Attacco a base Haftar nel sud, carneficina in Libia

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

IL CAIRO. – La crisi libica si è complicata dopo la strage con decine di morti compiuta da una milizia di Misurata che ha attaccato nel sud del paese una base area delle forze che fanno capo al generale Khalifa Haftar, il quale ha fatto promettere una cruenta vendetta. Il consiglio presidenziale del premier Fayez Al Sarraj ha preso le distanze dalla milizia che però dipende dal suo ministero della Difesa confermando timori di analisti che la situazione sia parzialmente fuori controllo.

L’attacco è stato portato giovedì pomeriggio contro la base di Brak Al-Shati, circa 600 km in linea d’aria a sud di Tripoli. Il bilancio delle vittime oscilla fra gli almeno 60 morti indicati da fonti mediche accreditate dai media internazionali e i 134 rilanciato dall’emittente emiratina Sky News Arabiya, passando per 74 corpi contati dal sindaco della vicina Brak (o Brach), che ha denunciato anche esecuzioni sommarie.

Sky News e il sito Libya Herald riferiscono di altri orrori come sgozzamenti, corpi bruciati o schiacciati da veicoli.

Una milizia formata per lo più da combattenti di Misurata, il “13/o Battaglione”, che in passato si chiamava “Terza forza”, ha confermato di aver compiuto l’attacco pur senza fornire il numero dei morti e negando le esecuzioni.

Il consiglio presidenziale di Sarraj ha condannato nei “termini più forti” l’attacco che vanifica gli sforzi per giungere ad una “riconciliazione nazionale” e ha negato di averlo ordinato attraverso il proprio ministero della Difesa. A riprova ha ordinato la formazione di una commissione d’inchiesta.

Il comando generale di Haftar ha però promesso che le sue forze “vendicheranno i nostri martiri” della “Brigata 12” che presidiava la base e ha minacciato una risposta “crudele e forte”. Si tratta di dichiarazioni che stendono una densa ombra sulle intese che sembravano essere state abbozzate con Sarraj a inizio mese in un incontro ad Abu Dhabi e che analisti avevano previsto sarebbero risultate difficili da imporre a tutte le milizie.

Assieme al 13/o battaglio/Terza Forza, a Brak Al Shati – secondo il Libya Herald – sono entrate in azione anche le “Bdb” (Brigate di difesa di Bengasi) e altre unità. L’episodio peraltro è solo il più clamoroso di un conflitto a bassa intensità che da mesi vede opposte, nella zona di Sabha, forze di Haftar a milizie soprattutto misuratine in qualche modo legate al consiglio presidenziale.

(di Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

13:25Calcio: Pallotta elogia Monchi, mai visto un manager così

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Monchi è un 'animale' completamente diverso da quelli che ho visto finora. Quand'era a Siviglia, sapeva che per 15 anni avrebbe dovuto fare i conti con entrate e perdite perché non avevano abbastanza entrate. Per questo è diventato così bravo, trovando giovani giocatori che non doveva pagare un sacco di soldi e con i quali ha creato tanto valore per il club". È il commento entusiastico del presidente della Roma James Pallotta sul nuovo direttore sportivo ingaggiato dal Siviglia. Monchi, ha aggiunto il patron parlando in un'intervista telefonica con l'agenzia Ap da Boston, gli ricorda se stesso quando lavorava come manager di hedge-fund: "Cercavo di comprare a basso costo e vendere ad alto costo". Quindi, passando a parlare del futuro da dirigente dell'ex capitano giallorosso Totti, Pallotta ha detto: "Ha bisogno di un po' di tempo per pensare" in quale area del club voler lavorare. Al riguardo "abbiamo avuto molte conversazioni e siamo aperti ad aiutarlo e a lavorare con lui per il bene suo e del team".

13:21Gerusalemme: concluse preghiere Spianata, clima resta teso

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 LUG - Si sono concluse in un clima di tensione le preghiere islamiche del venerdì nella moschea al-Aqsa di Gerusalemme. Vi hanno preso parte centinaia di fedeli di età superiore ai 50 anni. Attorno alla Città Vecchia di Gerusalemme migliaia di altri fedeli - che non erano stati ammessi nella Spianata dalla polizia israeliana - hanno pregato in strada. Finora non si ha notizia di incidenti.

