesa in Russia per la reliquia, la prima volta in 930 anni

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

BARI. – Frutto dello storico incontro a Cuba, un anno fa, tra il Patriarca di Mosca Kirill e Papa Francesco, una reliquia di San Nicola sarà trasferita temporaneamente in Russia, per la prima volta dopo 930 anni, domenica 21 maggio, quando partirà dalla Basilica di Bari per arrivare a Mosca e nei giorni successivi a San Pietroburgo. San Nicola, patrono dei baresi che traslarono le ossa dal vescovo di Myra dalla Turchia, nel 1087, è il più venerato nella Federazione russa dove l’attesa cresce ogni giorno dall’annuncio della partenza dal capoluogo pugliese di un frammento di 13 centimetri di una costola sinistra del santo.

“Dalla parte del cuore”, hanno sottolineato i frati domenicani che sono i custodi delle reliquie che migliaia di fedeli ortodossi, in prevalenza russi, vengono a venerare nel capoluogo pugliese. Anche in questi giorni la cripta della Basilica è affollata da pellegrini giunti a Bari per i quattro giorni dei festeggiamenti che la città dedica al suo Santo Patrono e che si sono conclusi da poco.

La reliquia, che è stata prelevata da una equipe di medici legali il 19 giugno 2016, sarà accompagnata in Russia con una missione istituzionale alla quale parteciperanno autorità civili e religiose. Tra queste, l’arcivescovo di Bari-Bitonto e delegato pontificio per la Basilica di San Nicola, mons. Francesco Cacucci; il priore della Basilica di San Nicola, padre Ciro Capotosto; il sindaco di Bari, Antonio Decaro, e il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Quest’ultimo ha auspicato che “questo viaggio straordinario” serva “a costruire ponti di pace e a rafforzare il dialogo antico e fraterno tra Russia e Puglia, e tra cattolici e ortodossi”. Secondo il programma, domenica 21 maggio alle 8 nella Cripta della Basilica il metropolita Hilarion Alfeev, presidente del dipartimento delle relazioni esterne del Patriarcato di Mosca, presiederà una liturgia al termine della quale la reliquia sarà consegnata dal priore della Basilica e un protocollo di intesa sarà sottoscritto tra mons. Cacucci e Hilarion.

Successivamente, il reliquiario realizzato dalla Federazione Russa e che è già arrivato nella Basilica, sarà trasferito in aeroporto a bordo della ‘San Nicola mobile’, scortata dalle forze dell’ordine. La partenza per Mosca è fissata per le 11.30. Alle 16, poi, la reliquia sarà accolta nella capitale russa dal Patriarca di Mosca Kirill per essere trasferita nella Cattedrale di San Salvatore dove sarà celebrata una liturgia presieduta dal Patriarca. Il frammento del sacro costato sarà riportato a Bari il 28 luglio prossimo.

(di Vincenzo Chiumarulo/ANSA)

Ultima ora

19:24Terremoto Ischia: Borrelli, case con materiali scadenti

(ANSA) - ISCHIA, 22 AGO - Come mai tanti danni da un sisma di magnitudo 4.0? "C'è un discorso di specificità dell'isola d'Ischia che è in area vulcanica. Quello che però ho potuto vedere oggi è che molte costruzioni sono realizzate con materiali scadenti che non corrispondono alla normativa vigente, per questo alcuni palazzi sono crollati o rimasti danneggiati". Lo dice Angelo Borrelli, capo della protezione civile, in conferenza stampa a Casamicciola. C'è un legame tra abusivismo e crolli? "Secondo me sì" ma non necessariamente, perché "può esserci una costruzione abusiva fatta bene e una costruzione che rispetta le norme di legge fatta male, per cui poi bisogna vedere come sono realizzate". "Stamattina - spiega ancora Borrelli - avevamo stimato un bacino di possibili sfollati, in base alla popolazione. Ad ora si registra un fabbisogno negli alberghi di circa 200 persone, un numero che potrà crescere".

19:23Francia: Hollande a Macron, non chiedere sacrifici inutili

(ANSA) - PARIGI, 22 AGO - "Non si possono chiedere ai francesi sacrifici che non sono utili". Lo ha detto l'ex presidente francese, Francois Hollande, ai microfoni di Lci durante una visita ad Angouleme (sud-ovest), commentando la riforma del lavoro prevista dal governo di Emmanuel Macron. "Non bisognerebbe rendere il mercato del lavoro ancora più flessibile di quanto non abbiamo fatto noi" ha aggiunto Hollande, evocando il "rischio di creare rotture".

