Sanità: Cardiologia Modena, chieste pene pari a 64 anni

(ANSA) – MODENA, 31 MAG – Una richiesta di pene pari a 64 anni complessivi a fronte di una quarantina di imputati (tra medici, titolari di case farmaceutiche ed enti giuridici). Si è chiusa così la requisitoria di Marco Niccolini, pubblico ministero di Modena, titolare del fascicolo ‘Cardiologia’, l’inchiesta ‘camici sporchi’ sulle presunte sperimentazioni non consentite, con finalità corruttive, su pazienti del Policlinico di Modena, nel reparto di Cardiologia appunto, che nel 2012 ha portato all’arresto di nove medici. La richiesta di condanna più severa (siamo in primo grado in tribunale a Modena) è quella avanzata nei confronti del professor Massimo Sangiorgi, ex direttore del laboratorio di Emodinamica, per cui il pm ha chiesto 7 anni di reclusione: è ritenuto il capo della associazione a delinquere che avrebbe creato il giro di sperimentazioni non autorizzate nel reparto, in cambio di denaro.(ANSA).

Condividi: