Ocse: la crescita dell’Italia moderata, maglia nera tra i grandi

Pubblicato il 07 giugno 2017 da ansa

PARIGI. – Italia maglia nera per la crescita. Secondo l’Economic Outlook dell’Ocse presentato a Parigi, il Pil italiano si dovrebbe attestare all’1% nel 2017, ma scenderà allo 0,8% nel 2018. Si tratta del livello più basso tra i Paesi aderenti all’organizzazione. Per l’organismo, nel nostro Paese, la crescita è soltanto “moderata”, mentre le stime del Pil mondiale per il prossimo anno si attestano al 3,6% contro il 3% del 2016. Una valutazione che trova riscontro anche dagli ultimi dati Istat sul commercio al dettaglio che vedono ad aprile un calo dello 0,1% su marzo.

Nell’area Ocse il Pil 2018 sarà del 2,1% contro l’1,8% del 2016, resta invece invariato nell’eurozona all’1,8%. Le “cose migliorano”, ma “dopo 10 anni non abbiamo ancora trovato la velocità di crociera che conoscevamo prima della crisi”: ha detto il segretario generale, José Angel Gurria, presentando le prospettive economiche a Parigi. “Ci vorranno ancora tanti anni per ritrovare la situazione pre-crisi”, ha avvertito.

L’economic outlook invita l’Italia a proseguire le “riforme strutturali” e le “politiche fiscali moderate”: una ricetta considerata “cruciale” per rilanciare “la crescita in modo inclusivo e costante”, riducendo il rapporto debito-Pil. A questo si aggiunge la necessità di utilizzare “lo stanziamento prioritario della spesa pubblica alle infrastrutture, ricerca e lotta alla povertà” per accrescere la produzione potenziale.

Nelle prospettive economiche si suggerisce poi all’Italia di allargare la “base di tassazione” continuando a lottare contro l’evasione fiscale, ma anche “con tasse immobiliari residenziali, calcolate sul valore aggiunto dei beni”. In questo modo si avranno “maggiori entrate” e una tassazione più “equa”. Nell’outlook si legge che nel nostro Paese “i frutti della globalizzazione non sono stati ripartiti in modo equo a causa di lacune nel sistema educativo e l’inefficacia dei programmi di aiuto alla ricerca di occupazione, formazione e lotta alla povertà”.

Per invertire la tendenza sarà necessario attuare nuove politiche nel mercato del lavoro, insieme alle misure previste dal programma nazionale di lotta alla povertà, volto a “facilitare l’adattamento della popolazione alla globalizzazione”.

Di mondo globale ha parlato anche il ministro dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, intervenendo durante la discussione sul tema. Da quanto si apprende, nel corso del suo intervento, l’ex capo economista dell’Ocse ha ricordato i risultati controversi che il processo ha avuto nelle società occidentali. Per lui, gli effetti negativi hanno provocato la nascita di movimenti populisti di stampo nazionalista. Per contrastare le disuguaglianze, Padoan ha indicato le linee-guida dell’Ocse, come quella riguardante l’area della tassazione.

Al termine della giornata il ministro ha partecipato insieme ai rappresentanti di 76 paesi alla cerimonia di firma della ‘Beps’, una convenzione multilaterale volta a combattere l’evasione fiscale. Intanto, l’Istat annuncia un freno nei consumi italiani.

Nonostante l’aumento del 4,1% registrato ad aprile sugli acquisti di genere alimentare, gli ultimi dati indicano un calo delle vendite al dettaglio pari allo 0,1% rispetto a marzo, con un aumento del +1,2% negli ultimi dodici mesi. Ad aumentare sono gli acquisti nella grande distribuzione, con il +4,3% sull’anno.

Nelle stime riguardanti i negozi, solamente i supermercati crescono (+5 su anno), seguiti da ipermercati e discount, mentre gli esercizi che contano meno di cinque dipendenti vedono una riduzione dei loro incassi del 2,9%. Tra le spese non alimentari calano quelle riguardanti cartoleria, quotidiani e periodici (-3,4%), seguiti dai prodotti farmaceutici, che registrano una riduzione del 2,7%.

(di Danilo Ceccarelli/ANSA)

Ultima ora

22:17Violenza donne: ‘Non sei da sola’ su grattacielo Pirelli

(ANSA) - MILANO, 24 NOV - In vista della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, che ricorre domani, la facciata principale di Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, si è illuminata questa sera con la scritta "Non sei da sola": un'iniziativa simbolica, viene spiegato in una nota, "per dire basta alle violenze sulle donne e ricordare che in Lombardia ci sono leggi per la tutela delle vittime". Lo stesso messaggio si "accenderà" sul Pirellone anche domani e domenica sera. Nel primo semestre 2017 sono state 3 mila e 737 le donne che hanno chiesto aiuto ai centri antiviolenza, mentre 189 donne e 154 minori sono ospiti delle case rifugio. "La retorica non serve. Servono azioni mirate e concrete di educazione, rispetto e insieme di prevenzione e contrasto ad un fenomeno che ha dati preoccupanti", sottolinea il presidente dell'Assemblea lombarda Raffaele Cattaneo.

