A chi giova la violenza? Pdvsa svende

Pubblicato il 30 maggio 2017 da Mauro Bafile

C’è chi li chiama i “guerreros de la libertad” e chi, invece, “libertarios”. Sono i giovani protagonisti, oggi, di uno strano fenomeno. Non sappiamo se sia già accaduto in altri paesi, ma in Venezuela mai. Certo, proteste violente non sono mancate anche in passato ed anche con una gran partecipazione di studenti; proteste puntualmente represse con severità. Ieri, era la Polizia Metropolitana con gas lacrimogeni e pallettoni di gomma; oggi, la Polizia Nazionale Bolivariana con l’ausilio di mezzi blindati, come se si fosse in presenza di una guerra civile. I protagonisti di questi ultimi giorni, adolescenti ai quali ognuno da il nome che vuole, camminano indisturbati tra chi partecipa alle manifestazioni pacifiche, mostrando le loro armi: maschere antigas di ogni tipo, scudi in legno o in metallo di forme e colori diversi, guanti per evitare le ustioni al momento di raccogliere le granate lacrimogene e lanciarle, spalline e pettorine per motocross, petto protettore per baseball e tante, tante bombe molotov ed anche razzi pirotecnici.

Nei loro occhi, occhi di ragazzi quindicenni, sedicenni che difficilmente arrivano ai venti o venticinque anni, si nota la soddisfazione di essere finalmente qualcuno; la soddisfazione di essere ammirati, di non essere più solo trattati da criminali in potenza. E ad ammirarli sono gli stessi che, quando li vedono in strada, a volte preferiscono cambiare marciapiede. Molti sono giovani di classe media, studenti, liceisti o universitari di primo o secondo semestre; tanti altri sono ragazzi senza futuro che, quasi vent’anni fa, furono battezzati dall’estinto presidente Chávez con il nome altisonante di “niños de la Patria”. Oggi sono la manifestazione lampante del fallimento della “revolución bonita”; dell’incapacità del governo di dare loro una speranza. Questi giovani, osannati ed esultati attendono nelle retrovie il primo lancio di gas lacrimogeni, i primi spari di pallettoni di gomma, il primo intervento violento delle forze dell’Ordine per entrare in azione. E’ così che, poi, come Davide contro Golia si rendono protagonisti di battaglie campali combattute con coraggio ma con armi disuguali. Le conseguenze le conosciamo tutti: arresti, feriti e purtroppo morti.

Domenica scorsa, l’azione di questi gruppi pare abbia fatto un salto di qualità. Si sarebbero anticipati all’azione della Polizia Nazionale. Non si sa come ma, superando lo sbarramento massiccio di Polizia e Guardia Nazionale, hanno sequestrato e dato fuoco ad autobus e vetture, rendendo impossibile l’intervento dei mezzi blindati. Complicità delle forze dell’Ordine? Nessuno avrebbe osato esporre una tale teoria se, dopo una prima scaramuccia, la Polizia e la Guardia Nazionale non si fossero inspiegabilmente ritirate per scomparire dalla scena, abbandonare per la prima volta il terreno e permettere che la violenza si estinguesse lentamente. Un atteggiamento insolito, per tanti sospetto, da parte delle forze dell’Ordine che, fino a ieri, hanno represso con estrema violenza e con puntualità da orologio svizzero i cortei del Tavolo dell’Unità.

L’atteggiamento remissivo della Polizia e della “Guardia” ha automaticamente innescato un vortice di domande alle quali ognuno ha dato e da una sua risposta: chi finanzia questi gruppi ribelli che nell’affrontare per ore le forze dell’Ordine hanno destato l’interesse dell’opinione pubblica nazionale e internazionale? Sono veramente espressione di una rabbia covata per anni e che ora esplode spontanea o, dietro le quinte, c’è chi muove i loro fili come se fossero marionette? Cui prodest? Quest’ultima, in realtà, è l’unica domanda alla quale si dovrebbe cercare di dare una risposta.

Di certo la violenza nuoce al Tavolo dell’Unità. I gas lacrimogeni, i pallettoni di gomma, le biglie e le schegge di vetro e ceramica sparate a distanza ravvicinata potrebbero spaventare i cittadini e dissuaderli dal partecipare alle manifestazioni. Il timore di vedersi coinvolti nella repressione post-manifestazione – leggasi, arresti durante il ritorno a casa anche se lontani dai luoghi in cui i giovani sono protagonisti delle loro battaglie campali contro la polizia – potrebbero indurre i cittadini a disertare le manifestazioni alle quali oggi partecipano come mai avevano fatto prima. D’altro canto, bisogna riconoscere, pur senza condividerne l’azione perché la violenza è solo condannabile, che la partecipazione di questi giovani, che rispondono senza paura alla “brutalità di Stato” ha fatto sì che l’opinione pubblica internazionale si rendesse conto che il Venezuela, da paradiso terrestre si è trasformato in paese assai problematico grazie ad una crisi alla quale il governo pare non sappia o non voglia porre riparo.

