Colpo ai media anti-Erdogan, raid al nazionalista Sozcu

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

ISTANBUL. – Nuovo colpo alla stampa anti-Erdogan. Dopo gli arresti di oltre 150 giornalisti e la chiusura di 170 media di opposizione, nel mirino dei giudici turchi è finito il quotidiano nazionalista Sozcu, tra i più venduti nel Paese e vicino agli ambienti kemalisti del partito Chp, principale forza di opposizione in Parlamento. La procura di Istanbul ha emesso un mandato d’arresto nei confronti di 4 dirigenti e reporter del giornale per sospetti legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen.

Tra questi, l’editore Burak Akbay, che si troverebbe però all’estero e si è difeso: “Ci hanno presi di mira perché facciamo un giornalismo onesto”. I responsabili del quotidiano sono accusati di aver mostrato sul sito web l’indirizzo e le immagini dell’hotel di Marmaris, dove si trovava il presidente Recep Tayyip Erdogan, poche ore prima del fallito colpo di stato. Il resort fu raggiunto quella notte da un commando incaricato di rapire Erdogan, che però era già fuggito.

Gli altri sotto accusa sono la direttrice del sito Mediha Olgun, che è stata fermata, la manager per gli affari finanziari Yonca Kaleli e il reporter Gokmen Ulu. “L’operazione contro Sozcu è inaccettabile. La Turchia non può sopportare questa pressione sui media”, ha attaccato Kemal Kilicdaroglu, leader dell’opposizione Chp.

Nato nel 2007, Sozcu ha una tiratura quotidiana di oltre 250 mila copie, collocandosi tra i 3 giornali più venduti in Turchia. Con la chiusura dei media di Gulen e gli arresti in molti giornali curdi e laici, è una delle poche voci mainstream anti-Erdogan rimaste.

“La tempistica è significativa. Il fatto che l’operazione sia stata condotta il 19 maggio (Festa di Ataturk, della gioventù e dello sport in Turchia, ndr) invece di qualsiasi altro giorno è un messaggio ai repubblicani, ai laici e a chiunque si oppone a questo governo”, ha aggiunto il deputato Sezgin Tanrikulu, che con altri due parlamentari del Chp ha fatto visita alla redazione del giornale.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Associazione dei giornalisti turchi (Tgc), sono almeno 159 i giornalisti detenuti in Turchia e altri 123 quelli che sono fuggiti dal Paese per non essere arrestati. “Negli ultimi 4 mesi – sottolinea l’associazione – la Turchia ha continuato a essere leader mondiale per numero di giornalisti in prigione”.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

20:33Ue: Mattarella, servono interventi più ambiziosi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "La gravità della situazione, con forti squilibri, l'elevata disoccupazione giovanile e di lunga durata, richiedono interventi più ambiziosi per una crescita sostenibile, con occupazione di qualità e compensi equi". Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al Segretario generale della Confederazione Europea dei Sindacati, Luca Visentini, in occasione della conferenza della Ces per il 60esimo anniversario del Trattato di Roma, che il presidente definisce "un'opportunità preziosa per ribadire l'importanza della costruzione europea per tutti i lavoratori, per tutti i cittadini europei".

20:15Rally: auto fuoristrada uccide bimbo,spunta filmato schianto

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - I carabinieri della compagnia di Venaria Reale hanno acquisito un video amatoriale, realizzato da uno spettatore, che ha ripreso l'incidente in cui sabato, al rally Città di Torino, ha perso la vita un bambino di sei anni, investito da un'auto in gara. Nel video, secondo quanto si apprende, si vedrebbe chiaramente la Skoda Fabia S2000 del pilota Cristian Milano e del navigatore Luca Pieri, che finisce 'dritta' a una curva, andando a travolgere la famiglia della piccola vittima, Aldo. I genitori hanno riportato lievi ferite, mentre il fratellino, tre anni appena, è rimasto miracolosamente illeso. Secondo gli accertamenti della procura di Ivrea, le persone investite dall'auto si trovavano in mezzo al prato, non a ridosso della strada, ma in una zona interdetta al pubblico. L'autopsia del bimbo morto, in un primo momento prevista per oggi, è stata rinviata a mercoledì. Si tratta di un atto dovuto per far luce sulle cause e sulle eventuali responsabilità dell'incidente.(ANSA).

Archivio Ultima ora