Comey accusa: “Trump ha mentito. Mosca interferì sul voto”

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

L’ex direttore dell’FBI James Comey giura davanti al Comitato del Senato americano. EPA/JIM LO SCALZO

NEW YORK. – Il giorno più lungo per Donald Trump. In diretta tv, davanti al Congresso e all’opinione pubblica mondiale, l’ex direttore dell’Fbi James Comey accusa il presidente americano di averlo licenziato per non aver ceduto alle sue pressioni, per non aver mollato le indagini sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, coinvolto nel Russiagate.

Ma l’accusa che più fa male al tycoon è un’altra. E’ quella quella di essere stato “un bugiardo”: “L’amministrazione ha semplicemente mentito, ha deciso di diffamare me e l’Fbi” per giustificare la mia cacciata, si sfoga Comey. Che rilancia anche l’allarme sulle interferenze di Mosca: “Non c’è alcun dubbio che la Russia abbia interferito nelle elezioni americane. E lo farà ancora”.

Appare molto stanco l’ex numero uno del Bureau investigativo, ma preciso e determinato nel rispondere al fuoco di fila di domande che per circa tre ore gli pongono i senatori della commissione intelligence che indagano sui presunti legami tra Mosca e Trump. Quest’ultimo segue gli sviluppi attaccato allo schermo del televisore, nella Dining Room della Casa Bianca. E’ circondato da qualcuno dei suoi più fidati collaboratori, ma soprattutto dai suoi legali che hanno un sola missione: blindarlo.

E’ furente infatti Trump, ma niente tweet, vietati. A parlare sarà un suo avvocato a fine audizione, rigettando le accuse e spiegando che “Trump non ha mai chiesto lealtà a Comey” e che nei suoi comportamenti “non c’è stato nulla di inappropriato”, non avendo “mai suggerito all’Fbi di mettere fine alle indagini su qualcuno”.

Le sole parole del presidente in questa drammatica giornata sono quelle pronunciate nel corso di un evento in un hotel di Washington, dove Trump interviene mentre ancora va avanti la testimonianza di Comey: “Siamo sotto assedio, ma questo non ci farà mollare, emergeremo più forti che mai. Combatteremo e vinceremo. La verità prevarrà”.

Ma le parole dell’ex capo dell’Fbi pesano come macigni, e alimentano i mal di pancia dei repubblicani e lo spettro dell’impeachment. Anche se al momento quasi tutti gli osservatori ritengono l’ipotesi remota. Il clima però è sempre più cupo attorno allo Studio Ovale. Nella stanza a fianco, la Green Room, è avvenuta l’imbarazzante cena ‘tete a tete’ con Comey il 27 gennaio scorso, quella in cui il presidente pretese lealtà dal capo dell’Fbi. Che, finito il colloquio, prese appunti.

Non lo aveva mai fatto in precedenza con Barack Obama e George Bush, ma di Trump – racconta Comey – non si fidava: “Temevo che avrebbe potuto mentire”. “E se davvero ci dovessero essere le registrazioni di quelle chiacchierate – aggiunge – Dio voglia che Trump le pubblichi”. Ora quei memo, assicura, sono nelle mani del procuratore speciale nominato per coordinare le indagini sul Russiagate, Robert Mueller.

L’ex capo dell’Fbi confessa poi come fu proprio lui a mostrare alcuni di quegli appunti a persone fuori del Dipartimento di giustizia, a un amico che poi le passò a un giornalista: “L’ho fatto proprio per innescare la nomina di un procuratore speciale” e garantire il prosieguo di un’indagine indipendente.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

13:05Mafia: 5 fermati, c’è figlio “autista” Riina

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - La Dda di Palermo ha disposto il fermo di cinque persone accusate di mafia ed estorsione. Si è ricorsi al fermo perché i cinque si preparavano a fuggire. In carcere tra gli altri è finito Giuseppe Biondino, figlio di Salvatore Biondino, autista e uomo di fiducia di Totò Riina. Per gli inquirenti è il nuovo "reggente" del mandamento di San Lorenzo ed è accusato di diverse estorsioni. I provvedimenti sono stati eseguiti dai carabinieri. Biondino, nei mesi scorsi, aveva lasciato più volte Palermo per andare in Spagna con l'intenzione di organizzare la sua imminente latitanza. Arrestato anche Francesco Lo Iacono, altra parentela di "rango" in Cosa nostra: è il nipote del boss Francesco Lo Iacono, storico capomafia di Partitico. E' accusato dell'incendio di una concessionaria di auto. Si stava preparando a partire per Düsseldorf per darsi alla latitanza. In carcere anche Salvatore Ariolo e Ahmed Glaoui, accusati di mafia ed estorsione e Bartolomeo Mancuso, accusato di estorsione.

