Domani a Milano marcia pro-migranti, è scontro politico

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

MILANO. – La marcia “si fa”, ribadisce con fermezza il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Nata su ispirazione di quella “Vogliamo accogliere” di Barcellona, a febbraio, “Insieme senza muri” ha raccolto adesioni delle forze del centrosinistra e della sinistra (il Pd non porterà bandiere) associazioni di volontariato, sindacati, intellettuali, personaggi dello spettacolo, gente comune. Migliaia di persone unite dalla volontà di gestire un fenomeno complesso come quello dell’immigrazione con lo spirito dell’accoglienza, “senza muri”.

Però, se già c’erano polemiche prima, dopo l’episodio in Stazione Centrale, la marcia pro-migranti è diventata campo di battaglia politica. “La marcia serve a far emergere quella parte del Paese che è silente, ma non ha nulla a che vedere con gli imprenditori della paura” ha commentato la presidente della Camera, Laura Boldrini, a Milano per la convention di Mdp.

Da un lato il sindaco Sala, che ha detto di voler marciare alla testa del corteo rivendicandone le ragioni. Dall’altra la Lega Nord, che alla vigilia chiede l’annullamento della marcia. “E’ una manifestazione a favore dell’immigrazione di massa – ha detto Matteo Salvini -. Una pagliacciata che rende contenti solo gli scafisti e certe cooperative. È un insulto ai poliziotti feriti, agli italiani aggrediti, agli immigrati regolari perbene e ai sette milioni di italiani che vivono sotto la soglia di povertà”.

Manifestazione da sospendere anche per il presidente lombardo Roberto Maroni, e per il capogruppo di FdI in Regione, Riccardo De Corato: “Quella di domani sarà la parata della illegalità: clandestini, centri sociali, anarchici”. “Chi vuole vivere in una città di muri o in un Paese di muri? Non capisco il senso della richiesta”, ha tagliato corto Laura Boldrini.

Ma i centri sociali e le associazioni che si occupano di immigrazione e che si riconoscono nella piattaforma “Nessuno è illegale”, nel dirsi contro la Bossi-Fini si dicono anche contro il recente Decreto Minniti. Hanno fatto sapere che non intendono rimanere in coda al corteo e dicono no a “una sfilata filogovernativa, che metta in primo piano chi ha appoggiato e sostenuto queste leggi invise a chi parteciperà”. La Piattaforma aveva anche condannato il blitz delle forze dell’ordine in Centrale dello scorso 12 maggio.

Il questore di Milano, Marcello Cardona, non è preoccupato per eventuali disordini e la sua fiducia deriva anche dalla “presenza di figure istituzionali”. Tra queste il presidente del Senato, Pietro Grasso: per la seconda carica dello Stato “non bisogna enfatizzare un episodio per evitare di fare qualcosa che tutta Europa ormai sente e che dobbiamo far sentire anche a quella parte che non condivide”. Grasso ha sottolineato che l’aggressore “è un italiano”, e che dunque l’aggressione “ha poco a che fare con la manifestazione”. Anche Sala ha invitato ad analizzare “con lucidità” l’episodio in Stazione.

“Troppo comodo gettare la responsabilità sui migranti. Il criminale che ha accoltellato gli uomini delle forze dell’ordine è figlio di madre italiana e di padre nordafricano, ed è italiano a tutti gli effetti. Nello stesso tempo dico che la sicurezza è un elemento fondamentale nella vita di una città metropolitana come la nostra e su questo non arretreremo mai di un solo passo. Ringrazio le forze dell’ordine per l’enorme lavoro che stanno facendo”.

(di Stefano Rottigni/ANSA)

Ultima ora

15:17Calcio: Milan, Montella, attacco in crisi? Solo colpa mia

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Segnamo poco, è vero. Ma è solo colpa mia. Dobbiamo fare di più per permettere agli attaccanti di andare in gol, dobbiamo servirli meglio, con maggiore velocità, non sbagliare scelta e migliorare nell'esecuzione". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, si addossa molte responsabilità sulla scarsa vena realizzativa di Kalinic, Silva e Cutrone, fermi ad appena cinque gol in campionato dopo 13 giornate, sottolineando però i "13 tiri fatti dal Milan a Napoli". "In Europa League - ammette Montella - non abbiamo voglia di rischiare Suso, lo preserveremo per il campionato. Mi criticano perché cambio troppo spesso formazione? Non posso fare altrimenti. È sia un pregio che un difetto".

