Riina in barella partecipa all’udienza su Trattativa

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

PALERMO. – Scaramanzia o tentativo di lanciare segnali al proprio ”popolo” sta di fatto che Salvatore Riina, boss mafioso in carcere dal 15 gennaio ’93 condannato almeno a 19 ergastoli, da quando la Cassazione si è pronunciata su ricorso del suo difensore dicendo che anche lui ha diritto a una morte dignitosa, partecipa da paziente grave qual è a tutte le udienze dei processi in cui è imputato, anche se in videoconferenza e su una barella. In quest’occasione era sullo schermo davanti ai giudici di Palermo dall’ospedale di Parma per seguire l’udienza del processo sulla trattativa Stato-mafia, proprio come ieri nel processo a Firenze sulla strage del treno 904. Riina è da 24 anni detenuto lo stesso periodo su per giù in cui è stato latitante capitanando una stagione di delitti che hanno insanguinato Palermo e la Sicilia.

Le reazioni alla pronuncia della Suprema corte che chiede al giudice di verificare e motivare “se lo stato di detenzione carceraria comporti una sofferenza ed un’afflizione di tale intensità” da andare oltre la “legittima esecuzione di una pena”, sono state decine da Beppe Grillo che avrebbe ”cose da dire” ma non si esprime ”attraverso i media” al capo dei cappellani d’Italia Don Raffaele Grilmaldi che chiede la vicinanza coi familiari più intimi, e oggi fa sentire la propria voce il presidente del Senato Pietro Grasso, che fu giudice a latere del maxiprocesso a Cosa nostra in cui Riina venne condannato all’ergastolo, in contumacia, e secondo cui il boss seppur in barella ”è ancora il capo di Cosa nostra”.

”La legge – spiega Grasso – può dare la possibilità di interrompere il regime del 41 bis collaborando. Riina potrebbe ottenere la cessazione delle misure facendoci sapere chi erano queste persone importanti che lo hanno contattato prima di fare delle stragi”.

La posizione di Grasso sembra essere contro qualsiasi concessione al mafioso che non collabora: ”Secondo le nostre leggi e secondo la Costituzione la carcerazione deve essere dignitosa. E io ritengo che siano adottate tutte le misure idonee per poter rendere dignitosa la carcerazione di Riina, naturalmente questo deve essere dimostrato ai giudici che dovranno decidere, in modo tale che si possa garantire ancora il 41 bis. La Cassazione non ha richiesto la scarcerazione di Riina, ma solo un’ulteriore motivazione della vicenda, ricorda l’ex magistrato.

“Riina stesso – aggiunge – disse che era stato ipotizzato di uccidere Falcone a Roma. Poi lui chiamò il comando dicendo che lo avrebbero ucciso in Sicilia. Cosa gli ha fatto cambiare idea? Questo ancora non lo ha detto”. “Lui – insiste Grasso – ci ha detto che era un capro espiatorio. Bene allora ci dica chi sarebbero gli altri responsabili”.

Anche per il vice presidente dell’Anm, Antonio Sangermano “deve rimanere in carcere. Deve essere curato in carcere nella dignità ma nel rispetto dei rigori del 41 bis”. Per Sangermano “Riina ha una sola strada davanti a sè: pentirsi e raccontare se vi sono mandanti occulti nelle stragi di mafia, contatti con soggetti deviati che abbiano garantito la sua latitanza”.

(di Ruggero Farkas/ANSA)

Ultima ora

00:37Calcio: Real Madrid senza problemi, cala il tris a La Coruna

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Il Real Madrid cala il tris in Galizia, sul campo del Deportivo La Coruna, chiudendo come meglio non poteva la prima esibizione stagionale nella Liga. I campioni d'Europa hanno sbloccato il punteggio al 20' con il gallese Bale, hanno raddoppiato al 27' con Casemiro e chiuso i conti al 17' della ripresa con l'ottimo tedesco Tony Kroos, autore del 3-0 finale, su assist dello stesso Bale. Non si è fatta sentire l'assenza di Cristiano Ronaldo, nella squadra di Zinedine Zidane, che in attacco si è affidato al tridente formato da Isco, Benzema e Bale. (ANSA).

00:07Calcio: Inter, Spalletti “Io fuoriclasse? Non faccio gol…”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Sono molto soddisfatto dell'esordio a San Siro, a cominciare dalla presenza del pubblico che ci ha trasmesso il suo affetto. La squadra ha giocato un buon calcio, contro una squadra che comunque ha una sua organizzazione, che in alcuni frangenti ci ha messo in difficoltà". Luciano Spalletti traccia un bilancio tutto in positivo della prima ufficiale a San Siro da allenatore dell'Inter. "Icardi e Perisic? Hanno grande qualità nell'attaccare gli spazi, ma aggiungiamoci anche Miranda e Skriniar, che nei momenti di sofferenza hanno fatto il loro lavoro - ha detto a Mediaset Premium il tecnico nerazzurro -. C'è chi dice che il fuoriclasse sia io? Io mica faccio gol, sono i giocatori con le loro qualità a determinare i risultati. Io posso solo dare delle indicazioni". Sabato c'è il ritorno a Roma: "Incontro molti amici, ci vado con grande disponibilità a prescindere da come mi accolgieranno".