13:16Sisma L’Aquila: imprenditore Bari,’non ridevo del terremoto’

(ANSA)- BARI, 28 LUG - "Non ho mai riso del terremoto. In quella telefonata parlavo di altro". Lo ha detto con la voce commossa l'imprenditore di Altamura Vito Giuseppe Giustino, interrogato a Bari per rogatoria nell'ambito dell'inchiesta della Procura dell'Aquila su presunte mazzette in 12 appalti pubblici gestiti dai Beni Culturali d'Abruzzo,che lo scorso 19 luglio ha portato all'arresto di 10 persone. Giustino, difeso dagli avvocati Gaetano Castellaneta e Carlo Teot, si è avvalso della facoltà di non rispondere, salvo precisare il contenuto di quella intercettazione telefonica nella quale, secondo l'accusa, rideva al pensiero di nuovi appalti in seguito al terremoto del centro Italia, in particolare Amatrice. Giustino è agli arresti domiciliari per una presunta turbativa d'asta relativa all'appalto vinto dalla cooperativa l'Internazionale (si è ora dimesso da presidente del Cda) per i lavori del teatro comunale dell'Aquila. I difensori chiederanno la revoca della misura cautelare dopo il deposito di una memoria tecnica.

13:14Nomadi davanti a Municipio Napoli, no a sgombero campi

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - Donne e bambini nomadi in piazza a Napoli per dire no allo sgombero disposto dalla Procura di due campi della periferia cittadina. I manifestanti si sono riuniti davanti a Palazzo San Giacomo, sede del Municipio, chiedendo all'amministrazione cittadina di intervenire per evitare che decine di famiglie vengano cacciate dai due siti senza una proposta abitativa alternativa. ''Circa 150 famiglie che dopo l'ennesimo sgombero erano riuscite a trovare 'casa' nell'area dell'ex Manifattura tabacchi dovranno abbandonare nei prossimi giorni il campo - spiega il padre comboniano Alex Zanotelli presente alla manifestazione - e la stessa sorte toccherà per altri 500 ospiti del campo di Scampia. E' incomprensibile per me che la Procura di Napoli continui ad emanare decreti di demolizione dei campi per 'giuste' ragioni senza offrire alternative a queste persone''. ''Un accanimento - dice Zanotelli - che vede negli sgomberi dei campi l'unica soluzione applicabile".

12:52‘Mio fratello è stato ucciso’, polizia blocca il funerale

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - Prima di morire, in ospedale, aveva scritto un messaggio ai suoi cari: "mi hanno picchiato". E ora la sorella chiede di far luce sulle ultime ore della vita dell'uomo. "Ho paura che sia stato ucciso", è il suo sospetto. La squadra mobile di Torino, che indaga sulla vicenda, ha così bloccato il funerale di Christian Fuentes Sanchez, peruviano 40enne trovato svenuto in strada venerdì notte e morto lunedì in ospedale. Dalle prime ricostruzioni sembra che il 40enne, dopo essere stato a cena con alcuni amici in un locale peruviano, fosse andato in un bar di via Lauro Rossi, dove sarebbe scoppiato un litigio. La polizia ha acquisito i filmati delle telecamere di sorveglianza della zona per capire cos'è successo e la Procura ha disposto l'autopsia per determinare la natura delle lesioni riscontrate sul corpo dell'uomo. Il decesso di Christian sarebbe stato causato da morte cerebrale, ma la sorella è anche convinta che per salvare suo fratello non sia stato fatto tutto il possibile. (ANSA).

12:47Calcio: Pallotta, mercato del Milan? Follia, non ha i soldi

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "È uno scherzo, è pazzia, non ha senso. non hanno i soldi. Sono sconvolto dall'Uefa". Il presidente della Roma James Pallotta commenta con stupore il mercato del Milan che, con i circa 200 milioni di euro spesi finora, è il più esoso dell'estate. Il consorzio cinese che ha rilevato il club rossonero, secondo quanto riportato dalla Ap, è stato acquisito grazie al sostegno del fondo azionario statunitense Elliott. Il cui ceo Paul Singer, spiega Pallotta, "è un mio amico e arriverà a possedere il club", perché i cinesi "hanno un debito".

12:35F.1: Ungheria, Ricciardo davanti nelle prime libere

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il pilota della Red Bull Daniel Ricciardo ha ottenuto il miglior tempo nella prima sessione di prove libere del Gran Premio di Ungheria di Formula 1, a Budapest. In 1'18"486, l'australiano ha preceduto di 234 millesimi il ferrarista Kimi Raikkonen e di 372 il rivale della Mercedes Lewis Hamilton. L'altro pilota della Rossa, Sebastian Vettel, è sesto (+1"077), preceduto dal compagno di squadra di Hamilton, il finlandese Valtteri Bottas (+0"762). Quarto crono per la seconda Red Bull, condotta dall'olandese Max Verstappen (+0"676). Da segnalare un fuori pista senza conseguenze per Vettel intorno alla mezz'ora e, pochi minuti dopo, una bandiera rossa per lo schianto contro le barriere ad una curva di Antonio Giovinazzi, su Haas: anche in questo caso, pilota indenne, ma non lo stesso per la vettura.

Archivio Ultima ora