Alitalia: 32 interessati, ma aleggia lo spettro dello “spezzatino”

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

ANSA / Daniel Dal Zennaro

ROMA. – Sono 32 gli interessati ad Alitalia, un numero che supera le attese, anche se per ora si tratta solo ‘manifestazioni’ non vincolanti. Tra chi si fa avanti spunta Ryanair ma non per l’acquisto dell’intera compagnia, così come Lufhansa che ‘osserva’ solo alcuni asset. E, almeno fino a quando non si saprà di più su candidati e progetti, si fa largo lo spettro ‘spezzatino’, ovvero lo smembramento della compagnia. E non è certo questa la strada preferita da Governo e commissari, che puntano alla ristrutturazione o alla vendita in blocco.

Intanto una mano arriva dall’Europa: la Commissione Ue infatti, è pronta a rendere più facili per investitori extra-Ue le norme su proprietà e controllo dei vettori aerei. La partita per dare un futuro ad Alitalia entra così nel vivo. I commissari hanno iniziato ad aprire le buste, con il vincolo della riservatezza sui nomi. Ma “sono 32”, fa sapere Stefano Paleari.

Ora si tratta di valutare e classificare le singole manifestazioni, scartando quelle che non hanno i requisiti. Un’operazione che richiederà una decina di giorni. Seguiranno diversi step per arrivare a chiudere a ottobre, tenendo conto che la procedura di amministrazione straordinaria permette, in caso, di aprire delle finestre per far entrare nuovi soggetti.

Al momento sembrerebbe potenzialmente attratta anche la statunitense Delta. Così come la stessa Etihad ha espresso volontà di ‘rafforzare’ l’attuale legame. Stare al tavolo potrebbe convenire in un frangente in cui le carte stanno per cambiare.

Bruxelles – come detto – presenterà giovedì un pacchetto di misure sul trasporto aereo, con novità su proprietà e controllo. Il tetto del 49% per le compagnia extra-Ue (è il caso del gruppo emiratino) resta ma l’interpretazione della regola ammorbidirebbe di fatto la soglia. Per ora parla chiaro Ryanair, che si offre per alimentare i voli a lungo raggio, il cosiddetto feedaraggio (il servizio di connessione tra i diversi aeroporti periferici e l’hub centrale).

“Siamo pronti a mettere 20 aeromobili se Alitalia dovesse tagliare le rotte”, spiega il portavoce della compagnia irlandese. Ma, precisa, “Ryanair non è interessata all’acquisto dell’intera compagnia”. Lo stesso vale per Lufthansa, che con l’amministratore delegato, Carsten Spohr, mette le mani avanti: “Non abbiamo intenzione di acquistare Alitalia”. I tedeschi però potrebbero considerare slot e flotta, visto che, ammette il ceo, “l’Italia è un mercato molto importante” con “opportunità” che potrebbero tornare utili a Eurowings, la low cost satellite di Lutfhansa.

Sezionare la compagnia non è però la soluzione ideale. “Alitalia tutta intera è un asset interessante”, dice il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, esprimendo fiducia. Vede positivo anche il presidente dell’Enac, Vito Riggio: il numero degli interessati va “oltre le aspettative”. E anche i dati sul traffico aereo deputano a favore, nonostante il terrorismo continua la crescita, con compagnie tradizionali e low cost che si dividono a metà quasi precise la torta.

In tutto ciò si continua a lavorare, con il lancio di un nuovo volo Alitalia che da ottobre collegherà Roma e Nuova Delhi ogni giorno. In agenda è in programma per domani l’incontro sulla Cigs, con i sindacati intenti a scongiurare una cassa a zero ore per il personale di terra.

