Dem bocciano Lieberman a capo dell’Fbi: “Non è ruolo politico”

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

Joe Liberman-GettyImages

WASHINGTON. – Il suo nome era balzato subito in cima alla rosa dei papabili per sostituire James Comey alla direzione dell’Fbi, ma il No dei democratici l’ha bloccato. Joe Lieberman, ex senatore indipendente, già democratico e candidato vicepresidente nel ticket con Al Gore, deve fare i conti con il muro dei dem che complica – e forse anche procrastina – lo scenario aperto dal siluramento di Comey.

Il presidente Donald Trump parte infatti per il suo primo viaggio all’estero, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, senza nominare il nuovo direttore dell’Fbi e lascia Washington in un limbo, pur in acque agitatissime, con l’attenzione tutta rivolta a Capitol Hill. La conferma dalla Casa Bianca poco prima della partenza di Trump: nessun annuncio imminente.

Eppure in un primo momento proprio la possibile scelta di Lieberman sembrava poter mettere un punto nell’intricata vicenda, con lo stesso presidente che aveva lasciato intendere di voler voltare pagina rapidamente: “Siamo molto vicini” a nominare il nuovo direttore dell’Fbi, aveva detto, sottolineando che l’ex senatore indipendente era in corsa per l’incarico.

Stando ad indiscrezioni però i senatori democratici hanno nel frattempo fatto ben presente la loro contrarietà, nella convinzione che il direttore dell’Fbi non dovrebbe essere un ex politico, per motivi di indipendenza oltre al fatto che gli mancherebbe l’esperienza per il ruolo.

Intanto continuano i tentativi per ‘ricostruire una verità sull’ultima tegola in ordine di tempo abbattutasi su Trump e che non pochi osservatori giudicano almeno in parte autoinflitta. Così in attesa di sapere se Comey acconsentirà a testimoniare davanti al Congresso per parlare di quel memo che ha scatenato i dubbi sulle ingerenze di Trump nel chiedere che si ‘lasciasse correre’ circa l’inchiesta sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale Mike Flynn e i presunti contatti con rappresentati russi, si fanno avanti i ‘difensori’ dell’ex direttore dell’Fbi.

Comey ha cercato in più occasioni di mantenere le distanze da Trump e dalla Casa Bianca e si è lamentato con alcuni amici del comportamento inappropriato del presidente e dello staff, scrive il New York Times citando alcune fonti, fra cui Benjamin Wittes, amico dell’ex direttore dell’Fbi e componente del think tank Brookings Institution.

Durante un pranzo in marzo, Comey si era lamentato con lui di aver trascorso i primi due mesi dell’amministrazione Trump a cercare di mantenere le distanze fra l’Fbi e la Casa Bianca e di educarli sulle corrette modalità di comunicazione, racconta Wittes, sottolineando che Comey riteneva il presidente stesse cercando di instaurare un rapporto di amicizia, ma che lui opponeva resistenza perchè riteneva ogni conversazione o contatto personale con Trump inappropriato.

Come quell’abbraccio, nello studio ovale subito dopo l’insediamento di Trump, che mise Comey a disagio fino a lasciarlo ‘disgustato’, dice Wittes anche alla Cnn.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

23:59Vaccini: Pisa, migliaia in corteo contro obbligo

(ANSA) - PISA, 23 GIU - Migliaia di persone stanno partecipando a Pisa ad una fiaccolata contro la vaccinazione obbligatoria. Il corteo sta attraversando pacificamente le principali vie del centro cittadino aperto da un grande striscione sul quale è scritto: "Con la salute non si scherza. Libertà di scelta e sicurezza". Al corteo, senza alcuna insegna di partiti politici, partecipano almeno duemila persone che scandiscono lo slogan "libertà, libertà" e tra loro sono presenti molte famiglie con bambini. La manifestazione è assolutamente pacifica anche se ha letteralmente invaso il centro storico sostituendosi di fatto al consueto affollamento di giovani che animano la movida pisana. (ANSA).

23:38Calcio: Europei U.21, il Portogallo vince ma non basta

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Il Portogallo supera 4-2 la Macedonia nella terza e ultima giornata del gruppo B degli Europei Under 21, ma non riesce a rimanere in gioco per il posto in semifinale riservato alla miglior seconda classificata: c'è infatti già almeno una squadra, la Slovacchia (gruppo A), con una miglior differenza reti dei lusitani. A Gdynia, reti portoghesi di Edgar Ié (2' pt), Bruma (22' pt e 47' st) e Podence (12' st); macedoni di Bardi (40' pt) e Markoski (35' st). Nell'altra gara odierna, a Bydgoszcz, la Spagna già qualificata (insieme all'Inghilterra dal gruppo A) ha battuto anche la Serbia 1-0 (38' pt Suarez) concludendo il girone a punteggio pieno (Spagna 9; Portogallo 6; Serbia e Macedonia 1). La fase a gironi si conclude domani con le partite del gruppo C: Repubblica ceca-Danimarca e Italia-Germania.

Archivio Ultima ora