Troppe informazioni online, e il 93% degli utenti le condivide

Pubblicato il 30 maggio 2017 da ansa

ROMA. – Password, dettagli finanziari, foto e video dei propri figli, passaporti scannerizzati e persino i codici di sblocco dei propri dispositivi. Per molti utenti condividere informazioni sui social media è ormai diventato naturale, tanto che lo fa il 93% degli utenti, una percentuale molto alta se si considera i rischi di furto di dati e identità a cui siamo oramai esposti all’ordine del giorno. Queste abitudini sono più forti tra i giovani che rendono accessibili troppe informazioni private.

Sono queste le conclusioni del rapporto ‘My Precious Data: Stranger Danger’ di Kaspersky Lab, condotto su oltre 16mila internauti di oltre 17 paesi nel mondo. Secondo l’analisi, oltre la metà degli utenti (44%) condivide informazioni personali online senza considerare che, una volta diventate di dominio pubblico, possono sfuggire al controllo. Inoltre, una persona su cinque ammette di condividere dati sensibili con persone che non conosce bene e con estranei, limitando così la possibilità di controllare il loro uso futuro.

In questo modo, sottolinea Kaspersky Lab, “ci si espone al furto d’identità o ad attacchi finanziari condividendo dettagli di pagamento (37%), scansioni di passaporti, patenti e altri documenti personali (41%) o le proprie password (30%)”.

I giovani condividono più facilmente foto private: lo fa il 61% degli intervistati di età compresa tra i 16 e i 24 anni, rispetto al 38% degli utenti ‘over 55’. Questo atteggiamento riguarda anche le informazioni finanziarie: due giovani su cinque (42% delle persone tra i 16 e i 24 anni) condividono, infatti, i propri dettagli finanziari e di pagamento, mentre lo fa ‘solo’ il 27% di chi ha più di 55 anni.

La ricerca svela anche che le persone non si limitano a condividere i dati, ma persino i dispositivi che potenzialmente custodiscono informazioni personali. Infatti, una persona su dieci (10%) ha condiviso con un estraneo il pin di accesso e una su cinque (22%) ha lasciato il proprio dispositivo sbloccato e incustodito. Inoltre, circa un quarto (23%) degli intervistati ha prestato il proprio dispositivo ad un’altra persona.

“Rivelando informazioni importanti con un semplice click si rinuncia al loro controllo, perché non si può essere sicuri di dove finiranno e come saranno usate. Gli utenti stanno letteralmente mettendo i loro dati nelle mani di estranei”, dice Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab, suggerendo quello che con buon senso dovrebbero fare da tempo gli utenti: “mettere in atto misure di sicurezza” e “pensarci due volte prima di pubblicare online informazioni importanti”.

Ultima ora

05:28Venezuela: Costituente sospende immunità marito Ortega Diaz

CARACAS - L'Assemblea Costituente promossa dal presidente Nicolas Maduro ha sospeso l'immunità parlamentare di German Ferrer, deputato chavista e marito dell'ex Procuratrice Luisa Ortega Diaz, su richiesta del Tribunale Supremo di Giustizia. L'alta corte aveva autorizzato ieri l'arresto di Ferrer, in base all'imputazione per corruzione, estorsione, associazione a delinquere e riciclaggio presentata dal successore di Ortega Diaz alla Procura, Tarek William Saab.

05:22Barcellona:polizia,a Cambrils si preparava attentato

BARCELLONA - Secondo la tv pubblica spagnola RTVE sono quattro i presunti terroristi uccisi dalla polizia locale della Catalogna a Cambrils. La polizia sospetta che stessero preparando un attacco nella localita' turistica a circa 100 chilometri da Barcellona. Un quinto presunto terrorista e' rimasto ferito. La polizia ha invitato i cittadini di Cambrils a non uscire di casa.

05:17Barcellona:blitz polizia a Cambrils,uccisi terroristi

ROMA - Quattro o cinque presunti terroristi sono stati uccisi in un'operazione della polizia spagnola in corso a Cambrils, cittadina sulla costa a sud-ovest di Barcellona. La notizia e' riferita dai media spagnoli ed e' riportata, fra l'altro, dall'edizione on line del Guardian. Anche alcuni agenti sono rimasti feriti. Non e' chiaro se l'operazione sia legata alla strage sulla Rambla a Barcellona.

05:13Barcellona: Consiglio Sicurezza Onu condanna attacco

NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha ''condannato nei termini piu' forti l'attacco terroristico barbaro e vile a Barcellona''. Nella dichiarazione, proposta dall'Italia in accordo con la Spagna, i Quindici hanno ribadito che ''il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni costituisce una delle piu' gravi minacce alla pace e alla sicurezza internazionali''. Il Cds ha espresso la solidarieta' alla Spagna, sottolineando la ''necessita' di intensificare gli sforzi internazionali per combattere il terrorismo e l'estremismo violento'', un invito rivolto a tutti gli Stati membri.

23:57Calcio: Montella, reso facile gara con mentalità vincente

(ANSA) - MILANO, 17 AGO - ''Missione compiuta? Il 6-0 è certamente un grande risultato, bravi i ragazzi che l'hanno resa facile con approccio e mentalità. Abbiamo avuto qualche pausa iniziale su cui lavoreremo ma sono soddisfatto''. Così Vincenzo Montella commenta la vittoria del Milan per 6-0 con lo Shkendija che ha ipotecato il passaggio del turno alla fase ai gironi di Europa League. ''André Silva - il parere di Montella - può ancora migliorare moltissimo, Montolivo meritava il gol. Peccato per Bonaventura, c'è apprensione visto che è reduce dal brutto infortunio dell'anno scorso''. Montella chiosa sugli obiettivi ("Vogliamo arrivare nelle prime quattro") e sulla trattativa per Kalinic: ''Sul mercato non siamo mai sazi''.

23:08Calcio: Europa League, Milan-Shkendija 6-0

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - Il Milan ha battuto 6-0 (3-0) la formazione macedone dello Shkendija nel match di andata dei playoff di Europa League. In gol per i rossoneri Andre' Silva al 13' pt e al 28' st, Montolivo (25' pt e 40' st), Borini al 22' st e Antonelli al 23' st. Per il Milan la qualificazione è in cassaforte.

22:02Isis rivendica attacco Barcellona

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - L'Isis ha rivendicato l'attentato di Barcellona attraverso la sua 'agenzia' Amaq, definendo gli attentatori "soldati dello Stato islamico". Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, pubblicando una immagine della rivendicazione in arabo.

Archivio Ultima ora