Domani a Milano marcia pro-migranti, è scontro politico

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

MILANO. – La marcia “si fa”, ribadisce con fermezza il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. Nata su ispirazione di quella “Vogliamo accogliere” di Barcellona, a febbraio, “Insieme senza muri” ha raccolto adesioni delle forze del centrosinistra e della sinistra (il Pd non porterà bandiere) associazioni di volontariato, sindacati, intellettuali, personaggi dello spettacolo, gente comune. Migliaia di persone unite dalla volontà di gestire un fenomeno complesso come quello dell’immigrazione con lo spirito dell’accoglienza, “senza muri”.

Però, se già c’erano polemiche prima, dopo l’episodio in Stazione Centrale, la marcia pro-migranti è diventata campo di battaglia politica. “La marcia serve a far emergere quella parte del Paese che è silente, ma non ha nulla a che vedere con gli imprenditori della paura” ha commentato la presidente della Camera, Laura Boldrini, a Milano per la convention di Mdp.

Da un lato il sindaco Sala, che ha detto di voler marciare alla testa del corteo rivendicandone le ragioni. Dall’altra la Lega Nord, che alla vigilia chiede l’annullamento della marcia. “E’ una manifestazione a favore dell’immigrazione di massa – ha detto Matteo Salvini -. Una pagliacciata che rende contenti solo gli scafisti e certe cooperative. È un insulto ai poliziotti feriti, agli italiani aggrediti, agli immigrati regolari perbene e ai sette milioni di italiani che vivono sotto la soglia di povertà”.

Manifestazione da sospendere anche per il presidente lombardo Roberto Maroni, e per il capogruppo di FdI in Regione, Riccardo De Corato: “Quella di domani sarà la parata della illegalità: clandestini, centri sociali, anarchici”. “Chi vuole vivere in una città di muri o in un Paese di muri? Non capisco il senso della richiesta”, ha tagliato corto Laura Boldrini.

Ma i centri sociali e le associazioni che si occupano di immigrazione e che si riconoscono nella piattaforma “Nessuno è illegale”, nel dirsi contro la Bossi-Fini si dicono anche contro il recente Decreto Minniti. Hanno fatto sapere che non intendono rimanere in coda al corteo e dicono no a “una sfilata filogovernativa, che metta in primo piano chi ha appoggiato e sostenuto queste leggi invise a chi parteciperà”. La Piattaforma aveva anche condannato il blitz delle forze dell’ordine in Centrale dello scorso 12 maggio.

Il questore di Milano, Marcello Cardona, non è preoccupato per eventuali disordini e la sua fiducia deriva anche dalla “presenza di figure istituzionali”. Tra queste il presidente del Senato, Pietro Grasso: per la seconda carica dello Stato “non bisogna enfatizzare un episodio per evitare di fare qualcosa che tutta Europa ormai sente e che dobbiamo far sentire anche a quella parte che non condivide”. Grasso ha sottolineato che l’aggressore “è un italiano”, e che dunque l’aggressione “ha poco a che fare con la manifestazione”. Anche Sala ha invitato ad analizzare “con lucidità” l’episodio in Stazione.

“Troppo comodo gettare la responsabilità sui migranti. Il criminale che ha accoltellato gli uomini delle forze dell’ordine è figlio di madre italiana e di padre nordafricano, ed è italiano a tutti gli effetti. Nello stesso tempo dico che la sicurezza è un elemento fondamentale nella vita di una città metropolitana come la nostra e su questo non arretreremo mai di un solo passo. Ringrazio le forze dell’ordine per l’enorme lavoro che stanno facendo”.

(di Stefano Rottigni/ANSA)

Ultima ora

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

20:33Ue: Mattarella, servono interventi più ambiziosi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "La gravità della situazione, con forti squilibri, l'elevata disoccupazione giovanile e di lunga durata, richiedono interventi più ambiziosi per una crescita sostenibile, con occupazione di qualità e compensi equi". Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al Segretario generale della Confederazione Europea dei Sindacati, Luca Visentini, in occasione della conferenza della Ces per il 60esimo anniversario del Trattato di Roma, che il presidente definisce "un'opportunità preziosa per ribadire l'importanza della costruzione europea per tutti i lavoratori, per tutti i cittadini europei".

20:15Rally: auto fuoristrada uccide bimbo,spunta filmato schianto

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - I carabinieri della compagnia di Venaria Reale hanno acquisito un video amatoriale, realizzato da uno spettatore, che ha ripreso l'incidente in cui sabato, al rally Città di Torino, ha perso la vita un bambino di sei anni, investito da un'auto in gara. Nel video, secondo quanto si apprende, si vedrebbe chiaramente la Skoda Fabia S2000 del pilota Cristian Milano e del navigatore Luca Pieri, che finisce 'dritta' a una curva, andando a travolgere la famiglia della piccola vittima, Aldo. I genitori hanno riportato lievi ferite, mentre il fratellino, tre anni appena, è rimasto miracolosamente illeso. Secondo gli accertamenti della procura di Ivrea, le persone investite dall'auto si trovavano in mezzo al prato, non a ridosso della strada, ma in una zona interdetta al pubblico. L'autopsia del bimbo morto, in un primo momento prevista per oggi, è stata rinviata a mercoledì. Si tratta di un atto dovuto per far luce sulle cause e sulle eventuali responsabilità dell'incidente.(ANSA).

20:13Detenuto pesa 230 kg, “in cella sono condannato a morte”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Ha 45 anni, è gravemente obeso, pesa 230 chili, con gravi patologie che lo rendono invalido al 100%, vive su un'enorme sedia a rotelle ma non può mai lasciare la sua cella perché la sua mole ostacola ogni spostamento. E' il caso di un detenuto prima recluso a Rebibbia ed ora trasferito a Regina Coeli. A Natale scorso quando, a Rebibbia, ha incontrato il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute e private della libertà personale, Mauro Palma, gli ha detto: "Sono un condannato a morte". L'uomo, infatti vive l'angoscia di vedersi sempre più enorme a causa della sua "inattività forzata" ed è spesso in preda a crisi di panico per il timore di non poter ricevere le dovute cure salvavita in caso di emergenza. Il detenuto, ha scritto nella sua relazione il Garante, Mauro Palma "sta scontando la pena in una situazione detentiva di coercizione strutturale e psicologica". Dopo la segnalazione del Garante l'uomo è stato trasferito nel carcere di Regina Coeli dove la sua situazione non è migliorata.

Archivio Ultima ora