Tolve: “L’artista è un errore biologico della quotidianità”

Pubblicato il 04 giugno 2017 da Mauro Bafile

Il curatore della mostra, “Disio, nostalgia del futuro, assieme ad alcuni artisti

CARACAS – “Cos’è l’artista? E’ un errore biologico della quotidianità. E’ una persona che con la propria sensibilità è in grado di esaminare la società; di trovare nella società quali sono le gioie e i dolori; di raccontarcela attraverso prefissi estetici e artistici di grande valore”. Una radiografia precisa che solo può fare chi conosce a fondo l’arte e le sue espressioni. Antonello Tolve, professore di Pedagogia, Didattica e Antropologia dell’Arte nell’Accademia delle Belle Arti di Macerata e “visiting professor” in Cina e Turchia, è il curatore della mostra “Disio, nostalgia del futuro”, allestita con la collaborazione di Carolina Balza e Felix Suazo e l’assistenza di Patricia Hambrona e Narda Zapata.
Un concetto estetico complesso, difficile da capire; un’iniziativa che promuove il colloquio tra artisti di generazioni diverse, culture distinte e tendenze differenti; una proposta in cui s’intrecciano, costituendo un quadrato, figure come Armando Reveròn, Umberto Boccioni, Marcel Duchamp e Kazimir Malevic il cui messaggio estetico non ha tempo né spazio; “Disio, nostalgia del futuro” è questo, una grande sfida. Non una follia, come alcuni potrebbero interpretare una proposta tanto ambiziosa in tempi di crisi e di agitazioni sociali; ma un gesto di grande coraggio e di fiducia verso una società che lotta per conservare i valori essenziali intrinsechi nelle nazioni evolute, moderne e progressiste.

L’Ambasciata d’Italia e il nostro Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con la “Sala Tac” del “Trasnocho Cultural” e “La Caja” del “Centro Cultural Chacao” sono riusciti a superare ogni difficoltà e a rendere possibile una mostra, di grande spessore artistico ed estetico, che resterà aperta fino al 9 giugno.
Ma come è germogliata l’idea, come si è riusciti a far interagire con successo artisti tanto dissimili non solo perché espressioni di generazioni diverse ma anche, forse soprattutto, perché frutto della cultura di nazioni differenti? Infatti, la mostra è un colloquio, anzi un “triloquio”, tra cinque artisti italiani e dieci venezuelani. Tra questi ultimi, ad arricchire ancor più l’esperienza, cognomi che denotano inevitabilmente origini europee e, quindi, l’integrazione tra altre culture ancora, che valorizzano la congiunzione di razze e civiltà diverse. Lo chiediamo ad Antonello Tolve che ci racconta:
– Sono stato invitato in Venezuela lo scorso anno, proprio in questo stesso periodo, a tenere alcune conferenze. Allora colsi l’occasione per realizzare anche una serie di “studio-visit”. Ebbi modo di guardare le opere degli artisti, gli spazi, di fare scelte ben precise. Quello dello scorso anno è stato soprattutto un sopraluogo e uno scambio costante di opinioni con un personaggio, Silvio Mignano, che non solo è un eccellente diplomatico, ma è soprattutto un grande intellettuale. E con lui abbiamo cominciato a dialogare. Da lì è nata l’idea di una mostra.
Commenta che si è subito pensato ad un titolo che riuscisse a esprimere, a evocare “tutta una serie di stati d’animo”. E, così nasce “Disio, nostalgia del futuro”. “Disio”, una parola presa in prestito dal Dante della Divina Commedia.
“Era già l’ora che volge il disio
ai navicanti e ‘ntenerisce il core
lo dì c’han detto ai dolci amici addio”
(Purgatorio, Canto VIII,)
– L’arte – prosegue – è fondamentalmente uno stato d’animo. Tutti noi, nelle società complesse in cui viviamo, proviamo stati d’animo, a volte contraddittori. Noi viviamo un’estensione del presente; presente che dovrebbe raffigurare il punto dal quale partire per guardare al passato e proiettare il futuro. E’ questa una cosa fondamentale.

