Comey accusa: “Trump ha mentito. Mosca interferì sul voto”

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

L’ex direttore dell’FBI James Comey giura davanti al Comitato del Senato americano. EPA/JIM LO SCALZO

NEW YORK. – Il giorno più lungo per Donald Trump. In diretta tv, davanti al Congresso e all’opinione pubblica mondiale, l’ex direttore dell’Fbi James Comey accusa il presidente americano di averlo licenziato per non aver ceduto alle sue pressioni, per non aver mollato le indagini sull’ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, coinvolto nel Russiagate.

Ma l’accusa che più fa male al tycoon è un’altra. E’ quella quella di essere stato “un bugiardo”: “L’amministrazione ha semplicemente mentito, ha deciso di diffamare me e l’Fbi” per giustificare la mia cacciata, si sfoga Comey. Che rilancia anche l’allarme sulle interferenze di Mosca: “Non c’è alcun dubbio che la Russia abbia interferito nelle elezioni americane. E lo farà ancora”.

Appare molto stanco l’ex numero uno del Bureau investigativo, ma preciso e determinato nel rispondere al fuoco di fila di domande che per circa tre ore gli pongono i senatori della commissione intelligence che indagano sui presunti legami tra Mosca e Trump. Quest’ultimo segue gli sviluppi attaccato allo schermo del televisore, nella Dining Room della Casa Bianca. E’ circondato da qualcuno dei suoi più fidati collaboratori, ma soprattutto dai suoi legali che hanno un sola missione: blindarlo.

E’ furente infatti Trump, ma niente tweet, vietati. A parlare sarà un suo avvocato a fine audizione, rigettando le accuse e spiegando che “Trump non ha mai chiesto lealtà a Comey” e che nei suoi comportamenti “non c’è stato nulla di inappropriato”, non avendo “mai suggerito all’Fbi di mettere fine alle indagini su qualcuno”.

Le sole parole del presidente in questa drammatica giornata sono quelle pronunciate nel corso di un evento in un hotel di Washington, dove Trump interviene mentre ancora va avanti la testimonianza di Comey: “Siamo sotto assedio, ma questo non ci farà mollare, emergeremo più forti che mai. Combatteremo e vinceremo. La verità prevarrà”.

Ma le parole dell’ex capo dell’Fbi pesano come macigni, e alimentano i mal di pancia dei repubblicani e lo spettro dell’impeachment. Anche se al momento quasi tutti gli osservatori ritengono l’ipotesi remota. Il clima però è sempre più cupo attorno allo Studio Ovale. Nella stanza a fianco, la Green Room, è avvenuta l’imbarazzante cena ‘tete a tete’ con Comey il 27 gennaio scorso, quella in cui il presidente pretese lealtà dal capo dell’Fbi. Che, finito il colloquio, prese appunti.

Non lo aveva mai fatto in precedenza con Barack Obama e George Bush, ma di Trump – racconta Comey – non si fidava: “Temevo che avrebbe potuto mentire”. “E se davvero ci dovessero essere le registrazioni di quelle chiacchierate – aggiunge – Dio voglia che Trump le pubblichi”. Ora quei memo, assicura, sono nelle mani del procuratore speciale nominato per coordinare le indagini sul Russiagate, Robert Mueller.

L’ex capo dell’Fbi confessa poi come fu proprio lui a mostrare alcuni di quegli appunti a persone fuori del Dipartimento di giustizia, a un amico che poi le passò a un giornalista: “L’ho fatto proprio per innescare la nomina di un procuratore speciale” e garantire il prosieguo di un’indagine indipendente.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

08:50Tre auto a fuoco a Trieste, s’ipotizza dolo

(ANSA) - TRIESTE, 19 AGO - Un'auto è stata distrutta e altre due sono state danneggiate da un incendio la scorsa notte a Trieste, nella zona di Borgo San Sergio. Le auto erano parcheggiate in via Cubi. L'incendio è partito intorno alle due da una delle vetture e si è poi esteso alle altre. E' stato spento dai Vigili del fuoco, intervenuti con due squadre, una da Muggia (Trieste) e una da Trieste. Un uomo, intervenuto per spostare un'altra auto prima che fosse raggiunta dal fuoco, ha avuto un lieve malore. Fra le cause dell'incendio - si apprende dai Vigili del fuoco - vi è anche quella del dolo, dal momento che l'auto che ha preso fuoco era dotata di motore diesel ed era parcheggiata in strada già da alcune ore.

