Sarti: addio al portiere di ghiaccio, icona della Grande Inter

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

Sarti in azione con la Grande Inter di Helenio Herrera

ROMA. – Sarti, Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi… E’ come il ‘do re mi fa sol’, una filastrocca che contrassegnava la Grande Inter, capace di salire sul tetto del mondo. Oggi se n’è andato un altro di quegli eroi in bianco e nero, Giuliano Sarti, che Gianni Brera descrisse come “talento impeccabile del piazzamento”, dotato di “attenta e costante concentrazione, tempismo perfetto, sicurezza eccezionale”, dopo averlo visto per la prima volta fra i pali.

Il ‘Portiere di ghiaccio’ si è sciolto in una mattina di fine primavera, un giorno prima del 53/o anniversario dello spareggio-scudetto perso nel 1964 dall’Inter, nell’Olimpico di Roma, contro il Bologna. Dopo essersi imposto nella Fiorentina, contribuendo alla conquista del primo storico scudetto nella stagione 1955/56, e dopo nove anni di amorevole militanza viola, Sarti fu quasi costretto a trasferirsi all’Inter dall’avvento di uno scalpitante Enrico Albertosi, già nel giro della Nazionale, ma riserva del portiere emiliano.

I colori viola, tuttavia, gli sarebbero rimasti sempre cuciti addosso. “A Firenze – raccontò, in un’intervista – ho vinto il primo scudetto, mentre a Torino, nel 1969, alla penultima giornata, ho rivisto la Fiorentina campione d’Italia. Quel giorno parò Anzolin, io tifavo per la Viola”.

Con la Fiorentina sognò pure un grande trionfo europeo, nella seconda Coppa dei Campioni della storia, persa contro un leggendario Real Madrid. Sarti toccò con mano l’estro Di Stefano e Gento, Santisteban e Kopa, nella finale persa a Madrid. La consacrazione arrivò nelll’Inter, squadra-simbolo del boom economico.

Alla Bussola di Bernardini ci si innamorava con Sapore di sale, lo squadrone di Angelo Moratti saliva sul tetto d’Europa e del mondo. “A Milano arrivò da calciatore maturo e portiere affermato”, ricorda Sandro Mazzola. “Io ero un ragazzino, lui e Picchi trovarono ben presto l’intesa, su quell’asse vennero costruite le fortune dell’Inter – racconta Mazzola -. La nostra difesa, con Burgnich, Facchetti, Guarneri… Era una specie di litania.

Sarti è stato un grande portiere e un grande uomo, che aveva un modo tutto suo di stare in porta. Un giorno gli chiesi perché si muoveva un attimo dopo che l’avversario scagliasse il pallone e lui mi rispose di voler avere fino alla fine la percezione di quello che sarebbe accaduto. In ogni caso, si faceva trovare sempre pronto”.

Nell’Inter vinse tutto, ma la sua permanenza in nerazzurro si chiuse con due macchie: la sconfitta nella finale della Coppa dei Campioni 1967, contro il Celtic (in rimonta 2-1) a Lisbona e, soprattutto, l’errore del primo giugno, a Mantova, dove l’Inter perse lo scudetto per una papera proprio di Sarti, che non riuscì a trattenere un innocuo cross di Di Giacomo, facendosi scivolare il pallone dalle mani.

L’Inter si era presentata nella città di Virgilio in vetta alla classifica e con un punto di vantaggio sulla Juve, che quel giorno vinse invece il 13/o scudetto. “I giornalisti mi chiamano quando c’è da ricordare una delusione, come la beffa dell’Inter il 5 maggio 2002 fa a Roma e fanno i paragoni con la ‘papera’ del 1967. Va bene, sono qui vivo e vegeto e ho una buona memoria”, polemizzava lo stesso Sarti, che chiuse la carriera proprio nella Juve, alla corte di un altro Herrera (Heriberto), facendo il secondo di Anzolin, nell’attesa che sbocciasse il giovane Roberto Tancredi.

Non ebbe fortuna in Nazionale, malgrado fosse stato chiamato per il dopo-Corea. “In azzurro – sostiene Mazzola – avrebbe sicuramente meritato di più, invece trovò sulla propria strada colleghi molto forti”. Albertosi e William Negri, portiere del Bologna, su tutti. Oggi il ‘Portiere di ghiaccio’ è salito in cielo e chissà che non gli diano una porta da difendere.

(di Adolfo Fantaccini/ANSA)

Ultima ora

21:34Terrorismo: ‘agenti siano armati anche fuori servizio’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Una richiamo al personale delle forze di polizia perché "porti con sé l'arma di ordinanza anche fuori dal servizio" è stato espresso nel Casa, il Comitato di analisi stratetica antiterrorismo, convocato il giorno dopo l'attentato di Barcellona. E' quanto emerge dal documento che il Dipartimento amministrazione penitenziaria ha diramato dopo la riunione del Casa alle carceri e alle diramazioni del sistema penitenziario. "Un intervento tempestivo potrebbe contribuire alla limitazione del danno" si legge nel testo.

