Nuova protesta del settore salute per martedì 22 maggio

Pubblicato il 19 maggio 2017 da redazione

Caracas. – Durante un incontro con la stampa, il deputato all’Assemblea Nazionale per il Tavolo dell’Unità Democratica, José Manuel Olivares, ha esortato tutti i medici e gli operatori del settore, a prendere parte alla manifestazione nazionale organizzata per il prossimo martedì 22 fino alla sede del Ministero della Sanità. A Caracas il corteo partirà da Parque del Este e nella provincia i cortei si recheranno fino le sedi del Governatore o delle Direzioni della Sanità Regionale.
La manifestazione del settore salute per il 22 è un’altra delle tante che hanno fatto. Di già questa settimana i medici avevano protestato davanti le porte dei cinque ospedali pubblici di Caracas. Ma finora sembra che le proteste siano servite a ben poco. La situazione della Sanità peggiora con il passar dei giorni.
Olivares è stato categorico nell’affermare che “oggigiorno non c’è un venezuelano che non abbia dovuto pagare per farsi un esame medico. Negli ospedali pubblici non ci sono farmaci per curare i pazienti.” Durante l’accorato appello fatto alle autorità perché risolvano il problema, Olivares ha ricordato i ragazzini che sono morti per la mancanza di farmaci: Oliver Sanchez, di anni 8, Victoria Lara, di anni 14 e Samuel Becerra di anni 12, tra i casi che si sono resi pubblici.
“Tra le tante ragioni che abbiamo per protestare, vi aggiungo queste tre morti” ha aggiunto Olivares davanti ai giornalisti. “Ormai non è solo la repressione del Presidente Nicolas Maduro la causa di molti decessi, ma lo è anche la repressione sociale dovuta alla scarsità di farmaci.” Ha concluso Olivares.

Ultima ora

09:54Merkel, errore ritenere isolazionismo soluzione problemi

(ANSA) - BERLINO, 29 GIU - "Ritenere di risolvere i problemi e le sfide di oggi con l'isolazionismo è un grave errore". Lo ha detto Angela Merkel intervenendo al Bundestag in vista del G20 della settimana prossima, a poche ore dall'incontro con i leader europei del summit, fra cui Paolo Gentiloni. "Il cambiamento climatico è una sfida esistenziale per il mondo", ha poi aggiunto ricordando che dall'accordo di Parigi non si "torna indietro e non è negoziabile".

09:34Mafia: voto di scambio,arrestato ex sindaco di Niscemi

(ANSA) - CALTANISSETTA, 29 GIU - C'è anche l'ex sindaco di Niscemi, Francesco La Rosa, tra i nove arrestati dell'inchiesta della Dda della Procura di Caltanissetta per voto di scambio mafioso. Per lui, un ex consigliere comunale della sua lista e due esponenti del suo entourage sono stati disposti gli arresti domiciliari. Ad appoggiarlo sarebbero stati il boss di Niscemi, Giancarlo Giugno, e di Gela, Alessandro Barberi. Al centro delle indagini un presunto patto stretto tra il candidato e la mafia per le elezioni amministrative del 2012.

09:13Israele: approvata richiesta Olmert per libertà anticipata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 29 GIU - E' stata accolta la richiesta dell'ex premier Ehud Olmert (Kadima) di ottenere la libertà anticipata, avendo espiato due terzi della pena di 27 mesi di detenzione dopo la condanna per corruzione. Lo riferiscono i media locali secondo cui Olmert, che e' detenuto nel carcere di Ramle (Tel Aviv), tornera' libero il 2 luglio, se nel frattempo la magistratura non decidera' di ricorrere in appello.

09:02Pakistan: autobotte in fiamme, bilancio morti sale a 171

(ANSA) - ISLAMABAD, 29 GIU - Con la morte di altre quattro persone gravemente ustionate, le vittime in Pakistan per l'incendio e l'esplosione di un'autobotte con 40.000 litri di carburante il 25 giugno scorso lungo l'autostrada fra Karachi e Lahore sono salite a 171. Lo riferisce oggi GEO Tv. Queste ultime persone decedute, indica l'emittente, erano ricoverate nell'ospedale di Multan ed avevano una età fra i 12 ed i 22 anni. Ieri, si è inoltre appreso, era morto anche l'autista del pesante veicolo, rovesciatosi per l'esplosione di un pneumatico. Poco prima dell'incendio e dell'esplosione, che ha generato una palla di fuoco, centinaia di persone erano accorse con ogni tipo di recipiente per raccogliere la benzina che fuoriusciva dall'autobotte.

08:22Venezuela: Corte Suprema congela beni Procuratrice Ortega

(ANSA) - CARACAS, 29 GIU - Il Tribunale Supremo di Giustizia (Tsg) venezuelano ha congelato oggi i beni personali della Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz, e le ha proibito di uscire dal Paese, in vista di una udienza fissata per il prossimo 4 luglio nella quale dovrà rispondere delle accuse che le sono state rivolte dal deputato chavista Pedro Carreno. La denuncia di Carreno, che aveva chiesto precedentemente al Tsg di nominare una giunta medica per valutare la salute mentale della Procuratrice Generale, si basa sulle dichiarazioni che Ortega Diaz ha fatto riguardo all'elezione di magistrati dell'alta corte da parte della maggioranza chavista in Parlamento, nel dicembre del 2015. Ortega Diaz ha detto che non ha mai firmato i documenti che hanno permesso questa elezione in extremis - due settimane dopo la dura sconfitta del governo nelle elezioni politiche - ma Carreno sostiene che mente, e che esistono prove che lo dimostrano.

07:32‘Ndrangheta: arresti tra Piemonte, Lombardia e Calabria

(ANSA) - TORINO, 29 GIU - Undici ordinanza di custodia cautelare in carcere sono state eseguite dai carabinieri nei confronti di altrettante persone ritenute affiliate alla 'Ndrangheta. Associazione a delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, usura, estorsione, rapina, danneggiamento, incendio, detenzione illegale di armi e munizioni i reati contestati nei loro confronti a vario titolo. L'operazione, condotta dai militari della Stazione di Chivasso (Torino) nelle province di Torino, Varese, Reggio Calabria, Cosenza e Vercelli, in collaborazione con i reparti competenti per territorio. Sequestrati beni immobili, società e attività commerciali, polizze vita, conti correnti, autovetture di grossa cilindrata, cassette di sicurezza, gioielli e orologi di lusso, e contanti.(ANSA).

04:11Pedofilia, incriminato cardinale Pell

(ANSA) - SYDNEY, 29 GIU - Preceduta da indiscrezioni di stampa, è stata confermata dalla polizia australiana dello Stato di Victoria l'incriminazione del cardinale George Pell, attualmente prefetto degli Affari economici del Vaticano. I fatti contestati risalirebbero agli anni '70, quasi 50 anni fa, quando Pell era un semplice sacerdote a Ballarat, sua città natale. Le notifiche di reato sono state consegnate questa mattina dalla polizia ai rappresentanti legali di Pell a Melbourne e presentate al tribunale davanti al quale il prelato è chiamato a comparire il 18 luglio. Pell ha sempre respinto le accuse e non si è mai sottratto agli interrogatori. La sua volontà di collaborare sarà nuovamente messa alla prova in questa occasione, visto che l'Australia ha accordi di estradizione con l' Italia ma non con il Vaticano.

Archivio Ultima ora