Arrestato il capo di Amnesty in Turchia, difese Del Grande

Pubblicato il 07 giugno 2017 da ansa

ISTANBUL. – Nella rete delle purghe di Erdogan finisce anche il presidente di Amnesty International in Turchia. Taner Kilic, avvocato da anni in prima fila nelle battaglie per i diritti umani, che neppure due mesi fa assunse la difesa del giornalista italiano Gabriele del Grande, detenuto per 2 settimane nel Paese, è stato fermato nella sua abitazione di Smirne, sulla costa egea.

Come per altri 22 legali, l’accusa è quella di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen, la stessa che dal fallito colpo di stato del 15 luglio scorso ha portato all’arresto di 50 mila persone e all’epurazione di 150 mila dipendenti pubblici.

L’abitazione di Kilic, che guida la sezione turca di Amnesty dal 2014 dopo diversi anni trascorsi nel direttivo, è stata perquisita come il suo studio legale. “Il fatto che le purghe della Turchia post-golpe abbiano raggiunto persino il presidente di Amnesty International in Turchia è l’ennesima prova del punto a cui sono giunte e di quanto siano diventate arbitrarie.

Taner Kilic ha una lunga storia di difesa di quelle libertà che le autorità turche stanno cercando adesso di calpestare”, ha reagito il segretario generale dell’ong, Salil Shetty, chiedendo “l’immediato rilascio” di Kilic e degli altri avvocati fermati. “Al momento il fermo non appare legato al lavoro di Amnesty International, né sembra prendere di mira specificamente l’organizzazione”, precisa l’ong.

Le contestazioni nei suoi confronti non sono al momento chiare, ma in molti sottolineano come le purghe governative, sfruttando lo stato d’emergenza in vigore da quasi un anno, abbiano da tempo preso di mira anche attivisti di opposizione estranei alla rete di Gulen, dai curdi ai movimenti laici. Un messaggio per chiedere la liberazione di Kilic è stato inviato sui social network dallo stesso Del Grande.

Dopo il blitz contro gli avvocati a Smirne, decine di altri arresti sono seguiti in tutta la Turchia. La procura di Ankara ha emesso inoltre mandati di cattura contro 4 dipendenti e altri 4 ex dipendenti della principale azienda nazionale del settore della difesa, Aselsan. Per loro, l’accusa si basa sul presunto utilizzo di ByLock, una app di messaggistica per smartphone che i golpisti avrebbero impiegato per scambiarsi informazioni criptate.

(di Cristoforo Spinella/ANSA)

Ultima ora

19:49In gita in montagna con i nipoti, scivola e muore a 75 anni

(ANSA) - UDINE, 16 AGO - Un uomo - Giacomo Perosa, di 75 anni, capogruppo degli alpini di Latisanotta di Latisana (Udine) - è morto nel pomeriggio in un incidente in montagna, sul Pal Piccolo, al confine tra Italia e Austria, in località Timau di Paluzza (Udine). Perosa é caduto lungo la discesa del Pal Piccolo, a una quota di circa 1500 metri, mentre percorreva il sentiero 401 che dalla cima del Pal Piccolo conduce al Passo Monte Croce Carnico. Secondo la ricostruzione del Soccorso Alpino, in corrispondenza dei tornanti del sentiero sotto le pareti della palestra di roccia, è scivolato perdendo aderenza e precipitando per una quindicina di metri. E' deceduto all'istante. Con lui c'erano il genero e due nipoti, che hanno chiamato subito i soccorsi. In mezz'ora dalla chiamata otto tecnici del CNSAS e due della Guardia di Finanza di Tolmezzo sono stati trasportati dal campo base dei Laghetti di Timau sul posto. I tecnici hanno calato la barella e il medico ha constatato il decesso.

19:47Calcio: Boateng come Cassano “Mi manca la famiglia”

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - "Ho preso questa decisione per la mia famiglia. La mia e' una scelta come padre e marito non come giocatore". Antonio Cassano, ma Kevin Prince Boateng che ha organizzato una conferenza stampa alle Canarie per spiegare i motivi che lo hanno indotto a rescindere il contratto triennale firmato appena tre mesi fa con il Las Palmas. "Non riesco a stare bene lontano dalla mia famiglia - ha detto l'ex Milan, sposato con Melissa Satta - Ho parlato col presidente e lui ha capito. Per me è un giorno molto difficile e triste. Mi manca la mia famiglia e non avere il bambino vicino è difficile". "So che alcuni tifosi mi odieranno per questa decisione, ma un giorno forse tornerò a giocare qui ho a lungo per questa squadra. Il Las Palmas mi ha dato molto, non solo calcio. Mi ha dato la sensazione di famiglia", ha concluso Boateng.