20:55Calcio: Montella, Niang? Sono dispiaciuto

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Sono veramente dispiaciuto. Ho un ottimo rapporto con il ragazzo, giocare per il Milan deve essere una gioia, non uno stress, mi aspettavo qualcosina in più in questo senso da lui". Vincenzo Montella non nasconde il disappunto per la mossa con cui Mbaye Niang, dopo aver rifiutato il trasferimento allo Spartak Mosca, ha presentato al Milan un certificato medico che che lo esonera dagli allenamenti a causa di stress psicologico. "Vediamo come va a finire la vicenda, intanto - ha sorriso l'allenatore rossonero a Skopje, in Macedonia, alla vigilia del ritorno del playoff di Europa League contro lo Shkendija - gli auguro di guarire presto e sono contento di avere qui giocatori entusiasti e non stressati".

20:50Incendio Morrone: il fuoco si estende al versante pescarese

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 23 AGO - Non accenna a spegnersi il rogo sul monte Morrone, nel massiccio della Majella. Oggi nuovi focolai si sono accesi in più punti, in particolare vicino al Casino Pantano, alla chiesetta di San Pietro e nel borso di Mandra Castrata. Fiamme anche sul versante pescarese, verso Caramanico Terme. Nuove preoccupazioni e tensioni, insieme a polemiche sull'insufficienza e sul ritardo degli interventi. Le fiamme, dopo aver superato Passo San Leonardo, dove il rogo era iniziato sabato scorso, proseguono verso Roccacaramanico, frazione di S.Eufemia a Majella (Pescara). Sul posto 50 uomini tra volontari e protezione civile, 5 squadre dei Vigili del Fuoco con un elicottero, oggi in azione anche un Canadair. Intanto il monitoraggio dell'Arta, agenzia regionale per la tutela ambientale, sulla qualità dell'aria a Sulmona, località Marane, rivela un innalzamento della concentrazione degli inquinanti. Le maggiori concentrazioni di notte; nelle prime ore del mattino diminuiscono col mutare della direzione del vento. Dal momento che la centralina mobile viene di norma utilizzata da Arta per campagne di misurazione della durata di circa 60 giorni, suddivisi in due periodi stagionali differenti, per monitoraggi di durata inferiore non è possibile eseguire un confronto con i valori limite di legge degli inquinanti monitorati. Nella notte tra ieri e oggi, al momento l'unico riferimento analitico a disposizione dell'Agenzia, tutti gli inquinanti hanno raggiunto concentrazioni medie orarie significative, certamente non caratteristiche della zona in esame. Alla luce di questi primi risultati, l'Arta ha ritenuto opportuno proseguire il monitoraggio fino a data da stabilirsi.(ANSA).

20:43Emiliano,Puglia gestisce dignità lavoro al posto del governo

(ANSA) - NARDO' (LECCE), 23 AGO - "La Regione Puglia non ha tra le sue competenze quella di gestire la dignità del lavoro, dovrebbe essere un compito del governo nazionale e dell'Unione Europea. Purtroppo, in assenza di ciò, siamo costretti ad intervenire con i soldi dei pugliesi per garantire la dignità delle persone". Lo ha detto questa sera a Nardò il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenuto alla cerimonia di inaugurazione del piazzale antistante il villaggio d'accoglienza per lavoratori migranti impiegati nella raccolta nei campi. Il piazzale, realizzato dalla amministrazione comunale di Nardò presso Masseria Boncuri, è stato intitolato alla memoria di Stefano Fumarulo, dirigente della Regione Puglia alle politiche per le migrazioni e per l'antimafia sociale deceduto lo scorso 12 aprile. "Sono le stesse case - ha proseguito Emiliano riferendosi al villaggio d'accoglienza - che il governo ha destinato ai terremotati dell'Umbria e delle Marche, strutture all'altezza delle aspettative di ospitalità".

20:37Alluvione Senigallia: Procura,proroga indagini 11 persone

(ANSA) - ANCONA, 23 AGO - Undici indagati per disastro colposo e omicidio colposo, tra cui il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e l'ex primo cittadino Luana Angeloni, in relazione ai danni per circa 180 milioni causati dall'alluvione del 3 maggio 2014, che registrò anche tre decessi, di cui uno direttamente riconducibile all'evento calamitoso. Risulta dalla richiesta di proroga delle indagini che la Procura di Ancona ha inoltrato a fine luglio al gip Antonella Marrone. Considerato che entro il termine del 30 luglio non è stato possibile concludere le attività investigative, scrive la Procura, "sussiste una giusta causa" per prorogare il termine di sei mesi fino alla data del 28 febbraio 2018.

20:13Terremoto: Gentiloni domani a messa ad Amatrice

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Il premier Paolo Gentiloni insieme alla moglie Manuela parteciperà domani alle 11 alla messa ad Amatrice in ricordo delle vittime del terremoto di un anno fa.

20:06Fiamme sul monte Giano, vicino a bosco con scritta Dux

(ANSA) - RIETI, 23 AGO - Un vasto incendio, in corso da ieri, sul monte Giano, che sovrasta il centro abitato di Antrodoco (Rieti), dopo essersi avvicinato alle abitazioni, sta lambendo il bosco di pini tagliati quasi ottant'anni fa in modo da far apparire a distanza la scritta 'Dux'. Da ieri sul monte Giano sono a lavoro diverse squadre dei Vigili del Fuoco, dal pomeriggio di oggi in azione sul versante della scritta stanno operando anche un elicottero Drago dei Vigili del Fuoco e un Canadair. A causa dell'incendio è tuttora chiusa al transito la statale 17 che collega Androdoco a L'Aquila. La scritta 'Dux' si estende su una parete di circa otto ettari e fu realizzata piantando 20.000 pini dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale nel 1939 come omaggio a Benito Mussolini.

Archivio Ultima ora