Rischio spaccatura M5s. Gli ortodossi temono l’accordo col Pd

Pubblicato il 01 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Nei giorni scorsi era solo un sordo rumore di fondo, un sottile cipiglio che traspariva nella fronte di qualche parlamentare e che veniva fuori in qualche post degli iscritti al Movimento: ma l’affondo del M5s alla trattativa con il Pd, l’adesione sostanziale al nuovo patto del Nazareno, la rinuncia nei fatti alla battaglia sulle preferenze provoca nei 5 Stelle un malessere che non poteva rimanere sopito a lungo. Ed oggi il “bubbone” è scoppiato.

A guidare il fronte dei dubbiosi, di quelli che temono una trappola del Pd, di quanti non si accontentano della promessa di una vittoria elettorale, ci sono ancora una volta gli ‘ortodossi’. Questa riforma elettorale “è quasi un mega porcellum, noi faremo degli emendamenti, io personalmente non mi sarei messa nemmeno lì seduta” avverte la senatrice Paola Taverna.

La ‘pasionaria’ del Movimento appare dubbiosa su tutto il percorso, dalla decisione di sedersi al tavolo della trattativa con il Pd fino all’accelerazione sul voto anticipato. “Hanno stravolto il sistema tedesco con il proporzionale distribuito sui listini, il primo bloccato, si stanno facendo con la squadra tutti i collegi, non si capisce su quali basi. Non va, non so neanche dire che bisogna andare a votare subito, perché così gli leviamo la patata bollente della legge di stabilità, che è qualcosa della quale si devono prendere la responsabilità” afferma dubbiosa.

Ieri sera una tormentata riunione congiunta dei parlamentari per discutere della riforma ha fatto emergere gli screzi. Al punto tale che subito dopo i capigruppo Roberto Fico e Carlo Martelli si sono nuovamente riuniti con i parlamentari delle commissioni affari costituzionali per rifare il punto. Lo stesso Fico mette le mani avanti ed avverte: “L’accordo sulla legge elettorale non è affatto sancito. Si lavora ancora in Commissione perché l’emendamento Fiano crea delle nuove problematiche. Se i problemi saranno risolti, bene. Diversamente continueremo a riunire il gruppo parlamentare, che ieri ha lavorato fino a mezzanotte, per valutare il da farsi. Ma – ripete – non c’è niente di scontato”.

Poi, le rivelazioni di Pizzolante sull’accordo tentato da Renzi con Alfano per far cadere Gentiloni ha fatto il resto. Di Maio e Di Battista sono infuriati. Ma il tarlo inizia rodere anche i più inossidabili. Perché se qualcosa dovesse andare storto, il primo a finire nel mirino sarebbe proprio Di Maio. Dai piani alti del Movimento si ostenta sicurezza: “la linea è una sola. Anche se con diverse declinazioni caratteriali”.

E lo stesso Fico smentisce: “Ci dispiace deludere le fantasie di giornali e agenzie e smentire, per l’ennesima volta, titoli fasulli. Nessuna spaccatura interna. E’ il Pd che è sempre stato inaffidabile e quindi ci sono semplici e giustificati timori”.

(di Francesca Chiri/ANSA)

  • Franco

    Beh in effetti il m5s ha sempre ribadito la libera scelta, dei candidati ora pare che accetti la proposta Renzi sui nominati. Se ciò fosse vero sarebbe motivo valido per non votarli.

  • Bernardino Manfrin

    Avviso ai “naviganti”,,, Il Movimento 5 Stelle, deve la sua esistenza,proprio per le novità che andava predicando. L’eliminazione dei “NOMINATI” era il cavallo di battaglia. Ora pare che tutto ciò non sarà possibile. Per quanto mi riguarda, o l’M5S mantiene la promessa o per quanto mi riguarda, andrò a ingrossare quel 50% che non andrà a votare. Sono molto dispiaciuto e spero che tutto ciò non si verifichi, diversamente dovrò concludere che anche quella ultima speranza di una partecipazione del popolo alla scelta dei suoi rappresentanti,era una diabolica promessa che costerà alla democrazia.

  • Bernardino Manfrin

    Meglio stare all’opposizione che consentire , e quindi complici, a una classe politica come quella di questi ultimi anni, che ha depredato materialmente ogni sogno di onestà.

Ultima ora

06:23Man Booker Prize ad un americano per il secondo anno

LONDRA - L'americano George Saunders ha vinto il Man Booker Prize con il romanzo "Lincoln in the Bardo", diventando il secondo autore americano ad aggiudicarsi il prestigioso premio britannico. Il libro parte dalla visita realmente compiuta dal presidente Abraham Lincoln nel 1862 in un cimitero di Washington sulla tomba del figlio di undici anni Willie e da lì si sviluppa con un coro di personaggi, tutti morti che non riescono a lasciare questa vita.

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

Archivio Ultima ora