Pensioni della Pubblica Amministrazione, in media 1.828 euro ma il 17% sotto i 1.000

ROMA. – In aumento le pensioni agli ex dipendenti pubblici, la cui spesa annua sale a 67,5 miliardi di euro, mentre l’assegno medio mensile supera i 1.828 euro, anche se il 17,5% si ferma sotto i mille euro al mese. Calano, invece, le pensioni per gli artisti e gli sportivi professionisti usciti di scena, con la spesa complessiva che scende a 924 milioni di euro. In questi casi, però, le differenze tra le due categorie arrivano ad essere marcate: quasi la metà degli assegni ai lavoratori dello spettacolo è sotto i 750 euro al mese, mentre per gli sportivi uno su due è tra 1.500 e 3.000 euro.

A fotografarle è l’ultimo Osservatorio pubblicato dall’Inps, aggiornato all’inizio di questo anno, che in particolare indica il numero delle pensioni della Gestione dipendenti pubblici in vigore a gennaio in 2.843.256, per un importo complessivo annuo di 67.577,3 milioni di euro ed un importo medio mensile pari a 1.828,27 euro. Dati che, rispetto all’anno precedente, fanno registrare un incremento dello 0,8% nel numero delle pensioni (erano 2.819.751 nel 2016) e dell’1,9% per quanto riguarda gli importi annui in pagamento (erano 66.309,8 milioni del 2016).

Guardando le classi di importo mensile, però, oltre al fatto che il 17,5% delle pensioni pubbliche è sotto i 1.000 euro al mese, emerge anche che il 50,9% è tra i 1.000 e 1.999,99 euro, il 23,4% tra i 2.000 e 2.999,99; l’8,3%, invece, ha un importo dai 3.000 euro mensili lordi in su.

Differente, invece, il quadro della Gestione ex-Enpals: le pensioni in vigore all’inizio del 2017 sono 57.008 (in calo dell’1,1% rispetto alle 57.637 di inizio 2016), di cui 54.750 (il 96% del totale) a carico della gestione dei lavoratori dello spettacolo e 2.258 (il 4%) a carico del fondo degli sportivi professionisti.

La spesa complessiva annua risulta pari a 924 milioni di euro (rispettivamente 868,6 milioni e 55,4 milioni per ognuna delle due gestioni), dai 928,3 milioni dell’anno precedente.

In media, l’importo mensile della pensione, considerando la gestione nel complesso, risulta pari a 1.246 euro; guardando singolarmente, invece, per i lavoratori dello spettacolo risulta pari a 1.220 euro, per gli sportivi professionisti a 1.887 euro. E, mentre la classe di maggior rilievo nel fondo dei lavoratori dello spettacolo è quella con importi inferiori a 750 euro (44,9%), nella gestione degli sportivi professionisti è quella compresa fra 1.500 e 3.000 euro.