Sul tavolo le buste per l’Alitalia, Delta osserva da lontano

Pubblicato il 05 giugno 2017 da ansa

(ANSA/AP Photo/Antonio Calanni, File)

ROMA. – Il primo step della procedura di vendita di Alitalia è fatto. Sono scaduti i termini per la presentazione delle manifestazioni di interesse, ma c’è grande attesa per conoscere in dettaglio i numeri e i nomi dei mittenti. Niente di ufficiale, i commissari hanno assunto un vincolo di riservatezza, ma secondo alcune fonti sarebbero poco meno di venti le buste arrivate presso lo studio del notaio Nicola Atlante.

Non tutte però avrebbero solidi requisiti di sostenibilità e il numero iniziale si potrebbe alla fine ridurre di molto, forse a poco più di una manciata: le buste verranno aperte domani, quando inizierà anche l’esame delle offerte per vedere quali possiedono i requisiti di idoneità. Qualche indicazione intanto arriva direttamente dai potenziali interessati, con la statunitense Delta che fa sapere di monitorare la situazione della compagnia italiana e il partner arabo Etihad che apre ad un possibile rafforzamento dei legami.

Delta, che nei giorni scorsi è stata tirata in ballo da indiscrezioni di stampa che la davano tra i potenziali interessati, oggi conferma di avere acceso da tempo un faro sulla compagnia italiana: continuiamo “a monitorare i progressi di Alitalia da quando è entrata nel processo di amministrazione” straordinaria, spiega a Bloomberg la compagnia statunitense che è già partner di Alitalia nella joint venture transatlantica insieme ad Air France-Klm. Mentre Etihad, che nel 2014 è entrata con il 49% nell’aviolinea italiana, assicura che continuano ad esserci “forti legami” e si dice pronta ad esplorare “tutte le opzioni per mantenerli e potenzialmente rafforzarli”.

Lufthansa conferma invece di non essere interessata a queste condizioni: “La nostra posizione su Alitalia non è cambiata”, spiega un portavoce, che replica con un ‘no comment’ alla richiesta se sia stata presentata una manifestazione di interesse. Si sono invece già sfilate nei giorni scorsi alcune low cost: Ryanair, che ha detto chiaramente di non essere interessata ad acquistare Alitalia, e anche Norwegian, che ha assicurato che non avrebbe presentato un’offerta.

A questo punto i tre commissari, Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari, invieranno ai soggetti idonei una ‘lettera di procedura’ che fisserà i termini, le modalità ed i contenuti per le offerte non vincolanti. Verso metà giugno dovrebbe essere aperta la ‘data room’, dove gli interessati potranno visionare le carte e i dati riservati riguardanti l’azienda.

L’obiettivo dei commissari è di avere le offerte non vincolanti a fine luglio, per poi valutare un’eventuale gara per arrivare alle offerte vincolanti ad ottobre. Parallelamente al dossier della vendita, i commissari intanto lavorano sui risparmi (dopo i 100 milioni già ottenuti dai contratti derivati per il carburante, ora sul tavolo ci sono quelli sui leasing degli aerei) e sulla messa a punto del piano industriale che, ha spiegato qualche giorno fa in un’intervista Paleari, verrà presentato entro fine luglio e si baserà su due assi: differenziazione ed efficientamento.

Lavori in corso anche sul fronte del costo del personale, con un doppio appuntamento in settimana: mercoledì infatti dovrebbe svolgersi l’incontro al Ministero del lavoro sulla procedura per la cigs aperta dai commissari con un impatto pari al costo di 1.358 dipendenti; mentre giovedì azienda e sindacati inizieranno il confronto per il rinnovo del contratto di settore. Intanto resta alta la preoccupazione dei sindacati.

Per Alitalia “ci vuole un partner che investa e non veda la compagnia come uno spezzatino dal quale prendere i pezzi pregiati”, avverte la segretaria generale della Cisl, Anna Maria Furlan. Mentre la leader della Cgil Susanna Camusso chiede che sulla crisi Alitalia non si ripeta “il film che abbiamo visto su Ilva”, in particolare “occorre valutare i paletti che vengono messi nel momento in cui si passa dalle manifestazioni di interesse alle offerte vere: quindi unicità del gruppo, tenuta dell’occupazione, piano industriale”.

