Sarti: addio al portiere di ghiaccio, icona della Grande Inter

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

Sarti in azione con la Grande Inter di Helenio Herrera

ROMA. – Sarti, Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi… E’ come il ‘do re mi fa sol’, una filastrocca che contrassegnava la Grande Inter, capace di salire sul tetto del mondo. Oggi se n’è andato un altro di quegli eroi in bianco e nero, Giuliano Sarti, che Gianni Brera descrisse come “talento impeccabile del piazzamento”, dotato di “attenta e costante concentrazione, tempismo perfetto, sicurezza eccezionale”, dopo averlo visto per la prima volta fra i pali.

Il ‘Portiere di ghiaccio’ si è sciolto in una mattina di fine primavera, un giorno prima del 53/o anniversario dello spareggio-scudetto perso nel 1964 dall’Inter, nell’Olimpico di Roma, contro il Bologna. Dopo essersi imposto nella Fiorentina, contribuendo alla conquista del primo storico scudetto nella stagione 1955/56, e dopo nove anni di amorevole militanza viola, Sarti fu quasi costretto a trasferirsi all’Inter dall’avvento di uno scalpitante Enrico Albertosi, già nel giro della Nazionale, ma riserva del portiere emiliano.

I colori viola, tuttavia, gli sarebbero rimasti sempre cuciti addosso. “A Firenze – raccontò, in un’intervista – ho vinto il primo scudetto, mentre a Torino, nel 1969, alla penultima giornata, ho rivisto la Fiorentina campione d’Italia. Quel giorno parò Anzolin, io tifavo per la Viola”.

Con la Fiorentina sognò pure un grande trionfo europeo, nella seconda Coppa dei Campioni della storia, persa contro un leggendario Real Madrid. Sarti toccò con mano l’estro Di Stefano e Gento, Santisteban e Kopa, nella finale persa a Madrid. La consacrazione arrivò nelll’Inter, squadra-simbolo del boom economico.

Alla Bussola di Bernardini ci si innamorava con Sapore di sale, lo squadrone di Angelo Moratti saliva sul tetto d’Europa e del mondo. “A Milano arrivò da calciatore maturo e portiere affermato”, ricorda Sandro Mazzola. “Io ero un ragazzino, lui e Picchi trovarono ben presto l’intesa, su quell’asse vennero costruite le fortune dell’Inter – racconta Mazzola -. La nostra difesa, con Burgnich, Facchetti, Guarneri… Era una specie di litania.

Sarti è stato un grande portiere e un grande uomo, che aveva un modo tutto suo di stare in porta. Un giorno gli chiesi perché si muoveva un attimo dopo che l’avversario scagliasse il pallone e lui mi rispose di voler avere fino alla fine la percezione di quello che sarebbe accaduto. In ogni caso, si faceva trovare sempre pronto”.

Nell’Inter vinse tutto, ma la sua permanenza in nerazzurro si chiuse con due macchie: la sconfitta nella finale della Coppa dei Campioni 1967, contro il Celtic (in rimonta 2-1) a Lisbona e, soprattutto, l’errore del primo giugno, a Mantova, dove l’Inter perse lo scudetto per una papera proprio di Sarti, che non riuscì a trattenere un innocuo cross di Di Giacomo, facendosi scivolare il pallone dalle mani.

L’Inter si era presentata nella città di Virgilio in vetta alla classifica e con un punto di vantaggio sulla Juve, che quel giorno vinse invece il 13/o scudetto. “I giornalisti mi chiamano quando c’è da ricordare una delusione, come la beffa dell’Inter il 5 maggio 2002 fa a Roma e fanno i paragoni con la ‘papera’ del 1967. Va bene, sono qui vivo e vegeto e ho una buona memoria”, polemizzava lo stesso Sarti, che chiuse la carriera proprio nella Juve, alla corte di un altro Herrera (Heriberto), facendo il secondo di Anzolin, nell’attesa che sbocciasse il giovane Roberto Tancredi.

Non ebbe fortuna in Nazionale, malgrado fosse stato chiamato per il dopo-Corea. “In azzurro – sostiene Mazzola – avrebbe sicuramente meritato di più, invece trovò sulla propria strada colleghi molto forti”. Albertosi e William Negri, portiere del Bologna, su tutti. Oggi il ‘Portiere di ghiaccio’ è salito in cielo e chissà che non gli diano una porta da difendere.