Spiega che “Disio, nostalgia per il futuro” è una mostra ottimistica che “non solo vuole essere in grado di raccontare le turbolenze del presente ma di far capire che il dialogo, nei nostri giorni, è indispensabile.
– Se riusciamo ad intavolare un dialogo, e in questo caso artistico – spiega approfondendo il tema – riusciamo a capire che quello che nasce nel mondo delle arti può riprodursi anche in altri campi come ad esempio quelli della politica e del sociale.
– Chi ha fatto da moderatore in questa mostra… Il curatore? L’arte? L’unione tra generazioni di artisti di tendenze ed età diverse?
– Come curatore – afferma subito categorico – devo prendermi ogni responsabilità per ciò che ho cercato di costruire. E, cioè, dei “trialoghi”. Questi sono stati creati perché ogni decennio, e parliamo degli artisti nati negli anni ’50, ’60, ’70, ’80, e ’90, ha un punto di vista ben preciso. Un artista nato negli anni ’50 e vissuto negli anni ’60, ’70 e ’80 ha una sua storia; una storia assai diversa da chi è nato nei decenni seguenti. Questi “trialoghi” sono importanti e necessari perché sono tutti rivolti al presente.
E, aggiungiamo noi, permettono di evocare il passato, che è ormai la nostra storia, e di affrontare il futuro, che è impregnato di incertezza e di speranza.
Difficoltà? In un paese convulso in cui le istituzioni vivono in un confuso equilibrio al bordo di un pericoloso precipizio e con una crisi che ormai pare negare ogni possibilità di sogno, sicuramente non sono mancate. Lo chiediamo a Tolve che spiega:
– Ogni mostra ha le sue difficoltà. In questa, devo comunque dire, sono state poche. La maggiore, forse, reperire i materiali. Ogni mostra – prosegue – è una grande festa; un immenso cervello in grado di massaggiare nel migliore dei modi quello pubblico, di risvegliarlo dal sopore della realtà.
– Come è sorta l’idea di far dialogare artisti di espressione, età e paese diversi?
– L’elemento fondamentale – commenta – è recuperare… dico recuperare un qualcosa che si è perduto nelle società contemporanee. E cioè il dialogo, lo stare assieme ad altri, fare gruppo, lavorare insieme, elaborare un discorso comune.
Quindi aggiunge, riprendendo un tema espresso anche durante la conferenza stampa tenuta assieme all’Ambasciatore d’Italia, Silvio Mignano; la direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura, Erica Berra; la presidente della Fondazione “Centro Cultural Chacao”, Claudia Urdaneta; il gerente della “Sala Tac”, Felix Suazo, e in presenza di alcuni artisti:
– Ogni mostra è itinerante; anzi, può essere itinerante. In questo caso lo è quella esposta nella “Sala Tac”. Purtroppo, non si può dire altrettanto di quella allestita nella “Caja” del “Centro Cultural Chacao”. Quella è una mostra che nasce, vive e muore lì. Hic et nunc…
Alla manifestazione artistica, che è stata inaugurata in contemporanea in due spazi diversi (“Sala Tac”, Trasnocho Cultural; “La Caja”, Centro Cultural Chacao) e che resterà aperta fino al 9 luglio, sono stati invitati a partecipare i seguenti artisti: Adolfo Alayón, Luis Arroyo, Camilo Barboza, Angela Bonadies, Hayfer Brea, Zeinab Rebecca Bulhossen, Ivan Candeo, Max Coppeta, Fabrizio Cotognini, Antonio Della Guardia, Magdalena Fernández, Jason Galarraga, Manuel Eduardo González, Domenico Antonio Mancini, Luis Millè, Antonio Paz, Enrico Pulsoni, Giannini Termini, Eugenio Tibaldi, Eduardo Vargas Rico.
Mauro Bafile

Ultima ora

15:12Donna uccisa in parco: aveva guanti, niente Dna sotto unghie

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - Indossava i guanti Marilena Negri, la 67enne uccisa ieri mattina nel parco di Villa Litta ad Affori, quartiere di Milano, e quindi anche se avesse cercato di difendersi, elemento questo su cui non ci sono certezze, non è rimasta traccia del profilo genetico dell'aggressore sotto le unghie della donna. Emerge dall'inchiesta condotta dalla Squadra mobile di Milano e coordinata dal pm Donata Costa. Dalle prime indicazioni dell'autopsia, eseguita stamattina, è stato confermato che la donna è stata colpita con una coltellata al lato sinistro del collo e all'evidenza non ci sarebbero altri segni di lesioni. Per chiarire se è stata colpita alle spalle, ipotesi possibile ma non certa, serviranno analisi più approfondite. Gli inquirenti attendono per le prossime ore una prima relazione sulla causa esatta della morte. E gli investigatori stanno verificando se sia stato sottratto un oggetto personale alla donna che nella borsa aveva solo chiavi.

15:07Violenza donne: in nove mesi 8.480 denunce stalking

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - Sono state 8.480 nel periodo gennaio-settembre 2017 le denunce per stalking, di cui oltre il 72% ai danni di donne, in calo del 15,76% rispetto alle 10.067 nello stesso periodo del 2016; i maltrattamenti in famiglia (il 79% ai danni delle donne) sono stati 9.818 a fronte di 10.876 nello stesso periodo del 2016 (-9,73%); le violenze sessuali (oltre il 90% in danno delle donne) 3.059 a fronte di 3.095 nello stesso periodo del 2106 (-1,16%). Si tratta di quelli che la Polizia considera 'reati spia' e "indici importanti di un rapporto uomo-donna malato, che può pericolosamente degenerare". Sono in leggera flessione: se da un lato può essere il segno di un miglioramento in materia di discriminazioni di genere, dall'altro la riduzione delle denunce potrebbe nascondere un sommerso di angoscia e solitudine. A sostegno delle donne, la Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato ha attivato il progetto Camper, con funzionari di polizia, ma anche medici, psicologi, rappresentanti di centri antiviolenza.

