Bloccati da 26 anni in Italia, tornano a casa i marinai iracheni

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

Le corvette sequestrate

ROMA. – L’hanno fatto, imperterriti per 27 anni, ma da ieri nessuno alza più la bandiera irachena a bordo delle due corvette ordinate da Saddam Hussein a Fincantieri e rimaste bloccate per così lungo tempo nel porto della Spezia, presidiate da un manipolo di marinai. Ora, finalmente, questa incredibile odissea – figlia dell’embargo Onu verso l’Iraq e di una successiva controversia internazionale – è finita: i militari iracheni, una dozzina, sono partiti per fare ritorno a casa e lunedì comincerà il trasferimento delle navi da guerra verso il porto di Umm Qasr, vicino a Nassiriya.

La notizia l’ha resa nota lo Stato maggiore della Marina italiana spiegando che “sono iniziate ieri le attività che porteranno, lunedì, all’inizio del trasferimento dalla Spezia verso il porto di Umm Qasr, in Iraq, delle due corvette Mussa Ben Nassair e Tariq Ibn Ziad, già battenti bandiera irachena ma rimaste in Italia dal 1990 per le conseguenze della risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu con la quale veniva vietata la vendita di armi o altro equipaggiamento militare all’Iraq a seguito dell’invasione del Kuwait e lo scoppio della prima Guerra del Golfo”.

Annullato l’embargo e risolte altre questioni diplomatico-giudiziarie, le corvette finalmente “potranno essere trasportate in Iraq”. Trasferimento che avverrà, stante le condizioni non ottimali delle due unità, attraverso la nave bacino norvegese ‘Eide Trader’. A precedere le navi sarà l’equipaggio, rimasto a bordo per un quarto di secolo, con turnazioni di mesi o anche di anni, a seconda delle variabili geopolitiche che hanno sconvolto l’Iraq.

All’inizio della crisi, nei primi anni Novanta, su ciascuna unità c’erano 50 marinai, ma col tempo gli equipaggi sono stati progressivamente ridotti. I militari rimasti a sorvegliare le due corvette, occupandosi soprattutto della loro manutenzione, non hanno mai avuto particolari restrizioni e sono sempre stati muniti di permessi di soggiorno.

Comandati da un ammiraglio e da un altro ufficiale, hanno vissuto quasi sempre a bordo, recandosi a fare la spesa all’esterno della base navale della Spezia, uscendo e rientrando senza che siano mai sorti problemi. Una delle due unità, piuttosto malridotte per la lunga sosta, fu anche portata in bacino di carenaggio per controlli e interventi di manutenzione.

In occasione della guerra del Golfo, nel 1991, le due corvette, sempre con a bordo gli equipaggi iracheni, furono spostate dal cantiere del Muggiano all’arsenale militare, per ragioni di sicurezza. Dopo l’11 settembre le misure di sicurezza furono rese più rigide anche nell’arsenale, dove, per un periodo, non furono ammesse le visite del pubblico.

Nei primi anni Duemila, a seguito del conflitto in Iraq, i marinai non se la passarono bene e usufruirono spesso a pranzo nella mensa dell’arsenale. In passato alcuni di essi erano stati raggiunti anche dalle famiglie, che avevano preso in affitto alcuni alloggi.

Ultima ora

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

23:59Vaccini: Pisa, migliaia in corteo contro obbligo

(ANSA) - PISA, 23 GIU - Migliaia di persone stanno partecipando a Pisa ad una fiaccolata contro la vaccinazione obbligatoria. Il corteo sta attraversando pacificamente le principali vie del centro cittadino aperto da un grande striscione sul quale è scritto: "Con la salute non si scherza. Libertà di scelta e sicurezza". Al corteo, senza alcuna insegna di partiti politici, partecipano almeno duemila persone che scandiscono lo slogan "libertà, libertà" e tra loro sono presenti molte famiglie con bambini. La manifestazione è assolutamente pacifica anche se ha letteralmente invaso il centro storico sostituendosi di fatto al consueto affollamento di giovani che animano la movida pisana. (ANSA).

23:38Calcio: Europei U.21, il Portogallo vince ma non basta

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Il Portogallo supera 4-2 la Macedonia nella terza e ultima giornata del gruppo B degli Europei Under 21, ma non riesce a rimanere in gioco per il posto in semifinale riservato alla miglior seconda classificata: c'è infatti già almeno una squadra, la Slovacchia (gruppo A), con una miglior differenza reti dei lusitani. A Gdynia, reti portoghesi di Edgar Ié (2' pt), Bruma (22' pt e 47' st) e Podence (12' st); macedoni di Bardi (40' pt) e Markoski (35' st). Nell'altra gara odierna, a Bydgoszcz, la Spagna già qualificata (insieme all'Inghilterra dal gruppo A) ha battuto anche la Serbia 1-0 (38' pt Suarez) concludendo il girone a punteggio pieno (Spagna 9; Portogallo 6; Serbia e Macedonia 1). La fase a gironi si conclude domani con le partite del gruppo C: Repubblica ceca-Danimarca e Italia-Germania.

Archivio Ultima ora