19:23Vuelta: Trentin, ci tenevo a vincere una tappa

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - "Desideravo tanto una vittoria perchè mi sento molto forte in quest'ultima parte di stagione". Sono le parole a caldo di Matteo Trentin, vincitore della quarta tappa della Vuelta conclusasi a Tarragona. "Dopo la caduta che mi ha messo fuori gioco al Tour - ha dichiarato il ciclista della Quick-Step Floors - volevo venire qui e vincere una tappa alla Vuelta. Due giorni fa abbiamo fatto un lavoro molto intelligente per ottenere la vittoria con Yves Lampaert. Oggi abbiamo deciso che era il mio momento. I miei compagni sono stati incredibili - ha tenuto a precisare Trentin - abbiamo avuto un pò di aiuto all'inizio ma quando le cose sono impazzite (riferendosi alla fuga iniziale di cinque corridori, ndr), ci siamo messi a tirare tutti quanti".

19:21Usa: guerra delle statue, a rischio anche quella di Colombo

(ANSA) - NEW YORK, 22 AGO - La 'guerra delle statue sudiste' potrebbe fare un'altra vittima eccellente nel cuore di Manhattan: Cristoforo Colombo, il cui monumento si erge di fronte all'ingresso principale di Central Park. La recente revisione ordinata dal sindaco di New York, Bill de Blasio, dopo i fatti di Charlottesville per alcuni rappresentanti del consiglio municipale dovrebbe riguardare anche la statua dell'esploratore italiano, anche se la sua figura non ha nulla a che fare con la Guerra di Secessione. A motivare la richiesta l'accusa mossa a Colombo di essere stato un conquistatore "spietato" che ha ucciso e fatto schiavi migliaia di nativi d'America. Un punto su cui gli storici sono da sempre divisi. La commissione nominata da de Blasio avrà ora 90 giorni di tempo per esaminare statue e monumenti in città che possono istigare all'odio, alla divisione o al razzismo e all'antisemitismo.

19:21Barcellona: a Milano posizionati nuovi jersey in Darsena

(ANSA) - MILANO, 22 AGO - Prosegue a Milano il posizionamento di nuovi jersey in zone pedonali particolarmente affollate, deciso dopo la strage di Barcellona. Questa mattina, è stata completata la posa di blocchi di cemento nei tre accessi alla Darsena, in viale Gorizia, Piazzale Cantore e piazza XXIV maggio, che precedono quelli previsti per proteggere le due alzaie dei Navigli. Secondo il piano deciso dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza dopo l'attentato di Barcellona, tutti i luoghi più affollati della città verranno protetti con barriere anti sfondamento e nei prossimi giorni ci saranno sopralluoghi in altre zone di Milano, a partire da via Montenapoleone per proseguire con le Colonne di San Lorenzo.

19:19Venezuela: media, Ortega Diaz domani in Brasile

(ANSA) - BOGOTA', 22 AGO - L'ex procuratrice generale del Venezuela, Luisa Ortega Diaz, sarà domani a Brasilia per partecipare ad un incontro con colleghi dei paesi che fanno parte del Mercosur. Lo afferma il quotidiano O Globo, precisando che il presidente brasiliano Michel Temer ha ordinato di rafforzare durante la visita le misure di sicurezza della Ortega Diaz, da qualche giorno in Colombia dopo essere fuggita da Caracas. L'ex procuratrice, affermano d'altro lato media colombiani, ha incontrato funzionari di Washington e potrebbe recarsi negli Stati Uniti, dove non si esclude che possa chiedere asilo. Il governo del Cile ha a sua volta dato via libera alla concessione dell'asilo di cinque magistrati venezuelani che da qualche settimana si sono rifugiati nell'ambasciata di Santiago a Caracas.

19:16Calcio: Juve Marotta “Schick e Keita discorsi chiusi”

(ANSA) - TORINO, 22 AGO - "Con l'arrivo di Matuidi, come detto da Allegri, questa rosa ha la possibilità di adeguarsi a tutte le scelte tattiche, Keita e Schick sono due argomenti chiusi". Così il dg bianconero Beppe Marotta. "Restiamo così - ha aggiunto - a meno che non si presentino delle opportunità, ma ora siamo tranquilli. Un difensore? Non vogliamo giocatori normali e per Garay, al momento, non ci sono le condizioni". "Il mercato così lungo è logorante per tutti, gestiamo ogni giorno svariate situazioni - ha proseguito il dirigente bianconero -. Noi siamo tranquilli, ma rimane il fatto che se si presenteranno situazioni invitanti, magari vi dirò cose diverse da quelle di oggi".

Archivio Ultima ora