Dem bocciano Lieberman a capo dell’Fbi: “Non è ruolo politico”

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

Joe Liberman-GettyImages

WASHINGTON. – Il suo nome era balzato subito in cima alla rosa dei papabili per sostituire James Comey alla direzione dell’Fbi, ma il No dei democratici l’ha bloccato. Joe Lieberman, ex senatore indipendente, già democratico e candidato vicepresidente nel ticket con Al Gore, deve fare i conti con il muro dei dem che complica – e forse anche procrastina – lo scenario aperto dal siluramento di Comey.

Il presidente Donald Trump parte infatti per il suo primo viaggio all’estero, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, senza nominare il nuovo direttore dell’Fbi e lascia Washington in un limbo, pur in acque agitatissime, con l’attenzione tutta rivolta a Capitol Hill. La conferma dalla Casa Bianca poco prima della partenza di Trump: nessun annuncio imminente.

Eppure in un primo momento proprio la possibile scelta di Lieberman sembrava poter mettere un punto nell’intricata vicenda, con lo stesso presidente che aveva lasciato intendere di voler voltare pagina rapidamente: “Siamo molto vicini” a nominare il nuovo direttore dell’Fbi, aveva detto, sottolineando che l’ex senatore indipendente era in corsa per l’incarico.

Stando ad indiscrezioni però i senatori democratici hanno nel frattempo fatto ben presente la loro contrarietà, nella convinzione che il direttore dell’Fbi non dovrebbe essere un ex politico, per motivi di indipendenza oltre al fatto che gli mancherebbe l’esperienza per il ruolo.

Intanto continuano i tentativi per ‘ricostruire una verità sull’ultima tegola in ordine di tempo abbattutasi su Trump e che non pochi osservatori giudicano almeno in parte autoinflitta. Così in attesa di sapere se Comey acconsentirà a testimoniare davanti al Congresso per parlare di quel memo che ha scatenato i dubbi sulle ingerenze di Trump nel chiedere che si ‘lasciasse correre’ circa l’inchiesta sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale Mike Flynn e i presunti contatti con rappresentati russi, si fanno avanti i ‘difensori’ dell’ex direttore dell’Fbi.

Comey ha cercato in più occasioni di mantenere le distanze da Trump e dalla Casa Bianca e si è lamentato con alcuni amici del comportamento inappropriato del presidente e dello staff, scrive il New York Times citando alcune fonti, fra cui Benjamin Wittes, amico dell’ex direttore dell’Fbi e componente del think tank Brookings Institution.

Durante un pranzo in marzo, Comey si era lamentato con lui di aver trascorso i primi due mesi dell’amministrazione Trump a cercare di mantenere le distanze fra l’Fbi e la Casa Bianca e di educarli sulle corrette modalità di comunicazione, racconta Wittes, sottolineando che Comey riteneva il presidente stesse cercando di instaurare un rapporto di amicizia, ma che lui opponeva resistenza perchè riteneva ogni conversazione o contatto personale con Trump inappropriato.

Come quell’abbraccio, nello studio ovale subito dopo l’insediamento di Trump, che mise Comey a disagio fino a lasciarlo ‘disgustato’, dice Wittes anche alla Cnn.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora