La legge elettorale approda in Aula. Renzi: “E’ l’unica possibile”

Pubblicato il 05 giugno 2017 da ansa

ANSA/ANGELO CARCONI

ROMA. – Il patto “granitico” tra i quattro partiti che sostengono la legge elettorale, supera il primo passaggio parlamentare, con l’approvazione da parte della Commissione Affari costituzionali della Camera e l’approdo in Aula domani alle 12. Un patto che lascia stupefatti i bersaniani che dopo aver inseguito M5s a inizio legislatura oggi si vedono spiazzati dall’accordo di Grillo con Renzi, oltre naturalmente con Berlusconi e Salvini.

E infatti la polemica di Mdp è forte soprattutto con M5s, mentre tutti i piccoli partiti si preparano a dar battaglia in Aula per tentare di non far approvare in settimana la riforma e rallentare la corsa ad urne anticipate: corsa contro cui si schiera anche la presidente Laura Boldrini come domenica il presidente del Senato Pietro Grasso.

Nel primo pomeriggio la Commissione Affari costituzionali, guidata da Andrea Mazziotti, ha approvato il testo del relatore Emanuele Fiano, con le modifiche concordate da Pd, Fi, M5s e Lega, in un patto che proprio Mazziotti ha definito “granitico”. In effetti il “lodo” proposto nei giorni scorsi da Fiano, e cioè che sarebbero state portate avanti solo modifiche concordate da tutti e quattro i partiti, ha retto bene. Anche perchè, avverte Renzi dalla Enews, “non sono possibili altre leggi elettorali, purtroppo”.

Durante i lavori della Commissione Mdp con Alfredo D’Attorre ha costantemente attaccato i pentastelalti più che il Pd, e altrettanto hanno fatto altri esponenti bersaniani, accusando di “inciucio” il Movimento di Grillo, che ha replicato con Luigi Di Maio, Danilo Toninelli. Mdp ha attaccato anche il Pd, e i Dem hanno a loro volta rinfacciato con Ettore Rosato ai bersaniani di non aver fatto nulla per cambiare il Porcellum quando guidavano il Pd.

Sia Rosato che Fiano hanno insistito non solo sulla validità della legge, con la sua soglia al 5%, ma soprattutto sul fatto che essa venga sostenuta da un arco di forze che rappresenta l’80% di quelle presenti in Parlamento: quella larga maggioranza sollecitata dal presidente Mattarella. Un passaggio che aiuta a “pacificare” il clima politico, hanno detto entrambi.

Con un Renzi galvanizzato che blocca le polemiche su futuribili larghe intese invitando al voto utile: quello al Pd a scapito dei ‘piccoli’. E Roberto Giachetti, responsabile riforme dei Dem, alle critiche di Rosy Bindi e Romano Prodi ha replicato: “Chi continua a sostenere che saremmo dovuti andare avanti con una legge di tipo maggioritario sostiene in realtà l’opzione dello status quo e cioè di un proporzionale puro”. Infatti se non passa la riforma di Fiano rimane l’Italicum che è un proporzionale puro con una soglia bassa, e allora addio governabilità.

Gli altri piccoli sono furiosi perché vedono prossime le urne. Il testo Fiano, infatti, definisce già i collegi riferendosi a quelli del 1993 per il Mattarellum, e una volta approvata la legge non ci sarebbe bisogno di attendere che il governo li perimetri, allontanando così le elezioni. I piccoli partiti (Des-Cd, Ci, Mdp, Si) sostengono che in questo la legge è incostituzionale perché il riferimento è il Censimento del 1991 e non l’ultimo, come impone la Carta.

In aula sarà uno degli oggetti di polemica e anche di ostruzionismo. L’obiettivo è evitare l’approvazione in settimana nella speranza che M5s, se andrà male alle amministrative, si ritiri dal patto a quattro. E contro le urne in autunno si sono pronunciati non solo Pierluigi Bersani (“è da irresponsabili”), ma anche Romano Prodi, che chiede di approvare prima la Legge di Bilancio, e la presidente della Camera Laura Boldrini: “non c’è automatismo tra approvazione della legge elettorale e urne anticipate”.

