Prende quota il voto a settembre. Mattarella: “Prima legge elettorale”

Pubblicato il 30 maggio 2017 da ansa

Proposte anti-Italicum, da greco a Mattarellum 2.0

ROMA. – Una legge elettorale ben fatta può garantire la stabilità di Governo per cinque anni. Questa era e resta la priorità assoluta della scena politica. Il Colle rimane affacciato alla finestra e vigila che la sua unica richiesta pubblica venga realizzata dalle forze politiche. Nessuno nasconde le parallele preoccupazioni per le scadenze economiche dell’autunno ma un ‘niet’ del Quirinale alle elezioni anticipate con ogni probabilità farebbe saltare il tavolo della riforma elettorale. E l’Italia non può permetterselo.

In questo scenario scivoloso il Colle rimane abbottonatissimo, evitando di elaborare scenari di lungo periodo. C’è da mettere in cascina un nuovo sistema di voto e questo obiettivo vale anche le elezioni anticipate. Certamente non gradite ma sulle quali Sergio Mattarella non farà barricate. Anche perché se si trova la quadratura del cerchio non ci sarà solo il Pd di Matteo Renzi a chiedere elezioni dopo l’estate ma anche i Cinque Stelle.

Intanto si fortifica l’idea che il governo Gentiloni scriva e depositi una manovra centrata solo sulle clausole di salvaguardia che dovrebbe poi essere approvata dal nuovo Parlamento. Con la possibilità per il nuovo Governo di poterla emendare con decreto correttivo. Per questo il Pd guida le danze sul modello tedesco imponendo tappe forzate al provvedimento (è stata chiesta la fiducia alla Camera proprio per velocizzare l’iter).

Nel mezzo cresce la fronda – anche dentro il Governo – di quanti considerano le elezioni anticipate come un salto nel buio. Più in profondità in realtà è partita una trattativa al buio su quale può essere la domenica più adatta per il voto. Si passa dai desideri settembrini di Renzi (dal 10, 17 o 24 settembre) a quanti ragionano su tempi più lunghi che vanno fino alla fine di ottobre.

Tanti gli interessi da allineare e troppe le incognite in campo per esercitarsi oggi sul toto-voto. Quel che è certo è che si ragiona con il pallottoliere sui tempi tecnici della nascita di un nuovo esecutivo in relazione alla scadenza del 31 dicembre per l’approvazione della legge di stabilità. Il tutto mentre ancora deve essere approvata la manovrina di inizio estate, sulla quale l’Unione europea non farebbe sconti. E alle porte ci sono le elezioni amministrative dell’11 giugno che porteranno al voto 15 milioni di italiani.

Oggi sembra quindi in difficoltà l’idea di un unico decreto salva-Iva per non far scattare la clausola di salvaguardia che porterebbe ad un aumento di tre punti della tassa. Ma servono circa 15 miliardi e il Tesoro in questa situazione pre-elettorale non sembra proprio disposto a metterci la faccia.

Restano quindi in campo le più svariate ipotesi ma certamente si rafforza la schiera di quanti vogliono chiudere presto la partita del voto per far elaborare e approvare l’intervento da un nuovo esecutivo fresco di investitura popolare.

Se solo il parlare di voto anticipato ha scatenato l’appetito dei mercati costringendo il premier Paolo Gentiloni a ribadire che l’esecutivo è “nella pienezza dei poteri”, il Colle attende i fatti. Se poi, con una legge elettorale nel cassetto, tutti dovessero chiedere il voto anticipato, Gentiloni salisse al Colle per spiegare che il suo compito è esaurito, solo allora Mattarella affronterà il tema della data. Con occhio attento alle scadenze economiche e conscio che la responsabilità del rischio che ci si assume di fronte al Paese sarà delle forze politiche. Ma almeno non si vota attraverso due sentenze della Consulta.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

14:46Figc: Gravina, noi con Tommasi? Non lo so

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Tommasi candidato alla presidenza della Federcalcio? Damiano è una persona straordinaria, ma non so se la Lega Pro può sostenere una candidatura di questo tipo". Il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina commenta così l'ipotesi della candidatura di Damiano Tommasi, numero uno dell'Associazione calciatori, alla presidenza della Federcalcio in occasione delle elezioni in programma il prossimo 29 gennaio. "Votano le società e non io - ha spiegato Gravina a margine del premio Andrea Fortunato - Il 18 dicembre avremo un'assemblea a Firenze e sfioreremo questo problema, ci incontreremo e ne parleremo. Noi siamo alla ricerca della soluzione con il più ampio consenso possibile: è quello che chiede il Coni, quello che chiede chi ama il calcio italiano ed è quello che chiediamo noi come dirigenti. Il problema è capire quanto riesce ad aggregare una componente (l'Aic, ndr) che per un passaggio storico e culturale ancora non viene vissuta trasversalmente da tutto il mondo del calcio".

