Dem bocciano Lieberman a capo dell’Fbi: “Non è ruolo politico”

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

Joe Liberman-GettyImages

WASHINGTON. – Il suo nome era balzato subito in cima alla rosa dei papabili per sostituire James Comey alla direzione dell’Fbi, ma il No dei democratici l’ha bloccato. Joe Lieberman, ex senatore indipendente, già democratico e candidato vicepresidente nel ticket con Al Gore, deve fare i conti con il muro dei dem che complica – e forse anche procrastina – lo scenario aperto dal siluramento di Comey.

Il presidente Donald Trump parte infatti per il suo primo viaggio all’estero, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, senza nominare il nuovo direttore dell’Fbi e lascia Washington in un limbo, pur in acque agitatissime, con l’attenzione tutta rivolta a Capitol Hill. La conferma dalla Casa Bianca poco prima della partenza di Trump: nessun annuncio imminente.

Eppure in un primo momento proprio la possibile scelta di Lieberman sembrava poter mettere un punto nell’intricata vicenda, con lo stesso presidente che aveva lasciato intendere di voler voltare pagina rapidamente: “Siamo molto vicini” a nominare il nuovo direttore dell’Fbi, aveva detto, sottolineando che l’ex senatore indipendente era in corsa per l’incarico.

Stando ad indiscrezioni però i senatori democratici hanno nel frattempo fatto ben presente la loro contrarietà, nella convinzione che il direttore dell’Fbi non dovrebbe essere un ex politico, per motivi di indipendenza oltre al fatto che gli mancherebbe l’esperienza per il ruolo.

Intanto continuano i tentativi per ‘ricostruire una verità sull’ultima tegola in ordine di tempo abbattutasi su Trump e che non pochi osservatori giudicano almeno in parte autoinflitta. Così in attesa di sapere se Comey acconsentirà a testimoniare davanti al Congresso per parlare di quel memo che ha scatenato i dubbi sulle ingerenze di Trump nel chiedere che si ‘lasciasse correre’ circa l’inchiesta sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale Mike Flynn e i presunti contatti con rappresentati russi, si fanno avanti i ‘difensori’ dell’ex direttore dell’Fbi.

Comey ha cercato in più occasioni di mantenere le distanze da Trump e dalla Casa Bianca e si è lamentato con alcuni amici del comportamento inappropriato del presidente e dello staff, scrive il New York Times citando alcune fonti, fra cui Benjamin Wittes, amico dell’ex direttore dell’Fbi e componente del think tank Brookings Institution.

Durante un pranzo in marzo, Comey si era lamentato con lui di aver trascorso i primi due mesi dell’amministrazione Trump a cercare di mantenere le distanze fra l’Fbi e la Casa Bianca e di educarli sulle corrette modalità di comunicazione, racconta Wittes, sottolineando che Comey riteneva il presidente stesse cercando di instaurare un rapporto di amicizia, ma che lui opponeva resistenza perchè riteneva ogni conversazione o contatto personale con Trump inappropriato.

Come quell’abbraccio, nello studio ovale subito dopo l’insediamento di Trump, che mise Comey a disagio fino a lasciarlo ‘disgustato’, dice Wittes anche alla Cnn.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

14:13Operatrice violentata, oggi interrogatorio chiedente asilo

(ANSA) - MILANO, 22 SET - Si terrà nel pomeriggio l'udienza di convalida del fermo di Salvatore S., 20 anni, della Sierra Leone che mercoledì scorso ha violentato un'operatrice di 27 anni all'interno della struttura di accoglienza "Terra promessa" di Fontanella nel Bergamasco. Il pm di Bergamo Davide Palmieri ha chiesto la custodia cautelare in carcere con l'accusa di violenza sessuale e lesioni. La donna ha riportato lesioni guaribili in 30 giorni. La violenza era stata interrotta da altri due migranti, ospiti della struttura, che avevano aiutato i carabinieri a bloccare il fermato.

14:02Cuoco reggiano ucciso in Francia nel 2015, due arresti

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 22 SET - Due uomini sarebbero stati arrestati in Francia per l'omicidio di Fabio Bassoli, cuoco 31enne originario di Rolo, nel Reggiano, ucciso il 2 ottobre 2015 nella sua casa a Pont de Labeaume, Francia del sud. Lo riporta la stampa locale. Bassoli era stato assassinato dopo aver scoperto un tentativo di furto. Aveva ferito al naso uno dei ladri che stavano rubando il suo furgone-cucina ma era stato ucciso, forse con una mazza. A quanto si apprende sulle indagini, gli arrestati sarebbero franco-algerini. Uno è stato arrestato a novembre, l'altro poche settimane fa. A indirizzare le indagini verso i presunti assassini sarebbe stata un'infermiera che nei giorni successivi all'omicidio curò in una casa privata un uomo col naso rotto. Il paziente poi scomparve. La donna però aveva conservato il sangue che aveva prelevato e il dna repertato corrisponderebbe a quello trovato sul corpo del morto. L'arresto sarebbe avvenuto in Spagna, dopo che era fuggito in Algeria. Il complice sarebbe stato fermato in Francia.

