Aula vuota per il “tedescum”. Napolitano boccia legge e urne

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

Panoramica dell’aula di Montecitorio durante l’intervento del relatore di maggioranza Emanuele Fiano, per l’inizio della discussione sulle linee generali della proposta di legge: Modifiche al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 30 marzo 1957, n. 361, in materia di elezione della Camera dei deputati, e al testo unico di cui al decreto legislativo 20 dicembre 1993, n. 533, in materia di elezione del Senato della Repubblica (C. 2352 e abb.) a Montecitorio, Roma, 6 giugno 2017. ANSA MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – E’ “abnorme” e “paradossale” il voto anticipato, tanto più frutto di un’intesa “extra-costituzionale” legata alla legge elettorale, da parte “di quattro leader di partito che agiscono solo calcolando le proprie convenienze”. Giorgio Napolitano pronuncia un sonoro “no”. Nelle ore in cui la Camera, in un’Aula quasi deserta, avvia la discussione del nuovo sistema di voto “tedesco”, arriva dall’ex capo dello Stato una netta e autorevole stroncatura dell’accordo siglato da Pd, M5s, Fi e Lega.

Matteo Renzi assicura di non avere “fretta di andare a elezioni”. Purché, aggiunge, si continui ad “abbassare le tasse” con una “legge di bilancio che abbia la forza di quella del 2016”. Ma le parole di Napolitano fanno sperare i piccoli partiti che, complici anche le incognite del voto segreto, puntano a far saltare la legge e bloccare il ritorno alle urne.

Poco meno di una ventina di deputati, su 630, prende parte alla discussione generale della legge elettorale nell’emiciclo di Montecitorio. Ma a tradire i nervosismi della vigilia delle prime votazioni, previste mercoledì all’ora di pranzo, c’è un ruvido botta e risposta tra Beppe Grillo e il Pd.

Il leader M5s infatti, parlando con gli operai Ilva a Taranto, dice che la legge elettorale “non la capisce nessuno”. Poi si corregge e spiega che il tema è “complicato” ma il lavoro sul testo è “certosino” e il testo che emerge è “costituzionale”. Ma il Pd teme che dietro i 15 emendamenti presentati da M5s si celi la voglia di mettere in discussione qualche punto dell’accordo.

E Lorenzo Guerini avverte: “Per noi l’accordo è valido se nessuno si sfila”. Se uno dei quattro partiti vota “contro, anche su un punto marginale”, sottolinea Ettore Rosato, l’accordo salta. Ma nell’accordo non c’è, assicura Matteo Richetti, il ritorno alle urne: “Nessun automatismo”. Ma è la mancanza di una legge elettorale uniforme l’unico vero ostacolo al ritorno al voto. Perciò i piccoli partiti denunciano che il giorno dopo l’approvazione del “tedesco” i quattro “grandi” saranno pronti a dichiarare finita la legislatura.

Pier Luigi Bersani, che con Giuliano Pisapia lavora al non facile percorso per il nuovo soggetto della sinistra, la racconta così: “L’accordo è votare subito. Chi non sta governando pensa di lucrare un po’ di voti, chi sta governando non vuole fare la legge di stabilità: fa impressione l’assenza di responsabilità”. La corsa alle urne nasce dai “capricci di uno che vuole tornare a fare il presidente del Consiglio”, attacca Enrico Letta con implicito riferimento a Renzi.

E Napolitano dettaglia con durezza le sue critiche: “In tutti i paesi democratici europei si vota alla scadenza naturale delle legislature”, mentre le urne nei mesi della manovra rischiano di alimentare “instabilità” e minare la credibilità. Di più, afferma l’ex capo dello Stato: è “extra-costituzionale” il patto a quattro siglato da Renzi, Berlusconi, Grillo e Salvini per una legge che “rende più difficile la governabilità” e il ritorno al voto. Perciò l’ex presidente si augura che al Senato la discussione sia vera.

Alle sue parole il Pd sceglie di non replicare, mentre Renato Brunetta da FI le definisce una “sterile polemica”. Angelino Alfano prova intanto a incalzare: il testo è “incostituzionale”, anche perché usa i collegi del Mattarellum, disegnati 25 anni fa, nel 1993. Nessuna incostituzionalità, assicura il Pd: “Se ci fosse stato lo sbarramento al 3% Ap sarebbe stato a favore”, dice Rosato.