14:38Morto in culla a 2 mesi, prime risposte da autopsia

(ANSA) - CAGLIARI, 12 DIC - Sarà eseguita domani, al Policlinico di Monserrato (Cagliari), l'autopsia sul corpicino del neonato di due mesi morto nella sua culla a Sant'Antioco, nel Sulcis Iglesiente. L'esame è stato disposto dal sostituto procuratore di Cagliari Gaetano Porcu, che ha chiesto al medico legale Nicola Lenigno di scoprire le cause del misterioso decesso. Ieri sera i genitori si erano accorti che il bimbo aveva smesso di respirare: hanno subito chiamato il 118, ma i soccorritori una volta giunti sul posto hanno potuto solo constatarne il decesso. La magistratura non formula ancora ipotesi, ma la Procura del capoluogo sardo ha chiesto al proprio esperto di scoprire le condizioni di salute del piccolo al momento prima della morte e le eventuali cause. Già esclusa la morte violenta o imputabile a terzi, l'ipotesi più accreditata resta quella di una disgrazia, la classica morte in culla, ma solo l'autopsia potrà dare risposte certe. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stazione di Sant'Antioco che hanno già notificato una informativa al magistrato. (ANSA).

14:33Doping: atleti russi a Olimpiadi da indipendenti, ok Mosca

(ANSA) - MOSCA, 12 DIC - Il presidente Vladimir Putin appoggia la decisione presa dall'Assemblea olimpica del Comitato Olimpico russo (ROC) di permettere agli atleti russi la partecipazione ai Giochi olimpici invernali del 2018 in Corea del Sud con le insegne neutrali. Così il portavoce presidenziale russo Dmitri Peskov. Il Roc ha diffuso oggi un comunicato in cui chiede di rispettare "la scelta di ogni singolo atleta" e di essere pronto a "fornire il supporto agli atleti che andranno ai Giochi, quelli che rifiuteranno e quelli che non saranno invitati".

14:29Boldrini,manterrò profilo istituzionale sino voto l.bilancio

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Ho mantenuto un profilo istituzionale e lo manterrò sino alla fine del'approvazione della legge di bilancio, perché è giusto così. Ma è giusto parlare dei temi". Lo ha detto la Presidente della Camera, Laura Boldrini, al tradizionale scambio di auguri natalizi con la stampa parlamentare, a proposito del suo futuro impegno politico. "Ci sono degli elementi positivi, dei segnali di ripresa - ha quindi detto parlando dell'economia - Siamo felici che questo sia accaduto. Ma questa ripresa va tradotta anche nella vita delle persone, delle famiglie. Deve rientrare nella vita degli italiani. In modo che comincino a scendere la rabbia e il rancore che sono figli diretti del sentimento di esclusione diffuso nella nostra società".

14:29Sequestrata e violentata per 24 ore, arrestati aguzzini

(ANSA) - ASTI, 12 DIC - Legata ad una brandina con il cavo di un telefono, in uno scantinato, picchiata e violentata per 24 ore da due tunisini. E' l'incubo vissuto da una trentenne, liberata dalla polizia, ad Asti, dopo che il padre venerdì ne aveva denunciato la scomparsa. "Mi hanno rapito, aiutatemi", i messaggi Whatsapp che la donna, un passato da tossicodipendente, ha mandato ad un'amica col cellulare che era riuscita a nascondere ai suoi aguzzini e che hanno permesso alla squadra mobile di rintracciarla. Sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni le accuse a vario titolo nei confronti dei due tunisini, pregiudicati con precedenti per spaccio di droga che probabilmente la vittima aveva frequentato nel suo passato da tossicodipendente. Indagato in concorso un terzo tunisino.(ANSA).

14:27Ucraina vietata a assessore leghista della Liguria

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - L'Ucraina ha vietato l'ingresso nel Paese per cinque anni all'assessore leghista allo Sviluppo economico della Regione Liguria Edoardo Rixi perché si è recato in Crimea al Forum economico internazionale di Jalta lo scorso aprile. Lo rende noto lo stesso Rixi pubblicando sulla sua pagina Fb l'informativa dell'Ambasciata d'Ucraina in Italia. "E questa sarebbe la democrazia? Noi siamo liberi di avere relazioni commerciali con chi vogliamo, come i nostri padri nella storia. Noi difendiamo le nostre imprese", scrive Rixi. Nell'informativa pubblicata dall'assessore si legge: "La decisione è stata presa in conformità con una legge dell'Ucraina sullo status giuridico di stranieri e apolidi secondo cui l'ingresso nel territorio può essere vietato ai fini della sicurezza nazionale e della protezione dell'ordine pubblico". Il provvedimento è frutto delle tensioni tra Russia e Ucraina scoppiate nel 2014. (ANSA).

14:25Calcio: Fiorentina, Pioli “l’obiettivo è passare il turno”

(ANSA) - FIRENZE, 12 DIC - "Teniamo molto alla Coppa Italia, anche se abbiamo un tabellone impegnativo, ma pensiamo a una partita per volta: domani contro la Samp sarà dura, ma noi ce la metteremo tutta, perché vogliamo passare il turno". Così Stefano Pioli, aspettando la sfida contro i blucerchiati, in programma domani alle 17,30 nel Franchi (diretta su Rai 2). "Rispettiamo i nostri avversari, ma noi vogliamo vincere - ha continuato il tecnico viola -. Non capisco, però, perché loro abbiano giocato in campionato sabato usufruendo, rispetto a noi, di un giorno di riposo in più. Io devo valutare chi è più stanco e chi ha qualche acciacco, però sarà sicuramente sempre una Fiorentina competitiva". Al momento tutti disponibili tranne lo squalificato Maxi Olivera.

Archivio Ultima ora