Mattarella: “Legge elettorale vitale. Se voto ora, meglio a settembre”

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

Roma 06/06/2017
Il Presidente Sergio Mattarella in occasione della presentazione della Relazione annuale per il 2016 sull’attività dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali (Foto Ufficio Stampa Quirinale)

ROMA. – L’interesse generale è di avere una legge elettorale, di sanare un vulnus costituzionale nel quale l’Italia naviga pericolosamente da due anni. Certamente il Quirinale considera prematura ogni indicazione sulla data di eventuali elezioni anticipate e segue con estremo interesse il dibattito in corso in Parlamento, ma nessuno può ignorare come ci sia una certa razionalità – ad oggi del tutto teorica – nel fatto che, se le forze politiche indicheranno chiaramente la fine di questa legislatura, un voto a settembre diminuirebbe il rischio dell’esercizio provvisorio.

Sempre che i risultati delle elezioni riescano a garantire la formazione di un nuovo Governo in tempi rapidi. Ma la fase è delicatissima, la tessitura è in corso e Sergio Mattarella si guarda bene da uscite pubbliche che potrebbero destabilizzare un equilibrio tuttora poggiato su piani inclinati. Nel riserbo assoluto del Quirinale in questa fase c’è però una certezza: l’interesse del presidente della Repubblica è portare a casa una legge elettorale.

Non è compito del capo dello Stato decidere il tipo di sistema ma, come detto con chiarezza nelle scorse settimane, si tratta della priorità delle priorità, di un intervento propedeutico al tutto e quindi anche ad eventuali elezioni anticipate. Per le quali Mattarella non si è speso e non si spenderà. Ma delle quali ormai da tempo il Colle ha metabolizzato l’ineluttabilità. Almeno stando alle dichiarazioni di questi giorni, con le principali quattro forze politiche del Paese che dichiarano a gran voce di voler votare un minuto dopo il varo della nuova legge elettorale.

Ecco perchè il Quirinale non può evitare una saggia opera di prudenza politica ragionando di scenari che forse non piacciono ma sono sempre più possibili. Allora si deve per forza pensare alla legge di stabilità che incrocia pericolosamente la corsa al voto. Ai mercati, all’immagine del Paese all’estero. Alle impazienze di Bruxelles.

E tra palazzo Chigi e Quirinale si concorda che se deve essere, sia. Un voto a settembre, pur con tutte le perplessità tecnico-organizzative di una campagna elettorale balneare, darebbe quel soffio di tempo in più ad un nuovo esecutivo per mettere in piedi una Finanziaria e farla votare prima di Natale scongiurando così il temutissimo – ma assolutamente legittimo – esercizio provvisorio.

Un percorso delicatissimo per il quale, questo è certo, il presidente Mattarella sceglierà il mezzo meno traumatico. Come, ad esempio, il traghettamento morbido della legislatura alle elezioni: difficile che il capo dello Stato possa rimandare Gentiloni alle Camere. Se il premier, dopo il via libera alla legge elettorale, dovesse salire al Quirinale spiegando che il suo lavoro è compiuto e il Pd confermasse di non essere disposto ad appoggiare esecutivi diversi, Mattarella potrà chiamare al Quirinale i presidenti di Camera e Senato, accertare che non esistono maggioranze parlamentari e aprire la strada al voto.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

00:45Georgia: hotel in fiamme a Batumi, almeno 12 morti

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - E' di almeno 12 morti il bilancio di un incendio divampato in un hotel a Batumi, cittadina della Georgia che si affaccia sul Mar Nero. Lo scrivono i media russi citando il ministero dell'Interno georgiano. "In base alle nostre informazioni, 12 persone hanno perso la vita nell'incendio e sono state tutte identificate", ha precisato la stessa fonte, aggiungendo che oltre 100 persone sono state evacuate dalla struttura in fiamme. Un'inchiesta è stata aperta per chiarire le cause del rogo. (ANSA)

23:01Undicenne incinta dopo violenza, arrestato vicino casa

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Incinta, dopo una violenza sessuale, a soli 11 anni. Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla polizia, a Torino, perché accusato di aver abusato della figlia di una vicina di casa di cui si prendeva cura quando i genitori non c'erano. La piccola, lo scorso 17 novembre, è stata accompagnata all'ospedale dalla mamma perché "aveva la pancia gonfia". I medici le hanno spiegato che, in realtà, aspettava un bimbo. Al momento l'uomo, difeso dall'avvocato Wilmer Perga, si è avvalso della facoltà di non rispondere. (ANSA).

22:59Droga: cocaina in thermos figlio 14 mesi, padre arrestato

(ANSA) - SINALUNGA (SIENA), 24 NOV - Nascondeva la cocaina nel thermos del figlio di 14 mesi per svolgere indisturbato la sua attività di spaccio. Per questo un 32enne di origini albanesi ma da tempo in Italia, residente a Sinalunga (Siena) è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, giudicato per direttissima, si trova ora ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile da tempo monitoravano le attività dell'uomo e ieri sera, lo hanno fermato a bordo della sua auto per un controllo. A bordo c'erano due pacchetti sottovuoto con 50 grammi di cocaina ciascuno. A casa, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato altri due pacchetti sottovuoto di oltre 50 grammi ciascuno di cocaina e un altro involucro termosaldato, contenente più di 12 grammi della stessa droga, nascosto dentro al thermos del piccolo, in cucina.

22:58Sieropositivo fa credere di essere sano per rapporti,fermato

(ANSA) - FIRENZE, 24 NOV - Avrebbe preteso rapporti non protetti pur sapendo di esser sieropositivo, convincendo i partner di essere sano e di avere un'allergia al lattice. In questo modo l'uomo, un 24enne originario della Romania, residente a Firenze, avrebbe infettato il suo compagno, e dopo la fine della loro relazione avrebbe continuato ad avere rapporti non protetti con altri partner, risultati poi negativi al test dell'Hiv. Per il 24enne è scattato l'arresto, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze Paola Belsito su richiesta della pm Christine Von Borries: lesioni gravissime e tentate lesioni gravissime le accuse contestate.

22:48Calcio:striscioni pro Mladic,Zenit sotto inchiesta da Uefa

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 24 NOV - L'Uefa ha avviato un procedimento a carico dello Zenit di San Pietroburgo, dopo che i suoi tifosi, ieri nel corso del match di Europa League contro i macedoni del Vardar, hanno srotolato uno striscione di dieci metri inneggiante al criminale di guerra Ratko Mladic. Si tratta del generale serbo che, per le atrocità commesse durante il conflitto nella ex Jugoslavia, mercoledì scorso è stato condannato all'ergastolo per genocidio e crimini contro l'umanità dal Tribunale internazionale delle Nazioni Unite. In Russia Mladic ha sempre goduto di simpatie tra gruppi di fanatici nazionalisti e razzisti e ora anche gli ultrà dello Zenit gli hanno voluto testimoniare la loro 'vicinanza'. Per questo ora il club allenato da Roberto Mancini rischia un provvedimento disciplinare da parte dell'Uefa.

22:38Calcio: già in 50.000 per Napoli-Juventus

(ANSA) - NAPOLI, 24 NOV - Sono già 50.000 gli spettatori che hanno il biglietto in tasca per Napoli-Juventus di venerdì primo dicembre. Il Napoli ha, infatti, comunicato che, finora, sono circa 50.000 i biglietti venduti, compresa la quota abbonati, che a Napoli da anni è particolarmente bassa e conta solo 6.000 fedelissimi. Per il big match contro i bianconeri ci sarà quindi il tutto esaurito e, verosimilmente, si va verso un record d'incasso.

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

Archivio Ultima ora