(di Enrica Piovan/ANSA)

Ultima ora

22:37Avaria: 500mila galline abbattute, focolai influenza estinti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - Sono terminate ieri tutte le operazioni di abbattimento, pulizia e disinfezione sia nei focolai di influenza aviaria sia negli allevamenti sottoposti ad abbattimento preventivo. Lo comunica l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, spiegando che "tutti i focolai di influenza aviaria risultano quindi estinti". L'abbattimento più cospicuo si è registrato in un allevamento di galline ovaiole di Castiglione delle Stiviere, nel mantovano, dove sono state eliminate 460mila galline ovaiole contagiate. La Lombardia la scorsa settimana ha comunicato all'istituto zooprofilattico la conclusione delle operazioni di abbattimento degli ultimi focolai e l'abbattimento preventivo di un allevamento di tacchini considerato a rischio elevato. La mappa dei focolai comprende Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna, ma alcuni casi sono stati segnalati anche in Piemonte e Friuli Venezia Giulia. A essere colpiti dal virus, da gennaio a oggi, sono state soprattutto galline ovaiole, tacchini e oche da carne.

22:00Calcio: Verona-Napoli, ancora Var conferma gol partenopei

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Napoli in vantaggio a Verona e gol confermato dalla Var, chiamata in causa dall'arbitro Fabbri. La formazione di Sarri è andata in vantaggio dopo 32' grazie a un'autorete di Souprayen. Il direttore di gara, prima di convalidare la rete, ha chiesto l'intervento della Var che ha confermato la regolarità del gol degli ospiti.

21:49Squalo volpe di 200 chili pescato nel crotonese

(ANSA) - STRONGOLI (CROTONE), 19 AGO - Un esemplare di squalo volpe di 200 kg, lungo oltre 3,5 metri, è stato pescato a Strongoli marina, nel crotonese, con una canna da pesca da altura. Lo squalo ha abboccato ad una profondità di 60 metri. La sorprendente cattura è stata fatta da Giuseppe Fiorita, giovane appassionato di pesca sportiva che era uscito in mare per una battuta di pesca in cerca di ricciole. Lo squalo volpe, con i suoi 6 metri di lunghezza, rappresenta la specie più grande fra le tre ascritte al genere Alopias. È molto diffuso nei mari tropicali. (ANSA).

21:00Venezia: ancora degrado, fa pipì contro muro hotel Danieli

(ANSA) - VENEZIA, 19 AGO - E' l'estate del degrado e della maleducazione che debordano questa a Venezia dove, dopo i turisti che fanno tuffi e bagni nel canali come in piscina, si è visto pure un uomo urinare in pieno giorno contro un muro dell'hotel 'Danieli', 5 stelle tra i più esclusivi al mondo, uno dei simboli della città. L'uomo, piegato verso la parete in atteggiamento inequivocabile, è stato ripreso con lo smartphone da un veneziano, che poi, dal proprio profilo Facebook, ha messo on line il filmato del nuovo sfregio alla città lagunare. Il tutto in Riva degli Schiavoni, davanti al bacino di San Marco, con i turisti che passavo al fianco dell'incivile incontinente, che non è però stato individuato.

20:58Finlandia: italiana ferita era con figlia sei mesi

(ANSA) - FIRENZE, 19 AGO - Lisa Biancucci, la ricercatrice rimasta ferita nell'attentato di Turku, quando ha subito l'aggressione era con la figlia di sei mesi nel passeggino. Il particolare è stato reso noto dallo zio della donna che vive come gli altri familiari a Bibbiena, la cittadina aretina di cui è originaria la giovane studiosa e dove Lisa Biancucci si trovava fino a sabato scorso, quando è ripartita con il marito per Turku: è era venuta a Bibbiena per far battezzare la piccola. (ANSA).

20:51In codice rosso 4 ore per trasferimento,muore 23enne

(ANSA) - NAPOLI, 19 AGO - Ricoverato in codice rosso, aspetta quattro ore per essere trasferito in un altro ospedale per l'esecuzione di una agioTac. Ore che sarebbero risultate fatali per un 23enne che, a Napoli, è morto il giorno dopo il ricovero. E' quanto rende noto il consigliere regionale della Campania, Francesco Borrelli che diffonde la denuncia presentata dal responsabile del Pronto Soccorso del Loreto Mare Alfredo Pietroluongo dove, tra l'altro, si legge che si è verificata una "inosservanza ai più elementari doveri professionali".

20:41Migranti: Serracchiani, Minniti in FVG il 5 settembre

(ANSA) - TRIESTE, 19 AGO - Il ministro dell'Interno, Marco Minniti, sarà in Friuli Venezia Giulia il primo 5 settembre "per fare il punto con i prefetti e le forze dell'ordine" sulla situazione dei migranti in regione. Lo ha reso noto, in serata, la Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, riferendo che Minniti "ha risposto positivamente all'invito della Regione" che nei giorni scorsi gli aveva inviato una lettera per rappresentare la situazione dei migranti in regione, con particolare riferimento a quella "complessa di Gorizia e del suo territorio".

Archivio Ultima ora