15:03Calcio: Montella, servono risultati e pass in Europa League

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Abbiamo bisogno di risultati. Domani, contro l'Austria Vienna, iniziamo a staccare il pass per la qualificazione e a ipotecare il primo posto nel girone, un traguardo intermedio al quale teniamo moltissimo e che ci permetterebbe di concentrarci sul campionato". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida in Europa League contro l'Austria Vienna, predica calma e vittorie per svoltare. "Dobbiamo dimostrare - aggiunge Montella - una crescita tecnica, tattica, ma anche di mentalità. La cena della squadra? Non è una forzatura da parte di tecnico o dirigenza, è stata spontanea. Eventuali equivoci sono stati messi da parte da un po', è bello vedere una squadra che diventa gruppo".

14:57C.sinistra: Mdp-Si, non trattiamo col Pd, tempo scaduto

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Non abbiamo dato una disponibilità a una trattativa in quanto le differenze sono su temi di fondo sulla vita delle persone. Mi riferisco in particolare al lavoro, alla sanità universale e al no a una compagna elettorale su meno tasse per tutti". Lo dice Maria Cecilia Guerra, capogruppo Mdp, al termine dell'incontro con la delegazione Dem. "Il tempo è scaduto, non ci sono margini per nessuna intesa", aggiunge Giulio Marcon di Sì-Possibile.

14:57Cc Firenze: gip sente studentesse americane

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Sono tornate a Firenze per essere interrogate stamani dal gip Mario Profeta, le due studentesse americane che il settembre scorso denunciarono due carabinieri per violenza sessuale. Gli interrogatori si tengono con modalità protetta dentro l'aula bunker di Firenze dove le due ragazze americane sono già arrivate accompagnate dai loro avvocati entrando da un ingresso secondario. Presenti nella struttura anche i due militari accusati della violenza sessuale, l'appuntato Marco Camuffo e il carabiniere scelto Pietro Costa, entrambi accompagnati dai loro difensori. Secondo la modalità protetta, utilizzata in quest'incidente probatorio, il giudice Profeta le sentirà con l'ausilio di un interprete in una stanza separata dove non ci sono altre persone, mentre tutti gli altri presenti nell'aula bunker, pm, difensori e i due carabinieri indagati potranno assistere all'interrogatorio tramite sistema audio video.

14:40Calcio:Montella,voci su proprietà?Abituati a essere bersagli

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - Vincenzo Montella risponde con una battuta agli attacchi sulla proprietà cinese da parte di New York Times e Marca: "Faccio fatica - sdrammatizza l'allenatore del Milan - a leggere la stampa italiana, figurarsi quella estera. Siamo bersagliati e abituati a questo, come sulle voci sulla mia panchina in bilico. Probabilmente perderemo il nostro comfort quando queste voci non si saranno più". E a chi gli chiede, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, se intravede analogie con le difficoltà registrate nella passata stagione per isolare il gruppo dalle voci, Montella risponde di no: "Sono situazioni diverse, ma vedo la squadra coesa nello stesso modo. La gestione del gruppo oggi è più semplice".

14:31Femminicidio:Sos Stalking,84 casi da gennaio,1 ogni 3 giorni

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Nel 2016 in Italia sono state uccise 115 donne, prevalentemente per mano del marito, del compagno o dell'ex. Il 2015 ha visto 120 vittime, 117 donne sono state uccise nel 2014 e ben 138 nel 2013. Lo riferisce SOS Stalking: da gennaio a oggi le donne che hanno perso la vita sono 84, contro le 88 a novembre 2016 e le 87 a settembre 2015. Di queste 84, due erano incinte e i rispettivi feti, di 5 e 6 mesi, sono morti insieme alle madri. L'elenco per regioni indica in Lombardia il numero più alto di donne assassinate, 11, seguita da Veneto, Emilia Romagna e Campania (8), Sardegna (7), Toscana, Piemonte e Sicilia (6), Lazio e Puglia (5), Abruzzo (4), Liguria (3), Trentino, Friuli e Calabria (2) e Marche (1). Ci sono poi le vittime secondarie, bambini o ragazzi che, in seguito al delitto, rimangono orfani di madre o, in caso di omicidio-suicidio, di entrambi i genitori: in questi 11 mesi ce nel sono stati 60, età media fra 5 e 14 anni.

14:28Berlusconi: conclusa udienza a Strasburgo

(ANSA) - STRASBURGO, 22 NOV - Si è conclusa alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo l'udienza sul ricorso presentato da Silvio Berlusconi contro la decadenza del suo mandato di senatore e la sua ineleggibilità, sancite in base alla legge Severino. La seduta è stata tolta dalla presidente della Corte Angelika Nussberger dopo poco più di due ore dall'inizio. La Corte si è quindi riunita in camera di consiglio, ma una decisione è attesa non prima di diversi mesi, come consuetudine della Corte.

Archivio Ultima ora