22:15Pagnozzi confermato segretario Comitati olimpici europei

(ANSA) - ROMA, 24 NOV - La 46/a assemblea dei Comitati Olimpici Europei, in svolgimento a Zagabria, ha eletto per acclamazione lo sloveno Janez Kocijancic alla guida dei Coe per il quadriennio 2017-2021. Kocijancic era - da un anno - facente funzione dopo l'uscita di scena dell'irlandese Hickey. L'Assemblea ha anche confermato, sempre per acclamazione, Raffaele Pagnozzi segretario per la terza volta e Kikis Lazarides come tesoriere. Per il ruolo di vicepresidente è stato eletto il danese Niels Nygaard con 27 voti, preferito all'olandese Andrè Bolhuis. Nel consiglio sono stati eletti Spyros Capralos (41 voti), Djordje Visacki (41), Jean Michel Brun (40), Andrezej Krasnicki (37), Zlatko Matesa (37), Daina Gudzineviciute (36), Liney Rut Halldorsdottir (33), Alejandro Blanco (31), Jozef Liba (31), Hasan Arat (28) e Bill Sweeney (29). All'Assemblea di Zagabria il Coni è presente con il presidente Giovanni Malagò e con il segretario generale, Roberto Fabbricini.All'apertura dei lavori ha partecipato anche il Presidente del Cio Thomas Bach.

21:39Egitto: Trump, attacco orribile e vile

(ANSA) - WASHINGTON, 24 NOV - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un tweet ha definito l'attentato contro una Moschea del Sinai in Egitto, con oltre 200 morti, un attacco "orribile e vile". "Orribile e vile attacco terroristico contro fedeli innocenti e indifesi in Egitto. Il mondo non può tollerare il terrorismo, dobbiamo sconfiggerli militarmente e screditare l'ideologia estremista che forma la base della loro esistenza!", ha twittato Trump in reazione all'attacco in Egitto.

21:34Egitto: Sisi in tv, risponderemo con ‘forza brutale’

(ANSA) - IL CAIRO, 24 NOV - In un breve discorso televisivo rivolto alla nazione dopo l'attacco alla moschea nel Sinai settentrionale, il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi - con implicito riferimento all'Isis - ha annunciato che "le forze armate risponderanno con forza brutale a questo gruppuscolo". "Questo attentato non fa altro che renderci che più solidi, più forti e più uniti nella nostra lotta contro il terrorismo", ha detto ancora il capo di Stato egiziano.

21:32Brexit: May, ancora problemi ma atmosfera positiva

(ANSA) - BRUXELLES, 24 NOV - "Ci sono ancora problemi da risolvere in tutti i vari temi su cui stiamo negoziando, ma c'è stata un'atmosfera molto positiva nei colloqui e la sensazione che vogliamo avanzare assieme". Lo ha detto la premier britannica Theresa May al termine del vertice europeo e del suo colloquio sulla Brexit con il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk. Sull'Irlanda, ha assicurato, "non vogliamo creare alcuna nuova barriera" mentre sul 'conto' da pagare all'Ue ha ribadito che "onoreremo i nostri impegni".

21:30Panico a Oxford Circus per falso allarme, metro riaperta

(ANSA) - LONDRA, 24 NOV - Falso allarme confermato e stazioni della metropolitana riaperte nella zona di Oxford Circus a Londra. Lo riporta la Bbc, citando la dichiarazione formale di cessato pericolo della polizia, che inizialmente era intervenuta "come se" si potesse trattare di "un incidente correlato al terrorismo". Incidente di cui non è invece emersa traccia. A conferma del falso allarme, l'antiterrorismo britannica ha fatto sapere di non essere coinvolta né in allerta.

21:28Egitto: almeno 235 morti e 109 feriti in moschea

(ANSA) - IL CAIRO, 24 NOV - "235 morti e 109 feriti fino ad ora": è il bilancio provvisorio dell'attacco alla moschea in Sinai secondo un comunicato della Procura generale egiziana ricevuto dall'ANSA al Cairo. Nel quadro delle indagini condotte dalla Procura generale sull'attentato contro la moschea di Al Rawdah nella regione di Bir al-Abd, nel governatorato del Sinai, che ha fatto 235 morti e 109 feriti fino ad ora, il procuratore generale, consigliere Nabil Sadek, ha ordinato che un grande pool" di inquirenti "vada negli ospedali per interpellare i feriti e ascoltare le testimonianze al fine di apprendere come ha avuto luogo questo attentato", è scritto nel comunicato della procura.

Archivio Ultima ora