In Venezuela, come scrive Luis Vicente León sul portale Prodavinci, convivono tre Paesi: quello che lotta per un futuro migliore ed è protagonista dei cortei di protesta; quello che attende ogni pretesto per saccheggiare e dare sfogo agli istinti più bassi dell’essere umano e, purtroppo, quello che vive nell’indifferenza, anzi che non vive ma sopravvive e al quale non importano né la crisi, né la povertà, né il benessere della nazione.

E’ notizia di questi giorni l’acquisto, come se fosse carta straccia, dei Buoni di Pdvsa da parte della Goldman Sachs. Si è trattato di una vera e propria svendita, quasi una liquidazione, un “saldo di fine stagione”. Come altro si potrebbe definire l’operazione realizzata da Pdvsa che ha ceduto i propri titoli con scadenza al 2022 alla Goldman Sachs, una delle più grandi banche d’affari che si occupa principalmente d’investimenti bancari e azionari, di risparmio e di altri servizi finanziari, per l’irrisoria cifra di 865 milioni di dollari quando il loro prezzo nominale era di 2.800 milioni di dollari? Ovvero, con uno sconto del 69 per cento. Fonti vicine all’operazione hanno rivelato che questa non è stata fatta direttamente dal governo ma da un broker. Forse così la Goldman Sachs spera di aggirare le minacce del Parlamento. Ormai da mesi i deputati hanno assicurato che non saranno riconosciute quelle operazioni di credito del Governo che non siano state avallate dal Parlamento, come stabilito dalla Costituzione. Un rischio calcolato, è evidente, che la Goldman Sachs ha deciso di correre, forse nella convinzione che poi, quando nel paese tornerà la tranquillità, potrà negoziare con questo o con un nuovo governo e, comunque, ottenere benefici da quest’acquisto.
Mauro Bafile

Ultima ora

18:28129 mln turisti cinesi nel mondo, 1,5 mln in Italia

(ANSA) - VENEZIA, 18 GEN - Sono stati 129 milioni i turisti cinesi nel mondo nel 2017 per un valore che ha superato i 110 miliardi di dollari. La richiesta di viaggi in Europa è elevata: 12 milioni di viaggiatori nel 2016 di cui quasi un milione e mezzo in Italia. I dati sono stati presentati da Dai Bin, presidente di China Tourism Association, per l'apertura dell'Anno del turismo Europa-Cina. Per fare un confronto, in Nord America sono stati registrati 3,1 milioni di viaggi. Il paese europeo che i cinesi preferiscono è la Francia, anche se, considerando la sicurezza personale come uno dei requisiti più importanti richiesti da questo tipo di viaggiatore, negli ultimi tempi i viaggiatori cinesi hanno preferito destinazioni come l'Italia. Nella prima metà del 2017 la spesa media in Europa è stata di 1485 euro pro capite. I viaggiatori individuali hanno speso in media 1607 euro, i singoli in viaggi di gruppo 1303 euro. Il 63% del totale dei turisti cinesi sono donne e la maggior parte ha più di 50 anni.

18:24Anziana morta in ospedale Catanzaro, indagati 19 medici

(ANSA) - CATANZARO, 18 GEN - Diciannove medici in servizio nell'ospedale civile Pugliese di Catanzaro sono stati iscritti nel registro degli indagati nell'ambito di un'inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica del capoluogo sulla morte di una donna di 84 anni deceduta dopo essere stata sottoposta a un intervento di ortopedia nel nosocomio del capoluogo calabrese. L'inchiesta é stata avviata sulla base di una denuncia presentata dai parenti dell'anziana. La Procura ha anche disposto il sequestro della cartella clinica della paziente deceduta. I medici indagati sono quelli che hanno avuto in cura la paziente durante il suo ricovero nel nosocomio cittadino. La donna, residente a Girifalco, era stata ricoverata in Ortopedia per essere sottoposta a un intervento al femore. Alcune ore dopo l'operazione le condizioni della paziente si sono aggravate, tanto da rendere necessario il suo trasferimento nel reparto di Rianimazione, dove è deceduta. La Procura ha anche disposto l'autopsia sul corpo dell'anziana. (ANSA).

18:22Rigopiano: Borrelli, vicinanza e cordoglio famiglie vittime

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime di Rigopiano" è stato espresso anche dal Capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli che ha partecipato al comitato per la ricostruzione a Pieve Torina (Macerata) presieduto dal commissario Paola De Micheli. "L'anno scorso in queste ore c'era un particolare impegno per il sistema di protezione civile - ha ricordato -, avevamo 31 mila persone assistite e l'evento di Rigopiano. Ringrazio tutti i volontari e le volontarie che si sono prodigati per alleviare le sofferenze della gente". Le aree vennero "colpite da un duplice evento - ha aggiunto -: da un lato le eccezionali nevicate su cui si sono innestate le scosse telluriche, quattro di magnitudo superiori a 5 gradi della scala Richter, localizzate in Abruzzo, e a distanza di qualche ora l'evento di Rigopiano". Si è trattato - ha concluso Borrelli - di "un momento di particolare impegno che il sistema ha saputo fronteggiare efficacemente con tutte le forze che aveva in campo".