Ultima ora

00:45Georgia: hotel in fiamme a Batumi, almeno 12 morti

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - E' di almeno 12 morti il bilancio di un incendio divampato in un hotel a Batumi, cittadina della Georgia che si affaccia sul Mar Nero. Lo scrivono i media russi citando il ministero dell'Interno georgiano. "In base alle nostre informazioni, 12 persone hanno perso la vita nell'incendio e sono state tutte identificate", ha precisato la stessa fonte, aggiungendo che oltre 100 persone sono state evacuate dalla struttura in fiamme. Un'inchiesta è stata aperta per chiarire le cause del rogo. (ANSA)

23:01Undicenne incinta dopo violenza, arrestato vicino casa

(ANSA) - TORINO, 24 NOV - Incinta, dopo una violenza sessuale, a soli 11 anni. Un uomo di 35 anni è stato arrestato dalla polizia, a Torino, perché accusato di aver abusato della figlia di una vicina di casa di cui si prendeva cura quando i genitori non c'erano. La piccola, lo scorso 17 novembre, è stata accompagnata all'ospedale dalla mamma perché "aveva la pancia gonfia". I medici le hanno spiegato che, in realtà, aspettava un bimbo. Al momento l'uomo, difeso dall'avvocato Wilmer Perga, si è avvalso della facoltà di non rispondere. (ANSA).

22:59Droga: cocaina in thermos figlio 14 mesi, padre arrestato

(ANSA) - SINALUNGA (SIENA), 24 NOV - Nascondeva la cocaina nel thermos del figlio di 14 mesi per svolgere indisturbato la sua attività di spaccio. Per questo un 32enne di origini albanesi ma da tempo in Italia, residente a Sinalunga (Siena) è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L'uomo, giudicato per direttissima, si trova ora ai domiciliari. Gli investigatori della Sezione Antidroga della Squadra Mobile da tempo monitoravano le attività dell'uomo e ieri sera, lo hanno fermato a bordo della sua auto per un controllo. A bordo c'erano due pacchetti sottovuoto con 50 grammi di cocaina ciascuno. A casa, nel corso della perquisizione, i poliziotti hanno trovato altri due pacchetti sottovuoto di oltre 50 grammi ciascuno di cocaina e un altro involucro termosaldato, contenente più di 12 grammi della stessa droga, nascosto dentro al thermos del piccolo, in cucina.

22:58Sieropositivo fa credere di essere sano per rapporti,fermato

(ANSA) - FIRENZE, 24 NOV - Avrebbe preteso rapporti non protetti pur sapendo di esser sieropositivo, convincendo i partner di essere sano e di avere un'allergia al lattice. In questo modo l'uomo, un 24enne originario della Romania, residente a Firenze, avrebbe infettato il suo compagno, e dopo la fine della loro relazione avrebbe continuato ad avere rapporti non protetti con altri partner, risultati poi negativi al test dell'Hiv. Per il 24enne è scattato l'arresto, in esecuzione di una misura di custodia cautelare in carcere disposta dal gip di Firenze Paola Belsito su richiesta della pm Christine Von Borries: lesioni gravissime e tentate lesioni gravissime le accuse contestate.

22:48Calcio:striscioni pro Mladic,Zenit sotto inchiesta da Uefa

(ANSA) - NYON (SVIZZERA), 24 NOV - L'Uefa ha avviato un procedimento a carico dello Zenit di San Pietroburgo, dopo che i suoi tifosi, ieri nel corso del match di Europa League contro i macedoni del Vardar, hanno srotolato uno striscione di dieci metri inneggiante al criminale di guerra Ratko Mladic. Si tratta del generale serbo che, per le atrocità commesse durante il conflitto nella ex Jugoslavia, mercoledì scorso è stato condannato all'ergastolo per genocidio e crimini contro l'umanità dal Tribunale internazionale delle Nazioni Unite. In Russia Mladic ha sempre goduto di simpatie tra gruppi di fanatici nazionalisti e razzisti e ora anche gli ultrà dello Zenit gli hanno voluto testimoniare la loro 'vicinanza'. Per questo ora il club allenato da Roberto Mancini rischia un provvedimento disciplinare da parte dell'Uefa.

22:38Calcio: già in 50.000 per Napoli-Juventus

(ANSA) - NAPOLI, 24 NOV - Sono già 50.000 gli spettatori che hanno il biglietto in tasca per Napoli-Juventus di venerdì primo dicembre. Il Napoli ha, infatti, comunicato che, finora, sono circa 50.000 i biglietti venduti, compresa la quota abbonati, che a Napoli da anni è particolarmente bassa e conta solo 6.000 fedelissimi. Per il big match contro i bianconeri ci sarà quindi il tutto esaurito e, verosimilmente, si va verso un record d'incasso.

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

Archivio Ultima ora