Storica Italia U20, 3-2 allo Zambia ed è semifinale Mondiale

Pubblicato il 05 giugno 2017 da ansa

Mondiali Under 20, 3-2 allo Zambia, Italia in semifinale © ANSA/EPA. EPA/JEON HEON-KYUN

ROMA. – Storica impresa della Nazionale Under 20 che per la prima volta nella sua storia si qualifica alle semifinali del Mondiale di categoria. Una grande Italia, guidata dal cuore e dal carattere, si impone contro lo Zambia per 3-2 ai tempi supplementari dopo aver giocato in dieci uomini gran parte della partita ed aver rimontato per due volte lo svantaggio.

E’ una vittoria che sa di rivincita, quella sullo Zambia in Corea, li’ dove 39 anni fa l’Olimpica azzurra guidata da Francesco Rocca (e con il tecnico di oggi, Evani, allora riserva in panchina) subì dalla nazionale africana una delle storiche disfatte azzurre, un incredibile 0-4. Stavolta e’ andata diversarmente, e la vittoria sa di impresa.

“Avete scritto una splendida pagina della storia azzurra, siete il futuro”, esulta dall’Italia il presidente della Figc, Carlo Tavecchio, e con lui gli azzurri della nazionale di Ventura, che applaudono un gruppo di ragazzi capaci di vincere in 10 contro 11.

L’espulsione di Pezzella al 41′ pt era stata decisa dall’arbitro dopo il ricorso al sistema Var. Inizialmente l’ecuadoregno Zambrano aveva concesso il rigore allo Zambia ma non aveva espulso l’azzurro, poi su segnalazione di un assistente ha visto i filmati e deciso che si trattava di una punizione dal limite ma anche di un intervento da punire con l’espulsione.

Tutto ciò dà ancora più valore alla vittoria dell’Italia, che giovedì a Jenjou (ore 21 locali, le 13 a Roma) dovrà vedersela in semifinale contro la temibile Inghilterra, che ha battuto il Messico. Dall’altra parte del tabellone se la vedranno Venezuela e Uruguay, quest’ultimo avversario dell’Italia nella fase a gironi.

La vittoria di oggi è firmata dai gol di Orsolini, Dimarco e Vido, ma è soprattutto il successo del gruppo che non ha mai mollato in una partita da subito in salita per l’Italia. Dopo appena 4′ di gioco lo Zambia passa in vantaggio con Daka che, servito da un rasoterra filtrante, supera Zaccagno con un pallonetto ad incrociare. Colpita a freddo e costretta a rincorrere, la squadra di Evani subisce la velocità degli avversari, in difficoltà quando vengono attaccati, ma bravissimi nelle ripartenze e nel recupero palla.

Al 15′ altra occasione per la nazionale africana: calcio di punizione dai 20 metri di Banda, il cui tiro a giro supera la barriera, ma è bravissimo Zaccagno a distendersi negando la rete del raddoppio. Gli azzurrini, subìto il colpo, faticano ad uscire dalla propria area fino a quando, al 21′, Pezzella crossa a centro per Favilli che conclude di testa a rete di prima intenzione, sfiorando la porta.

Poi al 24′ è ancora Daka ad avere sui piedi la palla-gol salvata da un provvidenziale recupero di Pezzella. L’Italia replica al 26′ con un gran sinistro, ma centrale, di Orsolini e al 32′ con uno sfortunato colpo di testa ancora di Orsolini che colpisce il compagno di squadra Favilli.

Al 41′ pt episodio chiave: l’arbitro Zambrano, che inizialmente aveva assegnato il calcio di rigore per lo Zambia a seguito di un intervento di Pezzella su Chilufya nei pressi del limite dell’area di rigore azzurra, dopo aver fatto ricorso alla Var, opta per il calcio di punizione e per il cartellino rosso nei confronti dell’azzurro, che esce dal campo incredulo.

Al 45′ Evani effettua il primo cambio, mandando in campo Dimarco al posto di Cassata. Nonostante l’inferiorità numerica, l’Italia gioca un grande secondo tempo. Al 5′ raggiunge il pareggio: Panico dalla sinistra calibra un perfetto assist sul secondo palo per Orsolini che in corsa di testa trafigge Mangani Banda. Sette minuti dopo l’arbitro annulla una rete allo Zambia per fuorigioco.

Spinta dall’euforia del pareggio, la squadra azzurra sale in cattedra e mette in difficoltà gli avversari, che continuano a proporsi in contropiede e con tiri dalla lunga distanza. A sette minuti dal termine, però, gli africani passano di nuovo in vantaggio con un destro potente di Sakala, ma la gioia dura pochissimo: al 40′ l’Italia realizza il 2-2 con una punizione magistralmente battuta da Dimarco a fil di palo.

Servono i supplementari. E al 111′ arriva la storica rete del successo: Vido si conquista un corner e poi sul cross di Dimarco svetta in area segnando di testa il gol vittoria del 3-2.

Ultima ora

16:22Calcio: Fifa squalifica a vita tre dirigenti

(ANSA) - ZURIGO, 21 NOV - La Fifa ha fatto sapere di aver radiato tre dirigenti, colpevoli di avere intascato tangenti. Tra essi c'è Richard Lai, ex presidente della Federcalcio delle Isole Guam, nonché ex membro del Comitato audit e conformità della Fifa, che si è dichiarato colpevole del reato di corruzione, di fronte alla Corte di New York. Squalificati a vita anche due ex presidenti federali: Julio Rocha del Nicaragua e Rafael Esquivel del Venezuela, arrestati a Zurigo nel maggio 2015 e successivamente estradati negli Stati Uniti per il processo. La Fifa afferma di avere imposto "sanzioni adeguate all'importo delle tangenti che hanno ammesso di aver preso".