Ma proprio sui collegi i quattro grandi partiti stanno ancora lavorando: in Aula il relatore Emanuele Fiano potrebbe presentare un emendamento che modifica quelli del Senato e li riduce dai 112 attuali, ai 100 dell’Italicum. Un altro emendamento, già ribattezzato “salva Mdp”, permetterà ai neonati gruppi della sinistra di presentare liste senza raccogliere le firme, come tutti gli altri gruppi.

Ma sui cardini dell’intesa, avvertono i Dem, non possono esserci modifiche. Perciò, di fronte alle richieste di M5s di introdurre il voto disgiunto e le preferenze e di fronte alle perplessità di alcuni di Fi sulla parità di genere, i Dem avvertono che se cambia qualcosa salta tutto. Occhi puntati, dunque, sui voti a scrutinio segreto, possibili sui temi più delicati: ne va del destino dell’intera legge.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

11:49Calcio: As, Real rifiuta offerta Juve di 75 mln per Kovacic

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il grande momento di forma di Mateo Kovacic non è passato inosservato ai grandi club europei, in particolar modo alla Juventus. Secondo quanto scrive oggi il quotidiano sportivo spagnolo As il Real Madrid ha rifiutato un'offerta di 75 milioni di euro fatta pervenire dal club bianconero per il centrocampista croato ex Inter. Il tecnico merengue Zinedine Zidane non avrebbe alcuna intenzione di privarsi del giocatore e da Madrid hanno quindi fatto sapere che il centrocampista non è in vendita. Dopo aver essere rimasto in panchina nella Supercoppa Europea vinta a Skopje contro il Manchester United, Kovacic è stato schierato titolare entrambi i match giocati contro il Barcellona e validi per la Supercoppa di Spagna: dopo entrambe le partite Kovacic ha avuto i complimenti del suo allenatore e al ritorno il Santiago Bernabeu gli ha tributato standing ovation e cori.

11:29Incendio Cosenza, in cenere le opere del filosofo Telesio

(ANSA) - COSENZA, 19 AGO - La prima stampa del 'De rerum natura iuxta propria principia', l'opera più importante del filosofo Bernardino Telesio, è andata distrutta, insieme a pergamene e manoscritti antichi, nell'incendio sviluppatosi ieri in un edificio del centro storico di Cosenza in cui sono morte tre persone. Sopra l'appartamento incendiato, infatti, era ospitata la biblioteca della famiglia Bilotti Ruggi D'Aragona, che con le proprie donazioni ha consentito l'apertura del Museo all'aperto Bilotti e proprietaria dello stabile e dell'attiguo palazzo Ruggi D'Aragona. I corpi delle vittime, intanto, non sono stati ancora recuperati. I vigili del fuoco attendono che si siano le condizioni di sicurezza per operare. Le vittime non sono state identificate ufficialmente, ma sembrano esserci pochi dubbi sul fatto che si tratti di Antonio Noce, del nipote Roberto e della fidanzata di quest'ultimo Serafina Speranza. I tre occupavano abusivamente l'appartamento e soffrivano di patologie mentali. La Procura ha aperto un'inchiesta.

11:04Barcellona: amici Bruno aprono raccolta fondi per famiglia

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - Come avevano annunciato i colleghi di Bruno Gulotta, ucciso nell'attentato di Barcellona, hanno organizzato una raccolta fondi per aiutare la compagna Martina e i due figli, Alessandro di 5 anni e Aria di 7 mesi. Per questo hanno creato l'indirizzo paypal paypal.me/famigliabrunogulotta spiegando la scelta sul loro sito, Tom's Hardware. "Martina e i suoi due figli, piccolissimi - hanno scritto -, devono affrontare una perdita indescrivibile. Forse non possiamo aiutarli ad affrontare il dolore, ma possiamo e vogliamo aiutarli a rendere un po' meno pesante questo tremendo fardello. E chiediamo a tutti voi di aiutarci ad aiutarli". (ANSA).