19:33Regeni: genitori “indignati” per ritorno ambasciatore

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - I genitori di Giulio Regeni si dicono "fortemente contrari e indignati" per la decisione di inviare nuovamente l'ambasciatore al Cairo, soprattutto - ha detto il padre Claudio Regeni - "per come ci è stato comunicato, a decisione già presa, alle sei di sera del 14 agosto. Riteniamo che sia stata una modalità inaccettabile - ha dichiarato - e siamo contrari all'invio dell'ambasciatore perché rappresentava l'unica nostra arma per fare pressione sul governo egiziano che finora non ha dato segni di collaborazione se non l'invio di questo faldone che non si sa ancora cosa contenga".

19:18Muore investito auto padre: indagine, tragico incidente

(ANSA) - MODENA, 16 AGO - Tutti gli accertamenti portano a confermare il tragico incidente, nella vicenda del bambino di un anno e mezzo morto questa mattina al Policlinico di Modena, dopo essere stato investito l'altro ieri dall'auto del padre in manovra. L'incidente è avvenuto in un'area a ridosso della casa dove abita la famiglia del bambino, a Puianello di Castelvetro (Modena). Saranno disposti altri accertamenti per chiarire con certezza la dinamica del sinistro che ha portato alla morte del bimbo: la Renault del padre è stata posta sotto sequestro, per verificare la presenza di segni legati all'incidente stesso. Per l'identico motivo era stata ventilata anche l'ipotesi di sottoporre il mezzo alle verifiche dei carabinieri del Ris di Parma. Ma, stando agli ultimi aggiornamenti, quest'ultima possibilità non risulterebbe più certa, avendo ormai i carabinieri stabilito la 'cronaca' dei fatti senza particolari dubbi. Intanto la salma del bimbo resta a disposizione dell'autorità giudiziaria che potrebbe disporre l'autopsia.(ANSA).

19:16Calcio: suggestione United, Ibra torna come aiuto Mourinho

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Il ritorno allo United, ma nella maniera più sorprendente. Fermo da aprile per un brutto infortunio al ginocchio, Zlatan Ibrahimovic potrebbe riprendere a Manchester ma come tecnico: l'idea suggestiva arriva direttamente dall'Inghilterra dove già si ipotizzava un ritorno dello svedese ai Red Davils. Secondo la stampa di oltremanica l'attaccante 35enne starebbe trattando con il club e discutendo anche di un ruolo diverso, fuori dal campo, come aiuto di Josè Mourinho. L'allenatore portoghese vorrebbe Ibra al suo fianco, per mettere a disposizione la sua esperienza per fare da ponte ideale tra il tecnico e i giocatori.

19:11Incendi: 37 richieste intervento aereo,oltre 1.500 da giugno

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Prosegue l'impegno degli equipaggi di Canadair ed elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, a supporto delle operazioni svolte dalle squadre di terra nello spegnimento dei tanti incendi boschivi. Nel corso della mattinata il Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento ha ricevuto 37 richieste di concorso aereo: 10 dal Lazio, 6 dalla Campania, 5 rispettivamente da Abruzzo e Calabria, 4 dalla Basilicata, 3 ciascuna da Sicilia e Molise, una dalla Sardegna. L'intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei - 13 Canadair, 5 elicotteri del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e 2 elicotteri della Difesa - ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere, finora, 9 roghi. Nei due mesi trascorsi dall'inizio della campagna estiva anti-incendi boschivi (15 giugno - 15 agosto) sono state 1.514 le richieste di concorso aereo della flotta di Stato giunte dalle Regioni al Dipartimento della Protezione civile, record negativo degli ultimi dieci anni: il secondo dato più significativo è quello del 2007, quando nello stesso periodo di tempo arrivarono 1.494 domande di intervento. Nel 2012, altra stagione complicata, le richieste erano state 1.128, mentre lo scorso anno - in cui si confermava un trend in diminuzione registrato a partire dal 2013 - a due mesi dall'apertura della campagna le Regioni avevano inviato 589 richieste di supporto. (ANSA).

19:10Bimbo morto in auto: mamma, rimasto dentro una mezz’ora

(ANSA) - VERONA, 16 AGO - Una mezz'ora dentro l'auto bollente per il sole, con i finestrini chiusi, è stata fatale per il bimbo di 4 anni morto all'ospedale di Verona dopo il tragico incidente avvenuto ieri a S.Giovanni Lupatoto. La mamma, una italiana quarantenne, con altri due bambini, ha trovato la forza di raccontare quegli attimi terribili. "Pensavo fosse assieme a suo fratello gemello - spiega la donna - ma questi mi ha risposto che il bambino si trovava giù in cortile a giocare. Sono scesa e ho visto la finestra aperta, l'ho cercato nel giardino, ma niente. Poi sono passata vicino alla macchina e li' l'ho visto, sdraiato dentro nel bagagliaio, aveva già iniziato ad avere delle convulsioni...". Poi i tentativi di soccorso, "gli ho versato una secchiata di acqua fredda, poverino, ma ormai...", e il ricovero in ospedale, con l'elicottero, dove il piccolo è spirato oggi. "Sarà rimasto dentro l'auto una mezz'ora - ha riferito la donna -, ma faceva caldo e i finestrini erano chiusi, non aveva modo di respirare o di uscire".

Archivio Ultima ora