16:16Snai: in Champions il Barca è favorito sulla Juve

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La Juve, nel quinto turno del Gruppo D di Champions, ospiterà domani sera il Barcellona e parte da sfavorita nelle quote Snai. A Torino, contro la Juve, i catalani non hanno mai vinto: il primo colpo è dato a 2,45 e si punta a 3,35 sul pari. Vincere per i bianconeri è un compito a 2,85, ripetere il 3-0 della passata stagione fa salire la quota a 30 volte la scommessa. La Juve vede gli ottavi a 1,05, arrivarci da prima paga 8 contro 1. Dybala e Messi hanno fatto scintille nei rispettivi campionati: la rete della 'Pulce' vale 2,10, a 2,75 quella di Paulo. La media 'Goal' di entrambe è perfetta: a segno nella partita di domani sono una scommessa da 1,67. Nel Gruppo C c'è da tenere d'occhio l''X', in Atletico Madrid-Roma, a quota 3,40. Per restare in corsa verso gli ottavi serve una vittoria agli spagnoli (1,90). Il 'blitz' giallorosso viaggia a 4,00 su Snai. Quanto al passaggio del turno, la squadra di Di Francesco è in una situazione comoda: a 1,02 la qualificazione, il passaggio da primi è a 1,70.

16:09Fisco: tre denunce e sequestro di 1,2 mln per evasione

(ANSA) - PORDENONE, 21 NOV - I titolari di tre aziende del Friuli Occidentale sono stati denunciati per evasione fiscale dalla Guardia di Finanza che, inoltre, ha eseguito un sequestro preventivo di oltre 1,2 milioni di euro. L'indagine è scattata dopo alcuni accertamenti dell'Agenzia delle Entrate. A seguito delle indagini, su richiesta della Procura, il Gip di Pordenone ha emesso provvedimenti di sequestro preventivo per complessivi 1.218.000 euro, già effettuati dalle Fiamme Gialle che hanno bloccato disponibilità liquide, beni immobili e mobili. Dai rilievi era emersa una palese "asimmetria" tra il patrimonio degli indagati e gli omessi versamenti: in un caso, è stata sequestrata la somma di 452.121 euro (tutta in denaro contante) depositata dall'indagato su conti correnti in Istituti di Credito, mentre un altro indagato era proprietario di oltre 26 unità immobiliari e 200 terreni. Il terzo indagato, infine, successivamente agli omessi versamenti, era stato dichiarato fallito dal Tribunale di Pordenone.

16:07Calcio: Oddo, Udinese club che ha ambizioni

(ANSA) - UDINEE, 21 NOV - "Sono molto contento di questa opportunità, al di là della contentezza per avere una grande chance in serie A, questa è una società che ha ambizioni". Sono le prime parole da neotecnico dell'Udinese pronunciate oggi da Massimo Oddo che ha anche rivolto un pensiero a Delneri. "Quando le cose non vanno bene non è colpa sempre e solo di un allenatore, ma è il primo a pagare. E' una cosa che può succedere a tutti. Lo stimo moltissimo. Lo ringrazio per quello che troverò, per il suo lavoro".

16:04Renzi da Macron, cordialità e conferma forti punti contatto

(ANSA) - PARIGI, 21 NOV - Un incontro più che cordiale, con la conferma di forti punti di contatto, già emersi in passato: queste le impressioni riferite al termine dell'incontro all'Eliseo fra Matteo Renzi ed Emmanuel Macron. Fra i due, il rapporto è apparso consolidato e l'incontro ha confermato le analogie programmatiche di tempi recenti, dal bonus cultura - una proposta fatta propria dal presidente francese che ha sempre sottolineato di essersi ispirato al provvedimento italiano - al jobs act, dall'elezione del presidente della Commissione Ue al varo di liste transnazionali per avere veri partiti europei.

16:04Pensioni: Martina, impegni governo garantiscono equità

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Gli impegni che il governo ha preso al tavolo di confronto con i sindacati vanno nel senso giusto e garantiscono maggiore equità, perché come abbiamo sempre detto non tutti i lavori sono uguali". Lo scrive su Facebook il ministro Maurizio Martina, vicesegretario del Pd. "In particolare - spiega - l'immediata esenzione dall'innalzamento previsto per il 2019 del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia e del requisito contributivo per la pensione anticipata per le undici categorie già individuate per l'anticipo pensionistico sociale e quattro categorie aggiuntive (operai e braccianti agricoli, marittimi, addetti alla pesca, siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti ad alte temperature) costituisce una novità molto importante per tutelare concretamente migliaia di lavoratori interessati. Sono tutti temi essenziali su cui il Partito Democratico continuerà a lavorare con concretezza e massimo impegno".

15:45Calcio: ufficiale, Oddo nuovo allenatore Udinese

(ANSA) - TRIESTE, 21 NOV - Massimo Oddo é il nuovo allenatore dell'Udinese. Lo rende noto la società con un comunicato. Oddo sarà presentato in conferenza stampa tra poco alla Dacia Arena di Udine e subito dopo dirigerà il primo allenamento al Bruseschi.

Archivio Ultima ora