10:55Usa: Florida agente ucciso in sparatoria, un altro ferito

(ANSA) - KISSIMMEE, (FLORIDA), 19 AGO - Un poliziotto è stato ucciso e un altro è rimasto gravemente ferito in una sparatoria avvenuta nella cittadina di Kissimmee, in Florida. La polizia ha arrestato tre persone e un quarto è tuttora ricercato. In base alle prime informazioni, i due poliziotti stavano pattugliando una zona frequentata da spacciatori quando sono stati colpiti dai proiettili in un'imboscata. "Non hanno avuto tempo di reagire", ha detto il capo della polizia, Jeff O'Dell. In un altro incidente, avvenuto a Jacksonville, due poliziotti sono rimasti feriti a colpi di pistola dopo essere intervenuti in una sparatoria.

10:54Tennis: Wta Cincinnati, Giorgi eliminata agli ottavi

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - E' finita agli ottavi di finale la corsa di Camila Giorgi al torneo di Cincinnati. La tennista azzurra si è arresa in tre set (6-3 4-6 6-0) alla ceca Karolina Pliskova, numero uno del mondo e campionessa in carica, nel match sospeso giovedì per pioggia. Pliskova si è poi qualificata per le semifinali dopo aver battuto 6-2 6-4 la danese Caroline Wozniacki. La ceca affronterà per un posto in finale la spagnola Garbine Muguruza che ha piegato la russa Svetlana Kuznetsova per 6-2 5-7 7-5. La spagnola ha giocato con la visierina sulla fronte listata a lutto per i tragici fatti di Barcellona. L'altra semifinale sarà tra Simona Halep e Sloane Stephens: la romena ha battuto 6-4 7-6 (7-1) la britannica Johanna Konta mentre la statunitense ha prima eliminato negli ottavi per 2-6 6-3 6-4 la russa Ekaterina Makarova e poi nei quarti per 6-1 7-6 (7-3) la tedesca Julia Goerges. Quest'ultima aveva a sua volta battuto negli ottavi per 7-5 6-4 l'ucraina Elina Svitolina, vincitrice la settimana scorsa a Toronto.

10:51Pallavolo: amichevole Olanda-Italia 0-3

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - L'Italia batte 3-0 (25-21, 25-16, 25-23) l'Olanda in un'amichevole di preparazione ai campionati europei di pallavolo maschile e giocato a Doetichem. Gli uomini del ct Gianlorenzo Blengini non sono stati particolarmente brillanti e il loro gioco è apparso fluido solo a tratti. In generale c'è stato qualche black out, ma nel complesso sono stati sicuramente superiori agli avversari che non hanno saputo approfittare di qualche passaggio a vuoto degli azzurri. Nel complesso incoraggiante la prova di Mazzone autore di 14 punti (con 5 muri), top scorer dell'incontro seguito da Vettori con 13. Al termine del match giocato un ulteriore set concluso sul 25-20 per l'Olanda. Oggi si replica alle ore 16 ad Apeldoorn.

10:47Tennis: Atp Cincinnati, Kyrgios elimina Nadal

(ANSA) - ROMA. 19 AGO - E' stato l'australiano Nick Kyrgios il protagonista della giornata al torneo Atp di Cincinnati, settimo Masters 1000 della stagione. Arrivato a due punti dalla sconfitta nel match di ottavi di finale contro il croato Ivo Karlovic, ha poi battuto nei quarti lo spagnolo Rafael Nadal che lunedì tornerà ufficialmente n.1 del tennis mondiale, scalzando lo scozzese Andy Murray. Kyrgios ha prima superato Karlovic per 4-6 7-6(8-6) 6-3 e ha poi piegato per 6-2 7-5 Nadal che in precedenza, nel match di ottavi rinviato giovedì per pioggia, aveva avuto la meglio per 7-6 (7-1) 6-2 del connazionale Albert Ramos Vinolas. Ad attendere l'australiano in semifinale un altro spagnolo, David Ferrer, che ha eliminato con un doppio 6-3 l'austriaco Dominic Thiem. L'altra semifinale vedrà di fronte il bulgaro Grigor Dimitrov (6-2 6-1 al giapponese Yuichi Sugita) e lo statunitense John Isner (7-6 7-5 al connazionale Jared Donaldson).

Archivio Ultima ora