Fiducia alla manovra, Mdp e Udc si sfilano

Il Ministro degli Affari Esteri Angelino Alfano (s), il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro dei Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro nell'aula della Camera durante la discussione sulle dichiarazioni programmatiche del nuovo governo, Roma, 13 dicembre 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI
Il Ministro degli Affari Esteri Angelino Alfano (s), il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni e il ministro dei Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro nell’aula della Camera durante la discussione sulle dichiarazioni programmatiche del nuovo governo, Roma, 13 dicembre 2016. ANSA/GIUSEPPE LAMI

ROMA. – Arriva il primo via libera alla manovra, con la Camera che ha votato la fiducia con 315 sì. Mdp, come annunciato dopo lo strappo sui voucher, non ha però partecipato al voto, e si è sfilato anche l’Udc che per la prima volta non ha votato la fiducia al governo. Astenuti anche i 4 deputati di Scelta Civica-Ala e Lacquaniti del gruppo Misto.

Nel corso dell’esame alla Camera, che si concluderà con il voto finale di giovedì, il testo si è arricchito di capitoli di ‘peso’, come la riduzione di 140mila slot machine, la web tax transitoria per convincere i colossi del web a pagare le tasse in Italia, il prestito ponte da 600 milioni per Alitalia, o i paletti al bail in per proteggere anche chi ha dato i suoi risparmi ai fondi pensione.

Ma, in un passaggio parlamentare agitato soprattutto dall’arrivo dei nuovi voucher, sotto traccia è arrivato il via libera anche a una vera e propria pioggia di micromisure, dagli skilift abruzzesi ai fondi per le biblioteche. A fare discutere il raddoppio dei fondi per il Teatro Eliseo di Roma, che è passato con il parere contrario del governo, ma anche il nuovo stop a Flixbus, contro il parere del Mise, al quale il Pd già promette di porre rimedio, dopo che anche Matteo Renzi ha chiarito che “il Pd non vuole far chiudere” la compagnia tedesca di trasporto low cost.

NUOVI VOUCHER – Arrivano i Libretti famiglia e il ‘contratto di prestazione occasionale’ ma solo per le microimprese sotto i 5 dipendenti. Tetto a 5.000 euro a lavoratore e datore di lavoro, con un ulteriore limite di 2.500 euro l’anno per le prestazioni rese a un singolo datore.

NIENTE BAIL IN PER FONDI PENSIONE, SPINTA MERCATO NPL – La previdenza complementare resta fuori dai meccanismo di risoluzione interna delle crisi mentre si cerca di facilitare la cartolarizzazione e la cessione dei crediti deteriorati. Possibile costruire società veicolo che operino “a garanzia dei crediti oggetto di cartolarizzazione” compresi i leasing.

ARRIVA LA WEB TAX TRANSITORIA – primo tentativo di regolamentazione ad hoc per i giganti del web. Le imprese digitali con oltre 1 miliardo di fatturato potranno stringere accordi preventivi con l’Agenzia delle Entrate ed evitare così inchieste della magistratura.

OK TASSA AIRBNB, ANCHE PORTALI ONLINE ‘ESATTORI’: I portali di affitti online come Booking.com e Airbnb senza stabile organizzazione dovranno nominare un rappresentante fiscale in modo da poter agire da sostituti di imposta e richiedere la cedolare secca a nome del fisco. La nomina di un rappresentante fa emergere l’impresa anche ai fini della web tax. Anche chi sceglie case private dovrà pagare la tassa di soggiorno.

ADDIO A 1 E 2 CENTESIMI – Le monetine di rame scompariranno dal primo gennaio 2018. Se si paga in contanti è previsto un meccanismo di arrotondamento al multiplo di 5 più vicino. L’impatto della norma sarà monitorato dal Garante dei prezzi.

STRETTA SULLE SLOT MACHINE – entro aprile 2018 dovranno diminuire del 34%, ad un massimo di 265.000. RIMBORSI IVA PIU’ RAPIDI – Grazie allo snellimento delle procedure i rimborsi fiscali in conto capitale dovrebbero essere liquidati nel giro di 65 giorni, 25 in meno degli attuali 90.

PRESTITO PONTE PER ALITALIA – Il decreto che destina 600 milioni di euro alla compagnia entra direttamente in manovra.

ADDIO STUDI DI SETTORE – Arrivano per 3,5 milioni di contribuenti gli indici di affidabilità fiscale. Gli indici saranno organizzati su una scala da 1 a 10. Più alto sarà “il punteggio” meno probabili saranno i controlli.

SALVA MUSEI – Dopo la sentenza del Tar che ha annullato cinque nomine di direttori di musei, si rimette mano alla legge per chiarire che nella nella procedura di selezione pubblica internazionale non ci sono limiti di accesso per gli stranieri.

RAFFORZATA L’ANAC – L’Autorità potrà agire in giudizio contro bandi, atti generali e provvedimenti relativi a contratti di qualsiasi stazione appaltante che violino le norme in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi o forniture.

A SCUOLA SBARCA IL CIBO BIO – Nelle scuole saranno introdotte le mense biologiche certificate con l’obiettivo di promuovere e diffondere l’utilizzo di prodotti bio.

ESTESI SISMABONUS E ECOBONUS – Anche chi acquista una casa demolita e ricostruita nelle aree ad alto rischio sismico potrà usufruire del ‘sismabonus’ al 75%. Il bonus ecologico per i lavori di condominio viene invece esteso agli incapienti.

SBLOCCO FONDI PER A24 MA RIMBORSO AD ANAS – I lavori di manutenzione dell’Autostrada dei Parchi saranno effettuati dal concessionario (Carlo Toto) a valere sui canoni di concessione 2015-2016 già dovuti per un totale di 111,7 milioni più interessi. Il dovuto sarà restituito ad Anas a partire dal 2028.

STABILIZZAZIONE 15 MILA PROF – Vengono stanziati 1,3 miliardi fino al 2026 per assumere 15.100 insegnanti ora precari.