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

20:06Calcio: Chiellini, impensabile 3 reti sotto in gara così

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Credo che questa sia stata una gara diversa rispetto alle ultime. Spesso ci serviva il primo schiaffo per svegliarci, mentre oggi siamo stati in controllo per 60 minuti. Ci siamo ritrovati sotto di tre gol quando avremmo dovuto essere noi in vantaggio di due o tre reti". Giorgio Chiellini, a "Serie A Live" su Premium Sport, ha analizzato il 3-2 incassato dalla Juventus in casa della Samp. "Questo ci deve far riflettere, se vogliamo vincere non bastano le qualità tecniche, serve qualcosa in più che dobbiamo mettere tutti quanti - ha aggiunto il difensore - In questo inizio stagione qualcosa ci è mancato, ma al risultato finale devi arrivarci lo stesso. La Samp ha fatto una buona partita, ma una squadra come la Juve deve fare due gol e andare a casa. Per quello che si è visto era impensabile essere sotto di tre gol. Con tutto il rispetto per le altre squadre è difficile perdere punti in questo campionato e noi li stiamo perdendo ogni volta che il livello si alza".

19:51Roma: Monchi archivia derby, “essenziale guardare avanti”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Bella esperienza ieri all'Olimpico. Grande atmosfera e grande vittoria, ma ora il derby è storia: dobbiamo pensare a Madrid". Poche righe su Instragram da parte del ds Monchi fanno capire come a Trigoria si sia già proiettati al'impegno di Champions League in casa dell'Ateltico. "Un'altra opportunità per continuare a migliorare come squadra - scrive il dirigente spagnolo via social -. Crescere è fondamentale, andare avanti è essenziale: guardare indietro è uno spreco di tempo!". Insomma in completa rottura col passato, dove i derby vinti si festeggiavano a lungo, la Roma ha intrapreso un nuovo Corso targato Di Francesco e già archiviato il 2-1 rifilato alla Lazio.

19:42Zimbabwe: media, Mugabe accetta di dimettersi

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Robert Mugabe ha accettato di lasciare la presidenza dello Zimbabwe. Lo riferiscono i media internazionali, citando una fonte vicina al leader. Mugabe - si spiega - sta preparando l'annuncio delle sue dimissioni, che verrà diffuso in un discorso tv in tarda serata.

19:40Calcio: Giampaolo “Mai battuto Juve, grazie ragazzi”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Abbiamo vinto una gara pesante, io non ero mai riuscito a battere la Juventus, sono contento e ringrazio i ragazzi per avermi dato questa gioia immensa". Esprime così la sua felicità il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, dopo la vittoria sui bianconeri a Marassi: "E' successo dopo 10 anni di battere la Juve, speriamo che non ne passino altri dieci per batterla ancora - sorride il tecnico - I miei hanno fatto un grandissima partita, soprattutto a livello mentale. Io spingo sempre i ragazzi a giocare la partita e non a subirla, l'idea è sempre quella di stare nelle metà campo avversaria e devo dire che fino ad oggi questo gruppo mi sta dando soddisfazione. Speriamo di poter dare continuità a quello che stiamo facendo".

19:23Ema: Tajani, spero non ci siano baratti sotto banco

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Mi auguro che gli stati europei facciamo una scelta di qualità, che non ci si alcun baratto sotto banco e la città che offre le migliori condizioni nell'interesse dell'agenzia venga prescelta. E certamente Milano è una delle città che ha le caratteristiche per essere prescelta": è l'auspicio espresso dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, a margine di un incontro alla scuola politica della Lega Nord a Milano, in vista della scelta per la sede dell'Ema. "Se sarà fatta una scelta tecnica, Milano ha delle buone possibilità", ha aggiunto Tajani.

19:18Zimbabwe: Grace Mugabe espulsa da Women’s League Zanu-Pf

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il comitato centrale dello Zanu-Pf ha espulso la moglie del presidente Robert Mugabe - Grace - dalla Women's League del partito di governo: lo riporta il New York Times. Il Comitato centrale del partito al potere nello Zimbabwe, lo Zanu-Pf, ha espulso numerosi politici di alto livello vicini alla ormai ex first lady. Tra gli espulsi vi sono anche alcuni ministri. Tra gli altri i titolari dei dicasteri dell'Educazione, Jonathan Moyo, delle Finanze, Ignatious Chombo e degli Esteri, Walter Mzembi, il nipote di Mugabe Patrick Zhuwao, il ministro del governo locale Saviour Kasukuwere, e numerosi altri importanti sostenitori di Grace.

19:14La metro di New York dice addio a ‘ladies&gentlemen’

(ANSA) - NEW YORK, 19 NOV - Niente più "ladies and gentlemen", "signore e signori", ma "passeggeri" e "voi tutti", "passengers" e "everyone". La metro di New York diventa neutrale dal punto del genere: la Mta, la società che gestisce i trasporti pubblici della Grande Mela, ha chiesto ai conducenti dei treni di fare gli annunci evitando di precisare il sesso di chi li ascolta. Viste le condizioni della metro newyorchese, sempre più vetusta e con crescenti problemi di manutenzione, è stato chiesto ai conducenti di aumentare il numero dei messaggi al pubblico, per comunicare eventuali ritardi e disguidi in tempo reale, quando possibile. Una iniziativa simile era stata presa dalla metro di Londra la scorsa estate.

Archivio Ultima ora