14:52Gare truccate e voto di scambio,ex sindaco di nuovo in cella

(ANSA) - CASERTA, 24 NOV - Finisce nuovamente in carcere l'ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta) Biagio Di Muro, già arrestato nel 2016, mentre rivestiva la carica di primo cittadino, nell'ambito di un'indagine anticamorra. Oggi a farlo finire in cella è stata invece un'indagine della Procura ordinaria, quella di Santa Maria Capua Vetere, che ne ha chiesto e ottenuto l'arresto dal Gip ritenendolo a capo di un'associazione a delinquere che gestiva, per fini di ritorno elettorale, nomine e appalti nel settore delle politiche sociali, aggiudicando a coop compiacenti progetti finanziati dall'Inps e dal Governo, attraverso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, come l'Home Care Premium, progetto promosso dall'INPS e destinato agli ex dipendenti INPDAP. Tra gli indagati, 35 in tutto, figura anche l'attuale deputata del Pd Camilla Sgambato (per abuso di ufficio), che risiede proprio a Santa Maria Capua Vetere.

14:52Sinagoga di Roma sarà illuminata di arancione

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - In occasione della Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne la Comunità Ebraica di Roma illuminerà di arancione, grazie al supporto di Acea, la facciata del Tempio Maggiore. Una scelta voluta per significare la necessità di un impegno concreto contro questo fenomeno e volto ad accendere l'attenzione su un tema così importante. All'accensione che si terrà sabato 25 novembre alle ore 18.15 parteciperà, oltre al Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni e alla Presidente Ruth Dureghello, la Sindaca di Roma Virginia Raggi. "I valori dell'ebraismo - ha spiegato la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello - vedono la donna al centro della famiglia, la sua figura pervade tutta la nostra cultura".

14:19Concussione: sindaco Mantova indagato, è giallo su denuncia

(ANSA) - MANTOVA, 24 NOV - La vicenda del sindaco Mattia Palazzi, indagato per concussione per aver chiesto favori sessuali in cambio di un contributo ad un'associazione, si tingerebbe di giallo. La presunta vittima, di cui la Gazzetta di Mantova non fa il nome ma che ha sentito, nega di essere l'autrice della denuncia contro il sindaco: "Non ho mai mosso nulla contro Palazzi – ha detto al quotidiano la vice presidente dell'associazione -. Anzi, dico di più: se emergeranno falsità sul suo conto lo difenderò. Lo conosco, ci siamo incontrati in occasioni pubbliche. Dal Comune di Mantova non abbiamo ricevuto neanche un euro, ma solo il patrocinio che neanche abbiamo mai usato". Presidente e vice presidente dell'associazione culturale ieri mattina sono state sentite come persone informate dai fatti dal sostituto procuratore Donatella Pianezzi. Al momento, dunque, non è ancora chiaro chi abbia presentato denuncia contro il sindaco.

14:10Stadio Roma: tutti pareri favorevoli, nodo prescrizioni

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - A quanto si apprende tutti e 4 pareri unici sullo Stadio della Roma arrivati in conferenza servizi, da Comune Regione Stato e città metropolitana, sono favorevoli con prescrizioni. E il nodo della discussione in corso oggi è l'entità delle prescrizione avanzate dalle istituzioni. Si devono dirimere le eventuali contraddizioni tra le diverse prescrizioni, tra cui quelle sulla mobilità, arrivando a una soluzione unitaria. E' pertanto possibile che la conferenza decisoria non termini in giornata.

14:10Ruby: chiesto giudizio Silvio Berlusconi

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Una richiesta di rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi è stata depositata dalla Procura di Torino. Il procedimento è uno dei filoni della cosiddetta inchiesta 'Ruby ter' ed è stato originato dalla decisione presa il 29 aprile 2016 da un gup di Milano di 'spacchettare' il processo principale e di trasferire gli atti a sette diverse procure per competenza territoriale. Berlusconi è indagato per corruzione in atti giudiziari insieme a Roberta Bonasia, 32 anni, di Nichelino, ex infermiera poi diventata modella. Secondo le indagini, svolte originariamente dalla procura di Milano, l'ex premier destinò somme di denaro alla Bonasia, che poi avrebbe reso testimonianze non veritiere nei procedimenti sulle cene di Arcore. Per la donna si è così aggiunta un'ipotesi d'accusa di false dichiarazioni. (ANSA).

Archivio Ultima ora