Tutti contro Trump sul clima, America mai così isolata

Pubblicato il 02 giugno 2017 da ansa

BRUXELLES. – Donald Trump è rimasto solo. Per la prima volta dalla fine della Seconda guerra mondiale, una scelta politica di un inquilino della Casa Bianca ha unito il mondo: purtroppo per lui e per i cittadini americani, tutto contro l’America. Dall’Europa alla Cina, dall’India alla Russia passando per il Vaticano, il coro di dissenso è unanime. Annunciando il ritiro dall’accordo di Parigi per combattere il riscaldamento globale, il presidente americano non ha messo in gioco (solo) il destino del pianeta ma la credibilità degli Stati Uniti e gli equilibri geopolitici globali.

Non a caso due consiglieri del peso di Elon Musk e del Ceo della Disney si sono immediatamente dimessi. E la bizzarra proposta di rinegoziare l’accordo è stata bocciata senza mezzi termini. Angela Merkel, Emmanuel Macron e Paolo Gentiloni lo hanno detto mentre ancora Trump parlava nel ‘Rose Garden’: “L’accordo non può essere rinegoziato”. Fuori significa fuori, come per la Brexit.

L’Ue ha subito annunciato di essere pronta a “riempire il vuoto” creato dal voltafaccia americano, disposta a cercare “nuove alleanze”. Al fianco ha immediatamente trovato la Cina. Il summit andato in scena con Jean-Claude Juncker, Donald Tusk ed il premier Li Keqjang è stato “il più fruttuoso di sempre”, nella sintesi del polacco.

In realtà è mancato l’accordo sulle questioni più spinose, la sovrapproduzione di acciaio cinese e lo status di economia di mercato che Pechino vuole e che l’Ue ancora non concede, ma “abbiamo trovato un terreno comune per il quale combattere insieme”: difesa dell’accordo sul clima, del libero commercio e della globalizzazione. Che è da correggere per ridurre le disuguaglianze, ha concesso Li, ma che è scelta irreversibile e “strumento di pace”.

Trump ha scatenato la reazione di tutte le capitali. Anche di quelle più amiche. Da Londra Theresa May – che pure non ha firmato la dichiarazione con Germania, Francia e Italia – ha espresso la sua “delusione” direttamente al presidente, comunicando che il Regno Unito resterà impegnato ad attuare l’accordo di Parigi.

Durissima la posizione del Vaticano, con monsignor Sanchez Sorondo, che ha parlato di “disastro per l’umanità e per il pianeta” e non ha esitato ad attaccare direttamente Trump per la sua “decisione terribile”: “Quello che muove il presidente sono i gruppi petroliferi che lo hanno appoggiato nella campagna elettorale e che hanno influenza su di lui”.

Se Trump sperava di provocare un effetto domino, sarà rimasto deluso. Al fianco della Ue, anche l’Unione Africana ha riconfermato l’impegno del continente a mettere in atto gli accordi. Ed il premier indiano Narendra Modi, che pure avrebbe molto da guadagnare con l’energia fossile a buon mercato, ha schierato il subcontinente senza mezzi termini: “Non abbiamo diritto a sfruttare la natura, ci stiamo concentrando sulle energie rinnovabili, sole, vento e biomasse. Vogliamo essere una nazione responsabile quando si parla di ambiente”.

L’amico Vladimir Putin ha tentennato, ma alla fine anche la Russia ha mollato The Donald. Dopo un primo, ambiguo messaggio del Cremlino (“accordo inattuabile senza gli Usa”), è arrivato il riposizionamento. Prima col ministro dell’Energia Novak (“non ci sarà reazione a catena di altri paesi”), poi col vicepremier Dvorkovich (“abbiamo preso la decisione di partecipare e non credo che la cambieremo), fino alle parole dello stesso Putin: “Trump poteva evitare di uscire dagli accordi”. Nelle cancellerie del mondo, tutti si chiedono perché non ci sia riuscito.

Di fronte alla pioggia di critiche, il segretario di Stato Usa Rex Tillerson – tra gli ‘sconfitti’ che hanno cercato di evitare lo strappo – ha provato a rassicurare gli alleati affermando che gli Usa continueranno a tagliare le emissioni così come avevano fatto prima ancora di aderire all’intesa.

Ma in serata è arrivata la risposta sprezzante dei ‘falchi’ direttamente dalla Casa Bianca. “Trump ha messo l’America al primo posto, non c’è niente di cui chiedere scusa”, ha detto il capo dell’Agenzia per la Difesa dell’ambiente (Epa) Scott Pruitt, liquidando l’accordo di Parigi come “un mucchio di parole” con benefici “minimi” sull’ambiente.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

21:07Calcio: Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana

(ANSA) - SALERNO, 12 DIC - Stefano Colantuono è il nuovo allenatore della Salernitana: rileva sulla panchina granata Alberto Bollini esonerato nella giornata di ieri. Ne dà notizia il sito ufficiale della società granata. Colantuono che ha raggiunto Salerno nel pomeriggio ha voluto rivolgere, attraverso il sito ufficiale della società "un doveroso ringraziamento alla proprietà nelle persone di Claudio Lotito e Marco Mezzaroma "per averlo scelto. Non ho esitato un momento ad accettare - ha detto - e sono onorato di poter allenare in una piazza così calda e importante come Salerno. Sono molto felice - ha concluso - per questa nuova avventura e non vedo l'ora di iniziare". La prima seduta d'allenamento che dirigerà il nuovo allenatore granata è prevista per domattina alle ore 10:30 al campo "Volpe".

Archivio Ultima ora