14:00Germania: tutti contro l’estrema destra

(ANSA) - BERLINO, 22 SET - Si contendono i voti dei tedeschi con programmi diversi. Ma su una cosa sono tutti d'accordo: l'opposizione alla destra oltranzista che fa tremare la politica tedesca a due giorni dal voto. Ieri sera è diventato evidente in un noto talk show televisivo, dove tutti i partiti erano allineati contro AFD. Ospiti della serata, Ursula von der Leyen (CDU), Manuela Schwesig (SPD), Christian Lindner (FDP), Sahra Wagenknecht (LINKE), Catrin Goering-Eckardt (VERDI), Alexander Gauland (AFD). "Lei non è in grado di affrontare temi come le politiche climatiche, perché il suo partito non guarda oltre i confini nazionali. AFD non è in grado di collaborare con gli altri", ha detto von der Leyen, bacchettando la posizione dei populisti sul cambiamento climatico. Quando il candidato di spicco ha ammesso che AFD "non ha un programma sulle pensioni dal momento che è un giovane partito", Lindner gli ha replicato: "E cosa avete fatto in questi 4 anni?".

13:58Papa: preoccupa xenofobia in Europa, anche tra cattolici

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Non vi nascondo la mia preoccupazione di fronte ai segni di intolleranza, discriminazione e xenofobia che si riscontrano in diverse regioni d'Europa. Esse sono spesso motivate dalla diffidenza e dal timore verso l'altro, il diverso, lo straniero". Così il Papa ai capi della pastorale migranti. "Mi preoccupa ancor più la triste constatazione che le nostre comunità cattoliche in Europa non sono esenti da queste reazioni di difesa e rigetto, giustificate da un non meglio specificato 'dovere morale' di conservare l'identità culturale e religiosa originaria".

13:50Russiagate: Trump, continuano inganni

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "L'inganno Russia prosegue, ora con le inserzioni su Facebook. E la copertura mediatica totalmente offensiva e disonesta in favore della corrotta Hillary?". Così il presidente Usa Donald Trump su Twitter. In precedenza, Mosca ha smentito ogni coinvolgimento nella vicenda: la Russia non ha mai adoperato pubblicità a sfondo politico su Facebook allo scopo di influenzare le elezioni americane del 2016, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov. "Non sappiamo chi abbia piazzato le pubblicità su Facebook o come: la Russia non ha nulla a che vedere con tutto questo", ha detto Peskov.

13:47Calcio: Allegri, con il Torino sarà un derby complicato

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Il Torino può ambire ad uno dei primi 6 posti: già l'anno scorso aveva una squadra con ottima tecnica e ora ha completato la rosa con giocatori da Toro come Ansaldi, Rincon, Niang davanti". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia del derby con i granata. "Mihajlovic - aggiunge il tecnico della Juventus - ha giocatori di buona qualità tecnica e l'organico è stato rinforzato con altri solidi: ecco perché il Torino è migliorato. Per noi sarà una partita complicata, importante per due ragioni: è un derby e dobbiamo vincere per dare seguito ai 5 successi di fila". Quindi, viene introdotto il tema del momento difficile di Gonzalo Higuain e Allegri si mostra fiducioso. "Ha la totale fiducia dei compagni, dell'allenatore, della società e dei tifosi: viene da tre partite senza gol e si sbloccherà. Già con la Fiorentina ha fatto progressi, attaccando l'area in modo migliore. Sarà titolare domani sera? Ci sono tante partite da giocare: una volta starà fuori Dybala, un'altra Higuain, un'altra Mandzukic...".

13:46Calcio: Udinese, Delneri “allenatore dipende da risultati”

(ANSA) - UDINE, 22 SET - "L'allenatore è sempre in discussione, dipende dai risultati. Ma sono sereno per il lavoro fatto". Lo ha dichiarato il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri, nella consueta conferenza stampa in vista della trasferta di domani in casa della Roma, precisando di essere sereno nonostante le 4 sconfitte in 5 gare che possono far traballare la sua panchina. "Dobbiamo migliorare quelle che sono le nostre difficoltà - ha aggiunto - Certo per il ruolo di un allenatore contano più i risultati del gioco ed è l'allenatore che risponde dei risultati negativi". L'Udinese, comunque, a suo giudizio "sta pagando a caro prezzo la falsa partenza delle prime due partite" e la Roma, "squadra in lotta per la Champions, con giocatori di spessore", "è un avversario poco abbordabile sulla carta". "Ma giochiamo 11 contro 11, dobbiamo fare la nostra partita sperando di fare meno errori".

Archivio Ultima ora