Ma in casa Dem si fa il discorso opposto: pensare di approvare la Legge di Bilancio con i piccoli pronti all’imboscata, questo sì è da irresponsabili.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

10:04Delitti di ‘Ndrangheta al Nord nel ’92, arresti della Ps

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 19 OTT - La Polizia di Stato di Reggio Emilia ha eseguito una misura cautelare emessa dal Gip di Bologna per tre persone, definite esponenti di spicco della 'Ndrangheta. L'indagine è su due omidici commessi nel 1992 nel Reggiano, in cui rimasero vittime il 33enne Nicola Vasapollo e il 35enne Giuseppe Ruggiero, nell'ambito di una feroce guerra di mafia combattuta tra Calabria e Nord Italia. E' l'operazione 'Aemilia 1992', coordinata dalla Dda di Reggio Emilia e la squadra mobile reggiana sta perquisendo anche altre persone coinvolte nelle indagini. L'inchiesta ha ricostruito la contrapposizione tra la cosca Grande Aracri-Dragone-Giampà e il sodalizio Vasapollo-Ruggiero in lotta per l'egemonia delle attività illecite tra le province di Crotone e Reggio Emilia. Entrambe le vittime furono uccise nelle loro case, mentre si trovavano ai domiciliari. Per costringere Ruggiero ad aprire la porta, i killer simularono un controllo delle forze dell'ordine in divisa, con auto di servizio camuffata. (ANSA).

09:44Calcio: Juventus, Allegri ‘Vittoria voluta e meritata’

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "I ragazzi hanno voluto e meritato questa vittoria". I complimenti alla Juventus firmati Massimiliano Allegri dopo la vittoria in rimonta per 2-1 con lo Sporting Lisbona: "Il carattere non deve mai mancare" ha concluso l'allenatore bianconero nel suo consueto tweet post partita, rincuorato dall'ottima prestazione dei suoi. Dopo essere passati in svantaggio per 0-1 con una sfortunata autorete di Alex Sandro, è arrivata la risposta dei bianconeri, che hanno ribaltato il match ottenendo una vittoria fondamentale per il passaggio del turno.

09:44Migranti: da Pe primo via libera a riforma Dublino

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - La commissione libertà civili del Parlamento europeo ha dato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino firmata dalla relatrice svedese Cecilia Wikstrom. Il testo è passato con 43 sì e 16 no. Novità principale della misura è l'abolizione del principio del Paese di primo ingresso e l'introduzione di un sistema automatico e permanente di ricollocamenti in tutti i Paesi dell'Ue. La posizione del Parlamento andrà tuttavia negoziata con il Consiglio, che ancora non ha una posizione comune.

09:43Catalogna: Amnesty chiede immediata liberazione ‘due Jordi’

(ANSA) - BARCELLONA, 19 OTT - Amnesty International (AI) ha chiesto la liberazione "immediata" dei due leader indipendentisti catalani Jordi Sanchez e Jordi Cuixart arrestati lunedì a Madrid per ordine di un giudice spagnolo per presunta 'sedizione'. Per AI la misura di detenzione contro i leader di Anc e Omnium è "sproporzionata" e l'incriminazione per sedizione "eccessiva". Amnesty ha chiesto "la fine immediata della loro detenzione provvisoria".

09:35Afghanistan: attacco talebani, uccisi 40 soldati

(ANSA) - KABUL, 19 OTT - I talebani hanno attaccato ieri sera una base dell'esercito nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 40 soldati afghani. Lo riferisce oggi la tv Tolo di Kabul. Secondo fonti ufficiali citate dall'emittente l'offensiva è cominciata con l'intervento di due kamikaze che hanno fatto esplodere altrettante autobomba nel distretto di Maiwand, causando, oltre le vittime fatali, anche 24 feriti.

09:33Puigdemont, indipendenza se Rajoy sospende autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il presidente catalano Carles Puigdemont attiverà la dichiarazione di indipendenza se il premier Mariano Rajoy respingerà la sua offerta di dialogo e applicherà l'articolo 155 della Costituzione per il commissariamento della regione: lo scrive stamani il quotidiano La Vanguardia. Come è noto, Puigdemont dovrà chiarire con un 'sì' o con un 'no' entro le 10:00 se ha dichiarato l'indipendenza il 10 ottobre.

09:24Truffe anziani: 15 arresti a Milano e Novara

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - Sono in corso gli arresti tra Milano e Novara di 15 persone, 10 italiani e 5 polacchi di origine rom lovari, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura milanese con al centro "numerosissime truffe tentate o consumate" agli anziani che venivano contattati telefonicamente da un finto parente in difficoltà e venivano convinti a dare cifre fino a 8000 euro e, in alcuni casi, anche gioielli. Una parte delle persone arrestate risiedevano in Polonia e avevano organizzato un vero e proprio call center e, come è stato riferito, individuavano in massa le persone anziane da contattare. Al telefono spiegavano alle vittime, in gran parte milanesi e alcune anche in Svizzera, che un loro stretto parente era in difficoltà, in genere per un incidente, e invitavano quindi l'anziano a dare tutto quanto avevano immediatamente disponibile a un uomo che si sarebbe presentato a breve in casa o in un luogo prestabilito.

Archivio Ultima ora