18:17Volantinaggio antifascista e evento Casapound a Genova

(ANSA) - GENOVA, 18 GEN - Sarà un sabato ad alta tensione per il quartiere genovese della Foce dove l'assemblea antifascista ha convocato un presidio con volantinaggio in piazza Alimonda a partire dalle 16. Alla stessa ora, nell'attigua via Montevideo, Casapound ha organizzato nella sua sede un'iniziativa pubblica per la Festa del tesseramento che è stata comunicata alla Questura questa mattina. La concomitanza di questi due eventi a poche decine di metri di distanza e a una settimana dall'accoltellamento dell'antifascista da parte di un militanti usciti dalla sede di Casapound sta creando un certo allarme in Questura. Impossibile vietare a Casapound di tenere l'iniziativa in uno spazio privato, ma altrettanto inopportuno sarebbe anche vietare il volantinaggio antifascista che fra l'altro era stato annunciato prima che fosse nota l'iniziativa del partito di estrema destra. Gli appuntamenti quindi si terranno entrambi, tenuti separati da un dispositivo di ordine pubblico imponente. Molto probabile che vengano rispolverate le reti mobili utilizzate lo scorso anno per il convegno delle ultradestre a Sturla, ma i dettagli organizzativi e il numero di uomini impiegati saranno decisi nelle prossime ore. Al mattino intanto, l'attenzione sarà tutta su San Fruttuoso a causa della vicinanza tra il banchetto per la raccolta firme di Forza Nuova in piazza Martinez e quello di Potere al popolo in piazza Terralba. (ANSA).

18:16Pakistan: attaccato team anti-polio, uccise due operatrici

(ANSA) - ISLAMABAD, 18 GEN - Due operatrici di un team anti-polio, madre e figlia, sono morte oggi quando uomini armati non identificati a bordo di una motocicletta hanno aperto il fuoco contro di loro alla periferia di Quetta, capoluogo della provincia pachistana di Baluchistan. Lo ha riferito la tv DawnNews di Islamabad. Un portavoce della polizia ha precisato che il team stava lavorando nell'ambito di un piano di vaccinazione contro la polio che riguarda oltre 2,4 milioni di bambini. Gli operatori impegnati in questo tipo di campagne sono spesso presi di mira dai talebani che li considerano 'spie' del governo. Nessun gruppo tuttavia ha per il momento rivendicato l'attacco. Il Pakistan è uno dei pochi Paesi al mondo, insieme ad Afghanistan e Nigeria, che non sono ancora completamente liberi dalla poliomielite.

18:12Terremoto: Borrelli, 92% casette consegnate a fine febbraio

(ANSA) - PIEVE TORINA (MACERATA), 18 GEN - "Le casette o Sae (Soluzioni abitative di emergenza) ad oggi consegnate sono 2.286 su 3.662 ordinate alla data del 29 novembre 2017. Contiamo di arrivare a consegnarle più di 2.600 a fine gennaio e 3.385 a fine febbraio e questo vorrebbe dire aver soddisfatto il 92% della richiesta totale". Numeri forniti dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli nella conferenza stampa a Pieve Torina, al termine del Comitato istituzionale tra le 4 regioni colpite dal sisma del 2016, a cui ha preso parte anche la commissaria straordinaria alla ricostruzione, Paola De Micheli. Borrelli ha ricordato che "ad oggi sono 51.400 le persone ancora assistite dal sistema di Protezione civile, di questi oltre 41 mila (28 mila nella sola regione Marche) percepiscono il Cas (contributo di autonoma sistemazione)". Nelle casette vivono ora 4.000 cittadini, 5.362 persone sono ancora in alberghi e container collettivi. Gli allevatori che invece hanno optato per i moduli rurali (Mapre) sono ad oggi 760.

18:10India: test per missile balistico a lungo raggio Agni-V

(ANSA) - NEW DELHI, 18 GEN - L'India ha realizzato oggi un nuovo test del suo missile balistico terra-terra a lungo raggio Agni-V, capace di portare una testata nucleare fino a 5.000 chilometri di distanza. Il successo del lancio, realizzato in mattinata dall'isola Abdul Khalam al largo delle coste dello Stato di Orissa, è stato confermato dal ministro della Difesa indiano, Nirmala Sitharaman. L'Agni-V e' stato sviluppato dalla Drdo a partire dal 1997, ed e' un'arma che, una volta completata, permettera' all'India di entrare nell'esclusivo gruppo di Paesi che dispongono di missili balistici intercontinentali (Icbm) strategici e di cui fanno parte Stati Uniti, Russia, Cina, Gran Bretagna, Francia ed Israele. Pesante 50 tonnellate, l'Agni-V ha una lunghezza di 17 metri ed un diametro di due. Ha tre stadi ed e' in grado di trasportare, grazie ad una propulsione a combustibile solido, attrezzatura spaziale, satelliti ed ogive nucleari individuali e multiple.

Archivio Ultima ora