04:31Barcellona, anche una italo-argentina tra le vittime

(ANSA) - BUENOS AIRES, 19 AGO - Carmen Lopardo, 80 anni, da più di 60 residente in Argentina ma originaria della provincia di Potenza, è tra le vittime dell'attentato di Barcellona. In una nota, il ministero degli Esteri argentino ha trasmesso le condoglianze "alla famiglia della signora Carmen". "Nel momento del tragico attentato, la vittima si trovava a Barcellona da turista", ha precisato il ministero, che sottolinea "la ferma condanna dell'Argentina al terrorismo in tutte le sue manifestazioni".

00:40Spagna: Zaza-gol regala la vittoria al Valencia

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Un gol di Simone Zaza ha permesso al Valencia di aprire con una vittoria la Liga 2017/18. Il centravanti italiano, al 22', su assist di Soler, ha battuto l'ex spezino Leandro Chichizola, regalando al Valencia il successo per 1-0 sul Las Palmas (che ha giocato dal 33' pt in 10 per l'espulsione di Halilovic), nella sfida disputata sul terreno del Mestalla, dove Cancelo - futuro interista - ha salutato i propri sostenitori. La squadra dei 'pipistrelli' si porta a tre punti, come il Leganes che, nel pomeriggio, ha battuto con lo stesso punteggio (1-0) in casa l'Alaves. A Leganes, così come a Valencia, grande commozione durante il minuto di raccoglimento per commemorare le vittime del terrorismo.

00:26Calcio: Ancelotti “vittoria importante, Bayern crescerà”

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Possiamo migliorare la fase difensiva, siamo destinati a crescere e io sono fiducioso. La squadra può solo crescere, ma era importante partire bene, con una vittoria". Così Carlo Ancelotti ha commentato la vittoria del Bayern Monaco per 3-1 sul Bayer Leverkusen, con i gol dei nuovi Suele e Tolisso, ma soprattutto con il rigore di Lewandowski, concesso con l'ausilio del Var, che ha chiuso definitivamente la partita dell'Allianz arena. Il centravanti polacco è stato trattenuto in area, ma l'arbitro non aveva visto il fallo del giocatore ospite.

23:28Francia: il Monaco non si ferma più, 1-0 al Metz

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Un gol di Radamel Falcao ha regalato vittoria e primato momentaneo al Monaco, al termine dell'anticipo della 3/a giornata della Ligue 1. I monegaschi, privi di Mbappè, proprio grazie al punto del centravanti colombiano a 12' dalla fine (su assist di Ghezzal), sono riusciti a vincere per 1-0 sul campo del Metz, salendo così a quota 9 punti in classifica, con tre partite e altrettante vittorie. Il Metz, invece, è sempre fermo all'ultimo posto, a 0 punti, come il Nizza di Balotelli che, però, ha una partita in meno. Il PSG sarà in campo domenica sera, alle 21, in casa contro il Tolosa. Domani Lione, Marsiglia e Saint-Etienne possono raggiungere la squadra di Principato.

23:14Calcio: Germania, Bayern che inizio e tris al Laverkusen

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Bayern Monaco è partito con il piede sull'acceleratore, nella Bundesliga 2017/18. La squadra allenata da Carlo Ancelotti ha battuto per 3-1 il Bayer Leverkusen, chiudendo i conti in soli 52'. In vantaggio con il neoacquisto Suele (ex Hoffenheim), dopo soli 9' e grazie a un preciso colpo di testa su punizione di Rudy, i bavaresi hanno raddoppiato con un altro neoacquisto, Tolisso (ex Lione), al 19', su assist di Vidal. Ci ha pensato il solito Robert Lewandowski a calare il tris al 7' della ripresa, mentre a Mehmedi è rimasta solo la soddisfazione del gol della bandiera al 20' st. Pioggia e tanta umidità nell'Allianz arena per questo esordio del Bayern che ha aperto alla grande la nuova stagione. Prima del match un minuto di raccoglimento è stato osservato per commemorare le vittime del terrorismo a Barcellona.

22:44Calcio: Spagna, il Leganes parte bene e piega 1-0 l’Alaves

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Leganes ha battuto l'Alaves 1-0, nella partita che ha inaugurato la Liga 2017/18. La squadra allenata da Asier Garitano, nello stadio Municipal de Butarque, si è assicurata i primi tre punti della stagione grazie al gol di Appelt, realizzato dopo 24' di gioco. I padroni di casa poco prima, al 17', avevano comunque rischiato di andare sotto su calcio di rigore, ma Garcia ha sbagliato la trasformazione. I giocatori delle due squadre sono entrati in campo con in mano uno striscione sul quale era scritto #ContigoBarcelona #StopTerrorismo, per commemorare le vittime dell'attacco terroristico di Barcellona. Grande atmosfera nello stadio Municipal de Butarque, dove è andato in scena il primo minuto di raccoglimento con il pubblico in rigoroso silenzio.

Archivio Ultima ora