13:04Sci: Kristoffersen in testa slalom Kitzbuehel, Gross è 6/o

(ANSA) - KITZBUEHEL, 21 GEN - Il norvegese Henrik Kristoffersen in 55.87 e' al comando dopo la prima manche dello slalom speciale di cdm di Kitzbuehel. Lo seguono gli austriaci Michael Matt in 55.97 e Marcel Hirscher in 56.92 Per l'Italia il migliore e' il trentino Stefano Gross con il sesto tempo in 57.57. Piu' indietro, dopo la prova dei primi trenta atleti , vi sono al momento Manfred Moelgg 17/o in 58.22 e Patrick Thaler 25/o in 56.98. Seconda manche alle 13.30.

13:03Siria: curdi negano ingresso turchi a Afrin

(ANSA) - ANKARA, 21 GEN - Le forze curde e l'Osservatorio siriano per i diritti umani negano che militari turchi siano entrati nell'enclave di Afrin, in Siria. I tentativi di Ankara di infiltrarsi sono stati respinti, ha dichiarato Mustafa Bali il portavoce delle forze democratiche siriane, la coalizione a prevalenza curda alleata degli Stati Uniti.

13:00Mafia: collabora con magistrati boss Macaluso

(ANSA) - PALERMO, 21 GEN - Il mafioso palermitano Sergio Macaluso, 44 anni, ha deciso di collaborare con la giustizia. Era stato arrestato nel dicembre scorso dai carabinieri nell'inchiesta denominata Talea che portò in cella 25 mafiosi tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss Madonia. La donna aveva preso in mano le redini della cosca durante la detenzione al 41 bis del marito. Macaluso, che da qualche settimana riempie pagine di verbali, è ritenuto dagli inquirenti uno dei nuovi elementi di vertice del mandamento mafioso di Resuttana-San Lorenzo. Il particolare emerge dall'indagine della Dda che ha portato al fermo di cinque mafiosi, tra cui Giuseppe Biondino, il figlio dell'ex autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

12:49Incidente stradale:auto investe coppia, lui morto lei ferita

(ANSA) - LOCRI (REGGIO CALABRIA), 21 GEN - Un uomo è morto e la sua compagna è rimasta gravemente ferita dopo essere stati investiti da un'auto. L'incidente è avvenuto nella tarda serata di ieri a Locri, lungo la statale 106. La vittima è l'imprenditore di Siderno Pasquale Sgotto, di 43 anni, titolare di una nota azienda di vendita di mobili e cucine e di un servizio di onoranze funebri. La compagna, B.P. (44) è stata soccorsa e portata nell'ospedale di Locri dove è ricoverata in prognosi riservata. Secondo la prima ricostruzione fatta dai carabinieri della compagnia di Locri, i due, all'uscita di un cinema situato nella zona, sono stati investiti mentre attraversavano la strada. A travolgere la coppia una Mercedes classe B condotta da una persona che risiede nella Locride e che dopo l'impatto si è subita fermata chiamando i soccorsi. L'investitore è indagato per omicidio stradale. Sgotto è morto sul colpo. (ANSA).

12:48Attacco Kabul: tv, almeno 18 i morti

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - I morti nell'attacco di un commando di talebani ieri all'Hotel Intercontinental di Kabul sarebbero "almeno 18". Lo riferisce la Tv Tolo. L'emittente, che prima aveva rilanciato un bilancio ufficiale di sei morti, cita ora fonti non precisate.

12:28Scontro in galleria nel bresciano, 7 feriti

(ANSA) - BRESCIA, 21 GEN - Sette persone sono rimaste ferite, di cui tre in modo grave, in un incidente che si è verificato all'alba all'interno della galleria Trentapassi a Pisogne, in provincia di Brescia. Tre le auto coinvolte in una carambola probabilmente nata a causa dell'alta velocità e per una manovra azzardata. La galleria è stata riaperta al traffico dopo alcune ore nelle quali sono stati effettuati i rilievi di polizia. Tre feriti sono, condizioni critiche, sono stati trasportati in ospedale con l'elisoccorso.

Archivio Ultima ora