00:05Calcio: PSG forza sei, Neymar scatenato ne fa due

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Due gol e due assist. Si apre più che positivamente la parentesi nella Ligue 1 per Neymar che ha contribuito in modo determinante al 6-2 rifilato dal PSG al Tolosa. Il brasiliano ha aperto le marcature al 31' e 4' più tardi ha servito a Rabiot il pallone del 2-0, dopo che gli ospiti erano passati in vantaggio al 18' con Gradel. Al 30' st Cavani ha calato il tris su rigore e, dopo il gol ospite di Jullien al 33', Pastore ha fatto poker al 37'. In chiusura gol di Kurzawa al 39' - su assist di Neymar - e alto punto del brasiliano al 47'. (ANSA).

00:05Calcio: Pioli non soddisfatto da Var, su Simeone era rigore

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il risultato ci penalizza oltremisura, anche se abbiamo incontrato una squadra che in questo momento sta meglio di noi. La partita mi lascia comunque sensazioni positive, anche se dovevamo comunque rimanere in partita e cercare di non prendere il terzo gol. Dispiace, ma credo che la Fiorentina abbia fatto buone cose: dobbiamo crescere, ma abbiamo il materiale per fare un buon lavoro". Lo ha detto Stefano Pioli, commentando la sconfitta della Fiorentina sul campo dell'Inter. "Abbiamo disputato un precampionato faticoso, dal punto di vista degli inserimenti, ma abbiamo un buon organico: è chiaro che non possiamo ancora essere squadra - conclude - ma non abbiamo mollato e abbiamo avuto buoni atteggiamenti. Il rigore su Simeone? Pensavo solo che, siccome l'episodio era dubbio, forse era il caso che Tagliavento andasse a controllare di persona, ma se hanno deciso così lo accetto. Anche se secondo me il fallo di Miranda, a vedere le immagini, c'era".

23:53Calcio: Milan, Montella “non mi aspettavo Kessié così forte”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il rigore del vantaggio? Non mi sembra il caso di commentare anche la Var: ci si deve abituare, porterà serenità in campo e fuori. Stasera mi è piaciuto molto l'approccio della squadra alla partita, al di là dell'espulsione che ci ha agevolato. Se vogliamo diventare vincenti, però, dobbiamo crescere nella gestione, perché sul 3-0 abbiamo preso qualche giallo di troppo: è l'unico neo di questa partita". Così Vincenzo Montella ha commentato la vittoria del Milan sul campo del Crotone. "Kalinic in arrivo? Per una grande squadra è normale avere tre attaccanti - aggiunge Montella -. Chi mi ha stupito finora più degli altri? Forse Kessié: me lo aspettavo forte, ma non così. E ha ancora margini di miglioramento. Un altro che sta crescendo è André Silva: diventerà un attaccante di grandissimo livello. Il nostro obiettivo è di migliorarci, è per questo che sono stati acquistati giocatori di livello. Dopo Kalinic mercato chiuso? Purtroppo chiude il 31 agosto, in futuro mi auguro possa finire prima".

23:28Calcio: Lazio-Spal, prima donna medico in A come Carneiro

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Si chiama Raffaella Giagnorio, ha 52 anni ed è ferrarese, come la squadra che accompagna da anni in panchina. E' la prima medico donna a esordire in Serie A, in occasione del match che si sta disputando fra la Lazio e Spal. Come Eva Carneiro, l'avvenente medico britannica nota per essere stata la responsabile dell'area medica del Chelsea dal 2009 al 2015, prima della nota disputa legale a causa del licenziamento voluto dall'allora tecnico dei londinesi Mourinho. Al contrario, la dottoressa Giagnorio, ortopedico, medico dello sport e nutrizionista, può vantare un ottimo rapporto con lo staff dell'allenatore Semplici. E' responsabile medico della Spal dal 2013 e ha vissuto in panchina tutta l'ascesa dei ferraresi dalla Lega Pro fino alla massima serie. Davvero si può dire che se dopo 49 la Spal è tornata in A, una parte di merito va anche a lei.

23:26Calcio: Serie A, classifica

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La classifica del campionato di calcio di Serie A dopo la prima giornata: Juventus, Napoli, Milan, Inter, Chievo, Roma e Sampdoria punti 3; Bologna, Torino, Genoa, Sassuolo, Lazio e Spal 1; Benevento, Crotone, Fiorentina, Udinese, Atalanta, Verona e Cagliari 0.

Archivio Ultima ora